16 Maggio 2021
Categorie
percorso: Home > Categorie > Attualità

BRUNO GIORDANO, VITTORIESE, 54 ANNI, MAGISTRATO PRESSO LA CORTE DI CASSAZIONE, INTERVIENE SULLE VITTIME DELL´AMIANTO: I MORTO OGNI 3 ORE, ANCHE IN SICILIA.

Il magistrato Giordano Bruno
28 aprile ´16 Giornata mondiale per la salute e la sicurezza del lavoro e giornata mondiale per le vittime dell´amianto.
1 morto ogni 3 ore, anche in Sicilia.
E ci sono anche i bambini malformati.

Oggi è un giorno importante per la tutela del lavoro: si celebra la giornata mondiale per la salute e la sicurezza del lavoro - quest´anno dedicata allo stress lavoro-correlato e ai rischi psicosociali - contemporaneamente alla giornata mondiale per le vittime dell´amianto. Forse è un caso, forse no. O più semplicemente il caso è la somma della nostra ignoranza (Laplace), perché in effetti questa coincidenza ha qualcosa in comune: lo stress lavoro-correlato è oggi quello che l´amianto è stato ieri, qualcosa che distrugge lentamente.
L´art. 28 del testo unico sicurezza del lavoro impone a tutti i datori di lavoro di valutare lo stress lavoro-correlato cioè il rapporto (vissuto come senso di inadeguatezza rispetto all´atteso) tra l´organizzazione dell´attività e la salute, intesa quale stato di completo benessere fisico, mentale e sociale non consistente solo in un´assenza di malattia o d´infermità, in linea con la definizione dell´OMS.
I rischi psico sociali pertanto riguardano l´assetto organizzativo, la progettazione e la gestione del lavoro in relazione al contesto sociale di riferimento e spesso sono costituiti da violenza, molestie, mobbing. E soprattutto lo stress lavoro-correlato che può anche quintuplicare gli incidenti sul lavoro, è associabile alla metà delle assenze (oltre il 40% più lunghe di quelle dovute ad altri fattori), riduce le prestazioni lavorative, qualitativamente e quantitativamente, incentiva i conflitti relazionali.
Lo stress lavoro-correlato non è dato dallo stato di salute mentale del lavoratore ma dalle ricadute che vi sono sul suo benessere a causa dei fattori organizzativi. Per questo la nostra legislazione pretende che il datore di lavoro si occupi - anche mediante il medico competente - di valutare l´entità di tale associazione causale tenendo conto delle differenze di genere, culturali, mansionali, sociali, anagrafiche etc.
Ogni giorno la cattiva organizzazione permea nel benessere del lavoratore iniettando un virus di disequilibrio, innescando un lento subdolo processo di disagio. Non è molto diverso da quello che l´amianto ha provocato per decenni insinuandosi negli interstizi pleurici uccidendo a distanza di anni.
Oggi l´amianto è il conto (carissimo) che paghiamo alla politica industriale retta dal profitto, all´edilizia senza scrupoli, e alla voluta ignoranza scientifica sugli effetti dell´amianto che per decenni hanno retto l´economia di molti paesi, non soltanto il nostro. In Italia l´uso dell´amianto è vietato (non totalmente) dal 1992 ma in16 Paesi della regione europea dell´OMS lo utilizzano ancora, soprattutto nei materiali da costruzione, e in alcuni casi continuano a produrlo e a esportarlo (Albania, Andorra, Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Bosnia Herzegovina, Georgia, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Monaco, Moldavia, Federazione Russa, Tajikistan, Turkmenistan, Ucraina e Uzbekistan). A questi si aggiungano importanti paesi produttori quali Canada, Brasile, India. Anche negli Stati in cui l´amianto è vietato l´esposizione della popolazione persiste a causa dell´uso passato e della sua permanenza nell´ambiente.
Con la Dichiarazione di Parma del 12 marzo 2010 tutti i Paesi europei si impegnavano entro il 2015 ad agire sui rischi identificati di esposizione ad agenti cancerogeni, mutageni e tossici per la riproduzione, compreso l´amianto. Alcuni di quegli impegni sono stati attuati dal nostro Paese, altri rimangono lettera morta.
Una riflessione seria sul tema dell´amianto deve tener conto, da un lato, dei problemi per chi vi è stato esposto professionalmente nei decenni scorsi, almeno fino al 1992 (anche in via indiretta, ad es. familiari o abitanti in zone contigue a stabilimenti in cui veniva usato) con una curva crescente di mortalità prevista fino almeno al 2020, e dall´altro dei problemi sociali, sanitari, ambientali per noi e le generazioni future per tutto il tempo (ahimè lungo) necessario alla bonifica totale del nostro territorio. Secondo un rapporto dell´OMS circa la metà di tutti i decessi per cancro sviluppato sul posto di lavoro è causata dall´amianto. A rischio sono soprattutto gli abitanti dei 16 Paesi che non l´hanno ancora messo al bando, come invece ha già fatto l´Italia da 24 anni con la L. 257/92.
Sono circa 15mila le persone che ogni anno perdono la vita in Europa a causa di patologie amianto correlate ma occorre tener conto che molti Stati non hanno un sistema di raccolta dei dati.
In Italia si registra una media annua di 2400 morti da amianto (la metà per mesotelioma maligno) e 3000 casi di tumori asbestocorrelati. Più di 6 morti al giorno, 1 morto ogni 3 ore e mezza, un nuovo malato ogni 2 ore! Il 70% presenta una diagnosi certa, probabile o possibile di esposizione professionale; l´1,6 % è attribuibile ad una causa extralavorativa; le altre cause sono ambientali, familiari o ignote. Questi dati si leggono nel V° rapporto del Registro nazionale dei mesoteliomi (un istituto che il mondo ci invidia, all´avanguardia rispetto a tutti i paesi europei, con un solo esempio simile in Corea del Sud) raccolti dai centri operativi regionali. Purtroppo sono numeri approssimati per difetto poiché non v´è omogeneità nella raccolta dei dati, non sempre vengono intervistati i soggetti ammalati e/o i familiari al fine ricostruire l´anamnesi lavorativa, non sono uniformi le procedure di classificazione, non sempre c´è la disponibilità delle schede di dimissione ospedaliera o referti, non sempre si incrociano con i dati provenienti dal registro tumori (peraltro non presente in tutte le ASL). Ma soprattutto vi sono regioni che non procedono alla capillare raccolta dei dati creando un quadro nazionale evidentemente incompleto. I numeri veri quindi sono ancora più drammatici.
Le regioni, cui costituzionalmente è affidata la gestione sanitaria, dal 1992 avrebbero dovuto redigere i piani regionali sull´amianto (mappatura, decontaminazione, smaltimento, bonifica) ma a distanza di 24 anni alcune regioni devono ancora provvedervi, altre li hanno prodotti negli ultimi anni, solo alcune virtuose li hanno approntati negli anni ´90: anche per l´amianto c´è un nord e un sud.
Senza questo censimento si procederà sempre per emergenza e per questioni specifiche (si pensi all´Ilva di Taranto, alla terra dei fuochi, all´Eternit di Casale Monferrato, all´Isochimica di Avellino).
In Sicilia vi sono grandi emergenze: Gela, Milazzo, Priolo, San Filippo del Mela, per citare i maggiori siti industriali dove l´amianto agisce tuttora in una sinergia micidiale con altre sostanze cancerogene adoperate e poi inalate da lavoratori e popolazione, con effetti tragici sulla procreazione sana, sull´ecosistema, sulla salute della collettività. Per non parlare del caso Biancavilla già oggetto di uno studio specifico dell´istituto superiore di sanità.
A fronte di ciò la Regione Sicilia è intervenuta solo nel 2014 con una legge regionale che dovrebbe avviare una fase risolutiva del censimento e nel 2015 con una circolare che avvia la raccolta di dati attraverso i Comuni ancora oggi in corso. Soltanto 24 anni dopo! Ma siamo ben lontani da una politica di bonifica. Per bonificare occorre prima conoscere dove e quanto amianto c´è.
Così passano gli anni, a discutere sugli incentivi per la bonifica, l´esportazione dell´amianto per smaltimento, i costi delle bonifiche e dello smaltimento, l´amianto negli edifici pubblici, scolastici e ospedalieri, la prevenzione e riduzione dell´inquinamento ambientale, la tracciabilità e il traffico di rifiuti, l´inquinamento indoor. Per lo smaltimemto attualmente le regioni dotate di almeno un impianto specifico sono undici, per un totale di 24 impianti (5 in Sardegna, 4 in Piemonte e Toscana, 2 in Emilia, Lombardia e Basilicata, 1 in Abruzzo, Friuli, Liguria, Puglia e la provincia autonoma di Bolzano), e in Sicilia? Continuiamo a contare i morti e i bambini malformati.

Bruno Giordano
Magistrato preso la Corte di Cassazione
Consulente della Commissione di inchiesta del Senato sugli infortuni e malattie professionali
Notizie Flash
PALERMO - APERTI I TERMINI PER " RESTO AL SUD "
RAGUSA - COMODATO GRATUITO DEL CITY
RAGUSA - CONSORZIO DI BONIFICA : LAVORATORI IN STATO DI AGITAZIONE.
RAGUSA - ARRESTATA UNA DONNA PER FURTI NEI SUPERMERCATI DI COMISO E VITTORIA
RAGUSA - " TERRITORIO " CON L'ON. DIPASQUALE SULLA MOTORIZZAZIONE
RAGUSA - " TERRITORIO " SULL'EMERGENZA RIFIUTI
RAGUSA -TRANSITO VIETATO IN VIA PATERNO' AREZZO DAL 17 AL 21 MAGGIO
RAGUSA - ANCHE CHIAVOLA ( PD ) INTERVIENE SUI RIFIUTI
RAGUSA - POTENZIAMENTO VIABILITA' NELLE CAMPAGNE
RAGUSA - REDATTE LE NUOVE LINEE GUIDA CSEN PER LO SPORT SENZA COVID
16-05-2021 11:14 - Eventi
[]
Comiso, 16 maggio 2021

MARIA SS. ADDOLORATA A COMISO, UNA PIOGGIA DI PETALI DI ROSE
E IL TRADIZIONALE RITO DELLA SVELATA E’ TORNATO A RIPETERSI

Il momento più speciale. Intriso di suggestioni che affondano le radici in una tradizione antica. Così come antica è la devozione nei confronti di Maria Santissima Addolorata. E così un rito molto sentito dalla cittadinanza casmenea è tornato a ripetersi ieri sera in chiesa Madre. La svelata del pregevole simulacro settecentesco della Vergine si è tenuto...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-05-2021 19:58 - Politica
[]


Anniversario Statuto Siciliano, on. Dipasquale (PD): “Musumeci s’è dimenticato di questo appuntamento. Frutto dell’alleanza con la Lega?”

“Sono circa le 15 del 15 maggio 2021 e mentre ricorre il 75° anniversario dello Statuto Siciliano, mi chiedo e vi chiedo come mai il presidente della Regione non sia ancora intervenuto per celebrare questo traguardo?
Musumeci, che non perde occasione per apparire anche in occasioni meno importanti, deve essersi dimenticato di questa data storica. Oppure dobbi...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-05-2021 19:26 - Economia
[]
Olidata, la storica azienda di Information Tecnology nomina un messinese nel
CDA
È la giornalista Katia La Rosa
Roma, 15 05 2021 La storica azienda Olidata, leader nazionale nel settore dell'Information
Technology, ha rinnovato il proprio CDA nominando sette consiglieri, tra cui la messinese
Katia La Rosa. L'Assemblea Ordinaria degli Azionisti di Olidata S.p.A, riunita, oggi, sotto
la Presidenza di Riccardo Tassi, ha eletto il nuovo Consiglio di Amministrazione, che
resterà in carica per i prossimi ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-05-2021 11:17 - Attualità
[]
Santa Croce Camerina avrà un ‘punto di vaccinazione'. Il Sindaco: “Ringrazio l'Asp di Ragusa per aver accolto la nostra richiesta.”

A breve anche il comune di Santa Croce sarà dotato di un punto di vaccinazione per tutta la cittadinanza. L'Asp di Ragusa ha accolto la richiesta inoltrata dall'Amministrazione Barone di avere, per tutto il territorio camarinense, un punto vaccinale Covid-19, presso la palestra comunale Santa Rosalia, dove già ha ospitato il personale per gli screening. Gli utenti...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-05-2021 10:57 - Cronaca Locale
[]
Tre colpi in poche ore. All’interno di attività commerciali di Via Dandolo a Marina di Ragusa. Un’escalation di furti, nelle ore notturne, che mette a repentaglio la sicurezza degli operatori commerciali e dei residenti. Il presidente del movimento civico territorio di Marina, Angelo Laporta, ha raccolto il grido di allarme dei commercianti.

“L’ennesima ondata di furti pone in primo piano il tema mai sopito della sicurezza – denuncia Laporta - Non deve essere a carico esclusivo del singolo c...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 18:43 - Economia
[]
NASCE MULTIFIDICOFISAN. MULTIFIDI INCORPORA IL CONSORZIO FIDI SANITARIO SICILIANO, RENDENDO ANCORA PIU’ SOLIDO IL PROPRIO PATRIMONIO.

Multifidi, ha incorporato Co.fi.san, il consorzio fidi sanitario Siciliano. Il processo si è completato venerdì 14 maggio con l’approvazione definitiva durante l’assemblea straordinaria dei soci, tenuta dinanzi al notaio Maria Schembari di Ragusa, del progetto di fusione con la conferma alla guida del C.d.A. uscente di Multifidi, nelle persone di Roberto Biscot...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 14:09 - Attualità
[]
Cerimonia di consegna della struttura che ospiterà i volontari dei Vigili del Fuoco, il Sindaco: “Grazie al Comandante del VV.F. e al personale ‘volontario’ per la sensibilità verso in nostro territorio.”

Si è svolta stamattina nel piazzale del distaccamento dei Vigili del Fuoco di Santa Croce Camerina, in c.da Pezze, ka cerimonia di consegna delle chiavi della struttura che ospiterà i volontari del 115. Cerimonia cui hanno preso parte il Sindaco Giovanni Barone, l’Ing. Giovanni Distefano in r...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 12:23 - OBITUARY
[]
Carmelo Dipasquale, giovane di 21 anni, si è spento per un improvviso aneurisma, dopo essere trasportato all'Ospedale " San Marco " di Catania. Il giovane era figlio di un ex consigliere comunale, Emanuele Dipasquale.
La famiglia, rispettando la volontà del figlio, ha autorizzato l'espianto degli organi, che sono stati trasferiti in diverse città italiane, per essere donati: il cuore a Udine, i polmoni a Torino, il fegato a Roma, i reni a Padova e il pancreas a Palermo.
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
10

Visitatore Numero
1619892

totale visite
5795262

[]
16-05-2021 11:39 - Cultura & Arte
[]
Il 17 maggio apre i battenti al Centro Servizi Culturali la mostra di pittura e fotografia “Frammenti” di Karina Lukasik e Cristina Bufardeci

Aprirà i battenti lunedì 17 maggio, alle ore 17, presso la sede del Centro Servizi Culturali “Emanuele Schembari” di via A.Diaz 56, la mostra di pittura e fotografia “Frammenti” di Karina Lukasik e Cristina Bufardeci. L’evento espositivo sarà visitabile fino al 30 maggio tutti i giorni dalle 9,30 alle 13,00 e dalle 16,30 alle 20,00.
L’organizzazione...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-05-2021 10:54 - Cultura & Arte
[]
“Luci di Venezia”, composizione dell'arpista modicano Fabio Rizza, viene eseguita per l'International Harp Festival di Edinburgo in Scozia.
L'Edinburgh International Harp Festival, uno dei più prestigiosi eventi del mondo legati all'Arpa, si è appena concluso. Quest'anno, all'interno delle varie scalette eseguite in concerto da molteplici arpisti di fama internazionale, è presente anche “Luci di Venezia”, una delle composizioni dell'arpista modicano Fabio Rizza che è stata eseguita dal Maestro...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
11-05-2021 12:44 - Cultura & Arte
[]

“A TUTTO VOLUME” APRE LA STAGIONE DEI FESTIVAL CULTURALI E RICONSEGNA LE PIAZZE AI LIBRI E AI LETTORI DAL 10 AL 13 GIUGNO A RAGUSA.
Tra le novità apertura in riva al mare e iniziative per celebrare Dante

RAGUSA – “A Tutto Volume – libri in festa a Ragusa” aprirà la stagione dei grandi eventi estivi e riconsegnerà le piazze ai libri, ai lettori e agli autori. Lo farà dal 10 al 13 giugno prossimi rilanciando il desiderio di stare insieme, la volontà di condivisione, di scambio, di incontro in que...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 19:52 - Angolo della Memoria
[]
Non ci sono stati eventi, in Italia e non solo, senza la partecipazione attiva di personaggi legati alla provincia iblea e/o al Sud-Est della nostra isola. Si tratta di una sorta di " appuntamento con la Storia " di cittadini del nostro territorio, che si sono trovati in un determinato posto in un determinato momento, quando le sorti del Paese hanno presso una piega particolarmente importante.
Presenteremo, in questo articolo, la figura di un personaggio di origine netina: nato a Noto il 9 ma...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio