18 Maggio 2021
Categorie
percorso: Home > Categorie > Comiso

COMISO - ALTRA ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE PER MARIO CAMPAILLA: HA MINACCIATO IL SINDACO SPATARO ( video )

Mario Campailla
La Polizia di Stato notifica un’altra ordinanza di custodia cautelare (a distanza di pochi giorni) al pluripregiudicato e sorvegliato speciale Campailla Mario detto “Mariu u checcu”, attualmente in carcere per estorsione.

A luglio aveva minacciato di morte il Sindaco di Comiso, il Vice Sindaco ed i loro collaboratori; il GIP aveva applicato la misura dell’obbligo di firma ma la Procura della Repubblica di Ragusa ha fatto ricorso ed il Tribunale del Riesame di Catania, accogliendo le motivazioni a supporto, ha modificato la misura cautelare aggravandola. La Corte di Cassazione ha confermato il provvedimento del Tribunale del Riesame.

Le minacce al Sindaco nel mese di luglio 2015: “Non fari muntari stu palcu, ti rissi nun fari muntari stu palcu, nun lu fari muntari se no ci rugnu fuocu, nun mi scantu agghiri in galera”
“Allura se parri accussi ta scantari a nesciri ra casa”
“Se muntati u palcu vi scannu a tutti a partiri ro sinnucu tanto avanti ca arriva a Volanti, va scannatu a tutti”



La Polizia di Stato – Squadra Mobile, Digos e Commissariato di Comiso – nel mese di luglio di quest’anno avevano tratto in arresto Campailla Mario nato a Vittoria (RG) il 13.01.1962 (residente a Comiso) in quanto aveva violato la Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno, minacciando ripetutamente il Sindaco, Vice Sindaco e i loro collaboratori.
Il Dott. Francesco Puleio, titolare delle indagini, aveva chiesto la convalida dell’arresto e la custodia cautelare in carcere, stante la spiccata pericolosità del soggetto. Il GIP convalidava l’arresto ma applicava la misura cautelare, molto meno grave, dell’obbligo di presentazione alla P.G.
Considerato quanto accaduto, la Procura della Repubblica di Ragusa depositava immediatamente un atto d’appello ed a supporto della richiesta al Tribunale del Riesame di applicare la più grave misura della custodia cautelare in carcere, il Dott. Puleio, rappresentava, tra le altre cose, che Campailla Mario, detto “Mariu u checcu”, è un soggetto pluripregiudicato anche per aver fatto parte di un’associazione a delinquere di stampo mafioso e per questo e tutti gli altri reati commessi (rapine, estorsioni, porto d’armi, traffico di stupefacenti), data la sua pericolosità sociale, era destinatario della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza e non era possibile applicare una diversa misura se non quella del carcere.
Il Tribunale del Riesame di Catania accoglieva il ricorso della Procura della Repubblica, evidenziando che effettivamente il soggetto in questione era particolarmente pericoloso e che doveva essere applicata una misura cautelare ben più grave, sposando così le motivazioni addotte dalla Procura di Ragusa. Notificata l’ordinanza a Campailla, questi ricorreva in Cassazione per ottenerne l’annullamento, ma la Suprema Corte rigettava il provvedimento ed in data odierna personale della Squadra Mobile di Ragusa, con ordine d’esecuzione della Procura della Repubblica di Ragusa, si recava in carcere da Campailla (dove attualmente si trova in regime di custodia cautelare per i reati di estorsione continuata) per notificare il provvedimento.
Nel provvedimento del Tribunale del Riesame, i giudici riprendono più volte l’atto d’appello della Procura della Repubblica di Ragusa, sottolineando che la misura cautelare dell’obbligo di firma per un soggetto così pericoloso è inadeguata, sposando quindi le motivazioni del ricorso della Procura.

Per ricordare i fatti accaduti nel mese di luglio, Campailla non curante delle prescrizioni a lui imposte, tra le altre “rispettare le leggi, non dare ragioni di sospetto e vivere onestamente”, aveva più volte minacciato gli operai prima ed il Sindaco di Comiso Spataro dopo, per aver montato un palco in Piazza Fonte Diana a pochi passi dal bar della sua compagna (di fatto gestito da lui).
A suo dire il palco doveva essere montato in un’altra posizione perché i suoi clienti dovevano beneficiare degli spettacoli e che diversamente lui non avrebbe ricevuto il profitto sperato.
Il palco per gli spettacoli patrocinati dal Comune di Comiso era stato montato per diverse attività di intrattenimento, a spese dei commercianti della Piazza, che onestamente volevano attirare i clienti investendo del denaro con il benestare del Sindaco che ha concesso il suolo pubblico.
Campailla aveva più volte minacciato gli operai che addirittura avevano sospeso i lavori di installazione del palco perché intimoriti e si erano rivolti anche all’organizzatore.
Nonostante i tentativi di far capire che non potevano montare il palco in modo diverso, Campailla non desisteva e continuava con il suo comportamento criminoso.
Non pago di aver già minacciato gli operai, così come riferito in atti di Polizia Giudiziaria, Campailla si era recato presso l’ufficio del Sindaco Spataro chiedendo conto e ragione del perché stava facendo montare il palco in quella posizione.
Il Sindaco più volte tentava di farlo calmare illustrando quali fossero i motivi di interesse pubblico che lo avevano portato a concedere l’uso del suolo pubblico e che gli altri commercianti stavano contribuendo ad offrire un servizio per i loro concittadini.
Campailla avendo ricevuto più volte risposte negative rispetto alle richieste da lui fatte, iniziava a minacciare il Sindaco asserendo che se avesse fatto montare il palco, lui “avrebbe appiccato il fuoco e che non aveva paura di tornare in galera”.
Nonostante le minacce, il Sindaco ha mantenuto la sua posizione rispondendo fermamente che non accettava un comportamento simile.
Per tutta risposta Campailla riferiva che a quel punto “avrebbe dovuto avere paura di uscire da casa”.
Campailla non pago di tutto ciò, tornava alla carica contattando anche telefonicamente il Sindaco ed il Vice Sindaco rappresentando loro che se avessero fatto montare il palco “avrebbe scannato tutti e che non aveva pura della Polizia”.
Ricevute le minacce, dopo i vari tentativi di riportare alla calma il Campailla, il Sindaco Spataro contattava la Polizia di Stato che immediatamente invia personale della Digos e del Commissariato per apprendere cosa fosse accaduto.
Il Sindaco dopo una breve narrazione dei fatti occorsi, si recava presso il Commissariato della Polizia di Stato a Comiso per presentare formale denuncia nei confronti del Campailla.
Nel rappresentare i fatti reato subiti, dichiarava, tra le altre cose, che voleva essere da esempio per i suoi concittadini che più volte avevano lamentato il comportamento minaccioso del Campailla. Non voleva e non poteva più accettare un simile comportamento da parte di chi viola la legge a dispetto degli onesti cittadini che quotidianamente rappresenta per loro mandato, per di più in considerazione di un’attività destinata al benessere di tutti i comisani.
Raccolta la denuncia e le testimonianze di numerose persone dipendenti e non del Comune di Comiso, la Squadra Mobile unitamente al personale del Commissariato si recava presso l’abitazione del Sorvegliato Speciale Campailla, per condurlo dapprima negli uffici di Polizia e successivamente, dopo l’arresto, presso il Carcere di Ragusa.
Campailla negli uffici della Polizia di Stato, poco prima di andare via, ha anche fatto presente che “non sarebbe finita così”, minacciando di fatto anche gli Ufficiali ed Agenti di Polizia presenti.

Il soggetto oggi tratto in arresto ha dimostrato di non voler rispettare le più elementari norme giuridiche e di convivenza civile, fatto che avvalora ancora di più la sua pericolosità sociale, rafforzando quegli elementi che lo hanno portato più volte e per diversi anni in carcere ed oggi ad essere sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, motivo che ha permesso alla Procura della Repubblica di Ragusa di supportare l’atto d’appello al Tribunale del Riesame, ottenendo quanto previsto dalla legge, ovvero che i soggetti pericolosi devono restare in carcere.
Inoltre, sempre la Polizia di Stato aveva tratto in arresto Campailla ad Aprile in quanto aveva violato nuovamente le prescrizioni imposte dalla Sorveglianza Speciale di P.S. In quella occasione era stato colto in flagranza del reato di guida senza patente. Durante le operazioni di Polizia aveva minacciato gli agenti riferendo loro che “non avrebbero potuto più lavorare a Comiso”. Ovviamente gli agenti di Polizia continuano a lavorare nel territorio casmeneo non curanti delle minacce subite ed in attesa del processo che si terrà a breve per le minacce gravi subite.

“La Squadra Mobile di Ragusa continua l’attività di contrasto alla criminalità organizzata e diffusa in ogni parte del territorio, seguendo le direttive della Procura della Repubblica, lavorando in piena sinergia al fine di assicurare alla giustizia chi viola le leggi dello Stato italiano”.

      IL DIRIGENTE LA SQUADRA MOBILE
                        Commissario Capo della Polizia di Stato
                                                                                               Dott. Antonino Ciavola
Notizie Flash
RAGUSA - REDATTE LE NUOVE LINEE GUIDA CSEN PER LO SPORT SENZA COVID
RAGUSA - " TERRITORIO " SULL'EMERGENZA RIFIUTI
RAGUSA - ARRESTATA UNA DONNA PER FURTI NEI SUPERMERCATI DI COMISO E VITTORIA
RAGUSA - POTENZIAMENTO VIABILITA' NELLE CAMPAGNE
RAGUSA - " TERRITORIO " CON L'ON. DIPASQUALE SULLA MOTORIZZAZIONE
RAGUSA - CONSORZIO DI BONIFICA : LAVORATORI IN STATO DI AGITAZIONE.
PALERMO - APERTI I TERMINI PER " RESTO AL SUD "
RAGUSA -TRANSITO VIETATO IN VIA PATERNO' AREZZO DAL 17 AL 21 MAGGIO
RAGUSA - COMODATO GRATUITO DEL CITY
RAGUSA - L'ON. CAMPO A FIANCO DEI LAVORATORI DEL CONSORZIO DI BONIFICA
RAGUSA - ANCHE CHIAVOLA ( PD ) INTERVIENE SUI RIFIUTI
17-05-2021 11:49 - Attualità
[]
In riferimento all’articolo di Italia Viva pubblicato su testate locali, nei giorni scorsi, nonché su facebook, ritengo importante precisare a nome mio personale e per onore di verità, quanto segue :
1. Non è stato l’Amministrazione Comunale a trasferirci di sede in via Libertà, presso il centro Diurno per Minori, ma è l’esatto opposto : abbiamo chiesto noi operatrici del Centro Donna Antiviolenza di Comiso, il trasferimento in quei locali per motivi logistici, in quanto la sede di via Righi ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
16-05-2021 11:14 - Eventi
[]
Comiso, 16 maggio 2021

MARIA SS. ADDOLORATA A COMISO, UNA PIOGGIA DI PETALI DI ROSE
E IL TRADIZIONALE RITO DELLA SVELATA E’ TORNATO A RIPETERSI

Il momento più speciale. Intriso di suggestioni che affondano le radici in una tradizione antica. Così come antica è la devozione nei confronti di Maria Santissima Addolorata. E così un rito molto sentito dalla cittadinanza casmenea è tornato a ripetersi ieri sera in chiesa Madre. La svelata del pregevole simulacro settecentesco della Vergine si è tenuto...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-05-2021 19:58 - Politica
[]


Anniversario Statuto Siciliano, on. Dipasquale (PD): “Musumeci s’è dimenticato di questo appuntamento. Frutto dell’alleanza con la Lega?”

“Sono circa le 15 del 15 maggio 2021 e mentre ricorre il 75° anniversario dello Statuto Siciliano, mi chiedo e vi chiedo come mai il presidente della Regione non sia ancora intervenuto per celebrare questo traguardo?
Musumeci, che non perde occasione per apparire anche in occasioni meno importanti, deve essersi dimenticato di questa data storica. Oppure dobbi...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-05-2021 19:26 - Economia
[]
Olidata, la storica azienda di Information Tecnology nomina un messinese nel
CDA
È la giornalista Katia La Rosa
Roma, 15 05 2021 La storica azienda Olidata, leader nazionale nel settore dell'Information
Technology, ha rinnovato il proprio CDA nominando sette consiglieri, tra cui la messinese
Katia La Rosa. L'Assemblea Ordinaria degli Azionisti di Olidata S.p.A, riunita, oggi, sotto
la Presidenza di Riccardo Tassi, ha eletto il nuovo Consiglio di Amministrazione, che
resterà in carica per i prossimi ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-05-2021 11:17 - Attualità
[]
Santa Croce Camerina avrà un ‘punto di vaccinazione'. Il Sindaco: “Ringrazio l'Asp di Ragusa per aver accolto la nostra richiesta.”

A breve anche il comune di Santa Croce sarà dotato di un punto di vaccinazione per tutta la cittadinanza. L'Asp di Ragusa ha accolto la richiesta inoltrata dall'Amministrazione Barone di avere, per tutto il territorio camarinense, un punto vaccinale Covid-19, presso la palestra comunale Santa Rosalia, dove già ha ospitato il personale per gli screening. Gli utenti...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-05-2021 10:57 - Cronaca Locale
[]
Tre colpi in poche ore. All’interno di attività commerciali di Via Dandolo a Marina di Ragusa. Un’escalation di furti, nelle ore notturne, che mette a repentaglio la sicurezza degli operatori commerciali e dei residenti. Il presidente del movimento civico territorio di Marina, Angelo Laporta, ha raccolto il grido di allarme dei commercianti.

“L’ennesima ondata di furti pone in primo piano il tema mai sopito della sicurezza – denuncia Laporta - Non deve essere a carico esclusivo del singolo c...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 18:43 - Economia
[]
NASCE MULTIFIDICOFISAN. MULTIFIDI INCORPORA IL CONSORZIO FIDI SANITARIO SICILIANO, RENDENDO ANCORA PIU’ SOLIDO IL PROPRIO PATRIMONIO.

Multifidi, ha incorporato Co.fi.san, il consorzio fidi sanitario Siciliano. Il processo si è completato venerdì 14 maggio con l’approvazione definitiva durante l’assemblea straordinaria dei soci, tenuta dinanzi al notaio Maria Schembari di Ragusa, del progetto di fusione con la conferma alla guida del C.d.A. uscente di Multifidi, nelle persone di Roberto Biscot...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 14:09 - Attualità
[]
Cerimonia di consegna della struttura che ospiterà i volontari dei Vigili del Fuoco, il Sindaco: “Grazie al Comandante del VV.F. e al personale ‘volontario’ per la sensibilità verso in nostro territorio.”

Si è svolta stamattina nel piazzale del distaccamento dei Vigili del Fuoco di Santa Croce Camerina, in c.da Pezze, ka cerimonia di consegna delle chiavi della struttura che ospiterà i volontari del 115. Cerimonia cui hanno preso parte il Sindaco Giovanni Barone, l’Ing. Giovanni Distefano in r...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 12:23 - OBITUARY
[]
Carmelo Dipasquale, giovane di 21 anni, si è spento per un improvviso aneurisma, dopo essere trasportato all'Ospedale " San Marco " di Catania. Il giovane era figlio di un ex consigliere comunale, Emanuele Dipasquale.
La famiglia, rispettando la volontà del figlio, ha autorizzato l'espianto degli organi, che sono stati trasferiti in diverse città italiane, per essere donati: il cuore a Udine, i polmoni a Torino, il fegato a Roma, i reni a Padova e il pancreas a Palermo.
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
3

Visitatore Numero
1620455

totale visite
5801841

[]
16-05-2021 11:39 - Cultura & Arte
[]
Il 17 maggio apre i battenti al Centro Servizi Culturali la mostra di pittura e fotografia “Frammenti” di Karina Lukasik e Cristina Bufardeci

Aprirà i battenti lunedì 17 maggio, alle ore 17, presso la sede del Centro Servizi Culturali “Emanuele Schembari” di via A.Diaz 56, la mostra di pittura e fotografia “Frammenti” di Karina Lukasik e Cristina Bufardeci. L’evento espositivo sarà visitabile fino al 30 maggio tutti i giorni dalle 9,30 alle 13,00 e dalle 16,30 alle 20,00.
L’organizzazione...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-05-2021 10:54 - Cultura & Arte
[]
“Luci di Venezia”, composizione dell'arpista modicano Fabio Rizza, viene eseguita per l'International Harp Festival di Edinburgo in Scozia.
L'Edinburgh International Harp Festival, uno dei più prestigiosi eventi del mondo legati all'Arpa, si è appena concluso. Quest'anno, all'interno delle varie scalette eseguite in concerto da molteplici arpisti di fama internazionale, è presente anche “Luci di Venezia”, una delle composizioni dell'arpista modicano Fabio Rizza che è stata eseguita dal Maestro...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
11-05-2021 12:44 - Cultura & Arte
[]

“A TUTTO VOLUME” APRE LA STAGIONE DEI FESTIVAL CULTURALI E RICONSEGNA LE PIAZZE AI LIBRI E AI LETTORI DAL 10 AL 13 GIUGNO A RAGUSA.
Tra le novità apertura in riva al mare e iniziative per celebrare Dante

RAGUSA – “A Tutto Volume – libri in festa a Ragusa” aprirà la stagione dei grandi eventi estivi e riconsegnerà le piazze ai libri, ai lettori e agli autori. Lo farà dal 10 al 13 giugno prossimi rilanciando il desiderio di stare insieme, la volontà di condivisione, di scambio, di incontro in que...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 19:52 - Angolo della Memoria
[]
Non ci sono stati eventi, in Italia e non solo, senza la partecipazione attiva di personaggi legati alla provincia iblea e/o al Sud-Est della nostra isola. Si tratta di una sorta di " appuntamento con la Storia " di cittadini del nostro territorio, che si sono trovati in un determinato posto in un determinato momento, quando le sorti del Paese hanno presso una piega particolarmente importante.
Presenteremo, in questo articolo, la figura di un personaggio di origine netina: nato a Noto il 9 ma...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio