06 Maggio 2021
Categorie

POZZALLO - MORTO PER ASFISSIA DA SOVRAFFOLLAMENTO SUL GOMMONE MIGRANTE IVORIANO: FERMATO LO SCAFISTA. ( video )

Fermato lo scafista che ha condotto 126 migranti di cui uno giunto cadavere.

E’ stato fermato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e morte come conseguenza di altro delitto di un giovane dell’età di circa 30 anni della Costa d’Avorio.

I testimoni: “ se lo scafista non avesse fatto salire tutta quella gente, lui si sarebbe salvato; eravamo troppi per viaggiare su quel gommone”.

Il medico legale presume che la morte sia intervenuta per asfissia da compressione dovuta al sovraffollamento del gommone.



Salgono a 37 gli scafisti fermati nel 2016 (10 minori); nel 2015 sono stati 147.


La Polizia di Stato ha già provveduto a trasferire oltre 250 migranti sbarcati.


Nel 2016 all’Hot Spot di Pozzallo hanno già fatto ingresso 3273 migranti in occasione di 11 sbarchi.


La Polizia a seguito di intense indagini iniziate ancor prima dello sbarco dei 358 migranti, ha individuato lo scafista a carico del quale sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e morte come conseguenza di altro delitto di un giovane di 30 anni circa della Costa d’Avorio.

Lo scafista è stato identificato per BALDE Omar, nato in Senegal il 05.03.1995 e tutt’ora sono in corso serrate indagini per raccogliere indizi di colpevolezza a carico degli altri scafisti dei gommoni soccorsi.

I responsabili del delitto previsto dall’art. 12 D.Lgs.vo 25.7.1998 nr. 286, concorrevano con altri soggetti presenti in Libia al fine di trarne ingiusto ed ingente profitto, compiendo atti diretti a procurare l´ingresso clandestino nel territorio dello Stato di cittadini extracomunitari. Il delitto è aggravato dal fatto di aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale in Italia di più di 5 persone; perché è stato commesso da più di 3 persone in concorso tra loro; per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale delle persone esponendole a pericolo per la loro vita e incolumità ed inoltre per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale le persone sono state sottoposte a trattamento inumano e degradante.

I migranti provenienti da diversi paesi del centro africa sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo nelle prime ore per essere visitati, identificati e subito dopo trasferiti in altri centri.


MODALITA’ DI SOCCORSO IN MARE


Alle ore 09:50 del 18.03.2016 su disposizione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto (MARICOGECAP), l’Unita navale “A. PELUSO” CP 905, dopo aver già effettuato un soccorso di 120 migranti, si incontrava con nave Aliseo per il recupero di un gommone con migranti a bordo. Alle ore 10.40, dopo essersi incontrata con nave Aliseo (arrivata prima sul luogo ove effettuare i soccorsi), l’Unità Navale “A. Peluso” iniziava le operazioni di trasbordo dei migranti. Subito dopo il medico di bordo di nave “Peluso” tramite il battello ausiliario della stessa saliva a bordo del gommone dei migranti per soccorrere uno di essi privo di sensi. Iniziate le manovre di rianimazione cardiopolmonari, lo stesso medico chiedeva l’imbarco dell’extracomunitario a bordo della nave Peluso dove continuavano le operazioni di R.C.P. Alle ore 11.35 terminavano le operazioni di trasbordo e venivano imbarcati ulteriori 123 migranti (tutti uomini). Alle ore 13.00 il medico di bordo terminava le operazioni di rianimazione e dichiarava il decesso del migrante. La nave Peluso continuava la navigazione e dopo aver effettuato un altro evento SAR ed avere tratto in salvo ulteriori 114 migranti, si dirigeva verso il porto di Pozzallo dove giungeva alle ore 16.25 del 19.03.2016.

Dopo le operazioni sanitarie di rito, i migranti venivano trasferiti presso il locale Hotspot per le operazioni di preidentificazione


ORDINE PUBBLICO ED ASSISTENZA


La Polizia di Stato ha dovuto gestire questo nuovo arrivo e contemporaneamente le nuove partenze verso altri centri degli ospiti sbarcati in precedenza, in quanto bisognava fare posto agli altri appena arrivati e magari di prossimo arrivo.

Quando vi sono eventi che vedono la morte di uno dei migranti, le operazioni sono particolarmente complesse e difficili da gestire soprattutto per il particolare coinvolgimento emotivo dei migranti che viaggiavano con il migrante giunto cadavere.

Il Funzionario dirigente del servizio di Ordine e Sicurezza Pubblica della Polizia di Stato, con a disposizione decine di uomini, ha dovuto poi coordinare, le immediate partenze, i trasferimenti dall’Hot Spot ad altre regioni e l’accoglienza di centinaia di migranti.

Le operazioni di sbarco non hanno fatto registrare criticità ed è stata prestata la massima attenzione verso i soggetti che avevano bisogno di cure mediche, in particolar modo diverse donne incinte e minorenni.

Alle procedure hanno partecipato 80 Agenti della Polizia di Stato, nonché appartenenti alle altre Forze dell’Ordine, la Protezione Civile, la Croce Rossa Italiana, Esercito Italiano ed i medici dell’A.S.P. per le visite mediche.

Al riguardo, le attività dell’Ufficio Immigrazione della Polizia di Stato risultavano complesse, dovendo essere espletate in tempi ristretti, così da permettere anche un immediato invio degli ospiti in altre strutture d’accoglienza.

La Polizia Scientifica ha lavorato consequenzialmente senza sosta per le operazioni di preidentificazione e fotosegnalamento, in considerazione dei nuovi arrivi. In tempi record sono stati identificati i migranti approdati e gli uomini della Polizia di Stato.


LE INDAGINI


Gli uomini della Polizia di Stato - Squadra Mobile Questura di Ragusa - con la partecipazione di un’aliquota della Guardia Costiera, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza hanno parzialmente concluso le indagini dopo 14 ore dall’arrivo in banchina dei migranti.

Le attività investigative iniziate sin dal giorno prima dell’arrivo dei migranti in porto, grazie a sofisticate tecnologie di scambio informatico e via satellitare delle immagini e video raccolti dalla Guardia Costiera con la Squadra Mobile di Ragusa, hanno permesso di accelerare le fasi di identificazione dello scafista e l’individuazione delle cause del decesso.

Nonostante la totale chiusura, più che legittima, dei migranti sbarcati insieme al loro connazionale defunto, la Polizia, ormai abituata a gestire situazioni di questo genere, è riuscita ad entrare in empatia con loro.

Grazie al rapporto di fiducia creato con i migranti è stato possibile raccogliere gravi indizi di colpevolezza carico dello scafista, anche in ordine alla morte come conseguenza di altro delitto.

Gravissime le testimonianze raccolte dagli investigatori in ordine alle condizioni disumane del trattenimento in Libia ed alle condizioni di viaggio affrontate sia per attraversare il deserto che quelle via mare.

I migranti hanno dichiarato che se lo scafista non avesse fatto salire tutte quelle persone a bordo il giovane si sarebbe salvato ed anche loro non avrebbero rischiato così tanto per raggiungere l’Europa.

Le indagini scientifiche del medico legale e della Polizia Scientifica hanno permesso di stabilire che il mirante è deceduto per asfissia, probabilmente a causa del sovraffollamento del gommone sul quale viaggiavano.

Avendo lo scafista assunto la responsabilità della vita dei migranti che viaggiavano con lui e traendo un profitto per il reato commesso, risponderà anche della morte del migrante, morto proprio in conseguenza del delitto del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

La Polizia dopo una pausa di poche ore, ha già ripreso le indagini per individuare gli scafisti degli altri gommoni soccorsi e giunti a Pozzallo insieme al migrante cadavere.

Fondamentale il rapporto di sinergia tra Polizia di Stato e Guardia Costiera sin da prima dell’approdo mediante lo scambio informativo ed il susseguente incontro negli uffici della Squadra Mobile di Ragusa presso il porto di Pozzallo.



LA CATTURA


Le indagini condotte dalla Polizia Giudiziaria, hanno permesso anche questa volta di sottoporre a fermo di indiziato di delitto il responsabile del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, Gaye Ousmane, senegalese.

Al termine dell’Attività di Polizia Giudiziaria, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ragusa, gli investigatori hanno infatti ristretto gli scafisti che dopo le formalità di rito e l’identificazione da parte della Polizia Scientifica sono stati condotti presso il carcere di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria Iblea impegnata in prima linea sul fronte immigrazione. Sono ormai quotidiane le udienze di incidente probatorio e quelle che portano alla condanna degli scafisti, rispettivamente per la ulteriore cristallizzazione in sede processuale della prova anche ai fini dibattimentali. Al riguardo molte le sentenze di condanne dell’Autorità Giudiziaria.


BILANCIO ATTIVITA’ DELLA POLIZIA


Nel 2016 sono 37 gli scafisti fermati in provincia di Ragusa. Lo scorso anno sono stati arrestati 150 scafisti dalla Polizia Giudiziaria. Inoltre, sono in corso numerose attività in collaborazione con le altre Squadre Mobili siciliane della Polizia di Stato (coordinate dal Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine) al fine di permettere scambi informativi utili per gestire indagini sul traffico di migranti dalle coste straniere a quelle Italiane.


IL DIRIGENTE LA SQUADRA MOBILE

Commissario Capo della Polizia di Stato

Dott. Antonino Ciavola



video
FERMO SCAFISTA
Notizie Flash
VITTORIA - 2 ARRESTI PER OMICIDIO
RAGUSA - BASE RIFORMISTA ( PD ) SUI MARITTIMI
MODICA - INTERROGAZIONE DI IVANA CASTELLO SULL'IGM
" PORTE APERTE " NEGLI HUB DI RAGUSA, MODICA E VITTORIA
MARINA DI RAGUSA - BANDIERA BLU ALLE SPIAGGE DELLA FRAZIONE BALNEARE
RAGUSA - ANCHE FdI DENUNCIA VANDALISMI IN VIA RAMELLI
RAGUSA - OPERATIVO IL COMITATO DEL " CARAT "
DONNALUCATA - CAMPO E MORANA ( M5S ) SULLA VICENDA DEL SABIR
MODICA - NUOVO AUTOBUS PER IL QUARTIERE DENTE
RAGUSA - FIRRINCIELI ( M5S ) E LA VARIANTE DEL PARCO AGRICOLO URBANO
05-05-2021 13:28 - Attualità
[]
L’ASSOCIAZIONE “PUNTA BRACCETTO NEL CUORE” RILANCIA LA PROPRIA ATTIVITA’

Fare ripartire Punta Braccetto. E’ l’obiettivo che si è posto un gruppo di amici e residenti nella frazione durante il periodo estivo che, riunitisi domenica scorsa al bar “La Sirena”, hanno deciso di ridare slancio all’associazione Punta Braccetto nel cuore. L'associazione è nata nel 1982. L’attuale gruppo, appassionati della costa balneare in cui villeggiano durante la stagione estiva, vuole portare avanti un progetto c...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
04-05-2021 16:08 - Politica
[]

GLI ONESTI COMPITINI DEL SINDACO DI RAGUSA E LA POCHEZZA DI UN’AMMINISTRAZIONE CHE NON RIESCE A VIVERE NEPPURE SULLE RENDITE DEL PASSATO, LA DURA CRITICA DEI CAPIGRUPPO M5S FIRRINCIELI E PD CHIAVOLA

Ancora una nota congiunta dei gruppi consiliari del Movimento 5 Stelle e del Partito Democratico per esprimere delle valutazioni sul lavoro della Giunta Cassì.

Lo spunto è dato da un post del sindaco che fa un riassunto delle iniziative e dei traguardi raggiunti nel secondo bimestre del 2021, un re...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
04-05-2021 12:14 - Politica
[]
Il dott. Raffaele Schembari nuovo segretario cittadino di Ragusa del Movimento Territorio

Assemblea cittadina, a Ragusa, del Movimento Territorio, con una folta presenza di esponenti provinciali.
Un incontro voluto dal segretario cittadino, Michele Tasca che ha voluto questa prima riunione, in videoconferenza, pur con le limitazioni dettate dalla emergenza pandemica, per iniziare un ciclo di contatti, all’interno del Movimento, in concomitanza con i 10 anni di attività.
Hanno partecipato all’inc...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 16:29 - Economia
[]
“BASTA, NON SE NE PUO’ PIU’. DATECI UNA DATA CERTA SULLE RIAPERTURE”

DA GIOVEDI’ IL PRESIDENTE CONFCOMMERCIO SICILIA GIANLUCA MANENTI, I PRESIDENTI PROVINCIALI DI CATANIA E TRAPANI, PIERO AGEN E PINO PACE, E IL PRESIDENTE FIPE SICILIA, DARIO PISTORIO, ATTUERANNO LO SCIOPERO DELLA FAME ANCHE DOPO LE SCENE VISTE IN QUESTE ORE A MILANO E IN ALTRE PARTI D’ITALIA

Palermo – 3 maggio 2021. “Non ne possiamo più. Oltre ai danni, pure la beffa. Bisogna dare un segnale. E forte. E l’unico modo per farlo...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 16:17 - Politica
[]
Una mozione per aderire alla Petizione “Non spegniamo le luci sulla strage in Congo!”
M5S, M2038 e PD promotori per coinvolgere Consiglio e Giunta a sostegno dell’iniziativa

MODICA – Lo scorso 22 febbraio 2021, tutti abbiamo conosciuto i tragici fatti verificatisi in un’imboscata vicino alla città di Goma, nella regione del Nord Kivu, in Congo, dove sono stati uccisi Luca Attanasio, ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo, il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista Must...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 12:55 - Politica
[]


La spiaggia trasportata in strada lungo la Riviera Gela a Scoglitti e il segretario del Pd, Giuseppe Nicastro, decide di piantare l’ombrellone e di prendere il sole per sensibilizzare la Commissione straordinaria di Vittoria a rimuoverne i cumuli al più presto

Le spiagge siciliane saranno aperte a partire dal 16 maggio, così come comunicato dalla Regione. A Scoglitti, però, lungo la Riviera Gela, caso forse più unico che raro, è già possibile piantare l’ombrellone sulla sabbia. Dove? “Ma in st...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
03-05-2021 11:10 - Cronaca Locale
[]


CasaPound: "Atto vandalico e sfregio alla memoria di Sergio Ramelli nell'omonima via di Ragusa, pochi giorni dopo la sua commemorazione

Ragusa, 3 maggio - A pochi giorni dal 29 aprile, giorno in cui si ricorda la morte del giovane studente milanese Sergio Ramelli, ed in cui si è svolta la commemorazione proprio nella via che porta il suo nome, CasaPound denuncia un grave atto vandalico accompagnato dall'altrettanto pesante insulto alla memoria di Ramelli.

Militanti della tartaruga frecciata c...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
02-05-2021 10:48 - Economia
[]


SCIMONELLO: APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE DI SCICLI IL REGOLAMENTO DEL CANONE UNICO PATRIMONIALE

"A partire dal 1° gennaio 2021 la Tassa di Occupazione di spazi e aree pubbliche e l'Imposta comunale sulla pubblicità, in ottemperanza alla legge di Bilancio 2020, che riunisce in una sola forma di prelievo le entrate comunali, sono state sostituite dal Canone Unico patrimoniale". Con queste l'assessore alle Finanze e Tributi, Guglielmo Scimonello, ha commentato l'approvazione da parte del Cons...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
01-05-2021 12:08 - Attualità
[]
AL VIA I QUATTRO PROGETTI DEL SERVIZIO CIVILE DELL’ AZIENDA SANITARIA DI RAGUSA

“56 operatori volontari - per una durata di 12 mesi -

saranno impegnati per 20/25 ore settimanali su 5 giorni.”

Avviato l’iter per la progettazione del prossimo anno che vedrà aumentare a 60 le unità previste

Ragusa, 30 aprile 2021 - Presentati stamattina nella sala conferenza del “Giovanni Paolo II” di Ragusa i quattro progetti del Servizio Civile Universale dell’ASP Ragusa. È intervenuto il direttore amminist...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
29-04-2021 12:21 - Istruzione e Formazione
[]
La scuola primaria Pirandello di Comiso ha vinto “l’Erasmus logo competition” essendo stata scelta tra Spagna, Polonia, Croazia, Grecia e Italia. Soddisfazione e plauso del sindaco, Maria Rita Schembari.
“ Lunedì 26 Aprile si è concluso un importante step del progetto Erasmus Plus: il contest per la scelta del logo di progetto – spiega la DS prof.ssa Giovanna Campo - . In una prima fase, in ogni scuola dei cinque Paesi coinvolti, gli alunni hanno ideato il proprio logo ispirandosi alla temat...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
5

Visitatore Numero
1617664

totale visite
5762837

[]
04-05-2021 16:41 - Cultura & Arte
[]
“…E quindi uscimmo a riveder le stelle” è lo slogan della 42esima edizione dell’Infiorata di Noto che vedrà come protagonista assoluto il sommo poeta Dante Alighieri, celebrato attraverso i bozzetti floreali dell’incantevole via Nicolaci. In occasione della manifestazione, il Museo Civico di Noto vuole rendere omaggio al sommo poeta attraverso un evento culturale in streaming dal titolo “Dante, Ibn Hamdis e i poeti persiani”, che avrà luogo il 12 maggio 2021, alle ore 18:00, sulla pagina Face...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
02-05-2021 12:12 - Cultura & Arte
[]
Il mio commento sulla vicenda “sollevata” giustamente da Fedez

Ieri sera abbiamo assistito al giustissimo sfogo di Fedez sulla libertà di parola.
Nel 2021 in uno Stato democratico è inammissibile che un direttore di rete di una televisione di Stato, preciso una televisione di Stato, tenti di impedire ad un suo concittadino di esprimere le proprie idee.
Anch'io non ho condiviso l'ultima parte del discorso di Fedez, ma chi è come me deve avere lo stesso diritto che io ad esprimere la propria opini...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
30-04-2021 11:25 - Attualità
[]
In ricordo di Saidou , Modou, e Lamin

Come abbiamo potuto leggere dalla stampa, nella strada tra Comiso e Santa Croce Camerina martedì scorso è avvenuto un gravissimo incidente stradale ove sono morte quattro persone.
I tre deceduti erano miei coetanei arrivati dal Senegal ( due ) e uno dal Gambia tramite quei terribili barconi: il quarto, di 41 anni, veniva dalla Guinea.
Voglio esporvi una mia riflessione in merito:
la gioventù odierna europea ha tutto, a 24 anni ci godiamo la gioventù, scherzia...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio