26 Novembre 2020
Categorie

MODICA - INTERROGAZIONE DI IVANA CASTELLO SULLA LIQUIDITA'


Mitt. Ivana Castello
Capogruppo del PD al
Consiglio comunale di Modica

Al Sindaco Ignazio Abbate
Sua sede - Modica

Carissimo sindaco,
come ben sa il Presidente della Repubblica ha emanato il Decreto legge 19 maggio 2020 n. 34, che permette, ai Comuni, di presentare istanza per il pagamento di debiti contratti sino a tutto il 31 dicembre 2019. Obiettivo è agevolare il superamento delle difficoltà determinate dalla annosa carenza di liquidità degli enti pubblici, che induce, insieme ad altri fattori, verso una situazione di stagnazione economica con danno per la produzione e per il lavoro. Si tratta, in definitiva, di risolvere talune spese compiute senza disporre della necessaria, detto senza infingimenti, disponibilità finanziaria.
La S.V., in applicazione dell’articolo 116 del predetto Decreto legge, dunque, ha presentato istanza, alla Cassa Depositi e Prestiti, per ricevere, in applicazione del comma 5, nientemeno che, mi gira la testa solo a pensarci, la somma di 44 milioni di euro. Il danaro che si riceverà, dice il legislatore, non costituisce un nuovo debito per il semplice fatto che s’attua una commutazione tra i numerosi micro-debiti esistenti che, com’è intuibile, vengono sostituiti dall’unico macro debito contratto con la Cassa Depositi e Prestiti. Detto altrimenti, se tutti i debiti contratti e che si intendono pagare ammontano, supponiamo, a un milione, si potrà contrarre un’anticipazione di liquidità di un milione, che costituisce un nuovo debito verso la Cassa Depositi e Prestiti. Esiste un momento, prima del pagamento dei micro-debiti, in cui la somma erogata dalla Cassa diviene, sul piano squisitamente economico, nuovo debito, nel senso che la somma del milione di micro debiti addizionata al milione ricevuto dalla Cassa depositi e Prestiti, dà luogo a 2 milioni di debiti. In quel momento, il debito del Comune, ma solo in quel momento, che può durare un giorno un mese o più, è raddoppiato a tutti gli effetti. Quando si cominciano a pagare i micro-debiti, risolto l’ultimo di essi, permane solo il debito verso la Cassa Depositi e Prestiti. Se prima il totale dei debiti era un milione, ora, pagati i micro-debiti, permane il milione, non più verso una pluralità di soggetti ma verso la Cassa Depositi e Prestiti. In considerazione del fatto che non è il soggetto creditore che interessa ma l’ammontare del debito, può dirsi, in linea di massima, che la ricezione dell’anticipazione di liquidità non duplica la massa debitoria ma la mantiene costante. Il totale, semmai, potrebbe aumentare o diminuire in funzione della differenza tra gli interessi che si sarebbero dovuti pagare ab-origine e quelli che dovranno corrispondersi alla Cassa. Ecco spiegata la norma ex articolo 3, comma 17, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, la quale chiarisce:

«Non costituiscono indebitamento, agli effetti del citato art. 119(1), le operazioni che non comportano risorse aggiuntive, ma consentono di superare, entro il limite massimo stabilito dalla normativa statale vigente, una momentanea carenza di liquidità e di effettuare spese per le quali è già prevista idonea copertura di bilancio.»

I debiti comunali, però, possono divenire oggetto di tale anticipazione a due fondamentali condizioni (tralascio altri possibili approfondimenti): che siano rimasti impagati per una momentanea carenza di liquidità e il cui pagamento sia già previsto mediante «idonea» copertura di bilancio. Sul tema dell’«idonea» copertura non mi soffermo, ma lei intuisce bene la sua fondamentale importanza. L’aggettivo «idonea» va inteso nel senso di veritiera e, allo stesso tempo, di effettivamente acquisibile ad una scadenza ravvicinata.
Sul piano temporale, l’articolo 116, primo comma, statuisce che le istanze vanno presentate «nel periodo intercorrente tra il 15 giugno 2020 e il 7 luglio 2020» e vanno accompagnate dall’elenco dei debiti che si progetta di pagare, in modo che questi (i debiti) siano ben individuati (Art. 116, comma 3). Quello dell’individuazione dei debiti da pagare mi pare induca a ritenere l’anticipazione (i 44 milioni di euro) alla stregua di un mutuo o prestito a destinazione vincolata, nel senso che potrà essere impiegata per pagare i precisi debiti per cui fu avanzata istanza e non altri. Salvo autorizzazione della Cassa le cui condizioni possono essere espresse prima o dopo la concessione.
Al quarto comma, la prego di tenere ben desta la sua non comune attenzione, sono due previsioni intorno a cui nascono le mie doglianze:

1°. l’anticipazione va concessa entro il 24 luglio 2020;
2°. l’ammontare dell’anticipazione sarà proporzionale «alle richieste di anticipazione pervenute e, comunque, nei limiti delle somme disponibili nella sezione medesima» (comma 4). Ciò significa che se non si potrà anticipare l’intera somma richiesta (nel nostro caso il Comune di Modica ha chiesto 44 milioni e, quindi, abbiamo un elenco di debitori per tale importo) si procederà per assegnazioni proporzionali le quali, ovviamente, non permetteranno di soddisfare tutti i creditori in elenco. Un cenno di conclusione e passo alla doglianza. «L’anticipazione è restituita, con piano di ammortamento a rate costanti, comprensive di quota capitale e quota interessi, con durata fino a un massimo di 30 anni o anticipatamente in conseguenza del ripristino della normale gestione della liquidità» (comma 5). «La rata annuale è corrisposta a partire dall’esercizio 2022 e non oltre il 31 ottobre di ciascun anno». Dalla data di erogazione dell’anticipazione e sino alla data di avvio dell’ammortamento, saranno corrisposti, il giorno lavorativo bancario antecedente tale data, interessi di preammortamento (comma 5). In caso di inadempimento da parte del Comune, l’Agenzia delle entrate trattiene la somma impagata dall’IMU che l’Agenzia ha riscosso mediante modello F24 o altre modalità per conto del Comune (comma 6). L’impostazione, che sin qui non fa una grinza, si chiude con una norma che lascia un po’ perplessi: la mancata estinzione delle singole rate di anticipazione entro il termine previsto «comporta responsabilità dirigenziale e disciplinare ai sensi degli articoli 21 e 55 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.» (comma 7). Riepilogando, dunque, l’originario debito fu deciso e contratto dal politico; dal politico non è stato pagato; dal politico viene trasformato in debito verso la Cassa Depositi e Prestiti e, infine, se rimane in toto o in parte inadempiuto la colpa è delle scelte del dirigente? Confesso che qualcosa, in questa parte della normativa, non mi torna. Il quesito che mi pongo è questo: perché un debito contratto, ipotizziamo, da otto dieci anni, cambiando il creditore (prima era un cittadino qualsiasi e di poi è la Cassa Depositi e Prestiti), dovrebbe divenire, oggettivamente, solvibile? Potrei ricordare fatti precisi: debiti che sono stati contratti nonostante il parere negativo del responsabile di settore, per mancanza della necessaria copertura finanziaria.

La doglianza
Il 13 luglio del corrente anno, ossia sei giorni dopo la scadenza del termine di presentazione dell’istanza alla Cassa Depositi e Prestiti, ho chiesto che mi fosse fornita copia dell’elenco dei debiti certi, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2019, per i quali si è fatto ricorso all’anticipazione di liquidità. L’istanza è stata rivolta e consegnata al Segretario Generale dott. Giampiero Bella il quale, anziché osservare le leggi, le stesse leggi che dovrebbe indicare a chicchessìa se e quando richiesto, ha fatto un po’ di melina, omettendo di adempiere alla mia richiesta. Gli ho ricordato più volte gli articoli 22 e 23 del Regolamento del Consiglio comunale, che, per comodità sua e di tutti, riporto in parte:

Art. 22
Diritto d’informazione e di accesso agli atti amministrativi

1. I Consiglieri Comunali hanno diritto di ottenere dagli uffici del Comune, delle sue aziende, istituzioni ed enti dipendenti, tutte le informazioni in loro possesso, utili all’espletamento del mandato elettivo.
2. I Consiglieri Comunali hanno diritto di accesso e di consultazione di tutti gli atti dell’Amministrazione Comunale, esclusi quelli riservati per legge o Regolamento.
3. (…)




Art. 23
Diritto al rilascio di copie, di atti e documenti

1. I Consiglieri Comunali, con motivata richiesta nella quale indicano le finalità d’uso connesse all’esercizio del loro mandato, hanno diritto al rilascio di copia di deliberazioni del Consiglio e della Giunta, di verbali delle Commissioni Comunali istituite per legge, dei bandi e dei verbali di gara, di ordinanze emesse dal Sindaco o dai suoi delegati, di petizioni presentate dai cittadini e di richieste e proposte avanzate dagli organismi di partecipazione.
2. (…)
3. Il rilascio delle copie avviene presso l’Ufficio competente entro i tre giorni successivi a quello della richiesta (…)
4. Il Segretario Comunale, qualora rilevi la sussistenza di divieti od impedimenti al rilascio della copia richiesta, ne informa entro il termine di cui al precedente comma il consiglieri interessato, con comunicazione scritta nella quale sono illustrati i motivi che non consentono il rilascio.
(…)

Il Segretario Generale avrebbe dovuto rispettare tali norme ma, invece, ha preferito violarle in blocco, poiché dal 13 di luglio (prot. n. 29062) ad oggi, lunedì 25 luglio 2020 non ha ottemperato a quanto chiesto. Non solo, ha messo per iscritto che non intende fornirmi il documento se prima non avrà ricevuto la risposta da parte della Cassa Depositi e Prestiti. Testualmente la sua risposta è stata la seguente:

« Da: "segretariogenerale@comune.modica.rg.it"
Data: 14 luglio 2020 08:44:59 CEST
A: "Ivana Castello"
Oggetto: richiesta prot. n. 29062 del 13 luglio 2020.
Al Consigliere Ivana Castello

Con riferimento alla sua richiesta, acquisita al Protocollo dell'Ente al n. 29062 del 13 luglio 2020, si comunica che l'Ente ha presentato richiesta mediante anticipazione di liquidità per un importo complessivo di € 43.914.007,63, IVA compresa per split payment.
Tale richiesta è stata trasmessa esclusivamente in via telematica sul portale Cassa DD.PP. come stabilito con nota operativa della stessa Cassa DD.PP., che si esprimerà in merito a tale richiesta, per quanto noto, il prossimo 24 luglio 2020.
Solo a quella data sarà determinato dalla Cassa DD.PP. l'esatto ammontare dell'anticipazione e si potrà procedere agli adempimenti consequenziali.
Sino a ciò, non si ha esatta contezza dell'ammontare di cui l'Ente potrà disporre e dei debiti che potranno essere esattamente gestiti mediante tale anticipazione, giacchè si sta ancora provvedendo alle richieste istruttorie della Cassa, per cui la pratica è in itinere.
Resta naturalmente inteso che, non appena sarà definita tale istruttoria, nei tempi brevissimi succitati, con puntuale contezza di termini e modalità per cui è utilizzabile l'anticipazione, gli atti saranno immediatamente messi a disposizione.

Distinti saluti»

Mi rivolgo a lei perché mi consegni l’elenco richiesto. Diversamente sarò costretta ad adire le vie legali. Se debbo perdere inutilmente il mio tempo, almeno lo impiego nel miglior modo per i concittadini di Modica, secondo me, possibile. Segnalo che non ho chiesto l’elenco dei debiti finanziati dalla Cassa Depositi e Prestiti, bensì l’elenco dei debiti trasmessi dal Comune sino all’importo di quasi 44 milioni di euro.
Ivana Castello
Consigliere comunale del PD

Modica,











Notizie Flash
RAGUSA - RIFLESSIONI DELLA LEGA SULL'EMERGENZA SANITARIA
RAGUSA - STUPEFACENTI IN CENTRO STORICO: UN ARRESTO DEI CARABINIERI.
RAGUSA - DIVIETO DI AVVICINAMENTO PER ALBANESE
MODICA - CALENDARIO PAGAMENTO BUONI LIBRO
COMISO - ATTIVA DA OGGI L'EQUIPE SOCIO-PSICO-PEDAGOGICA
VITTORIA - SPACCIAVANO IN ZONA ROSSA
MODICA - IL M5S SCRIVE AL SINDACO SUL COVID
09-11-2020 17:09 - Economia
[]
E DOPO GLI ALLARMI LA NAVE È AFFONDATA
Lo sfascio della Direzione Provinciale di Ragusa della Agenzia delle Entrate

Lo avevamo gridato a gran voce sui giornali, alle televisioni, con i sit in di protesta davanti agli uffici della provincia di Ragusa della Agenzia delle Entrate nell’autunno 2019, se non sarebbe arrivato a breve altro personale a rafforzare gli uffici questi sarebbero andati in contro alla paralisi con conseguenze odiose oltre che per i lavoratori anche nei confronti dei cittadin...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
09-11-2020 16:35 - Attualità
[]
RISOLTO IL CASO DEL GIOVANE DISABILE CHE NON POTEVA VIAGGIARE LUNGO LA TRATTA MARINA-RAGUSA PERCHE’ INDISPONIBILE L’AUTOBUS
DOTATO DI PEDANA DI SOLLEVAMENTO. I CONSIGLIERI COMUNALI
DEL PD D’ASTA E CHIAVOLA: “TUTTO BENE QUEL CHE FINISCE BENE”

“Dopo che, nei giorni scorsi, ci eravamo occupati della vicenda del giovane trentenne disabile ragusano, Giovanni Gulino, che aveva denunciato l’impossibilità di coprire con i mezzi pubblici la tratta tra Marina e Ragusa per la mancanza di un pullman di lin...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
08-11-2020 12:36 - Politica
[]
Territorio Ragusa: troppe voci incontrollate sui positivi al Comune di Ragusa, il Sindaco deve fare chiarezza

“Da qualche giorno assistiamo alla girandola di voci incontrollate sugli esiti di tamponi positivi per dipendenti comunali o loro stretti congiunti, le indiscrezioni, vere o presunte, si moltiplicano, comunicati delle opposizioni e articoli di giornale accrescono una certa confusione sulla materia, aggiungendo ansia a quella che già pervade la cittadinanza. È ora di fare chiarezza e sg...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 17:48 - Politica
[]


Mucche al cimitero di Ragusa Ibla. Ma chi controlla il camposanto in tempo di covid se perfino gli animali sono liberi di vagare come vogliono? La denuncia del consigliere comunale Giovanni Gurrieri

RAGUSA – Un buon numero di mucche sono facilmente entrate stamani nel cimitero di Ragusa Ibla. Razze diverse ma un unico intento: far delle belle passeggiate all’interno del camposanto. Indisturbate. E’ quanto denuncia il consigliere comunale Giovanni Gurrieri raccogliendo la segnalazione di un cit...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 17:38 - Attualità
[]
mons. Cuttitta
Lettera del vescovo a tutti i sacerdoti con l’invito
ad agire con «consapevole prudenza»
Otto sacerdoti positivi al Covid-19 e quattro in isolamento
Quattro chiese chiuse in via prudenziale
per procedere alla sanificazione degli ambienti

Otto sacerdoti sono positivi al Covid-19 e altri quattro, che presentano qualche sintomo, si trovano in isolamento fiduciario in attesa dei risultati dei tamponi. In via precauzionale, per consentire la sanificazione dei locali parrocchiali, quattro chiese sono st...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 11:10 - Attualità
[]
Ospedale Comiso

DA DOMANI TEST RAPIDI SU STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE DELLE SCUOLE SUPERIORI.

QUATTRO POSTAZIONI: RAGUSA, MODICA, VITTORIA E COMISO

DALLE ORE 9.00 ALLE 13.00

Ragusa, 6 novembre 2020 – A partire da sabato 7 novembre, così come previsto dalla circolare dell’Assessorato Regionale della Salute, l’Asp di Ragusa, con la collaborazione dei Sindaci di Ragusa, Comiso e Modica, la Commissione straordinaria di Vittoria e con i dirigenti scolastici, ha messo in moto la macchina organizzativa per eff...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
06-11-2020 12:42 - Attualità
[]
POSTE ITALIANE: LA RETE LOGISTICA PUNTO POSTE SI AMPLIA GRAZIE ALLA NUOVA SEDE KIPOINT DI VITTORIA

Nuovi servizi dedicati ai liberi professionisti e alle piccole imprese

Palermo, 6 novembre 2020 - Poste Italiane radica sempre di più la propria presenza sul territorio a servizio dei cittadini, espandendo la propria rete Kipoint, i centri multi servizi dedicati soprattutto alle piccole imprese e ai liberi professionisti.
Quella di via A. Manzoni 3/L a Vittoria è una delle 97 sedi del territorio n...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
05-11-2020 17:23 - Economia
[]


Il Ministero dell'Interno- Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali-ha trasferito nelle casse del Comune di Ispica in data 27/10/2020 un contributo pari a 45.000 euro.
Si tratta di risorse riconosciute all'ente ai sensi della legge n.160 del 27.12.2019 (legge di bilancio 2020) per la realizzazione dei lavori di efficientamento energetico di parte dell'impianto di pubblica illuminazione con apparecchiature a led.
L' intervento di sostituzione delle vecchie lampade ha avuto inizio entr...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
05-11-2020 17:01 - Istruzione e Formazione
[]
Al Verga di Comiso premiazione dei vincitori dei giochi matematici della Bocconi 2019/2020. La sobria premiazione è avvenuta nell'auditorium - nel rispetto delle norme di prevenzione sanitaria - alla presenza della Dirigente Scolastica Maria Grazia Cafiso e del presidente e del vice presidente del consiglio dei ragazzi. Ai ragazzi della categoria C2 che frequentano le superiori e che sono in DAD, i premi saranno consegnati direttamente al loro domicilio. Questi i premiati:
Categoria CE
COLUMBO ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
2

Visitatore Numero
1540073

totale visite
5250935

[]
09-11-2020 17:35 - Cultura & Arte
[]
La BlackOut Pop Band su Rai Gulp
LA BLACKOUT POP BAND SARA’ TRA I PROTAGONISTI GIOVEDI’ 12 NOVEMBRE DELLA CAMPAGNA INTERNAZIONALE #SAYHY” IN ONDA SU RAI GULP

La BlackOut Pop Band protagonista giovedì, a livello nazionale, della campagna #SayHi”, una iniziativa delle tv pubbliche europee a cui ha aderito anche la giapponese Nhk. In pratica, il 12 novembre, bambini e ragazzi di tanti Paesi del mondo si uniranno in quella che si preannuncia come la più grande danza simultanea che promuove l’amicizia, l’inclusione e la gentilezza...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
08-11-2020 12:43 - Cultura & Arte
[]
Maurilio Assenza e Beatrice Cerrino

Proseguono gli incontri promossi da Fondazione Val di Noto e Istituto Galilei Campailla Un nuovo modello di Economia illustrato da Beatrice Cerrino
Economia ed ecologia, due temi indispensabili per proteggere la nostra ‘casa’, il nostro pianeta. È stata, Beatrice Cerrino della Scuola di Economia Civile a tenere il terzo incontro del corso di formazione 'Preparare un tempo nuovo' promosso dalla Fondazione di comunità Val di Noto, insieme all’Istituto di istruzione superiore “Galil...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
04-11-2020 17:05 - Cultura & Arte
[]
Individuata l'ubicazione storica del cimitero ebraico a Modica.
Brillante scoperta storica-filologica di Teresa Spadaccino.
Foto di Maurizio Pulvirenti
Da sempre la conoscenza della presenza antica degli ebrei a Modica ha assillato molti storici e
studiosi di Storia patria modicana, quasi una ricerca catartica per quanto avvenne di drammatico
nella città il giorno dell'Assunzione del 1474 e cioè la ben nota strage dei giudei.
Molti studiosi hanno individuato nel quartiere Cartellone il quartiere de...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
16-10-2020 11:17 - Cultura & Arte
[]
Walter Siccardi, Samantha Panza e Fabrizio Di Salvo.
“Aleramici in Sicilia” il docufilm ritorna alle origini con le riprese nella terra natia degli Aleramici: il Monferrato

Siamo giunti alle ultime battute delle riprese del docufilm “Aleramici in Sicilia”. Il progetto, partito tre anni fa per testimoniare questa storia di “immigrazione al contrario”, da nord a sud, che caratterizzò la fine dell’XI secolo italiano, è giunto alle riprese finali.

Dopo aver percorso un viaggio che ha portato il produttore e direttore del...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio