25 Novembre 2020

«CHE I TRIBUTI SIENO PAGATI A MISURA DEGLI AVERI DI CIASCHEDUNO» DI FRANCESCO EREDDIA

Castello dei Conti di Modica
Il 9 ottobre 1604 il viceré Lorenzo Suarez de Figueroa duca di Feria promulgava una “Prammatica”, cioè un decreto immediatamente esecutivo, a tutela della stabilità economica dei feudi. Tale Prammatica prendeva le mosse dalla precaria situazione finanziaria della contea di Modica, il più vasto e importante feudo della Sicilia.
Il viceré lamenta che «vengono a rovina e si accàbano famiglie nobilissime e principalissime del Regno» (il termine dialettale “accabarisi” o “accaparisi”, nel senso di “finire, esaurirsi”, deriva dallo spagnolo “acabàr” dello stesso significato) e trova come principale rimedio quello di proibire che i baroni potessero contrarre debiti a qualsiasi titolo dando come garanzia i feudi stessi.


«Trovò egli i nobili carichi di debiti, non ostante la Deputazione degli Stati eretta dal duca di Macqueda per liberarneli; e volendovi metter modo, cercò con diligenza d’onde mai nascesse che, malgrado i ripari dati, non potessero eglino risorgere dalla miseria e si trovassero più inviluppati di prima».
In effetti, il precedente viceré duca di Maqueda (1596-1601), volendo risollevare la situazione finanziaria dei nobili, quasi tutti pesantemente indebitati soprattutto per cattiva amministrazione e gestione delle loro rendite, aveva creato la cosiddetta “Deputazione degli Stati”, un organismo finanziario composto da funzionari di elevata professionalità e indiscussa onestà incaricati di amministrare i beni dei baroni e di estinguere i loro debiti. Ma questo organismo per varie ragioni non riuscì a operare in modo efficace, sicché le condizioni di progressivo indebitamento dei nobili permasero.
Ma il dissesto economico feudale non era un male che colpiva soltanto la contea di Modica: si trattava del fenomeno diffuso e generalizzato del declino inarrestabile, del tramonto anzi, della vecchia classe nobiliare, con i suoi latifondi che ne costituivano l’anima economica e le garantivano rendite parassitarie. Dunque, se le “famiglie nobilissime e principalissime del Regno” erano avviate alla rovina economica e all’estinzione, ciò non era dovuto soltanto all’amministrazione disonesta di “Baronie, feghi e Stati” né solamente al lusso eccessivo in cui i nobili vivevano,

«Alla fine del Cinquecento – afferma lo storico R. Villari - cominciarono a manifestarsi in Europa segni di recessione economica che successivamente, intorno al 1620, sfociarono in una crisi generale. La fase negativa si protrasse per alcuni decenni, oltre la metà del XVII secolo. Ristagno demografico, contrazione degli scambi commerciali, carestie, declino della produzione agricola e manifatturiera, accentuata instabilità dei prezzi furono fenomeni caratteristici di quel periodo».
A partire dal 1591 la carestia colpiva con cadenza annuale: nei primi del Seicento era tale la penuria di grano, che il presidente del Regno Marchese di Geraci emanava nel 1606 un’ordinanza con la quale si vietava rigorosamente ai nobili di portare polsini e colletti inamidati. Si sopravviveva ormai all’interno di quella che lo storico francese Le Roy Ladurie ha definito una vera e propria “little ice age” europea, una piccola èra glaciale che andò dal 1550 al 1700. Quel quindicennio di cattivi raccolti era il segno di un calo irreversibile in Sicilia della produzione granaria, mentre contemporaneamente crollava il prezzo internazionale del grano, per cui si profilava la fine imminente dell’importanza europea del grano siciliano.
Subendo una flessione la produttività agricola e la relativa rendita fondiaria, per il baronaggio restavano come fonte primaria e vitale di reddito i proventi delle imposte dirette e indirette, cioè le gabelle.

Quali erano le gabelle che i vassalli della contea di Modica, come peraltro tutti quelli dell’intera Sicilia, erano tenuti a pagare? Premesso che la maggior parte delle gabelle che ci accingiamo a elencare risalivano già al tempo di Bernardo Cabrera, le tre più importanti, in quanto assicuravano un gettito maggiore, erano: la “Cassia” o “Caxia”, che riguardava la compravendita di beni stabili o immobili (dovevano pagarla sia il venditore che il compratore) ed era pari a tarì 1 e grani 12 per ogni onza di valore di quei beni; la “Dogana” o “ Dohana”, un’imposta o dazio sulla commercializzazione dei prodotti locali (formaggi, canape, lino, lana, legumi, cera, pelli d’agnello, capretti e conigli, carrube, etc.); “l’Arco di cotone”, una tassa sulla quantità di cotone lavorato, che era così chiamata perché si usava un arco la cui corda tesa serviva per battere il cotone e separarlo dai semi.
Poi c’era la “gabella del vino”, relativa alla sua compravendita sia al dettaglio che all’ingrosso; quella della “carne”, sia sulla macellazione che sulla vendita (curiosamente ne erano esenti i caprini, e ciò Bernardo Cabrera aveva disposto in ossequio al proprio stemma, che come indica il cognome spagnolo aveva come simbolo una capra); della “barderìa”, balzello che gravava sui proprietari di cavalcature selvagge alle quali mettevano il capestro e la barda o sella senza arcioni; del “bardaggio”, tassa imposta a chi confezionava barde per equini; della “tinturìa”, tassa pagata annualmente dai tintori di stoffa; della “crivarìa”, pagata da chi fabbricava crivelli per il grano; degli “erbaggi”, che gravava sugli animali portati al pascolo; della “colta”, che consisteva in una percentuale del frumento prodotto o raccolto che ogni capofamiglia era tenuto a versare al conte; del “merco”, dazio imposto sulla marchiatura delle bestie destinate al macello; dei “vasi” o “vaxelli”, sulle arnie usate dagli allevatori di api e produttori di miele; della “buscaglia”, tassa da versare per ogni animale che trasportava la legna raccolta nei boschi del conte; la “baglìa”, una tassa per mantenere il “baiulo” o “baglìo”, l’impiegato che in ogni “università” sovrintendeva alla sorveglianza delle terre coltivate e a quella notturna dei centri abitati, nonché alla pulizia di strade, fontane e abbeveratoi; la “sciurta”, altra tassa per il mantenimento delle sentinelle notturne.


Non si può certo dire che i vassalli della contea fossero privi di una qualsiasi della miriade di tasse e balzelli previsti dall’iniquo sistema feudale. Ancora più iniquo, in quanto da molte di queste gabelle erano esenti o “franchi” tutti i nobili e molti professionisti (notai, avvocati, speziali, ecc.). Al punto che il nostro viceré duca di Feria, ben intuendo che i proventi delle gabelle erano le uniche entrate certe e consistenti dei magri bilanci baronali,

«volle anche riparare alla pessima ripartizione de’ pesi, che si faceano dalle Università del regno nell’imporre i dazj, e i donativi, che si pagavano al Re, per cui spesso accadea, che restavano aggravati i poveri, ed erano esenti o in tutto, o in parte dalla contribuzione i benestanti, e procurò di stabilirvi una uguaglianza, per cui i tributi fossero pagati a misura degli averi di ciascheduno».

Riuscì il duca di Feria a far sì che “i tributi fossero pagati a misura degli averi di ciascheduno”? Se così fosse stato, il suo costituirebbe l’unico esempio della civiltà occidentale moderna e contemporanea. E infatti così non fu:

«Per quanto però vi si fosse cooperato, pochissimo fu il frutto, che ne trassero i popoli; le cabale, ed i raggiri di coloro, che impongono le gabelle, i quali sogliono essere i più potenti, e i più comodi, ne faceano per lo più cadere tutto il peso sopra i meschini».



FRANCESCO EREDDIA





Notizie Flash
MODICA - IL M5S SCRIVE AL SINDACO SUL COVID
MODICA - CALENDARIO PAGAMENTO BUONI LIBRO
RAGUSA - DIVIETO DI AVVICINAMENTO PER ALBANESE
COMISO - ATTIVA DA OGGI L'EQUIPE SOCIO-PSICO-PEDAGOGICA
RAGUSA - RIFLESSIONI DELLA LEGA SULL'EMERGENZA SANITARIA
VITTORIA - SPACCIAVANO IN ZONA ROSSA
RAGUSA - STUPEFACENTI IN CENTRO STORICO: UN ARRESTO DEI CARABINIERI.
09-11-2020 17:09 - Economia
[]
E DOPO GLI ALLARMI LA NAVE È AFFONDATA
Lo sfascio della Direzione Provinciale di Ragusa della Agenzia delle Entrate

Lo avevamo gridato a gran voce sui giornali, alle televisioni, con i sit in di protesta davanti agli uffici della provincia di Ragusa della Agenzia delle Entrate nell’autunno 2019, se non sarebbe arrivato a breve altro personale a rafforzare gli uffici questi sarebbero andati in contro alla paralisi con conseguenze odiose oltre che per i lavoratori anche nei confronti dei cittadin...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
09-11-2020 16:35 - Attualità
[]
RISOLTO IL CASO DEL GIOVANE DISABILE CHE NON POTEVA VIAGGIARE LUNGO LA TRATTA MARINA-RAGUSA PERCHE’ INDISPONIBILE L’AUTOBUS
DOTATO DI PEDANA DI SOLLEVAMENTO. I CONSIGLIERI COMUNALI
DEL PD D’ASTA E CHIAVOLA: “TUTTO BENE QUEL CHE FINISCE BENE”

“Dopo che, nei giorni scorsi, ci eravamo occupati della vicenda del giovane trentenne disabile ragusano, Giovanni Gulino, che aveva denunciato l’impossibilità di coprire con i mezzi pubblici la tratta tra Marina e Ragusa per la mancanza di un pullman di lin...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
08-11-2020 12:36 - Politica
[]
Territorio Ragusa: troppe voci incontrollate sui positivi al Comune di Ragusa, il Sindaco deve fare chiarezza

“Da qualche giorno assistiamo alla girandola di voci incontrollate sugli esiti di tamponi positivi per dipendenti comunali o loro stretti congiunti, le indiscrezioni, vere o presunte, si moltiplicano, comunicati delle opposizioni e articoli di giornale accrescono una certa confusione sulla materia, aggiungendo ansia a quella che già pervade la cittadinanza. È ora di fare chiarezza e sg...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 17:48 - Politica
[]


Mucche al cimitero di Ragusa Ibla. Ma chi controlla il camposanto in tempo di covid se perfino gli animali sono liberi di vagare come vogliono? La denuncia del consigliere comunale Giovanni Gurrieri

RAGUSA – Un buon numero di mucche sono facilmente entrate stamani nel cimitero di Ragusa Ibla. Razze diverse ma un unico intento: far delle belle passeggiate all’interno del camposanto. Indisturbate. E’ quanto denuncia il consigliere comunale Giovanni Gurrieri raccogliendo la segnalazione di un cit...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 17:38 - Attualità
[]
mons. Cuttitta
Lettera del vescovo a tutti i sacerdoti con l’invito
ad agire con «consapevole prudenza»
Otto sacerdoti positivi al Covid-19 e quattro in isolamento
Quattro chiese chiuse in via prudenziale
per procedere alla sanificazione degli ambienti

Otto sacerdoti sono positivi al Covid-19 e altri quattro, che presentano qualche sintomo, si trovano in isolamento fiduciario in attesa dei risultati dei tamponi. In via precauzionale, per consentire la sanificazione dei locali parrocchiali, quattro chiese sono st...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 11:10 - Attualità
[]
Ospedale Comiso

DA DOMANI TEST RAPIDI SU STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE DELLE SCUOLE SUPERIORI.

QUATTRO POSTAZIONI: RAGUSA, MODICA, VITTORIA E COMISO

DALLE ORE 9.00 ALLE 13.00

Ragusa, 6 novembre 2020 – A partire da sabato 7 novembre, così come previsto dalla circolare dell’Assessorato Regionale della Salute, l’Asp di Ragusa, con la collaborazione dei Sindaci di Ragusa, Comiso e Modica, la Commissione straordinaria di Vittoria e con i dirigenti scolastici, ha messo in moto la macchina organizzativa per eff...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
06-11-2020 12:42 - Attualità
[]
POSTE ITALIANE: LA RETE LOGISTICA PUNTO POSTE SI AMPLIA GRAZIE ALLA NUOVA SEDE KIPOINT DI VITTORIA

Nuovi servizi dedicati ai liberi professionisti e alle piccole imprese

Palermo, 6 novembre 2020 - Poste Italiane radica sempre di più la propria presenza sul territorio a servizio dei cittadini, espandendo la propria rete Kipoint, i centri multi servizi dedicati soprattutto alle piccole imprese e ai liberi professionisti.
Quella di via A. Manzoni 3/L a Vittoria è una delle 97 sedi del territorio n...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
05-11-2020 17:23 - Economia
[]


Il Ministero dell'Interno- Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali-ha trasferito nelle casse del Comune di Ispica in data 27/10/2020 un contributo pari a 45.000 euro.
Si tratta di risorse riconosciute all'ente ai sensi della legge n.160 del 27.12.2019 (legge di bilancio 2020) per la realizzazione dei lavori di efficientamento energetico di parte dell'impianto di pubblica illuminazione con apparecchiature a led.
L' intervento di sostituzione delle vecchie lampade ha avuto inizio entr...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
05-11-2020 17:01 - Istruzione e Formazione
[]
Al Verga di Comiso premiazione dei vincitori dei giochi matematici della Bocconi 2019/2020. La sobria premiazione è avvenuta nell'auditorium - nel rispetto delle norme di prevenzione sanitaria - alla presenza della Dirigente Scolastica Maria Grazia Cafiso e del presidente e del vice presidente del consiglio dei ragazzi. Ai ragazzi della categoria C2 che frequentano le superiori e che sono in DAD, i premi saranno consegnati direttamente al loro domicilio. Questi i premiati:
Categoria CE
COLUMBO ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
9

Visitatore Numero
1539203

totale visite
5249424

[]
09-11-2020 17:35 - Cultura & Arte
[]
La BlackOut Pop Band su Rai Gulp
LA BLACKOUT POP BAND SARA’ TRA I PROTAGONISTI GIOVEDI’ 12 NOVEMBRE DELLA CAMPAGNA INTERNAZIONALE #SAYHY” IN ONDA SU RAI GULP

La BlackOut Pop Band protagonista giovedì, a livello nazionale, della campagna #SayHi”, una iniziativa delle tv pubbliche europee a cui ha aderito anche la giapponese Nhk. In pratica, il 12 novembre, bambini e ragazzi di tanti Paesi del mondo si uniranno in quella che si preannuncia come la più grande danza simultanea che promuove l’amicizia, l’inclusione e la gentilezza...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
08-11-2020 12:43 - Cultura & Arte
[]
Maurilio Assenza e Beatrice Cerrino

Proseguono gli incontri promossi da Fondazione Val di Noto e Istituto Galilei Campailla Un nuovo modello di Economia illustrato da Beatrice Cerrino
Economia ed ecologia, due temi indispensabili per proteggere la nostra ‘casa’, il nostro pianeta. È stata, Beatrice Cerrino della Scuola di Economia Civile a tenere il terzo incontro del corso di formazione 'Preparare un tempo nuovo' promosso dalla Fondazione di comunità Val di Noto, insieme all’Istituto di istruzione superiore “Galil...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
04-11-2020 17:05 - Cultura & Arte
[]
Individuata l'ubicazione storica del cimitero ebraico a Modica.
Brillante scoperta storica-filologica di Teresa Spadaccino.
Foto di Maurizio Pulvirenti
Da sempre la conoscenza della presenza antica degli ebrei a Modica ha assillato molti storici e
studiosi di Storia patria modicana, quasi una ricerca catartica per quanto avvenne di drammatico
nella città il giorno dell'Assunzione del 1474 e cioè la ben nota strage dei giudei.
Molti studiosi hanno individuato nel quartiere Cartellone il quartiere de...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
16-10-2020 11:17 - Cultura & Arte
[]
Walter Siccardi, Samantha Panza e Fabrizio Di Salvo.
“Aleramici in Sicilia” il docufilm ritorna alle origini con le riprese nella terra natia degli Aleramici: il Monferrato

Siamo giunti alle ultime battute delle riprese del docufilm “Aleramici in Sicilia”. Il progetto, partito tre anni fa per testimoniare questa storia di “immigrazione al contrario”, da nord a sud, che caratterizzò la fine dell’XI secolo italiano, è giunto alle riprese finali.

Dopo aver percorso un viaggio che ha portato il produttore e direttore del...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio