06 Maggio 2021

«CHE I TRIBUTI SIENO PAGATI A MISURA DEGLI AVERI DI CIASCHEDUNO» DI FRANCESCO EREDDIA

Castello dei Conti di Modica
Il 9 ottobre 1604 il viceré Lorenzo Suarez de Figueroa duca di Feria promulgava una “Prammatica”, cioè un decreto immediatamente esecutivo, a tutela della stabilità economica dei feudi. Tale Prammatica prendeva le mosse dalla precaria situazione finanziaria della contea di Modica, il più vasto e importante feudo della Sicilia.
Il viceré lamenta che «vengono a rovina e si accàbano famiglie nobilissime e principalissime del Regno» (il termine dialettale “accabarisi” o “accaparisi”, nel senso di “finire, esaurirsi”, deriva dallo spagnolo “acabàr” dello stesso significato) e trova come principale rimedio quello di proibire che i baroni potessero contrarre debiti a qualsiasi titolo dando come garanzia i feudi stessi.


«Trovò egli i nobili carichi di debiti, non ostante la Deputazione degli Stati eretta dal duca di Macqueda per liberarneli; e volendovi metter modo, cercò con diligenza d’onde mai nascesse che, malgrado i ripari dati, non potessero eglino risorgere dalla miseria e si trovassero più inviluppati di prima».
In effetti, il precedente viceré duca di Maqueda (1596-1601), volendo risollevare la situazione finanziaria dei nobili, quasi tutti pesantemente indebitati soprattutto per cattiva amministrazione e gestione delle loro rendite, aveva creato la cosiddetta “Deputazione degli Stati”, un organismo finanziario composto da funzionari di elevata professionalità e indiscussa onestà incaricati di amministrare i beni dei baroni e di estinguere i loro debiti. Ma questo organismo per varie ragioni non riuscì a operare in modo efficace, sicché le condizioni di progressivo indebitamento dei nobili permasero.
Ma il dissesto economico feudale non era un male che colpiva soltanto la contea di Modica: si trattava del fenomeno diffuso e generalizzato del declino inarrestabile, del tramonto anzi, della vecchia classe nobiliare, con i suoi latifondi che ne costituivano l’anima economica e le garantivano rendite parassitarie. Dunque, se le “famiglie nobilissime e principalissime del Regno” erano avviate alla rovina economica e all’estinzione, ciò non era dovuto soltanto all’amministrazione disonesta di “Baronie, feghi e Stati” né solamente al lusso eccessivo in cui i nobili vivevano,

«Alla fine del Cinquecento – afferma lo storico R. Villari - cominciarono a manifestarsi in Europa segni di recessione economica che successivamente, intorno al 1620, sfociarono in una crisi generale. La fase negativa si protrasse per alcuni decenni, oltre la metà del XVII secolo. Ristagno demografico, contrazione degli scambi commerciali, carestie, declino della produzione agricola e manifatturiera, accentuata instabilità dei prezzi furono fenomeni caratteristici di quel periodo».
A partire dal 1591 la carestia colpiva con cadenza annuale: nei primi del Seicento era tale la penuria di grano, che il presidente del Regno Marchese di Geraci emanava nel 1606 un’ordinanza con la quale si vietava rigorosamente ai nobili di portare polsini e colletti inamidati. Si sopravviveva ormai all’interno di quella che lo storico francese Le Roy Ladurie ha definito una vera e propria “little ice age” europea, una piccola èra glaciale che andò dal 1550 al 1700. Quel quindicennio di cattivi raccolti era il segno di un calo irreversibile in Sicilia della produzione granaria, mentre contemporaneamente crollava il prezzo internazionale del grano, per cui si profilava la fine imminente dell’importanza europea del grano siciliano.
Subendo una flessione la produttività agricola e la relativa rendita fondiaria, per il baronaggio restavano come fonte primaria e vitale di reddito i proventi delle imposte dirette e indirette, cioè le gabelle.

Quali erano le gabelle che i vassalli della contea di Modica, come peraltro tutti quelli dell’intera Sicilia, erano tenuti a pagare? Premesso che la maggior parte delle gabelle che ci accingiamo a elencare risalivano già al tempo di Bernardo Cabrera, le tre più importanti, in quanto assicuravano un gettito maggiore, erano: la “Cassia” o “Caxia”, che riguardava la compravendita di beni stabili o immobili (dovevano pagarla sia il venditore che il compratore) ed era pari a tarì 1 e grani 12 per ogni onza di valore di quei beni; la “Dogana” o “ Dohana”, un’imposta o dazio sulla commercializzazione dei prodotti locali (formaggi, canape, lino, lana, legumi, cera, pelli d’agnello, capretti e conigli, carrube, etc.); “l’Arco di cotone”, una tassa sulla quantità di cotone lavorato, che era così chiamata perché si usava un arco la cui corda tesa serviva per battere il cotone e separarlo dai semi.
Poi c’era la “gabella del vino”, relativa alla sua compravendita sia al dettaglio che all’ingrosso; quella della “carne”, sia sulla macellazione che sulla vendita (curiosamente ne erano esenti i caprini, e ciò Bernardo Cabrera aveva disposto in ossequio al proprio stemma, che come indica il cognome spagnolo aveva come simbolo una capra); della “barderìa”, balzello che gravava sui proprietari di cavalcature selvagge alle quali mettevano il capestro e la barda o sella senza arcioni; del “bardaggio”, tassa imposta a chi confezionava barde per equini; della “tinturìa”, tassa pagata annualmente dai tintori di stoffa; della “crivarìa”, pagata da chi fabbricava crivelli per il grano; degli “erbaggi”, che gravava sugli animali portati al pascolo; della “colta”, che consisteva in una percentuale del frumento prodotto o raccolto che ogni capofamiglia era tenuto a versare al conte; del “merco”, dazio imposto sulla marchiatura delle bestie destinate al macello; dei “vasi” o “vaxelli”, sulle arnie usate dagli allevatori di api e produttori di miele; della “buscaglia”, tassa da versare per ogni animale che trasportava la legna raccolta nei boschi del conte; la “baglìa”, una tassa per mantenere il “baiulo” o “baglìo”, l’impiegato che in ogni “università” sovrintendeva alla sorveglianza delle terre coltivate e a quella notturna dei centri abitati, nonché alla pulizia di strade, fontane e abbeveratoi; la “sciurta”, altra tassa per il mantenimento delle sentinelle notturne.


Non si può certo dire che i vassalli della contea fossero privi di una qualsiasi della miriade di tasse e balzelli previsti dall’iniquo sistema feudale. Ancora più iniquo, in quanto da molte di queste gabelle erano esenti o “franchi” tutti i nobili e molti professionisti (notai, avvocati, speziali, ecc.). Al punto che il nostro viceré duca di Feria, ben intuendo che i proventi delle gabelle erano le uniche entrate certe e consistenti dei magri bilanci baronali,

«volle anche riparare alla pessima ripartizione de’ pesi, che si faceano dalle Università del regno nell’imporre i dazj, e i donativi, che si pagavano al Re, per cui spesso accadea, che restavano aggravati i poveri, ed erano esenti o in tutto, o in parte dalla contribuzione i benestanti, e procurò di stabilirvi una uguaglianza, per cui i tributi fossero pagati a misura degli averi di ciascheduno».

Riuscì il duca di Feria a far sì che “i tributi fossero pagati a misura degli averi di ciascheduno”? Se così fosse stato, il suo costituirebbe l’unico esempio della civiltà occidentale moderna e contemporanea. E infatti così non fu:

«Per quanto però vi si fosse cooperato, pochissimo fu il frutto, che ne trassero i popoli; le cabale, ed i raggiri di coloro, che impongono le gabelle, i quali sogliono essere i più potenti, e i più comodi, ne faceano per lo più cadere tutto il peso sopra i meschini».



FRANCESCO EREDDIA





Notizie Flash
RAGUSA - ANCHE FdI DENUNCIA VANDALISMI IN VIA RAMELLI
VITTORIA - 2 ARRESTI PER OMICIDIO
RAGUSA - BASE RIFORMISTA ( PD ) SUI MARITTIMI
RAGUSA - FIRRINCIELI ( M5S ) E LA VARIANTE DEL PARCO AGRICOLO URBANO
MODICA - NUOVO AUTOBUS PER IL QUARTIERE DENTE
DONNALUCATA - CAMPO E MORANA ( M5S ) SULLA VICENDA DEL SABIR
RAGUSA - OPERATIVO IL COMITATO DEL " CARAT "
MARINA DI RAGUSA - BANDIERA BLU ALLE SPIAGGE DELLA FRAZIONE BALNEARE
MODICA - INTERROGAZIONE DI IVANA CASTELLO SULL'IGM
" PORTE APERTE " NEGLI HUB DI RAGUSA, MODICA E VITTORIA
05-05-2021 13:28 - Attualità
[]
L’ASSOCIAZIONE “PUNTA BRACCETTO NEL CUORE” RILANCIA LA PROPRIA ATTIVITA’

Fare ripartire Punta Braccetto. E’ l’obiettivo che si è posto un gruppo di amici e residenti nella frazione durante il periodo estivo che, riunitisi domenica scorsa al bar “La Sirena”, hanno deciso di ridare slancio all’associazione Punta Braccetto nel cuore. L'associazione è nata nel 1982. L’attuale gruppo, appassionati della costa balneare in cui villeggiano durante la stagione estiva, vuole portare avanti un progetto c...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
04-05-2021 16:08 - Politica
[]

GLI ONESTI COMPITINI DEL SINDACO DI RAGUSA E LA POCHEZZA DI UN’AMMINISTRAZIONE CHE NON RIESCE A VIVERE NEPPURE SULLE RENDITE DEL PASSATO, LA DURA CRITICA DEI CAPIGRUPPO M5S FIRRINCIELI E PD CHIAVOLA

Ancora una nota congiunta dei gruppi consiliari del Movimento 5 Stelle e del Partito Democratico per esprimere delle valutazioni sul lavoro della Giunta Cassì.

Lo spunto è dato da un post del sindaco che fa un riassunto delle iniziative e dei traguardi raggiunti nel secondo bimestre del 2021, un re...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
04-05-2021 12:14 - Politica
[]
Il dott. Raffaele Schembari nuovo segretario cittadino di Ragusa del Movimento Territorio

Assemblea cittadina, a Ragusa, del Movimento Territorio, con una folta presenza di esponenti provinciali.
Un incontro voluto dal segretario cittadino, Michele Tasca che ha voluto questa prima riunione, in videoconferenza, pur con le limitazioni dettate dalla emergenza pandemica, per iniziare un ciclo di contatti, all’interno del Movimento, in concomitanza con i 10 anni di attività.
Hanno partecipato all’inc...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 16:29 - Economia
[]
“BASTA, NON SE NE PUO’ PIU’. DATECI UNA DATA CERTA SULLE RIAPERTURE”

DA GIOVEDI’ IL PRESIDENTE CONFCOMMERCIO SICILIA GIANLUCA MANENTI, I PRESIDENTI PROVINCIALI DI CATANIA E TRAPANI, PIERO AGEN E PINO PACE, E IL PRESIDENTE FIPE SICILIA, DARIO PISTORIO, ATTUERANNO LO SCIOPERO DELLA FAME ANCHE DOPO LE SCENE VISTE IN QUESTE ORE A MILANO E IN ALTRE PARTI D’ITALIA

Palermo – 3 maggio 2021. “Non ne possiamo più. Oltre ai danni, pure la beffa. Bisogna dare un segnale. E forte. E l’unico modo per farlo...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 16:17 - Politica
[]
Una mozione per aderire alla Petizione “Non spegniamo le luci sulla strage in Congo!”
M5S, M2038 e PD promotori per coinvolgere Consiglio e Giunta a sostegno dell’iniziativa

MODICA – Lo scorso 22 febbraio 2021, tutti abbiamo conosciuto i tragici fatti verificatisi in un’imboscata vicino alla città di Goma, nella regione del Nord Kivu, in Congo, dove sono stati uccisi Luca Attanasio, ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo, il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista Must...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 12:55 - Politica
[]


La spiaggia trasportata in strada lungo la Riviera Gela a Scoglitti e il segretario del Pd, Giuseppe Nicastro, decide di piantare l’ombrellone e di prendere il sole per sensibilizzare la Commissione straordinaria di Vittoria a rimuoverne i cumuli al più presto

Le spiagge siciliane saranno aperte a partire dal 16 maggio, così come comunicato dalla Regione. A Scoglitti, però, lungo la Riviera Gela, caso forse più unico che raro, è già possibile piantare l’ombrellone sulla sabbia. Dove? “Ma in st...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 11:10 - Cronaca Locale
[]


CasaPound: "Atto vandalico e sfregio alla memoria di Sergio Ramelli nell'omonima via di Ragusa, pochi giorni dopo la sua commemorazione

Ragusa, 3 maggio - A pochi giorni dal 29 aprile, giorno in cui si ricorda la morte del giovane studente milanese Sergio Ramelli, ed in cui si è svolta la commemorazione proprio nella via che porta il suo nome, CasaPound denuncia un grave atto vandalico accompagnato dall'altrettanto pesante insulto alla memoria di Ramelli.

Militanti della tartaruga frecciata c...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
02-05-2021 10:48 - Economia
[]


SCIMONELLO: APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE DI SCICLI IL REGOLAMENTO DEL CANONE UNICO PATRIMONIALE

"A partire dal 1° gennaio 2021 la Tassa di Occupazione di spazi e aree pubbliche e l'Imposta comunale sulla pubblicità, in ottemperanza alla legge di Bilancio 2020, che riunisce in una sola forma di prelievo le entrate comunali, sono state sostituite dal Canone Unico patrimoniale". Con queste l'assessore alle Finanze e Tributi, Guglielmo Scimonello, ha commentato l'approvazione da parte del Cons...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
01-05-2021 12:08 - Attualità
[]
AL VIA I QUATTRO PROGETTI DEL SERVIZIO CIVILE DELL’ AZIENDA SANITARIA DI RAGUSA

“56 operatori volontari - per una durata di 12 mesi -

saranno impegnati per 20/25 ore settimanali su 5 giorni.”

Avviato l’iter per la progettazione del prossimo anno che vedrà aumentare a 60 le unità previste

Ragusa, 30 aprile 2021 - Presentati stamattina nella sala conferenza del “Giovanni Paolo II” di Ragusa i quattro progetti del Servizio Civile Universale dell’ASP Ragusa. È intervenuto il direttore amminist...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
29-04-2021 12:21 - Istruzione e Formazione
[]
La scuola primaria Pirandello di Comiso ha vinto “l’Erasmus logo competition” essendo stata scelta tra Spagna, Polonia, Croazia, Grecia e Italia. Soddisfazione e plauso del sindaco, Maria Rita Schembari.
“ Lunedì 26 Aprile si è concluso un importante step del progetto Erasmus Plus: il contest per la scelta del logo di progetto – spiega la DS prof.ssa Giovanna Campo - . In una prima fase, in ogni scuola dei cinque Paesi coinvolti, gli alunni hanno ideato il proprio logo ispirandosi alla temat...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
6

Visitatore Numero
1617665

totale visite
5762849

[]
04-05-2021 16:41 - Cultura & Arte
[]
“…E quindi uscimmo a riveder le stelle” è lo slogan della 42esima edizione dell’Infiorata di Noto che vedrà come protagonista assoluto il sommo poeta Dante Alighieri, celebrato attraverso i bozzetti floreali dell’incantevole via Nicolaci. In occasione della manifestazione, il Museo Civico di Noto vuole rendere omaggio al sommo poeta attraverso un evento culturale in streaming dal titolo “Dante, Ibn Hamdis e i poeti persiani”, che avrà luogo il 12 maggio 2021, alle ore 18:00, sulla pagina Face...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
02-05-2021 12:12 - Cultura & Arte
[]
Il mio commento sulla vicenda “sollevata” giustamente da Fedez

Ieri sera abbiamo assistito al giustissimo sfogo di Fedez sulla libertà di parola.
Nel 2021 in uno Stato democratico è inammissibile che un direttore di rete di una televisione di Stato, preciso una televisione di Stato, tenti di impedire ad un suo concittadino di esprimere le proprie idee.
Anch'io non ho condiviso l'ultima parte del discorso di Fedez, ma chi è come me deve avere lo stesso diritto che io ad esprimere la propria opini...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
30-04-2021 11:25 - Attualità
[]
In ricordo di Saidou , Modou, e Lamin

Come abbiamo potuto leggere dalla stampa, nella strada tra Comiso e Santa Croce Camerina martedì scorso è avvenuto un gravissimo incidente stradale ove sono morte quattro persone.
I tre deceduti erano miei coetanei arrivati dal Senegal ( due ) e uno dal Gambia tramite quei terribili barconi: il quarto, di 41 anni, veniva dalla Guinea.
Voglio esporvi una mia riflessione in merito:
la gioventù odierna europea ha tutto, a 24 anni ci godiamo la gioventù, scherzia...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio