22 Novembre 2019

" IL GATTOPARDO FRA REALTÀ E MEMORIA " DI FRANCESCO EREDDIA

Palma di Montechiaro Palazzo ducale nel XVII secolo
« Quando Palma, la sua realtà, i suoi problemi, le sue pene, le sue malattie, quando questo paese viene raccontato dallo scrittore e figurato dall´artista; quando questa realtà viene rappresentata con la forza del sentimento e dello stile, non può essere ignorata e dimenticata. La coscienza della nazione e del mondo avrà davanti il paese com´è, le sue strade, le sue case, i suoi contadini, i suoi bambini e le donne, la loro fame e i loro mali ».

Nell´aprile del 1960 si svolse a Palma di Montechiaro un Convegno sulle condizioni di vita e di salute in zone arretrate della Sicilia occidentale. Fu un grande evento che, grazie anche agli importanti intellettuali che vi parteciparono, richiamò l´attenzione e l´interesse di gran parte della cultura italiana e internazionale. Il Convegno si svolgeva in una cittadina estremamente arretrata e degradata, proclamata qualche anno prima "la terra del Gattopardo", essendo da più generazioni la patria d´origine della famiglia aristocratica da cui discendeva lo scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa scomparso appena tre anni prima, il cui romanzo postumo era da poco apparso nelle vetrine delle librerie.
Leonardo Sciascia – del quale abbiamo riportato sopra l´accorata dichiarazione resa in quell´occasione – tenne in quel convegno la relazione più interessante. Già con il saggio-racconto Le parrocchie di Regalpetra (1956) Sciascia aveva espresso da una parte la speranza nei poteri della ragione e nelle conquiste liberatrici della storia, ma dall´altra anche la dolente coscienza delle carenze e delle colpe della classe dirigente di ieri e di oggi e del prezzo di dolore che esse comportano. Ora, in quel convegno, Sciascia indagava la funzione della cultura e il ruolo dello scrittore.

« Qui siamo nella terra del Gattopardo – disse nel suo intervento Carlo Levi, autore di Cristo si è fermato a Eboli -, il cui pensiero amaro è che nulla può essere fatto, che la realtà è immobile. Questo Convegno è una specie di confutazione del Gattopardo, nella sua stessa terra ».
Gli fece eco Sciascia, convenendo che « nella terra del Gattopardo tutto sembra dar ragione allo scetticismo e allo storicismo che Giuseppe Tomasi, ultimo o penultimo duca di Palma, ha profuso nel suo libro », ma respingendo l´eventualità della fine del neorealismo e della letteratura d´opposizione, cioè « la fine di un patto portato dalla storia tra gli intellettuali e le classi popolari ».
In realtà, già sul finire degli anni Cinquanta entravano in crisi, non diciamo in Sicilia ma in Italia, i princìpi su cui si era fondato, ancor prima che finisse il secondo conflitto mondiale, il neorealismo così letterario come cinematografico.
La parabola del neorealismo si era esaurita: cominciava ad affermarsi la tendenza a evadere dalla storia, a volgersi a una rappresentazione esistenziale, a presentare il dolore o la solitudine come modi di essere eterni dell´uomo. Il Gattopardo, pubblicato nel 1958, proiettava sullo specchio del lontano Risorgimento la delusione meridionalista e siciliana maturata attraverso lo scadente e disingannato dopoguerra.
« Alla primavera del 1945 – osserva E. Galli Della Loggia – seguirono gli inverni, dieci o forse qualcuno di più. Gli inverni del clericofascismo, della guerra fredda, dello stalinismo, dello scontro durissimo nelle fabbriche e nelle piazze, della ricostruzione capitalistica. Tutto o almeno tanto era cambiato, ma tutto o almeno tanto sembrava rimasto come prima ».

Ma il fatto è che la sfiducia nell´agire umano e il finale approdo di morte (questa è in fondo la chiave di lettura del Gattopardo) percorrono costantemente la narrativa siciliana, da Verga a De Roberto a Tomasi a Bufalino, per non citare che i più grandi e i più rappresentativi. E la negazione della storia e l´affermazione della sterilità dell´agire umano – che sono i motivi più autentici del Gattopardo, ben oltre quelli semplicemente storici - sembravano semplicemente confermate, negli anni in cui il Tomasi scriveva, dal fallimento delle istanze più profonde e innovatrici della Resistenza.
Il tema è quello del fluire del tempo, del decadere, della morte, al di là delle azioni umane: è una sorta di "ideologia di morte" che incombe su tutto, e lo stesso paesaggio siciliano rivela sotto lo sfavillio di colori e di luce i segni del disfacimento. Questo, che è il motivo ispiratore del Gattopardo, si inserisce in un filone della narrativa europea dove troviamo, ad esempio, Proust e Mann. Del resto anche nel battagliero Sciascia, pur permeato di grande fiducia nella ragione, restava l´ipotesi della sconfitta, la consapevolezza storica di tante battaglie ingaggiate e perse.
Nella produzione neorealista, d´altro canto, la presenza di narratori siciliani si può considerare di scarsissimo rilievo o addirittura nulla. Questo significa che il Gattopardo, se per la narrativa italiana costituiva quasi l´atto di morte del neorealismo (si ricordi che forse per questa ragione lo scrittore siciliano Elio Vittorini rifiutò il manoscritto e impedì che la Einaudi lo pubblicasse) e introduceva tematiche che avrebbero trovato in quegli anni vasta eco, per ciò che concerne la narrativa siciliana era invece perfettamente in linea con la sua tradizione più antica e autorevole.

Questo nostro discorso rischia di condurci al tema (che è un vero e proprio campo minato) della "sicilianità" o "sicilitudine". La maggior parte degli studiosi è disposta ad ammettere, al più, solo l´ipotesi di una "sicilianità letteraria", cioè la presenza soltanto al livello letterario di caratteri specifici della sensibilità siciliana.
Noi ci permettiamo di osservare che, piuttosto che parlare di un atteggiamento ´antropologicamente´ tipico dei siciliani (una sorta di "sicilianità" o "sicilitudine" immanente, metafisica e metastorica), sarebbe preferibile affermare che negli intellettuali siciliani c´è una maggiore carica ideale di fronte alla realtà e alla storia, carica capace di provocare delusioni e cadute paralizzanti e nichiliste, quando gli ideali vengono sistematicamente e cinicamente spazzati via dal pragmatismo miope e rozzo dei vecchi e mediocri mestieranti della politica.


FRANCESCO EREDDIA

Notizie Flash

RAGUSA - CORSO GRATUITO DI " BUSINESS ENGLISH " PER COMMERCIANTI E LORO DIPENDENTI

RAGUSA - IL 23 NOVEMBRE CONVEGNO DI " NUOVA ACROPOLI " SU " FILOSOFIA E SALUTE ".

MODICA - CONSIGLIO COMUNALE DEL 21 NOVEMBRE

RAGUSA - CONTROREPLICA DEL M5S AL SINDACO CASSI' SUI CIRCHI CON ANIMALI

MARINA DI MODICA - " CENTO PASSI ": IL FANGO A MARINA DI MODICA: RESPONSABILITÀ, URGENZE, OPPORTUNITÀ

VITTORIA - ARRESTATO TUNISINO: SPARAVA IN PIENO CENTRO CON UN FUCILE DETENUTO ILLEGALMENTE.

RAGUSA - SARA' INTITOLATA UNA VIA A FRANCESCO CARFI'. PRESIDE DEL LICEO SCIENTIFICO " FERMI " DAL 1959 AL 1971.

RAGUSA - ACCORDO TRA ASP IBLEA E OSPEDALE " CANNIZZARO " PER IL TUMORE AL SENO

RAGUSA - FINANZIAMENTO REGIONALE PER IL TEATRO TENDA DI VIA SPADOLA

21-11-2019 17:42 - Attualità
[]
Nel parco attrezzato di via Ramelli i bambini della Scuola dell’infanzia
“Bruno Munari” hanno dato vita stamane alla “Festa dell’albero”

Nell’ambito del programma della “Festa dell’Albero” promosso dal Comune - assessorato al verde pubblico - con l...
21-11-2019 15:46 - Politica
[]
Si è insediato al comune di Comiso il commissario “ad acta” per l’approvazione del bilancio consuntivo 2018. Si tratta del dott. Garofalo. “ E’ un atto dovuto che la Regione deve necessariamente mettere in campo per sollecitare gli Enti Locali qua...
20-11-2019 19:13 - Politica
[]
L'on. Nino Minardo, modicano, laurea in Scienze politiche, deputato per la XVI, XVII E XVIII legislatura,alla età di 41 anni può ben dire di avere appreso bene i passi del valzer politico, essendo passato da Berlusconi ad Angelino Alfano, per poi...
20-11-2019 18:46 - Politica
[]

UN CIRCO CON ANIMALI PRESENTE AL FORO BOARIO DI RAGUSA, IL MOVIMENTO CINQUE STELLE: “IL SINDACO REVOCHI L’AUTORIZZAZIONE PERCHE' DISATTENDE IL DETTATO DI UNA DELIBERA CONSILIARE”

“Anche il Movimento Cinque Stelle si era espresso chiaramente, la sco...
20-11-2019 12:23 - Istruzione e Formazione
[]
La ds Grazia Maria Caruso, l'assessore Vittoria, la dott/ssa Alessandra Rizza
Partendo dai 4 elementi costituivi del creato ( aria, acqua, fuoco e terra ) presso la scuola primaria " Monserrato " di Comiso, scuola legata all'I.C. " Verga ", questa mattina sono stati inaugurati i murales realizzati, lungo i corridoi del ples...
19-11-2019 16:52 - Economia
[]
Costituito a Modica il gruppo Taxi comunale
Sarà chiesto un incontro con il sindaco Abbate

Si è costituito presso la Cna comunale di Modica il gruppo Taxi operativo in città. Tutti i titolari di taxi che formano il gruppo hanno aderito alla Cna: si...
MENSILE FONDATO A RAGUSA NEL 1966 E RIPRESO A MODICA NEL 1976

p

20-09-2017 11:12 - Attualità
[]
p




19-11-2019 18:03 - Cultura & Arte
[]
PIPPO PATTAVINA, DIRETTO DA EZIO DONATO, NEL DIVERTENTE “IL PRINCIPE DEL FORO” APRE LA NUOVA STAGIONE DI PROSA AL TEATRO GARIBALDI DI MODICA.
APPUNTAMENTO SABATO 23 NOVEMBRE ALLE ORE 21.00.

MODICA (RG) – È Pippo Pattavina, diretto da Ezio Donato, ad...

DELLE COSE DI SICILIA

Utenti Online
21

Visitatore Numero
1278890

totale visite
3698502


invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio