28 Maggio 2022
Categorie

MODICA - PER LA CELEBRAZIONE DELLA NASCITA DEL NOBEL SALVATORE QUASIMODO ( ALLE ORE 20,30 DEL 20 AGOSTO ) PUBBLICHIAMO UN SAGGIO DI DOMENICO PISANA

SALVATORE QUASIMODO TRA GLORIA ED OBLIO: RICORRE IL 20 AGOSTO L´ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DEL NOBEL VENUTO DAL SUD

di Domenico Pisana

Quasimodo è sicuramente, fra i poeti del Novecento, quello che ha subìto da parte della critica gli attacchi più duri e, in alcuni casi, anche di bassa lega.
Il giudizio della critica militante si è snodato su due linee di movimento diverse, che hanno condotto a risultati contrastanti e non tali da poter essere assunti come fonti di indiscutibile autorevolezza, essendo viziati da pregiudizi mentali e "pre-comprensioni ideologiche".
È importante, a nostro giudizio, cercare di capire come la critica letteraria si sia posta di fronte al Nobel di Modica, per poi giungere a delle considerazioni conclusive.

Il placet e il riconoscimento valoriale della critica e del mondo intellettuale

È fuor di dubbio, anzitutto, che l´ingresso di Quasimodo nella letteratura ufficiale ebbe il suo "placet" da parte di grandi intellettuali del tempo, quali Montale, Ungaretti, Solmi, Anceschi, Bo, Oreste Macrì, i quali espressero giudizi positivi sull´opera poetica di Quasimodo.
Montale, ad esempio, recensì Acque e terre con parole di elogio, mentre fu proprio Oreste Macrì a coniare quella espressione di "poetica della parola" in cui la produzione quasimodiana venne inquadrata.
Quasimodo entrò, dunque, sulla scena della poesia con grande consenso critico e, soprattutto, con un successo decretato dal fatto che era riuscito, in piena guerra, a moltiplicare le edizioni del suo Ed è subito sera (tre edizioni fino al febbraio del 1944, dieci fino al febbraio del 1960), nonché a ricevere apprezzamenti a livello internazionale.
È rilevante, pertanto, il fatto che Quasimodo trovi, negli anni ´30, una grande accoglienza nel mondo letterario che diventa più consistente negli anni ´40 all´interno della scuola ermetica fino a tradursi in un incondizionato successo popolare nell´immediato dopoguerra e in stima e apprezzamento internazionali che lo candidano al Premio Nobel per la Letteratura nel 1959.


L´atteggiamento della distanza critica e dell´isolamento culturale

L´assegnazione del Premio Nobel rappresenta per Quasimodo l´inizio di un capitolo caratterizzato da invettive, denigrazioni, critiche aspre e violente.
Fu come se, improvvisamente, si fosse aperta attorno a lui una voragine tesa a decretarne la fine, per cui è lecito chiedersi che cosa sia successo e quali fatti abbiano causato questa denigratoria linea di movimento della critica militante, che fece il possibile per isolarlo.
Noi riteniamo che all´origine dell´isolamento culturale ci siano ragioni poco nobili, che nulla hanno a che vedere con l´evoluzione del pensiero poetico quasimodiano. Bene ebbe a dire il critico Giuseppe Zagarrio, quando evidenziò che quella di Quasimodo è una vicenda "affidata piuttosto agli umori e ai risentimenti che alla responsabilità della ricerca obiettiva".
In altre parole, nel dopoguerra più che guardare ai testi quasimodiani con l´obiettivo di scorgervi nuovi orizzonti e nuovi dinamismi di contenuto e di estetica, la critica tentò un´operazione di stroncatura per non aver gradito l´inaspettato successo del poeta modicano e la conseguente assegnazione del Premio Nobel per la Letteratura da parte dell´Accademia Svedese.
I "risentimenti" e gli "umori" di cui parla Zagarrio non possono che riferirsi a questa vicenda.
Naturalmente occorreva trovare qualche elemento ufficiale di accusa a livello letterario, così da poter giustificare le critiche, le stroncature, i silenzi, le prese di distanza dall´il-lustre Quasimodo che, poco prima, era stato innalzato agli altari della poesia.
L´accusa è quella di tradimento della poetica iniziale: il poeta modicano avrebbe abbandonato la poetica ermetica per affidarsi ad una ricerca etico-espressiva più autonoma rispetto alla scuola dell´ermetismo, e ciò non per una matura convinzione letteraria, ma per puro esercizio e - come rileva Giacinto Spagnoletti - per mero opportunismo storico, civile e per un artificio etico.
Una volta trovate le motivazioni, in seno alla critica si è verificato una sorta di "effetto alone" che ha condizionato i giudizi critici, quasi tutti improntati a visioni negative e di deprezzamento del valore poetico dell´opera di Quasimodo.
E ad abbattere il primo fulmine sul Nostro è Gianni Pozzo nel suo volume La poesia italiana del Novecento", pubblicato nel 1965, ove tuona con parole denigratorie e di totale disistima:
"...È una poesia, insomma, questa di Quasimodo, fino al periodo di Erato ed Apollion (1932-36), che non persegue suggestioni di canto, sentimenti o ragioni da esprimere, dolcezze o dolori nel senso dell´ordine umano e naturale, ma soltanto le geometrie rigorose di un particolare meccanismo, l´astrattezza di indeterminate voci e figure, scintillanti come pure simboli astrali, nel cielo di una metafisica memoria [...] Si potrebbe anche concludere che nel momento stesso in cui falliva una poesia, Quasimodo indovinava una poetica [...] ".1
La critica di Pozzi assume toni avversativi e di stroncatura anche nei riguardi dell´ultimo Quasimodo, quello aperto all´impegno etico e sociale, tant´è che non manca di elargire, sempre nella predetta Antologia, giudizi negativi e accuse cariche di toni ironici.
Stando alla critica pozziana, come si può non dissentire da quello che egli scrive? Come si può accettare l´affer-mazione secondo cui la poesia di Quasimodo fino al periodo di Erato ed Apollion (1932-36) non persegue suggestioni di canto, sentimenti o ragioni da esprimere, dolcezze o dolori?...
Nella prima produzione poetica quasimodiana c´è, al contrario, a nostro giudizio, un magma sentimentale fluido e fortemente caratterizzato da un eloquio interiore ricco di pathos e di umanità.
È sufficiente, a riguardo, leggere poesie come Vento a Tindari, Si china il giorno, Vicolo, Nessuno, contenute nella raccolta Acque e terre o, ancora, Curva minore, La mia giornata paziente, Primo giorno e tante altre, che non citiamo, incluse nella silloge Oboe sommerso.
Certo, non si può negare che in alcune liriche si noti una ricerca della parola e un rigore geometrico giuocato - per usare la frase di Montale - su quella patina di distacco e su quel sereno acume dell´intelligenza che furono vanto della poesia dei classici, pur tuttavia ciò non può autorizzare ad affermare di essere in presenza di una poesia priva di suggestioni di canto, sentimenti o ragioni da esprimere.
Ci sembra, infine, non condivisibile l´interpretazione di Pozzi relativa alla svolta della lirica quasimodiana verso un impegno etico e sociale come un mero e semplice artificio etico ed un giuoco di "stilizzazione retorica", come pure poco generosa risulta la lettura critica di Quasimodo fatta da Giacinto Spagnoletti allorquando, già prima dell´assegnazione del Premio Nobel, nella sua Antologia della poesia italiana 2 ebbe a contestare il passaggio quasimodiano alla poesia dell´impegno etico e sociale, giudicato un esercizio letterario senza centro e senza scopo.
La tesi spagnolettiana si fondava sulla convinzione della incapacità di Quasimodo di poter affrontare il suo nuovo percorso poetico. Spagnoletti riteneva che il poeta per partecipare le sue scoperte, le scoperte del mondo quotidiano, doveva afferrarsi ad una qualità diversa di voce e di pronuncia: doveva ritornare, in un certo senso, alle origini, rimettersi all´immediatezza del canto, con tutto il sacrificio che esso comporta. E invece il poeta, privo di questo coraggio, s´è abbandonato unicamente alle sue doti letterarie. Ha aumentato il calore del discorso, portandolo spesso ad un piglio oratorio, ha affinato il gusto delle analogie, ha esagerato il giuoco delle immagini, ha impreziosito il carattere di quell´idillismo, che si celava, come sappiamo, al fondo della sua poesia più ´macerata´; muovendosi con una indubbia eleganza proprio in quell´atmosfera di gusto impressionistico e decadente, a cui avrebbe dovuto sentirsi più estraneo3 .
La critica spagnolettiana, pur se condotta con eleganza dialettica, non lasciò spazi al dubbio circa il poco gradimento del nuovo percorso quasimodiano, stroncato sul nascere perché considerato artificiale, opportunistico, non supportato da ragioni sociali e di sentimento vere ed autentiche.
Il peso di queste valutazioni critiche sulla poesia quasimodiana ebbe forti risonanze nell´ambito della critica militante, se è vero che a dieci anni di distanza dall´ assegnazione del Premio Nobel, Edoardo Sanguineti, nella sua Antologia Poesia italiana del Novecento, 4 stroncò la poesia di Quasimodo affermando che il suo più vero contributo originale alla poesia del nostro secolo non è da riconoscersi nella produzione creativa, ma nelle traduzioni dai Lirici greci ...5
Via via negli anni, la svalutazione di Quasimodo, a parte alcuni interventi più generosi e benevoli, si è andata intensificando e l´acrimonia nei suoi riguardi ha toccato punte tali da creare attorno a lui uno "stato di isolamento e di silenzio".
Il volume di Niva Lorenzini, Il presente della poesia 1960-1990 6 non cita, per esempio, neanche il nome di Quasimodo; Alfonso Berardinelli non lo include tra i Cento poeti che illustra; Giuliano Manacorda nella sua Letteratura italiana d´oggi 1965-1985, parla di Quasimodo solo in riferimento ad una nota relativa ad un premio assegnato a Zanzotto; Giulio Ferroni nella sua Storia della Letteratura Italiana7, lo snobba, dedicandogli appena 37 righe.
Insomma, Quasimodo è stato sottoposto ad una sorta di vero e proprio "stato di assedio", che ha avuto il suo culmine nell´affermazione di Stefano Giovanardi, il quale8 ha definito il Nobel un ´minore´ di grande talento, costretto dalla storia e dalle circostanze a sentirsi un ´maggiore´ e a scrivere come tale.

Considerazioni conclusive

Alla luce di questo percorso, appaiono molto discutibili i giudizi negativi espressi dalla critica ufficiale, anche perché quando ci si addentra nel mondo della poesia " i nostri giudizi - come afferma il Pope - sono come i nostri orologi, i quali non si trovano mai d´accordo, ma ognuno di noi crede al suo".
Ciò che ci preme è, invece, sollecitare una nuova ricerca, serena ed obiettiva sull´autore, priva di tutti quegli orpelli che non possono non far pensare che nel recente passato sia stato consumato, nei riguardi di Quasimodo, un complotto letterario teso a distruggere, più che la sua poesia, il Nobel che gli è stato assegnato. Quasimodo infatti ha avuto il torto di essere stato candidato da cattedratici di lusso al Premio letterario internazionale di più alto livello.
Il lettore di poesia più disincantato, nel trovarsi di fronte a giudizi così pesanti e negativi circa i versi quasimodiani, sicuramente, infatti, si sarà chiesto: ma come hanno potuto gli accademici di Svezia non accorgersi:
- che quella di Quasimodo era una poesia senza suggestioni di canto, sentimenti o ragioni da esprimere?
- che le immagini di Giorno dopo giorno erano immagini sottratte al museo di cartapesta della retorica poetica nazionale?
- che la poesia di Quasimodo aveva consumato un tradimento sia in termini storici che estetici?
- che la sua lirica non era altro che un esercizio letterario artificiale ed opportunistico, e che nel momento stesso in cui falliva una poesia, Quasimodo indovinava una poetica?
Se il Nobel è stato assegnato ad un mediocre dilettante della poesia, a uno dei peggiori poeti italiani, come ebbe a dire Pasolini in un´intervista riportata su "Gente" del 17 novembre 1975, c´è da rimanere preoccupati circa i criteri e la qualificazione di questi cattedratici dell´Accademia Svedese.
In verità, noi riteniamo che Quasimodo sia da considerare la vittima di un "accanimento letterario" ininterrotto, determinato da quel rapido successo ottenuto in pochi anni e che è stato mal digerito da coloro che muovevano i fili della cultura italiana nel periodo bellico e del dopoguerra.
Forse è giunto il tempo in cui la critica ufficiale debba affidarsi più allo studio obiettivo della produzione poetica quasimodiana e dei suoi testi e discorsi, piuttosto che continuare ancora questa diatriba che, come acutamente sosteneva Zagarrio, è risultata viziata e condizionata da "umori e risentimenti". Lo studio e la ricerca letteraria, la scoperta di nuove prospettive di contenuto e di estetica non possono, certamente, cedere a forme di emotivismo e di tendenze ideologiche, se non vogliono risultare prive di fondatezza e di rigore scientifico. Ciò che serve è rimettere in movimento l´immagine di questo "Nobel venuto dal Sud", attraverso l´analisi di alcuni suoi testi poetici, di alcune lettere e discorsi, scelti. È dai testi, infatti, che bisogna arrivare a delle conclusioni ed è nei testi che è possibile scorgere la fragilità e la grandezza di questo poeta, il quale, nella gloria e nella gogna, ha fatto parlare molto di sé e, pertanto, non può essere consegnato all´oblio.
Domenico Pisana




Notizie Flash
SANTA CROCE CAMERINA - AGGRESSIONE AL RUP DEL CANALE DI VIA MATTEOTTI: SOLIDARIETA' DEL SINDACO.
VITTORIA - ASP: L'AMBULANZA HA SUBITO SOCCORSO LA DONNA ACCOLTELLATA
RAGUSA - PRECISAZIONE DI CETTINA RANIOLO A MIRABELLA SUGLI INCONTRI CON LA DEPUTAZIONE
RAGUSA - PER MIRABELLA (INSIEME) SUL CASO " CARAVAGGIO " SI E' SUPERATA LA DECENZA
RAGUSA - PERQUISIZIONI DELLA DIGOS CONTRO LO STATO ISLAMICO
RAGUSA - ECCO IL PROGRAMMA DI " MOTO STORICHE NEL BAROCCO IBLEO "
28-05-2022 18:16 - Attualità
[]
Matteo Salvini in partenza per Mosca: “Vedrò i ministri di Putin”

«Sono in Italia. Non ho certezze che ci andrò, ci stiamo lavorando. E si va se serve, certezze non ce ne sono. La richiesta di aprire i porti viene da più parti: bisogna insistere. Ci sono buone relazioni, rappresentiamo milioni di italiani». Lo afferma il leader della Lega, Matteo Salvini, a Sabato Anch’io su Rai Radio Uno. «Per alcuni sarei già partito ieri. Non è un viaggio di piacere: si va se serve. Non vado a nome del gove...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
28-05-2022 17:54 - Sport
[]
Ragusa, 28 maggio 2022

Al via ieri “Moto storiche nel barocco ibleo”, le prime visite

a Militello Val di Catania e Vizzini. Domani riflettori su Ibla

E’ ripartita ieri pomeriggio la grande avventura delle moto storiche nel barocco ibleo. La kermesse promossa dal Veteran car club ibleo celebra la 16esima edizione dopo essersi interrotta per due anni di fila a causa dell’emergenza sanitaria. Ma il passato è già stato buttato alle spalle e, adesso, si pensa soltanto a vivere il presente come testi...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
28-05-2022 16:59 - Cultura & Arte
[]
La Società Modicana per la Storia Patria segnala alla Regione e alla Soprintendenza di Ragusa il pericolo e il degrado della Chiesa rupestre di Santa Veneranda (Santa Venera) a Modica

La Chiesa rupestre di Santa Veneranda o santa Venera a Modica è forse, insieme a quella di Santa Alessandra (in ipogeo) e San Nicolò inferiore (rupestre), una fra le più antiche chiese presenti sul territorio modicano. Le sue origini, considerato l'evidente culto basiliano si fanno risalire tra il VI e VII sec. d...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
28-05-2022 11:49 - Eventi
[]
Dopo due anni di pandemia la citta' di Ragusa, festeggia il suo Santo Patrono del San Giorgio Martire.
La processione è partita dopo la Santa Messa celebrata dal parroco di San Giorgio don Pietro Floridia.
Domani 28 maggio, il simulacro lascia la chiesa di San Tommaso per rientrare nel duomo.
Il parroco nella sua omelia annuncia il video dove di domenica vedrete anche la lotta di San Giorgio"

Le foto sono di Salvo Bracchitta



Sabato, 28 maggio 2022

S. Giorgio torna a riabbracciare fedeli e devoti,...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
27-05-2022 12:14 - Attualità
[]
SOLENNE CERIMONIA D’INVESTITURA DEI NUOVI CAVALIERI DI MALTA OSJ DINANZI AL GRAN MAESTRO DON THORBJORN PATERNO’ CASTELLO PRESSO LA CHIESA DI SANT’AGATA LA VETERE

Cena di gala presso Palazzo Paternò Castello Manganelli Spedalotto

Nella splendida cornice della chiesa di Sant’Agata La Vetere (la prima Cattedrale della città di Catania dal 380 al 1094) si è tenuta la solenne cerimonia d’investitura del Sovrano Ordine dei Cavalieri di Malta OSJ e del Sovrano Ordine Ortodosso di San Giovanni di Gerus...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
27-05-2022 11:49 - Politica
[]
Mille euro per la festa del Balicu"

Scicli ,il Candidato Vanasia lancia una proposta tra i punti del suo programma

Tra le mille curiosità, su questo bellissimo fiore la violaciocca o Matthiola fu attribuito alla pianta dal botanico francese Charles Plumier che ha voluto dedicare la scoperta all’amico, Pietro Andrea Mattioli, medico e botanico senese che curava i giardini di Bernardo II di Cles, un noto cardinale italiano vissuto nel XVI secolo ,era anche il fiore preferito da Carlo Magno.
Nel l...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-05-2022 20:13 - Istruzione e Formazione
[]
"LA BELLEZZA SALVERA' IL MONDO"... IL SISTEMA MODA DEL "G.B.VICO-UMBEROI-R.GAGLIARDI" DI RAGUSA AL "Mu.De.Co" DI DONNAFUGATA

Si avvia al termine il progetto “Archivi della moda tra cultura e società”, rivolto alle studentesse dell’Indirizzo Sistema Moda dell’I.I.S. “G. B. Vico - Umberto I – R. Gagliardi” e patrocinato dal Comune di Ragusa, nel quadro delle attività di alternanza scuola/lavoro (PCTO) promosse dall’Istituto e dal Dirigente scolastico Prof.ssa Nunziata Barone.
Il Castello di Don...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-05-2022 11:54 - Politica
[]

IL CASO CARAVAGGIO A RAGUSA, IERI IN CONSIGLIO COMUNALE TUTTE LE PERPLESSITA’ DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE. IL CAPOGRUPPO FIRRINCIELI: “ABBIAMO CHIESTO CHIARIMENTI SU UNA SERIE DI ANOMALIE CHE MERITANO RISPOSTE PRECISE PER ACCERTARE LA VERIDICITA’ O MENO DELLA TELA”

“Avevamo chiesto al sindaco, durante la conferenza dei capigruppo nel corso della quale avevamo sollecitato una sua partecipazione, di fornirci alcuni documenti che, al di là delle delibere e delle determine pubblicate, noi non cono...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-05-2022 11:01 - Istruzione e Formazione
[]
Si è conclusa a suon di tamburi la prima giornata di mobilità Erasmus!

Dopo essere state ricevute in Municipio per il saluto e il benvenuto caloroso dell’Assessore Dante Di Trapani, sostituto del Sindaco momentaneamente fuori sede, le delegazioni hanno preso parte ad un tour turistico per le vie del centro storico, durante il quale hanno potuto ammirare i principali siti d’interesse storico ed architettonico e conoscerne le vicende, grazie ad una guida d’eccezione: la mamma di un alunno della...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-05-2022 16:30 - Attualità
[]
Mercoledì, 25 maggio 2022

San Giorgio a Ragusa, sabato ci sarà la terza edizione
della sfilata bandistica denominata “Ibla in musica”

Un altro degli appuntamenti interessanti promossi in occasione dei solenni festeggiamenti in onore di San Giorgio martire, glorioso patrono di Ragusa, è di certo la terza edizione della sfilata bandistica “Ibla in musica”. Sabato, alle 17,30, al Giardino ibleo, ci sarà l’esibizione delle seguenti realtà musicali: corpo bandistico “San Giorgio” Città di Ragusa; band...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-05-2022 12:21 - Politica
[]

STRISCE BLU A VITTORIA, IERI SERA IN CONSIGLIO COMUNALE APPROVATA LA MOZIONE SCUDERI: “FINALMENTE UNA SEDUTA DAL DIALOGO FRUTTUOSO”
Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Giuseppe Scuderi, esprime soddisfazione per il fatto che la propria mozione di indirizzo avente a oggetto la richiesta di modifica di alcune condizioni concernenti la sosta a pagamento sul territorio cittadino di Vittoria è stata approvata, ieri sera, in Consiglio comunale, all’unanimità. Nell’atto indirizzato al sinda...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-05-2022 17:11 - Politica
[]
La Presidente della VI Commissione, Cettina Raniolo promuove un incontro di fine legislatura con i deputati regionali iblei

Una iniziativa che connotò l’avvio dell’attività politica della consigliera Cettina Raniolo,in veste di Presidente della VI Commissione, Sviluppo Economico, che volle ospitare, a Palazzo dell’Aquila i deputati iblei per dare contezza, alla Commissione e al civico consesso dell’attività degli stessi, a livello regionale e degli innegabili riflessi positivi per il territori...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-05-2022 11:13 - Istruzione e Formazione
[]
Il 21 maggio presso l’Auditorium dell’AVIS Provinciale di Ragusa , in occasione della “Festa della salute” si è svolto l’evento formativo “Salute e Benessere con le professioni Sanitarie”, organizzato dall’Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione della provincia di Ragusa, alla presenza della Dott.ssa Teresa Calandra, presidente della Federazione Nazionale e presenziato dal Direttore Generale dell’ASP di ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
22-05-2022 11:40 - Attualità
[]
Musicisti in erba all’Auditorium “Carlo Pace”

Numero 7 pianisti e n. 6 chitarristi in erba, allievi dei Mastri Mario Pollicita e Simone Alessi, si sono esibiti ieri, 21 maggio all’Auditorium “Carlo Pace” di Comiso.

“Negli ultimi tre anni non è stato possibile organizzare il saggio a causa della pandemia- ha esordito il Maestro Pollicita- ed è stato un vero peccato perché per i ragazzi è una prova importante. Poco importa se per l’emozione accelerano l’andamento metronomico del brano per termin...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
Utenti Online
27

Visitatore Numero
1940563

totale visite
7444642

28-05-2022 18:06 - Cultura & Arte
[]
“Bianchi, neri e grigi di Modica”.

Cartoline d’epoca in un libro che sarà presentato il 1 giugno alle 19

Un gruppo di fotografie che descrive una città, ne racconta i costumi e le abitudini, fa da congiunzione fra memorie collettive e personali legate ai luoghi. E fa da congiunzione anche fra le generazioni che hanno vissuto la città nel periodo fissato nelle immagini e noi che l'abbiamo ereditata.

Attorno a una piccola collezione di scatti fatti tra gli anni '50 e '60, 39 immagini fortuitamen...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
27-05-2022 12:34 - Cultura & Arte
[]
Viaggio negli iblei, domenica appuntamento a Scicli

I luoghi che si incontrano e che diventano parte integrande delle location dove si svolgono gli appuntamenti di un viaggio unico, com’è quello del Tour Letterario degli iblei che dopo la pausa invernale, riprende il suo ciclo di presentazioni. Domenica sarà la volta di Scicli, dove alle ore 18,30 al circolo Vitaliano Brancati sarà presentato il libro Viaggio negli iblei, i luoghi degli scrittori, di Andrea Guastella e Stefano Vaccaro, finanzi...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-05-2022 17:28 - Eventi
[]
Il ritorno alla normalità nel segno dell’arte e della musica: Shine organizza "Il mio canto libero". L’evento all’Ideal di Ragusa domenica 29 maggio

RAGUSA. Il ritorno alla normalità nel segno dell’arte e della musica. L'Associazione culturale musicale Shine organizza, per domenica 29 maggio, "Il mio canto libero" un evento tra musica, danza, disegni e poesie. Appuntamento alle 18:00 al teatro Ideal di Ragusa. L’associazione Shine ha lavorato in questi mesi per accompagnare gli allievi della ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-05-2022 17:03 - Cultura & Arte
[]
Nuova Acropoli Ragusa presenta: Seneca e l’arte della felicità

Per il mese di maggio Nuova Acropoli Ragusa sceglie un tema molto caro all’essere umano: la felicità. E lo fa sulla scia degli insegnamenti di uno dei più grandi filosofi stoici, Lucio Anneo Seneca.

L’incontro culturale dal titolo “Seneca e l’arte della felicità” sarà un percorso attraverso le regole d’oro per coltivare e raggiungere la felicità, precetti morali dal sapore antico, ma sempre attuali.

Felicità, virtù, libertà, armonia…...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-05-2022 12:56 - Cultura & Arte
[]
La bravura di Pierfrancesco Favino

Sappiamo che la storia è la narrazione cronologica degli avvenimenti accaduti. Vi sono molti modi per descrivere la storia: tramite i libri, tramite le testimonianze dirette, anche i film sono un modo per far conoscere gli avvenimenti accaduti.

In modo particolare mi voglio soffermare sulla bravura dell'attore Pierfrancesco Favino.

Favino nella sua carriera artistica ha interpretato in maniera sublime due personaggi importantissimi per la storia dell'Italia.

L...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-05-2022 12:10 - Eventi
[]

“Vivi cava Porcaro”. Progetto di valorizzazione del sito e dell'ambiente che prenderà il via domenica 29 maggio grazie ai fondi di Democrazia Partecipata stanziati dal Comune di Comiso. “Un progetto che coniuga perfettamente l'impiego di denaro pubblico per la partecipazione della comunità”. Dichiarazioni dell'assessore Manuela Pepi e del sindaco Maria Rita Schembari.

“ Taglierà il nastro domenica 29 maggio 2022 il nuovo progetto di democrazia partecipata dal tema “vivi cava Porcaro” che vedr...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-05-2022 12:36 - Cultura & Arte
[]
BCsicilia - Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII” Trabia

Trabia, BCsicilia presenta il volume “Schliemann alla ricerca di Troia” di Massimo Cultraro

Organizzato da BCsicilia e dall’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII” di Trabia si presenta venerdì 27 maggio 2022 alle ore 17,00 il volume di Massimo Cultraro “Schliemann alla ricerca di Troia”. Dopo i saluti di Giusi Conti, Dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII” di Trabia e la presentazione di Roberto Incardona, President...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-05-2022 12:25 - Cultura & Arte
[]
LA TERRA: CITTA’ DI DIO, CITTA’ DELL’UOMO, PER NESSUN ALTRO C’E’ POSTO

La vita dell’uomo sulla terra è legata, secondo lo scrivente, ad un fattore fondamentale che può essere sintetizzato, per dare un’idea del mio pensiero, col termine “armonia”. Questo termine presuppone che ogni elemento del “quadro terrestre o universale” deve essere coerente col tutto, deve essere funzionale al tutto, basta un piccolo cedimento, nell’unità dell’insieme, per innescare una catena di effetti che si ripercuota...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-05-2022 16:36 - Angolo dell´Arte
[]
Sarà inaugurata il prossimo 27 maggio, alle ore 19,30, a Vittoria, presso la galleria d'arte " Edonè ", sita al n. 39 di via Cavour, la mostra del pittore com isano Giuseppe Ciarcià dal titolo " Distopica realtà ". La mostra rimarrà aperta fino al 3 luglio 2022 dalle ore 18 alle ore 21 di mercoledì e venerdì, dalle ore 11/13 e 18/21 di sabato e domenica.
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
24-05-2022 11:45 - Angolo dell´Arte
[]
SPAZIO MINIMO

Ragusa / 21 maggio – 30 giugno

HA RIAPERTO LE SUE PORTE LA GALLERIA D'ARTE CONTEMPORANEA “CLOU” CON LA MOSTRA “SPAZIO MINIMO”. A RAGUSA DIECI ARTISTI A CONFRONTO.

RAGUSA – L’arte contemporanea nutre il centro storico di Ragusa, con un progetto che vuole offrire la visione di dieci artisti sulla pandemia. Riapre la Galleria Clou, una riapertura che coincide con una rinascita, un nuovo spazio espositivo in una sede suggestiva, ricavata all’interno di un’ex centrale telefonica riqual...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-05-2022 11:01 - Cultura & Arte
[]

È un fragoroso e lungo applauso quello con cui il pubblico dell’Auditorium “Carlo Pace” di Comiso accoglie Nello, Simone Alessi e il quartetto d’archi Ibla Ensemble di Ragusa. Nello Alessi, è un rinomato chitarrista di fama internazionale, Simone, suo figlio, concertista e docente di chitarra.

Il concerto è stato proposto dall'associazione culturale e musicale “Suoni Mediterranei di Ragusa” e patrocinato dall'Assessorato allo Spettacolo del Comune di Comiso.

I due chitarristi, insieme ai violi...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
23-05-2022 18:14 - Attualità
[]
LA CUCINA SICILIANA VISTA DAGLI EMIGRATI ARGENTINI.

«COSÌ DIFENDIAMO IL PATRIMONIO ENOGASTRONOMICO»

(23/05/2022) - Successo per il progetto Ristoworld per l’Argentina, realizzato dalla sinergia di due realtà presenti nei rispettivi Paesi: da una parte l’associazione di cucina, turismo e made in Italy, Ristoworld Italy (presieduta da Marcello Proietto di Silvestro) e dall’altra il Circulo Siciliano di Santafè (presieduto da Giuliano Ovando Salemi) che hanno programmato una serie di incontri per ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
23-05-2022 17:31 - Cultura & Arte
[]
SPETTACOLI, CONCERTI E SHOW CONCLUDONO “SCENICA FESTIVAL”. BOOM DI PRESENZE PER QUESTA QUATTORDICESIMA EDIZIONE.

VITTORIA – Conclusa la quattordicesima edizione di “Scenica Festival”, promossa dall’associazione culturale Santa Briganti, che è riuscita a trasformare il centro storico di Vittoria, ed alcune delle sue location più iconiche, in un unico grande luogo in cui l’arte performativa, snocciolata in ogni sua declinazione, ha trovato un approdo sicuro, scaldato dall’affetto del pubblico. C...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA
23-05-2022 12:45 - Rubrica DELLE COSE DI SICILIA Uomini e fatti senza tempo
[]
Storie di Sicilia

U Marranzano di Don Peppe Cicuoria… un suono, il ricordo di un tempo che fu

Il Marranzano

Come un suono triste - di marranzano - che ti vibra in gola - e poi lentamente muore, - la vita se ne va. - E ti sembra cosa assurda - questa carne che ti porti - appresso, - trascinata, trasmutata, - derivata da quel grumo - sanguinolento che mani - esperte alzarono - perché l'aria desse l'avvio - al grido della vita, - mani che tagliarono - e separarono da altra carne, - da altro tu, - d...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
22-05-2022 19:06 - Cultura & Arte
[]
VOCALISE: FLAUTO E PIANOFORTE DIALOGANO E REGALANO EMOZIONI. A “MELODICA”, LA STAGIONE CONCERTISTICA CHE SI SVOLGE A RAGUSA

Le note sono le parole che il linguaggio delle emozioni adopera per oltrepassare le barriere e giungere fino all'anima! E con “Vocalise” le eccelse artiste Diana Nocchiero e Andjela Bratic hanno scritto e trasmesso un forte, chiaro e potente messaggio, che la musica è pura energia capace di far risuonare nell'intimo i colori delle emozioni. Ieri sera il secondo appuntame...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
19-05-2022 18:06 - Angolo dell´Arte
[]
Un abito realizzato dalle alunne dell'I.I.S. G. B Vico - Umberto I R. Gagliardi

in mostra al Castello di Donnafugata

Venerdì 27 maggio, alle 17.30, presso il Castello di Donnafugata, nell'ambito del progetto “Archivi della moda tra Costume e Società", svolto nel corso dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, verrà presentato e messo in mostra l'abito realizzato dalle alunne dell'indirizzo Sistema Moda dell'I.I.S. "G. B Vico - Umberto I R. Gagliardi "di Ragusa. L'iniziativa patrocinata dal Com...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]

invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio

cookie