27 Gennaio 2022
Categorie
percorso: Home > Categorie > Attualità

IL CORSIVO - " IL VESCOVO POETA E CANTERINO: MONS. STAGLIANO´ "

mons. Staglianò, vescovo di Noto
Le recenti esibizioni canore di Mons. Staglianò, Vescovo di Noto

IL VESCOVO POETA E CANTERINO

Durante alcune assemblee liturgiche a Noto e a Scicli, in occasione della Settimana Santa, il Vescovo Antonio Staglianò ancora una volta è riuscito a stupirci. Chiariamo subito che Staglianò non ci è mai piaciuto e non siamo mai riusciti a vedere nella sua figura quella di un successore degli apostoli e di un pastore attento alle reali esigenze del gregge che gli è stato affidato. Ma queste sono considerazioni personali relative ad una tematica seria e profonda qual è quella della Fede e pertanto devono restare nell´intima dimensione della nostra coscienza. Più che di ponderata analisi della sua azione pastorale si tratta di semplici sensazioni, per cui sarebbe sciocco e di pessimo gusto pretendere di conoscere ciò che si agita nella mente e nell´animo di un´altra persona, sia essa un Vescovo sia l´ultimo degli emarginati.
Quel che invece vogliamo sottoporre all´attenzione dei nostri Lettori è il suo modo di apparire e certi atteggiamenti che poco si confanno a chi ha il compito di governare una diocesi. Avevamo già espresso non poche perplessità sulla opportunità di presenziare, presso il Caffè Letterario Quasimodo di Modica, alla presentazione di un suo libro di poesie, ma, da un po´ di tempo, quella che a noi sembra una inopportuna ansia di protagonismo lo sta conducendo - al di là del plauso ottenuto da chi non sa andare oltre una visione superficiale dei fatti - ad intraprendere un percorso che potrebbe rivelarsi dannoso e controproducente. Siamo perfettamente d´accordo sul fatto che un Vescovo debba liberarsi di quell´alone di "sacralità" che troppo spesso - anche quando non è giustificato dalla vita - ha circondato i pastori della Chiesa; siamo d´accordo che debba scendere dal trono ed essere uomo tra gli uomini, ma ciò va fatto nel modo in cui il più importante tra i Vescovi - quello di Roma - lo sta facendo. Scendere dal piedistallo significa dare segni concreti di sentirsi realmente ultimo fra gli ultimi, e in questo senso Papa Francesco sta davvero incarnando gli insegnamenti di Cristo. Il suo stare dalla parte dei bisognosi, dei poveri e degli emarginati non è per lui soltanto un assunto teologico o una scelta di ordine pastorale, è una scelta di vita, è un´esperienza quotidianamente vissuta e sofferta: è una parola che si fa vita.
Abbandonare un atteggiamento distaccato ed esageratamente ieratico è ciò che si chiede oggi ai pastori della Chiesa, ma cantare le canzoncine di Noemi e Mengoni, come recentemente ha fatto il Vescovo di Noto, in occasione della Settimana Santa, è davvero tutt´altra cosa! E non è la prima volta che ciò accade! In occasione della Giornata della Gioventù organizzata ad Ispica nel 2014, parlando ai giovani, citò una canzone di Noemi ed una di Vecchioni. Ma se proprio si avverte l´esigenza, quando ci si rivolge ai giovani, di non fermarsi solo alla Sacra Scrittura, perché citare i testi delle canzoncine, e non affidarsi invece alle voci più alte della letteratura del Novecento o di quella contemporanea? Staglianò afferma che su whatsapp - il nostro Vescovo oltre a non saper fare a meno delle canzoncine dimostra di non sapere neanche rinunciare alla tecnologia tanto diffusa tra i ragazzi - gli arrivano dei link di giovani che lo invitano ad ascoltare brani che "sembrano scritti da Gesù": tra questi "Guerriero" di Marco Mengoni!
A quando il processo di beatificazione di questo ragazzo che, tra l´altro, visto lo spessore musicale suo e delle sue canzonette, durerà ancora qualche stagione per poi finire nell´oblio, come è giusto che avvenga per coloro che sono musicalmente mediocri: artisti costruiti in laboratorio da astuti discografici che sanno bene di aver fabbricato delle meteore. L´anno scorso, invece, il nostro Vescovo, in occasione della Veglia Pasquale, trasse ispirazione dai testi delle canzoni di altri due "mostri sacri" della musica moderna: Nek e Arisa. Manco quei testi li avessero scritti Ungaretti e Quasimodo!
Ma, tralasciando i gusti musicali di Staglianò, che, per quanto riguarda la musica leggera, sono in verità assai deludenti, riteniamo che questo giovanilismo esibito con tanta disinvoltura non approdi a nulla. L´unico risultato che il Vescovo potrà ottenere è quello di apparire simpatico e alla mano: ci sembra veramente poco; tra l´altro, un Vescovo, a nostro parere, dovrebbe rifuggire dal protagonismo e porsi obiettivi ben più pregnanti. Viviamo in una società che ha da tempo smarrito la strada dell´essere per intraprendere quella deleteria e inutile dell´apparire; la società del grande fratello e dei talent show che costruisce divi di cartapesta che si convincono di essere bravi - come il nostro Mengoni - perché una massa di utili idioti, indottrinati da tv e giornali compiacenti, va ad applaudirli e osannarli, manco ci fossero, sul palco, i Beatles o Bob Dylan.
Non ci sembra poi educativo proporre ai nostri giovani, come modelli, personaggi in cerca di popolarità e che accumulano quattrini senza aver conosciuto il valore della fatica quotidiana. Nel Liceo dove insegniamo, noi e tanti nostri colleghi, facciamo di tutto per far capire ai nostri ragazzi che nella vita occorre guardare all´essenziale, che il futuro lo si costruisce col sudore della fronte, con l´impegno quotidiano nello studio e in altre attività serie e formative.
Ci sembra assurdo che sia proprio un Vescovo a rischiare di vanificare - in buona fede, questo non si discute - il nostro lavoro: lasci perdere, dunque, le canzonette e i burattini che le cantano e proponga ai giovani ben altri modelli, che non mancano nella realtà ecclesiale e in quella laica.
Viviamo in una società che non sa più distinguere chi vale per ciò che è da chi conta qualcosa per quel che appare; una società che non premia più chi nella vita ha coltivato interessi alti ed ha studiato con passione e dedizione, e gratifica invece i mediocri, che acquisiscono titoli senza averne merito, sol perché anziché gli studi hanno coltivato le amicizie giuste. E´ inutile nasconderlo: questa società è malata perché i popoli sono diventati masse e ciascuno pensa con la testa del gruppo cui appartiene e non con la propria.
Un intreccio perverso di ideologie pseudo progressiste e capitalistico-borghesi e di squallidi interessi economici ha convinto l´Occidente che siamo tutti uguali (annullando le differenze etniche, sessuali e culturali), che dobbiamo essere tutti belli e sani, che dobbiamo irrobustire i nostri muscoli (mentre lasciamo appassire i nostri cervelli) che dobbiamo accumulare quattrini e indossare biancheria griffata se vogliamo contare qualcosa e altre simili idiozie. In altre parole, la serietà (quella del pensare e del vivere) è scomparsa dal nostro orizzonte.
La Chiesa cattolica, a nostro parere, potrebbe essere, da questo punto di vista, un baluardo a difesa della intelligenza minacciata da questa dilagante demenza: i giovani hanno bisogno di trovare in essa quella serietà che non possono più trovare nel mondo. Non è con le canzoncine che un Vescovo può rispondere a questo bisogno di senso di cui i nostri giovani hanno bisogno e come docenti sappiamo bene quanto impellente sia tale necessità. Il nostro Vescovo potrà ottenere qualche applauso e qualche sorriso di compiacimento, cioè nulla!
Se vuole coinvolgere i giovani - e certo non dubitiamo che questo sia il suo apprezzabile intento - lasci perdere Nek, Arisa e Mengoni e dica ai giovani la verità - gliela dica con le parole e con l´esempio - anche se dura e difficile da accettare: e cioè che la vita è una cosa tremendamente seria! E´ giusto che i giovani nutrano speranze, credano nell´amore e nell´amicizia, ma occorre dire loro che la vita, a volte, è anche delusione, sofferenza e solitudine, e che la fede in Dio, quando è autentica, può riempire di senso questi aspetti oscuri e talvolta umanamente incomprensibili dell´esistenza umana. Molti di quei ragazzi, come il giovane ricco del Vangelo, se ne andranno, ma quelli che resteranno lo faranno con autentica convinzione. Se così non è, si rischia di cadere nel proselitismo, che, com´è noto, non è mai servito a nulla!"
pubblicato sul numero di aprile 2015 di " Dialogo" direttore Piero Vernuccio
studies coordinated by federal techncians




ISCRIZIONI APERTE PER CORSI CON ISTRUTTORI FEDERALI
Notizie Flash
MODICA - INTERROGAZIONE DI CASTELLO E SPADARO ( PD) SULLE EDICOLE CIMITERIALI
RAGUSA - SPOSTATI AL 10 FEBBRAIO I TERMINI PER IL SERVIZIO CIVILE
RAGUSA - ALL' "ECCE HOMO " MANCA L'ASCENSORE: LA DENUNCIA DI " AREA IBLEA "-
RAGUSA - IN PAGAMENTO DAL 26 GENNAIO LE PENSIONI DI FEBBRAIO
RAGUSA - TRASFERITO AL CENTRO ASI L'HUB PEDIATRICO
MODICA - ALLARME GELO
RAGUSA - DAL 15 FEBBRAIO OBBLIGO VACCINALE PER ACCESSO AGLI UFFICI COMUNALI
PALERMO - IL 29 GENNAIO MANIFESTAZIONI DI CASA POUND CONTRO IL GOVERNO DRAGHI
RAGUSA - IL COMUNE ATTIVA IL PORTALE j- CITY. GOV
VITTORIA - MENSA PER ALUNNI SCUOLA DELL'INFANZIA E PRIMARIA
RAGUSA - CONTROLLO DEL TERRITORIO DI RAGUSA E COMISO DA PARTE DELLA POLIZIA
[]
26-01-2022 10:23 - Attualità
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
25-01-2022 10:54 - Attualità
[]
LA CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI INCONTRA IN VIDEOCONFERENZA I VERTICI ASP E IL SINDACO DI RAGUSA PER FARE IL PUNTO SULLE CORSIE PREFERENZIALI DA ATTUARE NEGLI HUB AI FINI DELLA VACCINAZIONE DEGLI ALUNNI DELLE SCUOLE SUPERIORI

Incontro ieri pomeriggio tra la Consulta provinciale degli studenti, unitamente alla Consulta giovanile di Pozzallo e a una delegazione della Consulta giovanile di Ragusa, con i dirigenti dell’Asp di Ragusa, Carmelo Lauretta e Giuseppe Patriarca. Erano presenti anc...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
25-01-2022 10:27 - Attualità
[]
RIAPRE IL BAR DEL CORSO, RAGUSA IN MOVIMENTO: “UN BUON SEGNALE

MA PURTROPPO UNA RONDINE NON FA PRIMAVERA E CONTINUA ANCORA

LA DESERTIFICAZIONE COMMERCIALE IN MOLTE PARTI DEL CENTRO STORICO”

Un segnale di speranza. E’ quello che arriva dalla riapertura dello storico Bar del Corso di corso Italia a Ragusa. Dopo 43 anni di attività, aveva chiuso i battenti nelle settimane scorse. Ora, la riapertura a cura di un addetto ai lavori, Salvatore Ragusa, che ha deciso di investire, dopo esperienze anche a...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-01-2022 12:50 - Politica
[]
Acqua inquinata a Marina di Ragusa, Calabrese (PD) replica all’assessore Giuffrida

“E’ incredibile notare con quale tranquillità membri dell’amministrazione comunale di Ragusa si siano specializzati nell’arte del minimizzare qualsiasi problema, riducendolo a fatto transitorio, mentre ogni mancanza amministrativa viene giustificata con il tentativo di far passare ogni azione ordinaria dell’amministrazione come straordinaria. L’assessore Giuffrida, tra tutti, è un vero fuoriclasse in questa disc...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-01-2022 10:20 - Politica
[]
IL TRATTO DELLA SS 115 CHE ATTRAVERSA VITTORIA RESTITUITA DAL COMUNE ALL’ANAS, IL CONSIGLIERE SCUDERI: “E’ UN BENE O UN MALE? NON POSSIAMO DISCUTERNE PERCHE’ NESSUNO LO COMUNICA AL CIVICO CONSESSO”

“Il sindaco, con cui è diventato pressoché impossibile interloquire, visto che non si è ancora presentato neppure una volta in Consiglio comunale, ci ha fatto sapere, utilizzando i canali social non istituzionali ma quelli personali, anomalia più volte rilevata, che il tratto della Ss 115 che attrav...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-01-2022 18:30 - Attualità
[]
Per il comitato Ragusa al Centro i ritardi nella riapertura del Museo Archeologico assumono aspetti assai delicati e imbarazzanti
Per una scala di sicurezza esterna che il Comune ritarda a fornire e installare, il Museo Archeologico di Ragusa continua a restare chiuso.

Evidentemente, all’Ufficio Tecnico non tutti sono efficienti come vorrebbe far apparire il Sindaco Cassì.

Della questione si interessa il comitato Ragusa al Centro che riceve continue richieste di chiarimenti sul perché dell’insan...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-01-2022 18:18 - Attualità
[]
Sequestro stabilimento balneare Sabir e buonsenso

17 gennaio 2022, l’intervento della capitaneria di porto di Pozzallo ha messo sotto sequestro penale lo chalet Sabir sulla riviera di ponente di Donnalucata: un atto giudiziario dovuto e non solo…
Il provvedimento, motivato dalla presenza sulla spiaggia della struttura oltre i termini della concessione (30 settembre ‘021) rappresenta per i cittadini a cui sta a cuore la tutela dei beni della collettività un atto che va oltre il semplice interven...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-01-2022 11:50 - Economia
[]
UIL-UILTEC: “Vertenza Pfizer Catania, lavoratori in sciopero il 4 marzo. E il 3 febbraio l’azienda potrebbe sciogliere il mistero sul piano industriale”

“Non c’è un motivo perché Pfizer lasci Catania. Anzi, ci sarebbero tante ragioni perché raddoppi. Per questo, aspettando l’incontro con i sindacati di categoria annunciato dalla multinazionale per il 3 febbraio, Uil e Uiltec assicurano sin d’ora pieno sostegno allo sciopero che i rappresentanti sindacali Rsu di Uiltec Uil insieme con Filctem C...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
[]
21-01-2022 12:47 - Attualità
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
Categorie
Utenti Online
4

Visitatore Numero
1854200

totale visite
6987671

ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
Categorie
26-01-2022 09:51 - Attualità
[]
Come possiamo pretendere che un libero professionista possa rialzarsi?

Chi ha un'attività in questi due anni ha patito più di tutti la crisi causata dal covid poiché non ha potuto lavorare a pieno regime.

Adesso, malgrado sia ancora in atto il green pass, si sta cercando di ripartire, ma quei poveri commercianti o ristoratori non possono essere lasciati in pace.

Mi riferisco in particolare agli aumenti dell'energia elettrica. Mi ha colpito leggere un post di una nota ristoratrice modicana (non...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
25-01-2022 11:01 - Cultura & Arte
[]
Il Collettivo Con-Tatto torna in scena per la giornata della memoria con lo spettacolo Numero ventiquattro. Sabato 29 gennaio alle ore 19 presso Palazzo Fidone in via Senatore Caruso 1 a Comiso il gruppo di attori vittoriesi metterà in scena un momento teatrale per sottolineare l'importanza del ricordo. Da in'idea di Cinzia Aronica e Francesco Savarino, con Federica Antoci e Carmelita Lombardo. "Perché i nostri nipoti siano sempre quella farfalla gialla che vola sopra i fili spinati "
Liliana ...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-01-2022 17:48 - Cultura & Arte
[]
“NATI IN BIANCO E NERO”, IL RICERCATO OMAGGIO ALLA COMICITA’ D’ALTRI TEMPI. CON EMANUELE PUGLIA E COSIMO COLTRARO AL TEATRO GARIBALDI DI MODICA IL 29 E 30 GENNAIO

MODICA (RG) - Il mese di gennaio si chiude con una commedia-varietà al Teatro Garibaldi di Modica. Con un doppio appuntamento sabato 29 alle ore 21 e domenica 30 gennaio alle ore 18.30 il duo comico composto da Cosimo Coltraro ed Emanuele Puglia porta in scena “Nati in bianco e nero”, uno spettacolo d'altri tempi che rievoca sketch e...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-01-2022 17:35 - Cultura & Arte
[]
“L'arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Vano delle scene il diletto ove non miri a preparar l'avvenire”.
STAGIONE TEATRALE 2022 - Bellezza, cibo per l'anima

Sarà l'“Ennio Morricone Tribute”, grande omaggio all'indimenticato genio del’900 musicale italiano, ad inaugurare, sabato 12 febbraio 2022 alle ore 21,00, la stagione del Teatro Placido Mandanici, che si comporrà di dieci eventi di valore e che comprende tutte le arti: dalla lirica al balletto, dalla prosa alla classica, dalle colonne...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA
24-01-2022 13:11 - Rubrica DELLE COSE DI SICILIA Uomini e fatti senza tempo
[]
Le Teste di Moro In Sicilia tra storia e leggenda

"O Bedda Signurina ch’hai di latti la camissa – Si Bianca e russa comu la cirasa – Quannu t’affacci fai
la vucca a risa – Biato cui ti dà lu rpimu vasu! – Ntra la porta tua lu sangu è sparsu – E nun me
porta se sugnu saracinu niuru e si muoru uccisu… - e s’iddu muoru e vaju mparadisu- Si nun ce
truovo a ttia – mancu ce trasu."

In una gita al Castello di Donnafugata con i miei compagni di associazione cattolica denominata
“Aspiranti” capeggiata dal s...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-01-2022 12:02 - Cultura & Arte
[]
Giorno 28 Gennaio 2022 alle 18.30 presso l'Ente Liceo Convitto per il secondo incontro di "Voci di Donne" Il viaggio interiore di Marinella Tumino .Conduce Teresa Floridia.
Ingresso gratuito.

La segreteria.
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
21-01-2022 12:31 - Attualità
[]
L’accoglienza di Mustafà in Italia

La formazione di un essere umano è una cosa bellissima, come ben sappiamo uno dei tanti spermatozoi si inserisce nell’utero materno viene fecondato e pian piano si crea un essere umano.

La vita è sempre bellissima da vivere, ma delle volte purtroppo si nasce con delle “mancanze” che ti precludono di viverla al meglio. Se poi nasci in Siria ove da anni vi è in atto una guerra civile assurda, vivere con delle disabilità è ancora più complicato.

È il caso di Musta...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
20-01-2022 11:34 - Cultura & Arte
[]
DUE FINE SETTIMANA DI GRANDE TEATRO TARGATI COMPAGNIA G.O.D.O.T. CON LA MESSA IN SCENA DELL’OPERA DI ARIEL DORFMAN “DALL’ALTRA PARTE”. DAL 21 AL 23 E DAL 28 AL 30 GENNAIO ALLA MAISON GODOT DI RAGUSA CON UN VIAGGIO IN QUEI CONCETTI DI APPARTENENZA E SEPARAZIONE RESI SAPIENTEMENTE ATTUALI GRANDE DRAMMATURGO CONTEMPORANEO

RAGUSA – Prosegue la sedicesima edizione della rassegna teatrale Palchi Diversi a cura della Compagnia G.o.D.o.T. di Ragusa con due fine settimana all’insegna del gran teatro. A...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-01-2022 11:00 - Eventi
[]
Ragusa, 18 gennaio 2022

ALICE CANTA BATTIATO, GRANDE EVENTO IL 22 APRILE AL DUEMILA DI RAGUSA

PROMOSSO DA MARCELLO CANNIZZO AGENCY E FILIPPO ANGELICA EDITORE

Arriva anche a Ragusa un concerto speciale, un evento unico pensato solo per alcuni teatri. Un appuntamento che andrà a celebrare questo tour cominciato l’anno scorso e che ha consacrato Alice come l’unica grande interprete della musica e delle parole di Battiato. Alice riesce ad omaggiare l’artista siciliano con autenticità ed eleganza, si...
icona per inviare a un amico [icona per stampare] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]

invia ad un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio

cookie