27 Giugno 2022

" ´GALLISMO ´ E DONGIOVANNISMO NELLA TRADIZIONE LETTERARIA SICILIANA " DI FRANCESCO EREDDIA



DELLE COSE DI SICILIA
Uomini e fatti senza tempo


Passai, e passannu la vitti abballari,
cu ‘na scarpetta di lucenti sita:
cchiù di dui voti la vulìa vasari,
vasari ‘ntra dda vucca sapurita.
Lu me’ cumpagnu mi dissi: ‘un lu fari,
cu’ vasa a donni cc’è pena di vita.
Ju cci rispusi: ‘na morti haju a fari,
pri ‘na vasata cci dugnu la vita.


Questi versi sono del poeta siciliano Antonio Veneziano da Monreale e fanno parte di una raccolta di liriche dedicate alla sua donna, Celia, e pubblicate nel 1581, cioè più di quattrocento anni fa.
Si viveva allora, in Sicilia come nel resto dell’Italia e dell’Europa, in piena atmosfera rinascimentale, e la poesia dominante era la lirica d’amore in lingua toscana modellata su quella del Petrarca e del suo “Canzoniere”. Una lirica sentimentale, fondata sulla contemplazione platonica della donna, per cui l’amore era una sorta di sublimazione intellettuale e spirituale che, attraverso la bellezza terrena incarnata dalla donna, distaccava l’anima umana dalla attrazione delle cose mondane e la trasportava verso l’intuizione dei misteri divini. In questa direzione abbiamo, ad esempio, il celeberrimo dipinto del Botticelli, la “Nascita di Venere”, in cui l’antica e pagana dea dell’amore diventava il simbolo platonico dell’aspirazione dell’anima umana al divino.

Ma Antonio Veneziano era un ‘diverso’ rispetto ai suoi tempi. Le cronache dell’epoca ce lo presentano come un violento, un sensuale, uno scialacquatore, incostante negli affetti familiari e negli amori, assolutamente sprovvisto di rispetto per le istituzioni e per gli uomini che le rappresentavano. Era un irregolare, insomma, un ribelle, un anticonformista, sempre in mezzo a disavventure e vicende giudiziarie, fin da giovanissimo.
Gli uomini come lui, in quel clima siciliano petrarchesco e toscaneggiante, preferivano il dialetto, linguaggio dei sentimenti e delle emozioni, e lo contrapponevano al linguaggio della ragione, il latino e soprattutto il toscano (cioè, l’italiano), che era la lingua del “sistema”, dell’ordine costituito, delle istituzioni (si ricordi che la Sicilia era sotto l’odiata dominazione spagnola, sostenuta dall’aristocrazia isolana, cioè dai baroni).
«Un grandi affettu – scriveva il Veneziano nella presentazione dei suoi versi d’amore per Celia – non si basta megghiu esplicari ch’in linguaggiu maternu. E cussì videmu, quann’unu è troppu ‘n còlura, o superchiu allegru, dà subbitu ne la propria sua lingua, pri struttissimu chi sia di parlari autri linguaggi».
Aggiungiamo, con un po’ d’ironia, che Antonio Veneziano da Monreale “troppu ‘n còlura”, cioè “arrabbiato”, lo era stato quasi sempre nel corso della sua tumultuosa esistenza. Esistenza conclusasi tragicamente nel 1593, quando era saltato in aria il magazzino delle polveri del Castello a mare di Palermo, sede del terribile Sant’Uffizio, cioè dell’Inquisizione. Fra le decine di vittime dell’esplosione ci fu appunto il poeta ribelle Antonio Veneziano. Se consideriamo che chi manifestava una sensualità eccessiva o un atteggiamento trasgressivo contro ogni potere costituito (ivi compreso quello ecclesiastico) era per l’Inquisizione del tempo un eretico nemico di Dio e della Chiesa, possiamo facilmente intuire quale “eretica pravità” aveva fatto piombare il Veneziano nelle tremende carceri sotterranee del Castellamare di Palermo.

Ci preme appunto in questa sede porre l’accento sulla sensualità e carnalità dell’amore quale era inteso dal Veneziano e da tanti altri poeti dialettali del Cinquecento siciliano. Una sensualità e una carnalità che si contrapponevano al conformismo platonico e idealizzante degli altri poeti siciliani seguaci della moda rinascimentale. Una sensualità e una carnalità, peraltro, che avevano antiche radici arabe:
Di ‘na finestra s’affacciàu la luna:
su’ tanti li splenduri ca mi duna.
C’eni lu Gaitu e gran pena mi duna:
voli arrinunziu a la fidi cristiana.
L’immagine della donna-luna, come il riferimento al Caìd (una sorta di funzionario islamico) e all’obbligo di rinnegare la religione cristiana per abbracciare quella musulmana, colloca questi versi nel periodo della dominazione araba in Sicilia e ci riporta a dieci secoli fa.
«Da quanti secoli – scriveva Sciascia – la luna-donna, la luna-donna amata dalla lirica araba, s’affaccia a regalare splendore, ad alimentare pensieri fantasie sogni discorsi?».


***


«Quando in un caffè di Caloria (lasciatemi chiamare così la città siciliana di cui facilmente indovinate il nome), quando in un caffè di Caloria vedete un gruppo che, d’un tratto, rimuove brutalmente il tavolo per essere più stretto intorno al narratore, e colui che sonnecchiava sgrana gli occhi, lampeggiando attraverso le lacrime del sonno non ancora asciugate, e il vecchio signore si passa fortemente la mano sulla bocca contorta, e il ragazzo di liceo tiene, come un confetto, la lingua fra i denti, e tutti sono curvi in avanti con le facce piene di sangue; allora siate certi che si parla della donna».
Il passo appartiene a un romanzo dello scrittore Vitaliano Brancati, “Don Giovanni in Sicilia”. Il romanzo è un quadro vivace e ironico di una grossa città siciliana, Catania, e dei suoi giovani abitanti, ammalati tutti di ‘gallismo’, o dongiovannismo che dir si voglia. Quadro probabilmente di un tempo che fu, giacché le trasformazioni avvenute in Sicilia nella seconda metà del Novecento hanno spazzato via anche questo modo di vivere e di essere.
Quei giovani di Brancati passavano le giornate a fantasticare di avventure d’amore e a tentare approcci, a frequentare città come Roma o celebri luoghi di villeggiatura con l’intenzione sempre frustrata di avere relazioni sentimentali. E’ un quadro divertente, ma in fondo amaro, della provincia siciliana di un tempo, fatta di megalomanie, di velleità, di frustrazioni: ma è anche l’emblema della società fascista del tempo, caratterizzata dalla faciloneria, dal velleitarismo, dai sogni di grandezza imperiale.
«Che differenza c’è – si chiede il Salinari, critico letterario – tra il gallismo puramente verbale dei giovani catanesi e la potenza puramente formale degli “otto milioni di baionette” e dei “colli fatali”?».


***


Scriveva Dominique Fernandez in un suo celebre libro, “Mar Mediterraneo”:
«Ogni volta che avvicino un siciliano, è come se affrontassi una battaglia il cui esito si presenta incerto. Con chi ho a che fare? Quale corda devo toccare? La sottigliezza greca, la brutalità punica, il fatalismo musulmano, l’orgoglio spagnolo, la furberia napoletana?».
Gli replicava Sciascia che paradossalmente è (o piuttosto, era) proprio nella donna, o meglio «nel discorrere sulla donna», cioè nel dongiovannismo «puramente verbale», che questi caratteri diversi e contrastanti dei siciliani si fondono. Il «discorrere sulla donna» rappresenta (o meglio, rappresentava) il punto d’identità, in punto in cui sottigliezza greca, brutalità punica, fatalismo musulmano, orgoglio spagnolo e furberia napoletana si fondono, il punto in cui gioia e malinconia, commedia e tragedia, slancio vitale e contemplazione della morte si fondono.
“Contemplazione della morte”. Come nei versi del Veneziano citati ad apertura di questo nostro discorso – il Veneziano artefice di un sensuale, poetico e patetico “discorrere sulla donna” -, in cui amore e morte convergono e si fondono. Perché, in fondo, il dongiovannismo era la più violenta protesta al culto della morte instaurato nel Cinquecento dalla Santa Inquisizione, soprattutto in Sicilia. Era, il dongiovannismo, un’esplosione di vitalità e di voluttà, più raccontata e pensata che vissuta realmente, da opporre al ricorrente pensiero della morte. Il piacere sottile prodotto dal “discorrere sulla donna” non può essere sostituito nemmeno dalla donna stessa, perché il piacere reale può essere limitato nel tempo, mentre quel discorrerne all’infinito dilata il piacere nel tempo e nello spazio, all’infinito.
A questo proposito, il catanese Francesco Guglielmino, letterato e poeta d’amore, disse una volta al Verga, parlando dei siciliani: «Caro Giovanni, siamo romantici!». E il Verga: «Macché romantici, figlio mio: siamo ingravidabalconi!».



FRANCESCO EREDDIA




Notizie Flash
POZZALLO - ARRESTATI TRE SCAFISTI
RAGUSA - IN ESTATE PENSIONI REGOLARMENTE IN PAGAMENTO IN PROVINCIA
SAN GIACOMO - EMERGENZA IDRICA
RAGUSA - DICHIARAZIONE DEL SINDACO CASSI' SULL'EMERGENZA RIFIUTI
IBLA - PROROGATI AL 2023 I PASS RILASCIATI NEL 2021
RAGUSA - LA CGIL E LE DISCARICHE ALLO STREMO
26-06-2022 12:57 - Politica
[]
EMERGENZA RIFIUTI, “PIANO ASSENTE”. TRINGALI E FIRRINCIELI (M5S RAGUSA) REPLICANO: “E CASSÌ HA LA FACCIA TOSTA DI INCOLPARE NOI”

“Nel mondo irreale e assurdo del sindaco Cassì, dove regna solo una posizione, la sua, chi pone domande, sollecita interventi, insomma, chi non si allinea, è un “accattone di visibilità”. E’ la democrazia, signor sindaco, anche perché la sua presunta teocrazia, nel mondo dove ha ragione solo lei, non tiene conto di un fattore: i cittadini. Glielo assicuriamo: sono in...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-06-2022 18:29 - Economia
[]
Finanziate opere per quasi 6 milioni di euro in provincia di Ragusa. Ne dà notizia l’on. Giorgio Assenza


Finanziati in provincia di Ragusa, attraverso le risorse previste per la sicurezza sismica dei luoghi di culto e il restauro del patrimonio FEC, Fondo Edifici di Culto, ben otto interventi.

Due a Comiso: riguardano Chiesa di Santa Maria delle Grazie dei Cappuccini per l’importo di 430.000 euro e la Chiesa di San Francesco dell’Immacolata per l’importo di 710.000 euro. Un altro intervento è p...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-06-2022 17:46 - Attualità
[]
La situazione dei rifiuti in tutta la Sicilia si aggrava di giorno in giorno: con l'arrivo del caldo addirittura diventa insostenibile. E' inutile nascondere il fatto che la cattiva o nulla gestione dei rifiuti rischia di trasformarsi in un " de profundis " per il governatore Musumeci e per il suo governo, incapaci di gestire la gravità della situazione, drammatica in ogni provincia. Ora si parla di trasferire i rifiuti fuori regione, con un aggravio economico non indifferente per la Regione...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-06-2022 12:20 - Politica
[]
EMERGENZA RIFIUTI, CHIAVOLA (PD): “NON SERVONO GIUSTIFICAZIONI

SERVONO SOLUZIONI. A RAGUSA LA SITUAZIONE E’ SEMPRE PIU’ GRAVE”

“Il sindaco dirà certamente che stiamo speculando sulla questione. Ma è inconcepibile quello che sta accadendo. Comprendiamo il disagio legato alla chiusura della discarica Oikos, sappiamo che occorre tenere in casa il secco indifferenziato fin quando perdura l’emergenza ma, purtroppo, non tutti lo fanno. E i centri storici si sono trasformati in microdiscariche all’ape...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-06-2022 11:35 - Attualità
[]

ANCHE A RAGUSA, PER LA PRIMA VOLTA, LA “PARTITA CON PAPÀ” di "BAMBINI SENZA SBARRE". LA CASA CIRCONDARIALE HA APERTO LE SUE PORTE PER UNA GIORNATA GENITORI FIGLI NATA CON LA COLLABORAZIONE DI “CI RIDIAMO SU”

Quest'anno per la prima volta la casa circondariale di Ragusa aderisce alla "Partita con papà" dell'associazione “Bambini senza sbarre”, grazie alla volontà e alla perseveranza dell'associazione “Ci Ridiamo Su” che si è messa a disposizione dell’istituto penitenziario e dell'area educativa...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-06-2022 10:53 - Attualità
[]
Allerta meteo: Caronte arroventa l’Italia, le previsioni meteo: prossima settimana sarà anche peggio

L’ondata di caldo africano di Caronte è appena cominciata con i primi 44°C in Sardegna e Sicilia e le temperature sono previste in ulteriore aumento durante il fine settimana. Localmente, a causa di alcuni temporali in transito, al Nord le massime stanno subendo leggere e temporanee flessioni, ma in compenso aumenta l’umidità relativa e quindi l’afa. Ma le brutte notizie non finiscono: Caronte ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-06-2022 17:45 - Economia
[]
TESTO UNICO PER IL COMMERCIO, CONFCOMMERCIO SICILIA:

“CI AUGURIAMO UNA RAPIDA APPROVAZIONE DA PARTE DELL’ARS”

Palermo – 24 giugno 2022. “Il testo unico per il commercio, esaminato dalla commissione Attività produttive dell’Ars, è un importante passo avanti, dal momento che raccoglie buona parte delle istanze delle associazioni di categoria e che consentirà una opportuna riorganizzazione del mondo del commercio che negli ultimi anni è profondamente cambiato”. Lo dice Gianluca Manenti, presidente...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-06-2022 17:35 - Istruzione e Formazione
[]
Il Ferraris intitola un laboratorio a Sebastiano Monaco

INCLUSIONE E MEMORIA

La comunità scolastica dell’Istituto Professionale “Galileo Ferraris” di Ragusa ha chiuso l’anno scolastico con due momenti significativi che rimarranno indelebili nei ricordi degli studenti, in particolar modo dei maturandi che, mentre affrontano le loro prove per l’esame di Stato, guardano agli anni trascorsi tra i banchi di scuola non dimenticando gli incontri con le persone speciali che gli sono stati compagni di...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-06-2022 13:23 - Politica
[]
Riva (Insieme per Santa Croce): “Pronti a votare Roberta Iacono alla presidenza del Consiglio. Cambia Verso faccia una scelta di rottura”

“Nel clima di rinnovamento che ha caratterizzato la campagna elettorale di Cambia Verso, e dando seguito ad alcune delle nomine assessoriali (non tutte!) formalizzate dal sindaco Peppe Dimartino, offriamo alla nuova maggioranza la nostra disponibilità a votare un presidente del Consiglio comunale che vanti alcuni pre-requisiti: cioè essere donna; essere anagr...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
23-06-2022 17:04 - Politica
[]
𝐌𝐄𝐑𝐂𝐀𝐓𝐎 𝐎𝐑𝐓𝐎𝐅𝐑𝐔𝐓𝐓𝐈𝐂𝐎𝐋𝐎 𝐃𝐈 𝐕𝐈𝐓𝐓𝐎𝐑𝐈𝐀.
𝐃𝐀𝐋 𝐂𝐎𝐍𝐒𝐈𝐆𝐋𝐈𝐎 𝐂𝐎𝐌𝐔𝐍𝐀𝐋𝐄 𝐍𝐄𝐓𝐓𝐎 𝐑𝐈𝐅𝐈𝐔𝐓𝐎 𝐀𝐃 𝐔𝐍 𝐑𝐈𝐓𝐎𝐑𝐍𝐎 𝐀𝐋 𝐏𝐀𝐒𝐒𝐀𝐓𝐎. 𝐈𝐓𝐀𝐋𝐈𝐀 𝐕𝐈𝐕𝐀 𝐕𝐈𝐓𝐓𝐎𝐑𝐈𝐀 𝐂𝐎𝐌𝐌𝐄𝐍𝐓𝐀 𝐋𝐀 𝐕𝐈𝐂𝐄𝐍𝐃𝐀.

"La maggioranza ancora una volta ha dato prova delle sue difficoltà di tenuta. Anzi, si è consumata una spaccatura netta che, a queto punto, rischia di creare grande imbarazzo sul futuro della Giunta Aiello”. E’ quanto afferma la consigliera comunale di Italia Viva, Sara Siggia, dopo il teatrino fatto di scontri interni alla maggioranza sul regolamento del...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
23-06-2022 10:47 - Attualità
[]
“90 ANNI E PIU’” PER L’ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI RAGUSA. LE CELEBRAZIONI INIZIANO DOMANI ALLA CAMERA DI COMMERCIO. FINO A SABATO INCONTRI, DIBATTITI E VISITE AZIENDALI CON ESPERTI NAZIONALI, IL SUPPORTO DEI GAL E UN PREMIO ASSEGNATO DALLA BAPR.

RAGUSA – Un compleanno speciale, festeggiato in modo speciale, con una tre giorni di eventi ed iniziative per celebrare i “90 anni e più” dell’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della provinc...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
Utenti Online
12

Visitatore Numero
1961167

totale visite
7549439

23-06-2022 11:08 - Cultura & Arte
[]
La tutela della biologia marina, la valorizzazione del pescato e la Legge Salvamare al centro di un interessante confronto promosso dal Libero Consorzio Comunale di Ragusa all’interno della terza edizione della Settimana dell’Ambiente.

L’importante evento di promozione delle strategie sostenibili legate alla pesca, in un contesto di promozione del mare e delle coste ragusane, si è svolto presso il Museo Civico di Storia Naturale di Comiso.

Il confronto, a cura della Delegazione siciliana dell...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
22-06-2022 17:55 - Cultura & Arte
[]
CONCLUSA LA SETTIMA EDIZIONE DI “3DRAMMI3”, IL FESTIVAL IBLEO DELLA TRAGEDIA GRECA. GRANDE CHIUSURA CON LO SPETTACOLO TEATRALE DI MANUEL GILIBERTI “ARIANNA NEL LABIRINTO”.

RAGUSA – Conclusa la settima edizione di “3drammi3 – il festival ibleo della tragedia greca”. Si è respirata un’aria suggestiva e particolare nei giorni scorsi tra le vie di Ragusa Ibla, il barocco ha fatto da culla alla culla stessa della civiltà. Miti e mitologia, drammi e sofferenze, divinità e destini già scritti. Giorni...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
22-06-2022 12:36 - Angolo dell´Arte
[]

Il pittore Fabio Salafia ha donato l’opera intitolata “Al di là del bosco” al Comune di Comiso. Il quadro è stato consegnato al sindaco Maria Rita Schembari dall’artista di Grammichele nell’occasione accompagnato da Salvatore Schembari. Sarà temporaneamente allocato nella stanza del sindaco in attesa di trovare una sede più adeguata, magari in una futura pinacoteca d’arte moderna che contenga le opere di artisti comisani o che con Comiso hanno avuto frequentazioni personali o artistiche.

L’ope...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
22-06-2022 12:50 - Cultura & Arte
[]
Dall’incontro di quattro voci nasce “Risveglio”, edizioni Storie di Libri. Gli scrittori impegnati in questo progetto sono Alessandro Fort, Luigina Parisi, Manuela Moschin e Pasquale Cavalera. Copertina di Pedro Lava. Versione cartacea al prezzo simbolico di € 3,66 al link amzn.to/3Gxaalz (spedizione gratuita con Prime).

Prefazione di Raffaella Scorrano.

Undici storie tracciano il disegno degli Autori: prendere consapevolezza della contingenza esistenziale in cui si è inevitabilmente immersi. S...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
21-06-2022 17:08 - Cultura & Arte
[]
L'Ufficio dello Stato Civile di Fiacca, ovvero l'odissea spaziale in un'amministrazione comunale del Val di Noto.

La trama per un romanzo di Camilleri o un film di Ficarra e Picone.

Da buon siciliano sono sempre rimasto entusiasmato, direi affascinato, dall'arguzia letteraria venata da fine intellettualità del maestro Andrea Camilleri e di quella cinematografica di Salvo Ficarra e Valentino Picone, arguzia coniugata con una comicità fondata sul sentire comune della gente e in parte nel confront...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
21-06-2022 11:39 - Cultura & Arte
[]
Pubblicata l’antologia dell’artista

Francesco Savatta

“Il Dono dell’Immagine/The Drawing Gift””

Esce oggi in libreria “Il Dono dell’Immagine” – “The Drawing Gift”, la monografia in lingua italiana e inglese delle opere di Francesco Savatta che raccoglie la produzione artistica dell’autore, dagli anni Duemila a oggi, con oltre 130 opere di collezioni private e pubbliche.

Autodidatta, fin da piccolo, Francesco Savatta segue la vocazione per il disegno e la pittura ispirandosi alla tradizione rina...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA
20-06-2022 11:59 - Rubrica DELLE COSE DI SICILIA Uomini e fatti senza tempo
[]

La granita al limone nel chiosco di Don Firili… in una Sicilia che non c’è più…

Storia, Tradizione e Ricordo di una peculiarità della nostra amata Sicilia “la Granita”

A Granita ro chioschu di Don Firili

Iu nun sacciu se esisti a filicità. Sacciu però ca esisti a granita… No passatu a brioche nun c’era e si mangiava a granita accumpagnata cu n’ filuncinu ri pani… cauru cauru, s’ancuntraunu u fuocu ro pani e a nivi ra muntagna… e accusì a jurnata a cuminciava beni…

«Chi si ricorda più della neve c...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
20-06-2022 11:42 - Cultura & Arte
[]

Al Quasimodo, “I cedri d’aprile a San Giorgio” di Giuseppe Fidone

Si chiude sabato prossimo la XVI stagione culturale del Caffè Quasimodo di Modica. L’appuntamento finale si terrà il 25 giugno alle ore 17.30 al Palazzo della cultura e sarà dedicato alla presentazione del romanzo “I cedri d’aprile a San Giorgio”.

L’autore è Giuseppe Fidone, di origini modicane, laureato in Giurisprudenza presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che ha fatto il dirigente dell’Agenzia delle Entrat...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]

invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio

cookie