28 Settembre 2020
Categorie

MODICA - INTERROGAZIONE DI IVANA CASTELLO SULLE ANTICIPAZIONI DI CASSA

Al Sindaco del comune di Modica
Sua sede

In questi giorni m’è capitata tra le mani la delibera di Giunta 299 del 5 dicembre u.s. Vi si legge che intende chiedere l’anticipazione di cassa ex articolo 222, comma 1, del Tuel, per 3/12 delle entrate accertate ai primi tre capitoli del bilancio 2017. Conta altresì di elevare tale richiesta a 5/12, se lo permetterà la legge di bilancio in via di approvazione per il 2020. L’importo, dunque, passerebbe da 14. a poco più di 23 milioni di euro. Prende in accorata considerazione persino l’utilizzo di somme a destinazione vincolata, perché la legge, in via emergenziale, lo permette. D’altronde, come dice la stessa espressione («anticipazione di cassa» o «anticipazione di tesoreria»), sta cercando di disporre di una somma, a titolo di anticipazione su future (ma sicure) entrate, per essere puntuale nei pagamenti, in un momento in cui l’Amministrazione è a corto di fondi. Discorso che sembra scontato e che è scontato. Temo solo per un piccolo dettaglio che è giusto le evidenzi. In questa fase si può agire come si vuole: gli errori di scelta e qualche fiato di lassismo diverranno evidenti e le valutazioni potranno maturarsi con coscienza a fine esercizio. Certo è che i tre esercizi precedenti, il ’17, il ’18 e il ’19, in tal senso sono esemplari. Si sono chiusi, mi limito all’anticipazione di cassa non pagata, con un saldo negativo che si aggira intorno a 18 milioni di euro. Il dettaglio è alla tabella n. 1.

Tab. n. 1 – Andamento dell’anticipazione di cassa negli ultimi tre anni

Anno
Saldo di cassa
Saldo rispetto all’anno precedente
31.12.2017
17.129.076,45()
=
31.12.2018
18.453.435,57()
+1.324.359,12
31.12.2019
17.776.847,18()
- 676.588,39



Come vede, a limitarsi a un insignificante confronto di valori relativi, siamo a un saldo negativo di assoluta consistenza che, però, diviene più importante se lo raffrontiamo ai saldi programmati nel Piano di riequilibrio. Come ben sa, quando si accende un siffatto debito si deve essere in grado di rientrare rispettando i termini di legge. Potremmo, insomma, esaminare i relativi rivoli di spesa e capire se l’anticipazione accesa è stata tale, cioè è rientrata e, se non è rientrata, le ragioni e le misure del mancato rientro. Visto sott’altra angolazione, il mancato rientro trasforma l’anticipazione da debito «transitorio» a debito di durata non programmata.

2. L’anticipazione di tesoreria e il Piano di riequilibrio
Con l’ibernazione dell’anticipazione di cassa, però, si pone un altro problema ed è su esso che intendo, per qualche minuto, richiamare la Sua attenzione.
Esiste, come ben sappiamo, il Piano di riequilibrio. Nel 2018 lei intese rinnovarlo e ne apprestò la quinta.., l’ennesima, per non sbagliare, versione. Con riferimento ai tempi della Sua amministrazione e al debito da anticipazione di cassa, esaminiamo le sue previsioni. So bene che il Piano non è stato ancora approvato e che giace (certamente dopo due anni, e col freddo di questi giorni, dormiente) presso la «Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali» al Ministero degli Interni. Il dettaglio si legge alla tabella 2.

Tab. n. 2 – Evoluzione dell’anticipazione di cassa negli anni 2017-2019, previsioni di riequilibrio e situazione reale
Anno
Piano di riequilibrio (A)()
Situazione reale (B)
Differenza rispetto all’obiettivo (B-A)
2017
17.129.076,45
17.129.076,45()
=
2018
14.129.076.45
18.453.435,57()
+4.324.359,12 (con rateo)
2019
11.129.076,45
17.776.847,18()
+ 6.647.770,73
Saldo 2019
+ 6.647.770,73 (con rateo)
Aspetti previsionali
2020
8.129.076,45
14.072.365,16()

2021
5.129.076,45


2022
2.129.076,45





La prima colonna indica l’anno di riferimento, la seconda le previsioni a saldo del piano di riequilibrio, la terza la consistenza reale del debito (ormai scaduto ma incredibilmente senza scadenza) e la quarta il debito di nuova costituzione, rappresentato dalla differenza tra la situazione reale e la previsione del piano. Detto per il lettore che vuole avviarsi nella lettura di questi documenti, se una persona nel 2017 ha un debito di 17 milioni (seconda colonna) e formula un piano per rientrare di tre milioni all’anno, dai 17 del 2017 passerà a 14 milioni nel ’18, a 11 nel ’19, a 8 nel ’20, a 5 nel ‘21 e a 2 nel ‘22. Per semplicità e senza contare gli spiccioli, la seconda colonna esprime non una situazione reale ma un progetto di rientro detto, appunto, «Piano di riequilibrio». Non dice ciò che realmente esiste, dunque, ma ciò che si progetta di fare per ridurre il debito. E’ opportuno, a questo punto, porsi una domanda: nella realtà dei fatti questo progetto è stato perseguito? Lo vediamo alla terza colonna. I 17 milioni, che lei avrebbe dovuto contrarre a 14, sono invece lievitati a 18 e mezzo, con un incremento di un milione e più se consideriamo l’importo di partenza (i 17 milioni) o di ben 4 milioni e più se consideriamo l’obiettivo di rientro a 14 milioni. Nel 2019 lo squilibrio è ulteriormente lievitato e da quattro è passato a sei milioni e 600.000 euro, con un incremento di 2.300.000 euro. Il meccanismo dell’anticipazione di cassa, dunque, istituito per intervenire nei casi in cui convergono tre requisiti essenziali: la transitoria mancanza di liquidità, la necessità di effettuare pagamenti inderogabili e la prospettiva certa di acquisire specifiche somme, finisce per determinare situazioni debitorie consistenti e, inspiegabilmente, inossidabili.
Si impongono, a questo punto, due considerazioni:

1°. il piano di riequilibrio è stato violato, perché sono stati mancati due obiettivi assolutamente obbligatori: la contrazione debitoria del 2018 e l’ulteriore contrazione del 2019;
2°. il debito è per altro lievitato, per cui ha luogo una terza violazione, poiché non solo si sono mancati i due obiettivi di rientro ma si è determinato un nuovo debito che si addiziona all’esistente.

S’impone, per tanto, in prospettiva, la necessità di rispondere a un quesito: gli aumenti del debito causati dal mancato rientro dell’anticipazione di cassa, configurano una vera e propria violazione o, essendo il Piano di riequilibrio non ancora formalmente approvato, non danno luogo ad alcuna violazione?

Le tre distinte risposte riguardano due debiti impagati e un debito di nuova costituzione, che confluiscono in un unico risultato: la permanenza e l’aumento (non la riduzione) del debito da pagare. Affrontiamo i tre temi uno per volta per capire se costituiscono singole violazioni.
Se si manca l’obiettivo del rientro di tre milioni nel 2018 rispetto al 2017, ha luogo una violazione che può essere sanzionata immediatamente. Supponiamo, per espediente logico, che sia sanzionata nel 2019 e lì tutto muoia. Se si manca, di poi, l’obiettivo di rientro del 2019, il fatto rappresenta una violazione che, essendo già sanzionata la precedente (del 2018), costituisce una nuova (seconda) violazione con relativa sanzione. Alla seconda sanzione scatta il procedimento di dichiarazione del formale dissesto economico. Se nelle more aumenta anche il debito complessivo, la violazione diventa triplice. Sono d’accordo con le perplessità che taluno potrebbe sollevare in merito alla considerazione autonoma della terza violazione. Il primo e il secondo quesito, però, si possono risolvere affermando che, nel caso in esame, le nuove violazioni oscillano tra due e tre. Il terzo quesito pone, sostanzialmente, un problema formale irrisolto. Si può sintetizzare nella opportunità che il legislatore o l’autorità contabile sanciscano che il mancato rientro configuri una violazione e che il mancato rientro con aumento del debito configuri due distinte violazioni. Una maggiore rigidità, ai fini del ridimensionamento del debito pubblico, potrebbe essere utile, se non utilissima.

3. I quesiti per il Sindaco
A questo punto alcuni quesiti Le vanno rivolti.

Si rende conto, signor sindaco, che in questa faccenda lei dà impressione d’essere coalizzata col mondo per determinare, prima di andar via definitivamente, il dissesto comunale? Non mi dica che eccedo verbalmente, poiché non potrebbe qualificarsi altrimenti una persona che, dopo due processi, il primo che dichiara l’avvio del procedimento di dissesto e, il secondo, che non ritrova la reiterazione del fatto grave, individuata dal precedente giudice, ha operato due mancati interventi di riequilibrio e si accinge a progettare o determinare, scelga lei, il terzo.
E’ opportuno, dunque, che spieghi come intende rientrare dall’anticipazione di cassa dei 3 o 5 dodicesimi senza costituire aggravio del debito comunale. Deve dirci, in particolare:

-i tempi entro cui conta di rientrare;
-perché la Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali non ha, dopo tre anni, esitato il Piano di riequilibrio. E’ al corrente della fase procedurale in cui si trova il nostro Piano di riequilibrio e delle ragioni di tanto ritardo? Si è in qualche modo attivata per sollecitare la Commissione a sbloccare il Piano? Ovviamente nell’interesse della Città;
-qual è il Piano di riequilibrio a cui lei si attiene, il precedente o quello ancora all’esame della Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali?
-può documentare i rientri effettuati?
-la Corte dei conti ha svolto i controlli di legge? La finanza comunale è delicatissima, oltre che estremamente dolente, per cui, nell’ipotesi che il Piano di riequilibrio funzioni e debba essere adempiuto anche in assenza di formale riconoscimento da parte della Commissione ministeriale, l’autorità contabile non dovrebbe attivarsi almeno per controllare la gestione del piano in funzione o stiamo attraversando un’allegra fase di vuoto normativo?

A questo punto uno sguardo conclusivo all’aggravio finanziario degli ultimi anni.
Lei, signor sindaco, ha avanzato richiesta, per il 2020, di un’anticipazione di cassa di 14.072.365,16, certamente suscettibile di passare a 23.453.941,93 euro.
Alla fine del 2019 avevamo un debito, partendo dagli originari (del 2017) 17.129.076,45 euro, di 6.647.770,73 euro da pagare per metterci in regola nel biennio 2017-2019. La somma, che lievita a 9.647.770,73 milioni se teniamo conto del rateo del 2020, da qualche parte dovrà pur prendersi.
Se consideriamo, da quando è partita la Sua amministrazione, che il debito per anticipazione di cassa è passato da 7.228.179,00 euro (anno 2012 dell’amministrazione Buscema) a 17.776.847,18, Lei ha costituito un nuovo debito di 10.548.668 euro. A tale cifra cui vanno aggiunti i costi di interesse che si aggirano intorno a 2.800.000 euro. Complessivamente fanno 13.348.668 euro. Se consideriamo, dicevo, questo risultato, è facile profilare che dobbiamo aspettarci per i prossimi anni. E’ più probabile che il debito aumenti o che diminuisca? Che ne pensa lei? Che ne pensa il cittadino?
Ad ogni buon conto i 23.453.941,93 euro che si prepara a chiedere si comprimeranno intorno a sei milioni che, comunque, son tanti. E pericolosi. Sopratutto per lei.
Ivana Castello
consigliere comunale PD



Modica,
Notizie Flash
VITTORIA - CONTROLLI DELLA POLIZIA LOCALE IN PIAZZA DEL POPOLO
RAGUSA - PER CONFCOMMERCIO -8,7% DI CONSUMI AD AGOSTO
VITTORIA - FABIO POLLARA DENUNCIA IL DEGRADO PRESSO L'I.C. " CARUANO "
RAGUSA - DISTRIBUITI 4.500 TEST NASOFARINGEI
RAGUSA - ASSEGNATI COMPUTER ALLE SCUOLE
27-09-2020 17:12 - Politica
[]
Territorio: da rivedere del tutto la strategia delle linee blu e del rapporto con ditta appaltante

L’ennesima conflittualità con il datore di lavoro degli ausiliari del traffico che si occupano della gestione delle linee blu nella città di Ragusa impone attente considerazioni sulla questione che, non sempre è stata affrontata con la dovuta attenzione.
A occuparsi della importante questione, sia per gli aspetti che riguardano i lavoratori come per quelli che attengono all’utenza, è il segretario...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
26-09-2020 12:44 - Cronaca Locale
[]
Continuano le azioni vandaliche nel territorio comisano: questa volta è stato il turno delle panchine presso la villetta della scuola materna " SS Apostoli ". Fino a quando non saranno rafforzati i sistemi di vigilanza e non sarà intrapresa una seria opera di repressione, i vandali continueranno a imperversare in città.
Ecco il comunicato del PD:

Vandalizzata la panchina rossa realizzata dal Partito Democratico di Comiso in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
26-09-2020 11:45 - Attualità
[]

Il giovane comisano Danio Vincenzo Distefano conquista a pieni voti il tanto desiderato accesso alla Scuola Veneziana di Eccellenza Militare
Un ragazzo comisano diventa allievo della prestigiosa Scuola Militare “Francesco Morosini”. È Danio Vincenzo Distefano, classe 2004, che ha affrontato e superato brillantemente tutte le difficili prove di cultura generale, e le prove psicologico/attitudinali, necessarie per l’accesso alla Scuola Veneziana di Eccellenza Militare.
Danio è da un anno che si p...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
25-09-2020 12:01 - Economia
[]
l'assessore Giuseppe Alfano
Pubblicato sul sito istituzionale del comune di Comiso, il nuovo bando per l'assegnazione di 23 lotti nella zona PIP ( piano per gli insediamenti produttivi). “Un atto dovuto al comparto produttivo che aspettava dal 2016 e che potrà essere il propulsore dell'economia imprenditoriale locale”. Dichiarazioni dell'assessore allo sviluppo economico, Giuseppe Alfano.

“ E' stato pubblicato il 24 settembre il nuovo bando per l'assegnazione di 23 lotti in zona pip – comunica l'assessore Alfano – che at...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
25-09-2020 11:51 - Politica
[]

Il Movimento 5 Stelle di Santa Croce Camerina unito nell’indicare le elezioni anticipate come unica soluzione coerente nei confronti della situazione politica venutasi a creare in seno all’amministrazione Barone e in consiglio comunale.

Come i nostri concittadini sanno, il Movimento 5 Stelle non ha attualmente propri rappresentanti nel consiglio comunale e ci siamo sempre mostrati distanti dalle piroette e dai comportamenti dell’attuale sindaco Giovanni Barone. In questi anni, difatti, abbiamo...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-09-2020 11:32 - Politica
[]
Sversamento petrolio torrente Moncillè, Campo: “Politica chiarisca vicenda e fughi ogni dubbio sulle responsabilità”

“Ci sono tutta una serie di chiarimenti che si devono avere, con la massima urgenza, riguardo la potenziale contaminazione del sito ‘Area pozzo Ragusa 16’ nei pressi del torrente Moncillè, in cui sarebbero finiti oltre 1500 metri cubi di greggio, frammisto ad acqua al 25-30%. Una vicenda in cui ci sono da chiarire anche e soprattutto le responsabilità politiche, che sono sicuram...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-09-2020 11:13 - Istruzione e Formazione
[]

Ricognizione e sorveglianza: concluso a Sigonella il primo corso “Operatore Tecnico di Bordo” su P-72A

Tre nuovi operatori dell’Aeronautica Militare sono stati formati dal 86° Centro Addestramento Equipaggi del 41°Stormo Antisom

Lo scorso 7 Settembre, tre nuovi operatori dell'Aeronautica Militare hanno sostenuto e superato gli esami finali per il conseguimento della qualifica di Operatore Tecnico di Bordo (OTB) sul velivolo P-72A del 41° Stormo Antisom di Sigonella.

Tra i membri dell'equipaggio...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-09-2020 11:45 - Economia
[]


Natura Iblea di Roberto Giadone premiata alla V edizione del Welfare Index Pmi

Anche nell’edizione 2020, Natura Iblea sale sul podio del Welfare Index Pmi

L’azienda ragusana “Natura Iblea” è stata premiata oggi a Roma alla V edizione del Welfare Index Pmi, il riconoscimento di Generali che premia le piccole e medie imprese che si distinguono per la qualità del proprio welfare, in occasione della presentazione del rapporto annuale sul tema. “Natura Iblea” ha ottenuto il secondo posto nella categ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-09-2020 10:46 - Cronaca Locale
[]
CARABINIERI NAS DI RAGUSA: TRUFFA AI DANNI DELLA SANITÀ PUBBLICA -
ESEGUITA MISURA INTERDITTIVA NEI CONFRONTI DI UN MEDICO.
Nella giornata di oggi, 17 settembre 2020, il NAS Carabinieri di Ragusa ha dato esecuzione
all’Ordinanza del GIP di applicazione di una misura interdittiva emessa nei confronti di E.G.,
medico dipendente dell’ASP di Ragusa.
L’ordinanza scaturisce dall’attività di polizia giudiziaria effettuata dal citato NAS, coordinata
dal Procuratore Capo della Repubblica, dott. Fabio D’Anna...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
4

Visitatore Numero
1437443

totale visite
5064709

[]
23-09-2020 12:13 - Cultura & Arte
[]

Il Museo Casa natale Salvatore Quasimodo accoglie il figlio del Nobel, Alessandro, e la pittrice Antonella Cappuccio. L’appuntamento è per sabato alle 17.30 presso la casa natale di via Posterla. Alessandro Quasimodo insieme alle componenti dell’associazione Proserpina, che gestisce il museo, darà il benvenuto alla pittrice di origine partenopea che per l’occasione donerà una delle sue opere più recenti raffigurante il Nobel per la Letteratura in un momento della sua infanzia. Si tratta di un...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio