15 Maggio 2021
Categorie
percorso: Home > Categorie > Politica

MODICA - SULLE RELAZIONI ANNUALI AL CONSIGLIO COMUNALE E SUL BUSTO DI QUASIMODO RIPORTIAMO UN INTERVENTO PUBBLICATO DAL MENSILE " DIALOGO "

Il busto ritrovato e l´assessore Digiacomo
"Sulla mediocrità politica della sindacatura Abbate
Che fine hanno fatto le relazioni annuali al Consiglio comunale?
E il busto di Quasimodo che scompare e riappare?
Nel marzo del 2012, riuscimmo ad ottenere dall’Assessorato delle autonomie locali, della Regione Siciliana, la diffida dell’allora Sindaco di Modica, Antonello Buscema, perché non aveva reso al Consiglio comunale ed alla città le relazioni annuali previste dall´art. 17, comma 1, della L.R. n. 7/1992.
Adesso accade che anche il Sindaco Ignazio Abbate, che alla data attuale avrebbe dovuto produrre due relazioni annuali, non ne ha prodotto alcuna.
Considerato che egli pretende giustamente il rispetto della legge di pagare le tasse nei termini previsti, ci sembra naturale che anche lui rispetti la legge, non potendo pretendere che le “relazioni annuali” possano essere sostituite dalle sue esibizioni autoreferenziali e da campagna elettorale permanente, cui pensa di abituarci.
Noi non ci aspettiamo miracoli da codesto sindaco perché ben sappiamo i limiti di chi fa lo stratega, facendosi fotografare, come il generale Patton, sempre con il dito puntato su una carta geografica di Modica ad indicare le grandi strategie di come si copre prontamente una buca o appostato con il decespugliatore per colpire quell’ormai terrorizzato filo d’erba modicano appena mette il naso fuori dal terreno, o alla guida del trattore a spalare neve (dicembre 2014), grato a Dio, per averne fatto cadere tanta che come manna dal cielo utilizzò per imporre la figura del trattorista con la fascia tricolore.
Abbate è cocciuto perché ritiene che facendosi fotografare in posa mentre due operai sistemano una buca prenderà più voti, quindi immaginate come possa interessarsi della “relazione annuale” che non produce voti ma produrrebbe solo quella “pianificazione” nel governo cittadino che a lui non interessa.
E poi, da primo cittadino, egli è da ritenere ‘superiore’ ai suoi concittadini? E sarà per questo che non usa fissare appuntamenti presso il Comune a coloro che chiedono di parlargli per risolvere qualche problema cittadino. Eppure, demagogicamente dice “la mia porta è aperta a tutti”, ma nei fatti parlare con lui è un terno al lotto perché chi volesse incontrarlo non saprà mai se sarà in ufficio e, quando c’è, quanto sarà lunga la fila e quanto tempo perderà e quanti viaggi dovrà fare. Lui sa, per psicologia spicciola, che frutta di più, nell’immaginario collettivo, quel “la mia porta è sempre aperta” che le mattinate perdute da quel povero Cristo che volesse incontrarlo.
Ma il disprezzo per le norme giuridiche e di quelle del buon senso dell’Amministrazione Abbate non si ferma qui. Recentemente abbiamo ricostruito la vicenda della sparizione del Busto di bronzo di Salvatore Quasimodo, accaduta nel settembre dello scorso anno che ha dell’incredibile.
Questa è la cronologia dei fatti:
1937 - Francesco Messina scultore (1900–1995) esegue il Ritratto di Salvatore Quasimodo, busto in bronzo.(Wikipedia).
1995 (dopo il) Il busto in bronzo di Salvatore Quasimodo viene acquistato dal Comune di Modica per una cifra oscillante tra i 20 e i 30 milioni di lire (Rassegna stampa).
2005 (intorno al ) sembra che il busto sia stato esposto all’interno del Palazzo Polara e poi nella stanza del sindaco di Modica (Rassegna stampa).
16 luglio 2013 - protocollo del Comune 34292 del 18 luglio 2013, Alessandro Buscemi (amico personale di Alessandro Quasimodo) per la prima volta scrive al Comune una lettera con la quale, non avendo trovato al Palazzo della cultura il busto di Salvatore Quasimodo, chiede di poterlo vedere e di essere ricevuto dal Sindaco.
20 agosto 2013 - protocollo del Comune 39112 del 20 agosto 2013- Alessandro Buscemi ripete la stessa istanza del 16 luglio 2013.
10 settembre 2013 - protocollo del Comune 42462 - il responsabile P.O. (dott.ssa Portelli) settore VII [Pubblica istruzione e cultura biblioteca e musei]. del Comune di Modica risponde alla lettera del 20 agosto precedente del Buscemi, notiziandolo che il Busto non risulta inventariato neanche tra le opere del Museo Civico.
9 ottobre 2013 - protocollo del Comune 48736 del 9 ottobre 2013 - Alessandro Buscemi riscrive al Sindaco, spiegando che il Busto fu acquistato dal Comune per alcune decine di milioni e reiterava la richiesta di poterlo visionare e di essere ricevuto dal Sindaco.
27 dicembre 2013 - protocollo del Comune 64696 del 27 dicembre 2013 - Alessandro Buscemi riscrive al Sindaco e ribadisce le richieste precedenti.
13 settembre 2014, Alessandro Buscemi e l’on Nicola Bono producono una “Lettera aperta al Sindaco di Modica” con cui, dopo aver riepilogato la precedente corrispondenza di Alessandro Buscemi chiedono che si faccia luce sulla scomparsa del Busto di Salvatore Quasimodo.
22 settembre 2014, nel silenzio del Sindaco, L’on. Nicola Bono ed Alessandro Buscemi producono una seconda “Lettera aperta al Sindaco di Modica” con la quale ribadiscono le considerazioni già espresse nella prima ed aggiungendo, questa volta, con più forza, le responsabilità connesse alla custodia dei beni mobili del Comune. Riportiamo la lettera per intero perché essa riassume in maniera impareggiabile la competenza, l’educazione ed il modo di governare la cosa pubblica dell’Amministrazione Abbate.

“Egregio Signor Sindaco,
in tutta sincerità, dopo la prima lettera aperta in merito alla scomparsa del busto bronzeo dell´esimio Poeta, ci saremmo attesi una sua risposta diretta o a chiarire il mistero o, almeno, per assumere pubblicamente impegni concreti in merito al doveroso accertamento delle responsabilità.
Ma Lei è rimasto silente.
In compenso il suo Assessore alla Cultura, ha ripetuto per l´ennesima volta l´incredibile versione dei fatti che si limita ad una sterile e impotente presa d´atto della scomparsa dell´importante manufatto e della sua totale “perdita di tracce”, ritenendo in tal modo di chiudere una vicenda semplicemente riconducendola all´oblio, da cui alcune persone animate da profondo senso civico hanno cercato di riesumarla.
Il suo silenzio avalla la presa di posizione del suo Assessore, che dà del Comune di Modica una immagine certamente non edificante, di un Ente privo di trasparenza in cui è possibile sottrarre beni culturali a piacimento e, non solo farla franca, ma non avere neanche la preoccupazione che qualcuno possa effettuarne la ricerca, o semplicemente denunciarne la scomparsa all´Autorità Giudiziaria.
Perché alla fine della fiera è questo quello che sembra sia avvenuto, certamente in un passato, ma neanche troppo lontano, di cui ovviamente la sua Amministrazione non ha responsabilità, ma che oggi potrebbe coinvolgerla attraverso il principio della continuità amministrativa, che non contempla scuse rispetto al dovere di tutelare sempre e comunque l´interesse pubblico.
La domanda che impone una risposta, e non una semplice scrollata di spallucce, è cosa è accaduto quando è scomparso il busto bronzeo di Quasimodo?
Possibile che Modica sia l´unico Ente Pubblico Territoriale d´Italia che non abbia un inventario dei beni mobili e immobili di proprietà Comunale?
E se fosse davvero così, non sarebbe questa una grave violazione che, nella continuità amministrativa, coinvolgerebbe anche la Sua Amministrazione?
Ma non è forse vero che, in ogni caso, al momento dell´acquisto del prezioso manufatto, risalente secondo alcuni al 1962, in occasione della visita a Modica del Poeta, un dipendente comunale avrebbe dovuto ricevere l´incarico di consegnatario e, pertanto, di responsabile della sua custodia?
E quando il busto, fruito pubblicamente pare fino ai primi anni novanta, sparì dalla circolazione e non fu più trovato, non avrebbe dovuto essere presentata una denuncia all´Autorità Giudiziaria?
Queste avrebbero dovuto essere le procedure adottate da una Amministrazione Pubblica ispirata alle Buone Pratiche amministrative e capace di tutelare realmente l´interesse e il patrimonio Pubblico.
Se tutto ciò è alla base della scomparsa, è davvero così complicato aprire una seria indagine interna e ricostruire tutti i passaggi per accertare quando è accaduta la sottrazione e quindi individuare i responsabili, quanto meno delle omissioni e, forse, tornare in possesso dell´opera?
Ma la vera domanda è se, come pare, si voglia stendere sulla questione un velo pietoso, o piuttosto andare fino in fondo e appurare tutta la verità su quanto è accaduto.
Ecco, Signor Sindaco perché le abbiamo scritto e le stiamo scrivendo di nuovo.
La verità sul busto scomparso di Quasimodo ha nella fattispecie una valenza ben più profonda del semplice ritrovamento di un´opera d´arte acquisita in onore del cittadino più illustre della storia Modicana e noi riteniamo che questo non possa sfuggire alla sua sensibilità, così come non è sfuggito a quella dell´intera comunità da lei amministrata.
In attesa di un suo stimato riscontro, e se vuole anche incontro, voglia gradire distinti saluti”.
f.to Nicola Bono - Alessandro Buscemi

24 settembre 2014 - Notizia di stampa- “Modica, ritrovato in uno scantinato un busto di Quasimodo: verrà allocato a Palazzo della Cultura”. L’articolo riporta la foto dell’assessore alla cultura, Orazio Di Giacomo con accanto il busto di Quasimodo.

***
Atteso che vogliamo ringraziare l’on. Nicola Bono ed Alessandro Buscemi in particolare, per aver contribuito al “recupero” del busto di Salvatore Quasimodo, vogliamo aggiungere che se quest’ultima lettera evidenzia in maniera solare la qualità Amministrativa della Giunta Abbate, noi vogliamo stigmatizzare come alla maleducazione evidenziata nei confronti del Signor Alessandro Buscemi, preso in giro per più di un anno, il governo (si fa per dire) Abbate manifesta le sue qualità di coraggio quando ritrova in due giorni il busto di Quasimodo solo perché l’ultima lettera a firma dell’on. Nicola Bono ed Alessandro Buscemi lasciava intendere che si era deciso di andare oltre.


P.S.
Con raccomandata invieremo copia di questo numero di DIALOGO alla Regione Siciliana - Assessorato delle autonomie locali e della funzione pubblica - Dipartimento Regionale delle Autonomie Locali - Servizio 3 - "Vigilanza e controllo degli Enti Locali - Ufficio Ispettivo" per chiedere l’intervento della Regione per la violazione da parte del Sindaco dell’art. 17, comma 1, della L.R. n. 7/1992, non avendo reso al Consiglio comunale le due relazioni annuali.
Richiediamo, inoltre, alla Regione Siciliana la possibilità di promuovere una inchiesta amministrativa su come nel Comune di Modica viene custodito il patrimonio mobile del Comune, perché la scomparsa e ricomparsa del busto di Quasimodo autorizza a ritenere che la buona prassi di tale custodia viene talvolta violata. #
"Dialogo " gennaio 2016
Notizie Flash
RAGUSA - " TERRITORIO " CON L'ON. DIPASQUALE SULLA MOTORIZZAZIONE
PALERMO - APERTI I TERMINI PER " RESTO AL SUD "
RAGUSA - ARRESTATA UNA DONNA PER FURTI NEI SUPERMERCATI DI COMISO E VITTORIA
RAGUSA - RIFLESSIONE DI " RAGUSA PROSIMA " SUI TEMPI DEL COVID
RAGUSA - COMODATO GRATUITO DEL CITY
RAGUSA - POTENZIAMENTO VIABILITA' NELLE CAMPAGNE
RAGUSA - CONSORZIO DI BONIFICA : LAVORATORI IN STATO DI AGITAZIONE.
VITTORIA - UN ARRESTO PER RESISTENZA
MARINA DI RAGUSA - FIRRINCIELI ( M5S ) SUL DEGRADO DEI GABINETTI PUBBLICI
15-05-2021 11:17 - Attualità
[]
Santa Croce Camerina avrà un ‘punto di vaccinazione'. Il Sindaco: “Ringrazio l'Asp di Ragusa per aver accolto la nostra richiesta.”

A breve anche il comune di Santa Croce sarà dotato di un punto di vaccinazione per tutta la cittadinanza. L'Asp di Ragusa ha accolto la richiesta inoltrata dall'Amministrazione Barone di avere, per tutto il territorio camarinense, un punto vaccinale Covid-19, presso la palestra comunale Santa Rosalia, dove già ha ospitato il personale per gli screening. Gli utenti...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-05-2021 10:57 - Cronaca Locale
[]
Tre colpi in poche ore. All’interno di attività commerciali di Via Dandolo a Marina di Ragusa. Un’escalation di furti, nelle ore notturne, che mette a repentaglio la sicurezza degli operatori commerciali e dei residenti. Il presidente del movimento civico territorio di Marina, Angelo Laporta, ha raccolto il grido di allarme dei commercianti.

“L’ennesima ondata di furti pone in primo piano il tema mai sopito della sicurezza – denuncia Laporta - Non deve essere a carico esclusivo del singolo c...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 18:43 - Economia
[]
NASCE MULTIFIDICOFISAN. MULTIFIDI INCORPORA IL CONSORZIO FIDI SANITARIO SICILIANO, RENDENDO ANCORA PIU’ SOLIDO IL PROPRIO PATRIMONIO.

Multifidi, ha incorporato Co.fi.san, il consorzio fidi sanitario Siciliano. Il processo si è completato venerdì 14 maggio con l’approvazione definitiva durante l’assemblea straordinaria dei soci, tenuta dinanzi al notaio Maria Schembari di Ragusa, del progetto di fusione con la conferma alla guida del C.d.A. uscente di Multifidi, nelle persone di Roberto Biscot...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 14:09 - Attualità
[]
Cerimonia di consegna della struttura che ospiterà i volontari dei Vigili del Fuoco, il Sindaco: “Grazie al Comandante del VV.F. e al personale ‘volontario’ per la sensibilità verso in nostro territorio.”

Si è svolta stamattina nel piazzale del distaccamento dei Vigili del Fuoco di Santa Croce Camerina, in c.da Pezze, ka cerimonia di consegna delle chiavi della struttura che ospiterà i volontari del 115. Cerimonia cui hanno preso parte il Sindaco Giovanni Barone, l’Ing. Giovanni Distefano in r...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 12:23 - OBITUARY
[]
Carmelo Dipasquale, giovane di 21 anni, si è spento per un improvviso aneurisma, dopo essere trasportato all'Ospedale " San Marco " di Catania. Il giovane era figlio di un ex consigliere comunale, Emanuele Dipasquale.
La famiglia, rispettando la volontà del figlio, ha autorizzato l'espianto degli organi, che sono stati trasferiti in diverse città italiane, per essere donati: il cuore a Udine, i polmoni a Torino, il fegato a Roma, i reni a Padova e il pancreas a Palermo.
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-05-2021 11:52 - Politica
[]
Modica. La Piscina comunale e il mistero della mancata apertura: dietro gli annunci il Nulla”
A porre l'attenzione sulla misteriosa vicenda è Maurizio Villaggio, componente della segreteria
particolare dell'on. Francesca Donato, europarlamentare della Lega. “Nell'aprile del 2017 – scrive
Villaggio - grazie all'intervento dell'allora capogruppo di FI all'Ars, on. Marco Falcone e del
deputato regionale ibleo, on. Giorgio Assenza, la città di Modica usufruì di quasi due milioni di
euro (graduatoria d...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-05-2021 12:22 - Attualità
[]
ZONA GIALLA IN SICILIA QUASI CERTAMENTE DA LUNEDI’; 250 MILIONI DI EURO IN CIRCOLO NELL’ECONOMIA ISOLANA ENTRO GIUGNO. I VERTICI REGIONALI DI CONFCOMMERCIO SOSPENDONO LO SCIOPERO DELLA FAME. IL PRESIDENTE MANENTI: “PROTESTA CIVILE E DIGNITOSA, E’ STATA DURA MA PRONTA A RIPRENDERLA SE SARA’ NECESSARIO A SOSTEGNO DELLE NOSTRE IMPRESE”

Palermo – 13 maggio 2021. “Da lunedì quasi certamente la Sicilia sarà in zona gialla. Mentre 250 milioni di euro, approvati dal Cipe, saranno messi in circolo nell...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-05-2021 11:41 - Attualità
[]
Sanità
218 vaccinati in 3 ore a Scicli
Si raccomanda di non arrivare con troppo anticipo, al fine di evitare code

Sono già 218 i vaccinati nelle prime tre ore di apertura dell’Hub Vaccinale di Scicli. Stamani si è regolarmente avviato il nuovo centro che l’Asp di Ragusa in collaborazione con l’amministrazione comunale hanno aperto in tempi record. Non ci sono stati disservizi. L’invito agli utenti è di rispettare gli orari di prenotazione e arri...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
11-05-2021 11:44 - Politica
[]
Nomina dott. Salvatore Stornello Responsabile della
città di Acate del Dipartimento Pari Opportunità e Disabilità
Forza Italia.
È il dott. Salvatore Stornello, psicologo, il Responsabile del
Dipartimento Pari Opportunità e Disabilità Forza Italia della città
di Acate.
A darne notizia è la dott.ssa Valentina Spadaro, Coordinatrice del
Dipartimento Pari Opportunità e Disabilità Forza Italia della
Provincia di Ragusa, di concerto con il coordinatore provinciale di
Forza Italia, Giancarlo Cugnata, sentit...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
9

Visitatore Numero
1619555

totale visite
5791035

[]
13-05-2021 10:54 - Cultura & Arte
[]
“Luci di Venezia”, composizione dell'arpista modicano Fabio Rizza, viene eseguita per l'International Harp Festival di Edinburgo in Scozia.
L'Edinburgh International Harp Festival, uno dei più prestigiosi eventi del mondo legati all'Arpa, si è appena concluso. Quest'anno, all'interno delle varie scalette eseguite in concerto da molteplici arpisti di fama internazionale, è presente anche “Luci di Venezia”, una delle composizioni dell'arpista modicano Fabio Rizza che è stata eseguita dal Maestro...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
11-05-2021 12:44 - Cultura & Arte
[]

“A TUTTO VOLUME” APRE LA STAGIONE DEI FESTIVAL CULTURALI E RICONSEGNA LE PIAZZE AI LIBRI E AI LETTORI DAL 10 AL 13 GIUGNO A RAGUSA.
Tra le novità apertura in riva al mare e iniziative per celebrare Dante

RAGUSA – “A Tutto Volume – libri in festa a Ragusa” aprirà la stagione dei grandi eventi estivi e riconsegnerà le piazze ai libri, ai lettori e agli autori. Lo farà dal 10 al 13 giugno prossimi rilanciando il desiderio di stare insieme, la volontà di condivisione, di scambio, di incontro in que...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 19:52 - Angolo della Memoria
[]
Non ci sono stati eventi, in Italia e non solo, senza la partecipazione attiva di personaggi legati alla provincia iblea e/o al Sud-Est della nostra isola. Si tratta di una sorta di " appuntamento con la Storia " di cittadini del nostro territorio, che si sono trovati in un determinato posto in un determinato momento, quando le sorti del Paese hanno presso una piega particolarmente importante.
Presenteremo, in questo articolo, la figura di un personaggio di origine netina: nato a Noto il 9 ma...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio