03 Ottobre 2022

" LA CONTESSA VITTORIA COLONNA CONTRO I “FAMILIARI” DEL SANT’UFFIZIO " dDI FRANCESCO EREDDIA

Monumento a Vittoria Colonna
“Donna Vittoria Colonna, madre, balia e tutrice di don Joanni Alphonso Enriquez de Cabrera, Grande Almirante de Castiglia, duca de Medina de Rioseco, Conte de Modica, dice che tiene le sue gabelle in detto Contato et terre et, perché in detto Contato vi sono diversi familiari del Sancto Officio, s’ottennero lettere di questo Tribunale, date in Palermo a 24 de settembre 7^ Indiz. 1578, che li familiari del Sancto Officio pagassero le gabelle conforme l’altri, cossì come è giusto et non si può denegar et deve esser disposto per la salvaguardia di questo Tribunale. Et perché dette lettere sono antique, supplica a Vostra Ill.ma et Rev.ma sia servita ordinare che si faccino lettere observatoriali. […]
“Le quali gabelle sono le gabelle de Caxia et Dohana, Arco de cottone et altre gabelle che giornalmente pagano li citadini et habitatori del detto Contato al detto Don Joanni Alphonso conte, et non s’è mai inteso che li familiari di questo Sancto Officio siano franchi di gabella.”.
Il 16 febbraio 1604 la contessa Vittoria Colonna, dietro sollecitazione del Conservatore del Patrimonio Scipione Celestre, inviava l’ennesima protesta al tribunale dell’Inquisizione.
“Li familiari del Sancto Officio” si rifiutavano di pagare le gabelle, e questa evasione fiscale procurava danni economici non indifferenti alle già precarie casse comitali. Poiché, sottolinea l’istanza, fin dal 1578 era stato stabilito dal tribunale dell’Inquisizione (su pressione e intimazione del viceré Marcantonio Colonna, aggiungiamo noi) che “li familiari del Sancto Officio pagassero le gabelle conforme l’altri”, la contessa chiede senza tentennamenti “che si faccino lettere observatoriali”, che cioè quel Tribunale emani un’ordinanza finalizzata all’osservanza di quelle “antique” disposizioni, affinché anche i familiari del Sant’Uffizio paghino, com’è loro dovere, le “gabelle che giornalmente pagano li citatini et habitatori del detto Contato al detto Don Joanni Alphonso conte”.

“Siamo stati informati da parte di Vittoria Colonna, madre balia et tutrice del conte di Modica, che contra li suoi Stati di Modica, Chiaramonte, Monterosso, Xicle et Ragosa, Alcamo, Xaccamo et Calatafime et altri beni e feghi di esso Conte, vi sono state causate diverse exationi per questo Tribunale, tanto ad instanza di Bartolo di Palermo nostro creato et d’altri creati d’officiali salariati di questo Tribunale, como cessionarij o pretensi donatarij di diverse persone. Tutto perché pretendino havere la voce attiva et passiva et pretendino molestare seu hano molestato diverse persone et vassalli di esso conte, con tutto che non siano di questo Sancto Officii. Il che si pretende che non si possia fare”.
Un elemento che, pur nel solco di una fedele continuità, sembra imprimere una nota di diversità nell’azione di governo di Vittoria Colonna rispetto a quella del defunto marito, è riconducibile all’impressione di una opposizione più decisa da parte della “madre balia et tutrice del Conte di Modica” allo strapotere e agli abusi della Santa Inquisizione. Nel registro della cancelleria comitale, infatti, si infittiscono le prese di posizione e le proteste contro il Sant’Uffizio a partire dal 1601, subito dopo la conclusione cioè del lungo iter burocratico del Poder (cioè, il passaggio dei poteri alla vedova) , siglato nel novembre del 1600.
In questa direzione ci sembra giusto affermare che Vittoria Colonna aveva come punto di riferimento il viceregnato del padre Marcantonio che, nella sua visione laica di uno Stato che si riappropriasse delle proprie prerogative contro le spinte centrifughe e autonomistiche dei baroni, con tanta decisione e fermezza si era posto contro il malcostume dei “familiari” dell’Inquisizione, le loro estorsioni e prepotenze, il loro malaffare di mafiosi ante litteram. Nei sette anni del vice regnato paterno (1577-84) Vittoria si trovava con tutta la famiglia in Sicilia, e dunque ebbe modo di osservare da vicino le angherie e i soprusi esercitati dai “dipendenti” del famigerato Tribunale, nonché i danni economici che, con i loro taglieggiamenti e la spregiudicata politica economica, procuravano ai nobili che non si schieravano dalla loro parte. Senza dire che Vittoria sapeva benissimo che l’Inquisizione era stata, come si è visto, responsabile della fine politica e fors’anche della morte stessa del padre. Né si potrebbe pensare che in queste controversie la signora non avesse tutto il sostegno, se non anche i consigli e gli indirizzi, del suo Conservatore del Patrimonio Comitale, Scipione Celestre, al quale appunto era stato affidato il compito di conservare e accrescere tutti quei beni alquanto dissestati.
Nella lettera sopra riportata Vittoria Colonna lamenta che non solo gli “officiali salariati di questo Tribunale”, e cioè i cosiddetti “familiari”, ma addirittura anche i loro “creati”, cioè i loro servi, galoppini e tuttofare, taglieggiavano con “diverse exationi… diverse persone et vassalli di esso Conte”. E questo, concludeva la signora a nome del minore Giovanni Alfonso, si sostiene che non sia ammissibile (“Il che si pretendi che non si possia fare”). Si trattava, detto in termini moderni, di vere e proprie richieste di tangenti fatte a tanti cittadini della contea per godere della protezione di questa gente. A questo punto gli “Inquisitores adversus hereticam pravitatem et Apostasiam” non possono fare altro che dare esito alla protesta della contessa e ingiungere a questi familiari e ai loro creati di desistere da queste azioni di taglieggiamento sotto pena addirittura della scomunica (“sotto pena di onze duecento d’applicarsi per ogni uno al fisco di questo Sancto Officio et di scomunica”).
Il provvedimento inquisitoriale è firmato “El dottor Paramo”. Divenuto grande Inquisitore di Sicilia nel 1585, subito dopo la morte di Marcantonio Colonna, Ludovico Paramo rimase in carica per ventitré anni fino alla morte avvenuta nel 1608. “Nulla tralasciò – scrisse lo storico siciliano C.A. Garugi - per accrescere la sua giurisdizione a dispetto dei quattro Viceré che si susseguirono nel governo dell’isola: Don Diego Henriquez de Guzman conte d’Albadalista, Don Arrigo Guzman conte di Olivares, Don Bernardino de Cardines duca di Maqueda e don Lorenzo Suarez de Figueroa duca di Feria”.
Proprio in quegli anni diventava viceré il Duca di Feria, molto legato agli Enriquez Cabrera e grande ammiratore dell’energica azione di governo di Marcantonio Colonna. Il Paramo negli anni precedenti aveva esteso a dismisura il numero degli ufficiali e familiari del Sant’Uffizio e, attraverso questi funzionari e i loro sgherri, era arrivato a creare una polizia privata e un esercito di armati con cui aveva occupato ruoli e funzioni che appartenevano allo Stato. Mentre due suoi stretti collaboratori, gli inquisitori Olloqui e Llanes, puntavano a ottenere per tutti i dipendenti del tribunale dell’Inquisizione l’esenzione da ogni tassa dovuta al fisco statale.
Il Duca di Fera riuscì a portare il numero dei familiari a quello stabilito al tempo di Marcantonio Colonna, tentando così di arginare la piena inquisitoriale che inondava e sommergeva le fondamenta dello Stato.
Francesco Ereddia




Notizie Flash
COMISO - AL CONSIGLIO COMUNALE MARIA NUNZIATA LA TERRA SUBENTRA A BIAGIO CARUSO
SCICLI - IL COMUNE PATROCINA FILM CON STEFANIA SANDRELLI
COMISO - INTEGRAZIONE ORARIA AI DIPENDENTI PART-TIME
RAGUSA - ELEZIONI 2022: IL COMMENTO DEL SEGRETARIO DEL PD, CALABRESE.
RAGUSA - DAL 1° OTTOBRE PAGAMENTO PENSIONI NEI 32 UFFICI POSTALI DELLA PROVINCIA
COMISO - TRASPORTO EXTRAURBANO GRATUITO PER ANZIANI
DONNAFUGATA - AL VIA IL RESTAURO DEL PARCO DEL CASTELLO
02-10-2022 12:29 - Attualità
[]
Festa per la consegna del terzo Doblò destinato alla mobilità sostenibile a Scicli

E’ il terzo mezzo in sette anni che il Comune e la Pmg, grazie agli sponsor privati, destinano alla mobilità di soggetti in difficoltà

Festa di piazza ieri in via Mormina Penna per la consegna del terzo Doblò in sette anni destinato alla mobilità sostenibile di persone in difficoltà.

Il Comune di Scicli ha aderito per la terza volta al progetto "Mobilità garantita" promosso dalla società PMG Italia, che prevede la...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
02-10-2022 11:46 - Attualità
[]
Lunedì 10 ottobre parte il servizio di refezione scolastica nelle scuole. “In assoluto anticipo rispetto agli altri anni”. Dichiarazioni del sindaco di Comiso, Maria Rita Schembari.

“Quest’anno siamo in assoluto anticipo nell’erogazione del servizio di refezione scolastica nelle scuole di Comiso e Pedalino. L’obbiettivo per il futuro, è quello di cominciare in concomitanza con l’inizio dell’anno scolastico – spiega il primo cittadino di Comiso-. Le scuole che usufruiranno della refezione, sono...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
01-10-2022 19:06 - Politica
[]
Santa Croce Camerina, si coalizza il fronte delle opposizioni: “Proposta credibile per la città. L’Amministrazione non ascolta”

“Offrire alla comunità di Santa Croce, attraverso la condivisione di idee e iniziative, una proposta programmatica credibile e lungimirante. Ma soprattutto diversa, nei metodi, dall’attuale Amministrazione comunale”. Con questo intento, giovedì 30 settembre, si è svolta a Santa Croce Camerina la prima riunione tra forze civiche e di partito rappresentati alle ultime e...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
01-10-2022 11:46 - Attualità
[]
SALTA LA FIERA AGRICOLA MEDITERRANEA A RAGUSA: ERA NATA CINQUANTA ANNI FA…

Era divenuta fiore all'occhiello della provincia iblea e, potremmo dire anche della Sicilia e del Sud Italia.

“Semplicemente clamoroso. La Fiera agroalimentare mediterranea non si farà. Quella che avrebbe dovuto essere la 40esima edizione di un evento teso ad esaltare le peculiarità zootecniche, agroalimentari e non solo dell’area iblea salta. Un durissimo colpo per il nostro territorio. Ancora una volta, per come la ved...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
01-10-2022 12:02 - Attualità
[]

Sicilia: la San Vincenzo riparte dalla scuola
A Comiso il 57° Convegno Regionale della Società di San Vincenzo De Paoli

Comiso, al via l’1 e 2 ottobre il 57° Convegno Regionale della Società di San Vincenzo De Paoli. Centinaia di soci e volontari si riuniscono per riflettere sul ruolo del Volontariato nel mondo scolastico e nella società civile.

Si terrà l’1 e 2 ottobre presso l’Hotel Villa Orchidea di Comiso (RG) il 57° Convegno della Società di San Vincenzo De Paoli di Sicilia. Come ogni anno ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
30-09-2022 12:29 - Attualità
[]
Si riqualificano importanti aree della fascia costiera, Dimartino: “Auspichiamo possano tornare ad essere luoghi di ritrovo per giovani e famiglie”

La stagione estiva è appena terminata ma si pensa già a una importante opera di riqualificazione dei luoghi che da anni necessitano di attenzione, soprattutto perché frequentati dai più giovani. Questa mattina sono stati consegnati i lavori che, tramite un finanziamento ministeriale di 90.000 euro, permetteranno di riqualificare tre piazze della fa...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
29-09-2022 11:36 - Attualità
[]
PASSO MARINARO: DOPO L’ENNESIMA SOLLECITAZIONE M5S, AVVIATI I LAVORI PER LA POSA DEL CANALE DI RACCOLTA ACQUE. FIRRINCIELI: “ORA C’E’ DA RISOLVERE LA QUESTIONE DELLA SBARRA IN CONTRADA RANDELLO-MAGHIALONGA”

Dopo l’intervento del capogruppo m5S, Sergio Firrincieli, martedì sera in Consiglio comunale, sono stati avviati finalmente ieri i lavori per la posa del canale di raccolta acque a Passo Marinaro, località della costa che ricade sul territorio comunale di Ragusa. “Queste opere, attese da an...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
28-09-2022 17:12 - Attualità
[]
Abbiamo fatto le pulci alle spese del Parco Valle Dei Templi e del Comune, “l'estate Agrigentina” è costata circa 700.000€ . Il Parco per statuto può investire in spettacoli e feste? Il Comune può elargire un contributo di 135.000€ al distretto turistico delegando a loro l'organizzazione degli eventi con soldi pubblici? Perché sperperare il denaro pubblico in questo modo e non investirlo rendendo più bella ed accogliente la nostra città ridotta ai minimi storici per servizi al turista ed al c...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
28-09-2022 16:44 - Politica
[]
In questi primi mesi di mandato ho scelto di non entrare nel merito delle polemiche politiche, spesso aspre e a tratti volgari, proprio per il rispetto del ruolo che ho l'onere di ricoprire.
Tuttavia gli attacchi infondati della minoranza all'esercizio della mia funzione impongono una riflessione ferma e chiara.
I tempi minimi e massimi di convocazione dei consigli comunali sono stabiliti dalla legge e la documentazione deve essere a disposizione dei consiglieri entro 72 ore dalla seduta. Compi...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
Utenti Online
8

Visitatore Numero
2011455

totale visite
7912670

01-10-2022 19:35 - Cultura & Arte
[]
IL CINECLUB 262 DI MODICA SI AGGIUDICA UN FINANZIAMENTO DEL MINISTERO DELLA CULTURA PER IL BANDO “IL CINEMA E L'AUDIOVISIVO A SCUOLA”.

Il Cineclub 262 di Modica ha partecipato al bando promosso dal Ministero della Cultura per finanziare progetti rientranti nella tematica “Il Cinema e l’Audiovisivo a scuola – Progetti di rilevanza territoriale”.

Al bando D.D. 863 11/03/2022, attuato dalla Direzione Generale Cinema e Audiovisivo, di concerto con il Ministero della Cultura e il Ministero dell'Istr...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
01-10-2022 12:35 - Cultura & Arte
[]
Visita guidata alla mostra di Gela: “Ulisse in Sicilia”, alle “Mura Timoleontee” e alla Cinta Federiciana della città antica

Si terrà domenica 2 ottobre 2022 con partenza alle ore 8,00 da Palermo e alle ore 8,30 da Termini Imerese la visita guidata alla mostra di Gela: “Ulisse in Sicilia”, alle “Mura Timoleontee” e alla Cinta Federiciana della città antica. La visita è organizzata da BCsicilia, ATC e Università popolare di Termini Imerese nell’ambito del “Progetto conoscenza”. Alle ore 11 è pr...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
14-09-2022 17:35 - Eventi
[]
CAMPARI MOVIE CONTEST: ANCHE A COMISO GIOVANI TALENTI

I giovani sono una grande risorsa per ogni comune grande e piccolo d’Italia: spesso, purtroppo, li abbiamo visti costretti ad emigrare per potersi affermare professionalmente o solo per riscattarsi socialmente, trovare un lavoro, formarsi una famiglia, poterla mantenere. Molti ragazzi di Comiso infatti, finiti gli studi, li troviamo cittadini del mondo a contribuire, con la professionalità acquisita in Italia, allo sviluppo di Paesi, che no...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio

cookie