16 Gennaio 2021

I " MISTERI " DI CAMARINA " DI FRANCESCO EREDDIA

D’alte virtù e d’olimpiche corone
Il dolce fiore, dono di Psaumide
E dell’instancabile suo carro,
con lieto animo accogli, o figlia dell’Oceano.
Egli la tua città ricca di popolo
Fece più grande,
o ninfa Camarina, quando di sacrifici onore rese
ai sei duplici altari degli Dei
nelle feste grandissime d’Olimpia
e con quadriga e carro ed a cavallo
nei giochi gareggiò dei cinque giorni.

Nell’estate del 456 a.C. il camarinese Psaumide, facoltoso allevatore di cavalli, asini e muli, si reca a Olimpia, in Grecia, e là partecipa ai giochi quadriennali della 82esima olimpiade. Vince strepitosamente nel celéte, la corsa con le bighe trainate dalle mule e, rientrato in patria, viene accolto trionfalmente a Camarina con cortei e banchetti. Il poeta Pindaro (518-438 a.C.), greco di Tebe ma trapiantato ad Atene, compose allora due odi olimpiche o epinici (“canti per la vittoria”), delle quali una, la IV, venne cantata da un coro di ragazze camarinesi durante il corteo trionfale e l’altra, la V, nel corso del grandioso convito cittadino. Nella sua visione profetica e mistica della vita, Pindaro vedeva nelle vittorie dell’uomo il segno tangibile della presenza divina nelle cose umane, e durante il soggiorno siciliano (prima alla corte del tiranno Gerone di Siracusa e poi di Terone d’Agrigento) accentuò gli elementi mistici della sua religiosità e delle sua poesia, entrando in contatto con le comunità orfico-pitagoriche assai fiorenti

Dopo alterne vicende - che avevano visto i camarinesi, inclini quasi per disposizione naturale all’autonomia e alla libertà, in lotta ora con Siracusa ora con Gela – nel 461 a.C. aveva avuto inizio il periodo storico più prospero per Camarina. La sua importanza economica e politica - ben simboleggiata dalla vittoria olimpica di Psaumide del 456 - raggiunse l’apogeo proprio intorno alla metà del V secolo, al punto che, come ha calcolato lo storico tedesco K.J. Beloch , la città raggiunse i 15-20 mila abitanti e, con i sobborghi (principalmente quello di Scoglitti), circa 30 mila. Tanto grande fu in quel periodo il suo peso politico e militare che, quando nell’ambito della guerra del Peloponneso fra Atene e Sparta avvenne la spedizione ateniese in Sicilia (415-13), i Siracusani, alleati di Sparta, e gli Ateniesi si contesero l’intervento e il sostegno di Camarina. Secondo lo storico greco Tucidide, la nostra colonia assunse dapprima un atteggiamento neutrale, ma poi, profilandosi sempre più certa una vittoria dei Siracusani, i camarinesi inviarono a Siracusa un corpo di spedizione costituito da 500 opliti, 300 lanciatori di giavellotti e 300 arcieri.

Il culto più diffuso - che appare, in tutta la Sicilia, esclusivo di Camarina - era quello di Atena , dea protettrice della città con il suo tempio sulla sommità del promontorio. Molto diffuso era anche il culto di Demetra e Core (Cerere e Proserpina per i latini). Il tempio - che sorgeva fuori dalle mura dell’abitato e che in età bizantina venne trasformato in una chiesa dedicata alla Madonna - costituiva un luogo di contatto fra la cultura greca e quella indigena: essendo queste dee due divinità agrarie (“spiriti del grano”, secondo la definizione degli antropologi) associate ai riti della fecondità, esse potevano essere facilmente assimilate ad analoghi riti e divinità delle religioni indigene. Nel mito, tutto siciliano, del “ratto di Proserpina”, infatti, è adombrato tutto il ciclo del grano, dalla semina (simboleggiata da Core-Proserpina, figlia di Demetra-Cerere, costretta a vivere per sei mesi all’anno sotto terra) alla lunga e lenta incubazione (Demetra-Cerere che cerca la figlia per tutta la terra), fino alla germinazione, alla maturazione delle spighe e al raccolto. La madre rappresentava la fertilità della terra e l’abbondanza delle messi, colei che, introducendo gli uomini ai segreti dell’agricoltura, aveva garantito loro l’alimentazione basilare e la vita. I riti in onore di Demetra e Core si svolgevano a Camarina a metà agosto con processioni e fiaccolate notturne, come avveniva a Eleusi, piccolo borgo a circa 20 km da Atene, dove ogni anno si celebravano i cosiddetti “misteri eleusini” con una lunga processione che partiva da Atene e lungo la Via Sacra innalzava inni a Demetra e Dioniso (dio della vite e, più in generale, della morte e resurrezione della vegetazione). Al tramonto, giunti a Eleusi, si svolgeva una veglia notturna tra fiaccole, canti e danze, fino alle prime luci dell’alba.
Successivamente il culto per Demetra fu trasferito alla Vergine con la festa della “Madonna di Cammarana”, celebrata fino ai giorni nostri a Scoglitti il giorno di Ferragosto.

Nel corso del IV secolo, invece, Camarina appare dalle fonti storiche nient’altro che una modesta alleata di Siracusa e del suo tiranno, Dionigi I. In questa fase di innegabile decadenza cominciarono a diffondersi i “misteri orfici”.
La tradizione, infatti, parla di un Orfeo (probabilmente una sorta di nome d’arte), poeta epico di Camarina, al quale viene attribuito un poemetto intitolato Discesa all’Ade. Certo è che, in un momento storico di declino dopo i fasti del glorioso passato, poteva aver facilmente presa sulla popolazione camarinese una dottrina, come quella orfica, che si rifaceva al mitico poeta Orfeo, che grazie alle sue virtù poetiche aveva potuto scendere nell’Ade per cercare di sottrarre alla morte la moglie Euridice. Quella dottrina, organizzatasi in forme associazionistiche cultuali, proponeva all’uomo una via di salvezza che, attraverso la purificazione ottenuta col distacco da tutto ciò che nella vita è materiale (potere, ricchezza, etc.), conduce alla beatitudine celeste e al ricongiungimento dell’anima, purificata dal peso carnale, con la sua origine celeste. Elementi essenziali erano in questa dottrina i simboli dell’acqua e delle sorgenti: l’acqua lustrale era simbolo di purificazione, come lo sarà peraltro anche nei riti cristiani. In una città che fin nel nome si richiamava a una ninfa fluviale o di sorgente (la “ninfa Camarina” invocata da Pindaro nella sua ode), era inevitabile che gli strati sociali più colpiti da quella profonda crisi (politica, economica e spirituale) si rivolgessero a una religione sommersa e “popolare” capace di offrire la speranza di un superamento futuro di quella precaria e lacerante realtà.
Le idee di base della dottrina orfica sono state ricostruite attraverso le laminette d’oro appese al collo dei defunti, che servivano da viatico per assicurare al morto il successo nel viaggio ultramondano e la difesa contro le potenze infernali. Queste laminette con su incise delle formule rituali sono state trovate prevalentemente nell’Italia meridionale, area con la quale Camarina intratteneva fin dal V secolo rapporti commerciali esportandovi soprattutto il suo vino “Mesopotamium”, antenato dell’odierno “Cerasuolo di Vittoria”. In quelle lamine il defunto viene paragonato a un agnello sacrificale (elemento simbolico di derivazione dionisiaca, che qualche secolo dopo ritroveremo nel Cristianesimo), e viene invocata Mnemosyne, la dea della Memoria, perché aiuti l’anima a ricordare, dopo la reincarnazione, le vite precedenti.
Appartiene a questo clima politico e culturale camarinese un’iscrizione funeraria di calcarenite rinvenuta a Passo Marinaro, studiata, datata, decifrata e tradotta da un insigne grecista vittoriese, Virgilio Lavore. L’epigrafe è dedicata a una donna morta in giovane età, Ippò, il cui nome richiama una ninfa fluviale o di sorgente. L’iscrizione suona così nella suggestiva traduzione poetica di Virgilio Lavore: “Ippò, che onorò la Saggezza e venerò la Giustizia, / Ippò, nel fiore degli anni, il respiro lasciò della vita”. “Non è improbabile - afferma Lavore nei suoi studi di ricostruzione - che la mitica Ippò venisse considerata una ninfa fluviale o, meglio, una ninfa di sorgente e, come tale, fosse accolta nella toponomastica camarinese, a dar nome a una delle numerose fonti che convogliano le loro acque nell’alveo del fiume di Camarina. E’ solo un’ipotesi, ma se l’esistenza di tale nome trovasse un concreto e documentato riscontro topografico, non sarebbe allora illegittimo supporre che nell’olimpo camarinese la ninfa Ippò avesse un culto e, per conseguenza, non poche donne, a Camarina, ne portassero il nome. Ciò renderebbe meno sorprendente il fatto che, in una zona così povera di reperti sepolcrali, ce ne sia pervenuto proprio uno in cui il nome della defunta richiama inevitabilmente il nome del fiume Ippari.”.
A queste acute e profonde osservazioni di Lavore, e alle altre relative alle virtù orfiche della “Saggezza” e della “Giustizia” e agli ambienti orfici camarinesi, ci permettiamo di aggiungere che nelle laminette d’oro, di cui prima si è detto, frequenti sono i simboli dell’acqua e delle sorgenti. In una di esse, ad es., rinvenuta in Calabria e attribuita al IV sec. a.C., c’è la seguente iscrizione: “E troverai a sinistra delle Case di Ade una fonte / e ad essa vicino un bianco cipresso; / a questa sorgente guardati dall’accostarti. / Ne troverai un’altra, di Mnemosyne del lago / fredda acqua scorrente…”. L’acqua lustrale, simbolo di purificazione, era un elemento essenziale nei riti orfici, come lo sarà peraltro in quelli cristiani. Si tratta di indizi - frammentari, labili ma assai suggestivi - di una religiosità “popolare” sommersa che, in un momento di profonda crisi collettiva (politica, economica e spirituale) dell’intera comunità camarinese, offriva alla gente la speranza di un aldilà di oblio e di pace.


FRANCESCO EREDDIA



Notizie Flash
RAGUSA - VACCINAZIONI ALLE PERSONE ANZIANE A DOMICILIO
RAGUSA - CHIAVOLA ( PD ) E LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI
RAGUSA - DAL 14 AL 17 GENNAIO TAMPONI PER ALUNNI E DOCENTI
RAGUSA - INCONTRO TRA ASS. VITTIME DEL SALVABANCHE E LA PROCURA
RAGUSA - IL CSC " SCHEMBARI " E IL " S.V. FERRERI " PER LA CULTURA
RAGUSA - NEI PRIMI 9 MESI DEL 2020 IL 10% IN MENO DI IMPRESE RISPETTO AL 2019
IBLA - RIQUALIFICAZIONE DEL BELVEDERE SOPRA SAN GIORGIO
RAGUSA - IL 16 GENNAIO ATTIVO IL PRESIDIO DI PROTEZIONE CIVILE
RAGUSA - FIRRINCIELI ( M5S ) SULL'IMPIANTO TMB DI CAVA DEI MODICANI
RAGUSA - TROPPI RANDAGI IN ZONA SELVAGGIO
MARINA DI RAGUSA - DAL 19 GENNAIO MERCATINO IN VIA CABOTO
16-01-2021 16:50 - Attualità
[]

AL “MAGGIORE” DI MODICA TUTTI VACCINATI GLI OPERATORI SANITARI:

756

“Un gruppo di lavoro straordinario che ha dimostrato un forte impegno per vaccinare i colleghi nel minor tempo possibile.”

Ragusa, 16 gennaio 2021 – Nel presidio ospedaliero di Modica si è completata la vaccinazione degli operatori sanitari, per un numero di 756 soggetti.

«Abbiamo vaccinato il 95% dei dipendenti degli ospedali riuniti Modica Scicli -ha dichiarato il dott. Pietro Bonomo, direttore sanitario dei PP.OO. - e...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
16-01-2021 12:04 - Economia
[]
Ragusa, lì 16 gennaio 2021
Agli Organi di Informazione
Loro Sede

Dissenso per l’atto del Comune di Comiso sul fabbisogno del personale. Dipendenti esclusi dai benefici
Disponibili ad un ulteriore confronto. Fernandez: “ La Giunta non ha tenuto conto delle nostre proposte”

Sul Piano del fabbisogno del personale adottato dalla Giunta municipale di Comiso (atto n° 252 del 29 dicembre u.s.) si registra il pieno e convinto dissenso da parte della FP CGIL di Ragusa e si invita l’Amministrazione a rivede...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-01-2021 11:55 - Politica
[]
A pochi giorni dal suo arrivo nella giunta regionale, il coordinatore provinciale di Forza Italia Ragusa, Giancarlo Cugnata, ha avuto il piacere di incontrare e confrontarsi con il neo assessore all'agricoltura Toni Scilla, nome e volto di Forza Italia. E' stato uno scambio di vedute molto interessante, con una persona fidata e di esperienza che, da imprenditore, conosce bene il settore e le sue numerose problematiche.

“Ho insistito per incontrarlo subito – afferma Cugnata - perchè credo che ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-01-2021 11:29 - Attualità
[]


Pavimentazione A18: chiusa per una notte l’uscita Paesi Etnei

Dalle ore 20:00 di sabato 16 e le ore 10:00 di domenica 17 gennaio, sarà chiuso al transito veicolare lo svincolo “Paesi Etnei”, nei pressi del piazzale della barriera di San Gregorio di Catania dell’autostrada A18 Messina-Catania, in direzione Messina. La chiusura consentirà nella notte lo svolgimento dei lavori di pavimentazione stradale, curati dall’impresa Edilap, già programmati nell’accordo quadro annuale di manutenzione....
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-01-2021 12:27 - Attualità
[]
Il Comune di Comiso attraverso il coordinamento della Fondazione San Giovanni Battista presenta due progetti di servizio civile per un totale di ventotto posti destinati a giovani disoccupati: “Pedibus percorsi di buona scuola” e “Comiso: comunità attiva per la cultura”.
Il progetto “Pedibus percorsi di buona scuola” trova nella valorizzazione del volontariato al servizio della collettività e delle emergenze educative e sociali dei minori che in essa insistono la sua finalità principale. Il gi...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-01-2021 11:54 - Politica
[]

UN VIAGGIO ASSIEME L’AMICIZIA CI LEGA
LA SICILIA E SIRACUSA CRESCONO

Quello siglato oggi, è un percorso di assieme che si certifica, che mette nero su bianco la storia di un’amicizia personale e di una stima reciproca da sempre con l’on. Vincenzo Vinciullo. La condivisione di anni di politica che abbiamo vissuto, nel centrodestra e che, per entrambi, si è mossa, si muove e continuerà a muoversi sul solco dell’idea che ha come obiettivo il Territorio, la sua centralità, la sua valorizzazione e ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-01-2021 15:59 - Attualità
[]
IL GRUPPO POSTE ITALIANE CONSEGNA IL VACCINO MODERNA
ALLE STRUTTURE SANITARIE SICILIANE

È Poste Italiane, tramite il suo corriere espresso Sda, a distribuire in tutta Italia la prima fornitura del vaccino “Moderna” arrivato ieri mattina presso l'Istituto Superiore di Sanità. In Sicilia le consegne sono state effettuate presso 5 strutture presenti nelle province di Caltanissetta, Catania, Messina, Ragusa e Siracusa.
L'Azienda, che già da tempo collabora con il Commissario Straordinario, ha attre...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-01-2021 15:48 - Attualità
[]
Consegnati a Donnafugata i lavori di realizzazione del Museo del Contadino

Alla presenza del Sindaco Peppe Casssì, del vice sindaco con delega allo sviluppo economico Giovanna Licitra, dell’assessore ai lavori pubblici Gianni Giuffrida. dell’assessore alla cultura Clorinda Arezzo, del presidente del Consiglio Comunale Fabrizio Ilardo e dei tecnici comunali che hanno redatto il progetto, sono stati consegnati stamane all’impresa aggiudicataria i lavori di recupero degli immobili comunali anti...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-01-2021 11:17 - Attualità
[]
Tutte le disposizioni da seguire
con il territorio inserito in zona gialla, arancione o rossa
Una lettera ai sacerdoti
dell’amministratore apostolico della Diocesi
monsignor Sebastiano Roberto Asta
e del Collegio dei Consultori
«Contiamo sul vostro prudente discernimento
e sul coinvolgimento attivo delle comunità cristiane»

L’amministratore apostolico della Diocesi di Ragusa, monsignor Sebastiano Roberto Asta, ha inviato una lettera a tutti i sacerdoti della Diocesi di Ragusa. La lettera, concordata ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-01-2021 10:59 - Attualità
[]
Gallerie, nuovi limiti in ottemperanza alle direttive europee

In conformità alla direttiva di sicurezza emanata dalla Commissione Europea per l’intero territorio continentale, che ha per oggetto tutte le gallerie autostradali superiori ai 500 metri di lunghezza, adesso anche su cinque tunnel della A18 Messina-Catania e diciotto della A20 Messina-Palermo vige il limite di velocità di 80 km/h, il divieto di sorpasso e l’obbligo di distanziamento minimo di 100 metri tra i veicoli in transito.

Aut...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
12-01-2021 18:21 - Cronaca Locale
[]
Una donna di 45 anni, per cause ancora da accertare, è caduta da un'altezza di 10 metri, dal balcone del proprio appartamento, sito in via Mario Battaglia, a Comiso. Le condizioni della donna sono apparse subito gravi, tanto da richiedere il trasferimento al " Trauma center " di Catania. Durante il tragitto, nella tarda mattinata, la donna è deceduta. Sull'episodio sono in corso le indagini delle forze dell'ordine.
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
12-01-2021 12:54 - Politica
[]
Il vice sindaco, Roberto Cassibba, con delega ai lavori pubblici, racconta i primi due anni e mezzo di attività amministrativa. “E’ un atto di trasparenza politica verso la città, dire quanto sia stato fatto in soli 30 mesi dall’insediamento dell’amministrazione Schembari e, al contempo, fare chiarezza su alcuni punti”.
“ Non essendo mai stata mia abitudine prendermi il merito di lavori cominciati con amministrazioni precedenti, tuttavia portate a completamento per continuità amministrativa, è...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
8

Visitatore Numero
1580510

totale visite
5408884

[]
15-01-2021 11:16 - Cultura & Arte
[]
Punto Dritto, L'isola che c'e', la CGIL Sicilia e la CGIL Trapani, riaccendono i
fari della discussione pubblica con l'evento “Costruttori di Umanità”, programmato
per venerdì 15 gennaio alle 21:00 sulla piattaforma zoom. Moderato da Jana
Cardinale, si alterneranno negli interventi personaggi di primo piano e protagonisti
nello scenario delle migrazioni e della sicurezza. Siederanno a questa tavola rotonda
virtuale Alfio Foti dell’Isola che c’è; Alfio Mannino Segretario generale della CGIL
Sicilia; ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-01-2021 11:08 - Cultura & Arte
[]
Alla ricerca dell'Ostensorio perduto dei Conti di Modica (Henriquez Cabrera).

L'Ostensorio del SS. Corpo di Cristo per la Chiesa di San Giorgio di Modica.

Presso la Chiesa Matrice di San Giorgio di Modica esistono ben tre Ostensori del SS. Corpo di Cristo realizzati tra la fine del XVII secolo e l'inizio del XIX. Tra i tre, seppur il più ricco e bello possa sembrare quello del 1830, dorato e con una moltitudine di pietre preziose e con l'emblema dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio, donato ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
17-12-2020 18:40 - Cultura & Arte
[]
La ri-scoperta della chiesa proto-cristiana/bizantina di Sant'Alessandra a Modica.

Un briciolo di storia patria trascurata nei secoli e dimenticata dalla comunità modicana.

Devo ringraziare gli amici Maurizio Pulvirenti e Alessandro Caruso, se oggi anche io sono stato ammesso tra coloro che si sono indegnamente appropriati di una piccola fetta di storia patria modicana, riscoprendo parti di una memoria comunitaria per secoli dimenticate e travolte dalla nascita di mitologie strumentali e oggi e...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio