26 Novembre 2020
Categorie

POZZALLO - MORTO PER ASFISSIA DA SOVRAFFOLLAMENTO SUL GOMMONE MIGRANTE IVORIANO: FERMATO LO SCAFISTA. ( video )

Fermato lo scafista che ha condotto 126 migranti di cui uno giunto cadavere.

E’ stato fermato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e morte come conseguenza di altro delitto di un giovane dell’età di circa 30 anni della Costa d’Avorio.

I testimoni: “ se lo scafista non avesse fatto salire tutta quella gente, lui si sarebbe salvato; eravamo troppi per viaggiare su quel gommone”.

Il medico legale presume che la morte sia intervenuta per asfissia da compressione dovuta al sovraffollamento del gommone.



Salgono a 37 gli scafisti fermati nel 2016 (10 minori); nel 2015 sono stati 147.


La Polizia di Stato ha già provveduto a trasferire oltre 250 migranti sbarcati.


Nel 2016 all’Hot Spot di Pozzallo hanno già fatto ingresso 3273 migranti in occasione di 11 sbarchi.


La Polizia a seguito di intense indagini iniziate ancor prima dello sbarco dei 358 migranti, ha individuato lo scafista a carico del quale sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e morte come conseguenza di altro delitto di un giovane di 30 anni circa della Costa d’Avorio.

Lo scafista è stato identificato per BALDE Omar, nato in Senegal il 05.03.1995 e tutt’ora sono in corso serrate indagini per raccogliere indizi di colpevolezza a carico degli altri scafisti dei gommoni soccorsi.

I responsabili del delitto previsto dall’art. 12 D.Lgs.vo 25.7.1998 nr. 286, concorrevano con altri soggetti presenti in Libia al fine di trarne ingiusto ed ingente profitto, compiendo atti diretti a procurare l´ingresso clandestino nel territorio dello Stato di cittadini extracomunitari. Il delitto è aggravato dal fatto di aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale in Italia di più di 5 persone; perché è stato commesso da più di 3 persone in concorso tra loro; per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale delle persone esponendole a pericolo per la loro vita e incolumità ed inoltre per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale le persone sono state sottoposte a trattamento inumano e degradante.

I migranti provenienti da diversi paesi del centro africa sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo nelle prime ore per essere visitati, identificati e subito dopo trasferiti in altri centri.


MODALITA’ DI SOCCORSO IN MARE


Alle ore 09:50 del 18.03.2016 su disposizione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto (MARICOGECAP), l’Unita navale “A. PELUSO” CP 905, dopo aver già effettuato un soccorso di 120 migranti, si incontrava con nave Aliseo per il recupero di un gommone con migranti a bordo. Alle ore 10.40, dopo essersi incontrata con nave Aliseo (arrivata prima sul luogo ove effettuare i soccorsi), l’Unità Navale “A. Peluso” iniziava le operazioni di trasbordo dei migranti. Subito dopo il medico di bordo di nave “Peluso” tramite il battello ausiliario della stessa saliva a bordo del gommone dei migranti per soccorrere uno di essi privo di sensi. Iniziate le manovre di rianimazione cardiopolmonari, lo stesso medico chiedeva l’imbarco dell’extracomunitario a bordo della nave Peluso dove continuavano le operazioni di R.C.P. Alle ore 11.35 terminavano le operazioni di trasbordo e venivano imbarcati ulteriori 123 migranti (tutti uomini). Alle ore 13.00 il medico di bordo terminava le operazioni di rianimazione e dichiarava il decesso del migrante. La nave Peluso continuava la navigazione e dopo aver effettuato un altro evento SAR ed avere tratto in salvo ulteriori 114 migranti, si dirigeva verso il porto di Pozzallo dove giungeva alle ore 16.25 del 19.03.2016.

Dopo le operazioni sanitarie di rito, i migranti venivano trasferiti presso il locale Hotspot per le operazioni di preidentificazione


ORDINE PUBBLICO ED ASSISTENZA


La Polizia di Stato ha dovuto gestire questo nuovo arrivo e contemporaneamente le nuove partenze verso altri centri degli ospiti sbarcati in precedenza, in quanto bisognava fare posto agli altri appena arrivati e magari di prossimo arrivo.

Quando vi sono eventi che vedono la morte di uno dei migranti, le operazioni sono particolarmente complesse e difficili da gestire soprattutto per il particolare coinvolgimento emotivo dei migranti che viaggiavano con il migrante giunto cadavere.

Il Funzionario dirigente del servizio di Ordine e Sicurezza Pubblica della Polizia di Stato, con a disposizione decine di uomini, ha dovuto poi coordinare, le immediate partenze, i trasferimenti dall’Hot Spot ad altre regioni e l’accoglienza di centinaia di migranti.

Le operazioni di sbarco non hanno fatto registrare criticità ed è stata prestata la massima attenzione verso i soggetti che avevano bisogno di cure mediche, in particolar modo diverse donne incinte e minorenni.

Alle procedure hanno partecipato 80 Agenti della Polizia di Stato, nonché appartenenti alle altre Forze dell’Ordine, la Protezione Civile, la Croce Rossa Italiana, Esercito Italiano ed i medici dell’A.S.P. per le visite mediche.

Al riguardo, le attività dell’Ufficio Immigrazione della Polizia di Stato risultavano complesse, dovendo essere espletate in tempi ristretti, così da permettere anche un immediato invio degli ospiti in altre strutture d’accoglienza.

La Polizia Scientifica ha lavorato consequenzialmente senza sosta per le operazioni di preidentificazione e fotosegnalamento, in considerazione dei nuovi arrivi. In tempi record sono stati identificati i migranti approdati e gli uomini della Polizia di Stato.


LE INDAGINI


Gli uomini della Polizia di Stato - Squadra Mobile Questura di Ragusa - con la partecipazione di un’aliquota della Guardia Costiera, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza hanno parzialmente concluso le indagini dopo 14 ore dall’arrivo in banchina dei migranti.

Le attività investigative iniziate sin dal giorno prima dell’arrivo dei migranti in porto, grazie a sofisticate tecnologie di scambio informatico e via satellitare delle immagini e video raccolti dalla Guardia Costiera con la Squadra Mobile di Ragusa, hanno permesso di accelerare le fasi di identificazione dello scafista e l’individuazione delle cause del decesso.

Nonostante la totale chiusura, più che legittima, dei migranti sbarcati insieme al loro connazionale defunto, la Polizia, ormai abituata a gestire situazioni di questo genere, è riuscita ad entrare in empatia con loro.

Grazie al rapporto di fiducia creato con i migranti è stato possibile raccogliere gravi indizi di colpevolezza carico dello scafista, anche in ordine alla morte come conseguenza di altro delitto.

Gravissime le testimonianze raccolte dagli investigatori in ordine alle condizioni disumane del trattenimento in Libia ed alle condizioni di viaggio affrontate sia per attraversare il deserto che quelle via mare.

I migranti hanno dichiarato che se lo scafista non avesse fatto salire tutte quelle persone a bordo il giovane si sarebbe salvato ed anche loro non avrebbero rischiato così tanto per raggiungere l’Europa.

Le indagini scientifiche del medico legale e della Polizia Scientifica hanno permesso di stabilire che il mirante è deceduto per asfissia, probabilmente a causa del sovraffollamento del gommone sul quale viaggiavano.

Avendo lo scafista assunto la responsabilità della vita dei migranti che viaggiavano con lui e traendo un profitto per il reato commesso, risponderà anche della morte del migrante, morto proprio in conseguenza del delitto del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

La Polizia dopo una pausa di poche ore, ha già ripreso le indagini per individuare gli scafisti degli altri gommoni soccorsi e giunti a Pozzallo insieme al migrante cadavere.

Fondamentale il rapporto di sinergia tra Polizia di Stato e Guardia Costiera sin da prima dell’approdo mediante lo scambio informativo ed il susseguente incontro negli uffici della Squadra Mobile di Ragusa presso il porto di Pozzallo.



LA CATTURA


Le indagini condotte dalla Polizia Giudiziaria, hanno permesso anche questa volta di sottoporre a fermo di indiziato di delitto il responsabile del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, Gaye Ousmane, senegalese.

Al termine dell’Attività di Polizia Giudiziaria, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ragusa, gli investigatori hanno infatti ristretto gli scafisti che dopo le formalità di rito e l’identificazione da parte della Polizia Scientifica sono stati condotti presso il carcere di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria Iblea impegnata in prima linea sul fronte immigrazione. Sono ormai quotidiane le udienze di incidente probatorio e quelle che portano alla condanna degli scafisti, rispettivamente per la ulteriore cristallizzazione in sede processuale della prova anche ai fini dibattimentali. Al riguardo molte le sentenze di condanne dell’Autorità Giudiziaria.


BILANCIO ATTIVITA’ DELLA POLIZIA


Nel 2016 sono 37 gli scafisti fermati in provincia di Ragusa. Lo scorso anno sono stati arrestati 150 scafisti dalla Polizia Giudiziaria. Inoltre, sono in corso numerose attività in collaborazione con le altre Squadre Mobili siciliane della Polizia di Stato (coordinate dal Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine) al fine di permettere scambi informativi utili per gestire indagini sul traffico di migranti dalle coste straniere a quelle Italiane.


IL DIRIGENTE LA SQUADRA MOBILE

Commissario Capo della Polizia di Stato

Dott. Antonino Ciavola



video
FERMO SCAFISTA
Notizie Flash
COMISO - ATTIVA DA OGGI L'EQUIPE SOCIO-PSICO-PEDAGOGICA
RAGUSA - DIVIETO DI AVVICINAMENTO PER ALBANESE
MODICA - IL M5S SCRIVE AL SINDACO SUL COVID
RAGUSA - STUPEFACENTI IN CENTRO STORICO: UN ARRESTO DEI CARABINIERI.
MODICA - CALENDARIO PAGAMENTO BUONI LIBRO
VITTORIA - SPACCIAVANO IN ZONA ROSSA
RAGUSA - RIFLESSIONI DELLA LEGA SULL'EMERGENZA SANITARIA
09-11-2020 17:09 - Economia
[]
E DOPO GLI ALLARMI LA NAVE È AFFONDATA
Lo sfascio della Direzione Provinciale di Ragusa della Agenzia delle Entrate

Lo avevamo gridato a gran voce sui giornali, alle televisioni, con i sit in di protesta davanti agli uffici della provincia di Ragusa della Agenzia delle Entrate nell’autunno 2019, se non sarebbe arrivato a breve altro personale a rafforzare gli uffici questi sarebbero andati in contro alla paralisi con conseguenze odiose oltre che per i lavoratori anche nei confronti dei cittadin...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
09-11-2020 16:35 - Attualità
[]
RISOLTO IL CASO DEL GIOVANE DISABILE CHE NON POTEVA VIAGGIARE LUNGO LA TRATTA MARINA-RAGUSA PERCHE’ INDISPONIBILE L’AUTOBUS
DOTATO DI PEDANA DI SOLLEVAMENTO. I CONSIGLIERI COMUNALI
DEL PD D’ASTA E CHIAVOLA: “TUTTO BENE QUEL CHE FINISCE BENE”

“Dopo che, nei giorni scorsi, ci eravamo occupati della vicenda del giovane trentenne disabile ragusano, Giovanni Gulino, che aveva denunciato l’impossibilità di coprire con i mezzi pubblici la tratta tra Marina e Ragusa per la mancanza di un pullman di lin...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
08-11-2020 12:36 - Politica
[]
Territorio Ragusa: troppe voci incontrollate sui positivi al Comune di Ragusa, il Sindaco deve fare chiarezza

“Da qualche giorno assistiamo alla girandola di voci incontrollate sugli esiti di tamponi positivi per dipendenti comunali o loro stretti congiunti, le indiscrezioni, vere o presunte, si moltiplicano, comunicati delle opposizioni e articoli di giornale accrescono una certa confusione sulla materia, aggiungendo ansia a quella che già pervade la cittadinanza. È ora di fare chiarezza e sg...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 17:48 - Politica
[]


Mucche al cimitero di Ragusa Ibla. Ma chi controlla il camposanto in tempo di covid se perfino gli animali sono liberi di vagare come vogliono? La denuncia del consigliere comunale Giovanni Gurrieri

RAGUSA – Un buon numero di mucche sono facilmente entrate stamani nel cimitero di Ragusa Ibla. Razze diverse ma un unico intento: far delle belle passeggiate all’interno del camposanto. Indisturbate. E’ quanto denuncia il consigliere comunale Giovanni Gurrieri raccogliendo la segnalazione di un cit...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 17:38 - Attualità
[]
mons. Cuttitta
Lettera del vescovo a tutti i sacerdoti con l’invito
ad agire con «consapevole prudenza»
Otto sacerdoti positivi al Covid-19 e quattro in isolamento
Quattro chiese chiuse in via prudenziale
per procedere alla sanificazione degli ambienti

Otto sacerdoti sono positivi al Covid-19 e altri quattro, che presentano qualche sintomo, si trovano in isolamento fiduciario in attesa dei risultati dei tamponi. In via precauzionale, per consentire la sanificazione dei locali parrocchiali, quattro chiese sono st...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 11:10 - Attualità
[]
Ospedale Comiso

DA DOMANI TEST RAPIDI SU STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE DELLE SCUOLE SUPERIORI.

QUATTRO POSTAZIONI: RAGUSA, MODICA, VITTORIA E COMISO

DALLE ORE 9.00 ALLE 13.00

Ragusa, 6 novembre 2020 – A partire da sabato 7 novembre, così come previsto dalla circolare dell’Assessorato Regionale della Salute, l’Asp di Ragusa, con la collaborazione dei Sindaci di Ragusa, Comiso e Modica, la Commissione straordinaria di Vittoria e con i dirigenti scolastici, ha messo in moto la macchina organizzativa per eff...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
06-11-2020 12:42 - Attualità
[]
POSTE ITALIANE: LA RETE LOGISTICA PUNTO POSTE SI AMPLIA GRAZIE ALLA NUOVA SEDE KIPOINT DI VITTORIA

Nuovi servizi dedicati ai liberi professionisti e alle piccole imprese

Palermo, 6 novembre 2020 - Poste Italiane radica sempre di più la propria presenza sul territorio a servizio dei cittadini, espandendo la propria rete Kipoint, i centri multi servizi dedicati soprattutto alle piccole imprese e ai liberi professionisti.
Quella di via A. Manzoni 3/L a Vittoria è una delle 97 sedi del territorio n...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
05-11-2020 17:23 - Economia
[]


Il Ministero dell'Interno- Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali-ha trasferito nelle casse del Comune di Ispica in data 27/10/2020 un contributo pari a 45.000 euro.
Si tratta di risorse riconosciute all'ente ai sensi della legge n.160 del 27.12.2019 (legge di bilancio 2020) per la realizzazione dei lavori di efficientamento energetico di parte dell'impianto di pubblica illuminazione con apparecchiature a led.
L' intervento di sostituzione delle vecchie lampade ha avuto inizio entr...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
05-11-2020 17:01 - Istruzione e Formazione
[]
Al Verga di Comiso premiazione dei vincitori dei giochi matematici della Bocconi 2019/2020. La sobria premiazione è avvenuta nell'auditorium - nel rispetto delle norme di prevenzione sanitaria - alla presenza della Dirigente Scolastica Maria Grazia Cafiso e del presidente e del vice presidente del consiglio dei ragazzi. Ai ragazzi della categoria C2 che frequentano le superiori e che sono in DAD, i premi saranno consegnati direttamente al loro domicilio. Questi i premiati:
Categoria CE
COLUMBO ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
3

Visitatore Numero
1540191

totale visite
5251207

[]
09-11-2020 17:35 - Cultura & Arte
[]
La BlackOut Pop Band su Rai Gulp
LA BLACKOUT POP BAND SARA’ TRA I PROTAGONISTI GIOVEDI’ 12 NOVEMBRE DELLA CAMPAGNA INTERNAZIONALE #SAYHY” IN ONDA SU RAI GULP

La BlackOut Pop Band protagonista giovedì, a livello nazionale, della campagna #SayHi”, una iniziativa delle tv pubbliche europee a cui ha aderito anche la giapponese Nhk. In pratica, il 12 novembre, bambini e ragazzi di tanti Paesi del mondo si uniranno in quella che si preannuncia come la più grande danza simultanea che promuove l’amicizia, l’inclusione e la gentilezza...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
08-11-2020 12:43 - Cultura & Arte
[]
Maurilio Assenza e Beatrice Cerrino

Proseguono gli incontri promossi da Fondazione Val di Noto e Istituto Galilei Campailla Un nuovo modello di Economia illustrato da Beatrice Cerrino
Economia ed ecologia, due temi indispensabili per proteggere la nostra ‘casa’, il nostro pianeta. È stata, Beatrice Cerrino della Scuola di Economia Civile a tenere il terzo incontro del corso di formazione 'Preparare un tempo nuovo' promosso dalla Fondazione di comunità Val di Noto, insieme all’Istituto di istruzione superiore “Galil...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
04-11-2020 17:05 - Cultura & Arte
[]
Individuata l'ubicazione storica del cimitero ebraico a Modica.
Brillante scoperta storica-filologica di Teresa Spadaccino.
Foto di Maurizio Pulvirenti
Da sempre la conoscenza della presenza antica degli ebrei a Modica ha assillato molti storici e
studiosi di Storia patria modicana, quasi una ricerca catartica per quanto avvenne di drammatico
nella città il giorno dell'Assunzione del 1474 e cioè la ben nota strage dei giudei.
Molti studiosi hanno individuato nel quartiere Cartellone il quartiere de...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
16-10-2020 11:17 - Cultura & Arte
[]
Walter Siccardi, Samantha Panza e Fabrizio Di Salvo.
“Aleramici in Sicilia” il docufilm ritorna alle origini con le riprese nella terra natia degli Aleramici: il Monferrato

Siamo giunti alle ultime battute delle riprese del docufilm “Aleramici in Sicilia”. Il progetto, partito tre anni fa per testimoniare questa storia di “immigrazione al contrario”, da nord a sud, che caratterizzò la fine dell’XI secolo italiano, è giunto alle riprese finali.

Dopo aver percorso un viaggio che ha portato il produttore e direttore del...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio