25 Settembre 2020

«QUANNU LI PAROLI NUN FÍGGHIANU PAROLI»: LE RAGIONI DEL DIALETTO DI FRANCESCO EREDDIA

«Un populu / diventa poviru e servu, / quannu ci arrobbanu ´a lingua / adduttata di li patri: / è persu pi sempri. / Diventa poviru e servu, / quannu i paroli non fìgghianu paroli / e si mangianu tra d´iddi. / Mi n´addugnu ora, / mentri accordu ´a chitarra du dialettu / ca perdi ´na corda lu jornu».

Così negli anni Settanta lamentava l´inesorabile agonia del dialetto Ignazio Buttitta (Bagheria, 1899-1997), il più grande poeta siciliano contemporaneo, «poeta dai sette spiriti e dai sette estri», come ebbe a definirlo lo scrittore bolognese Roberto Roversi (1923-2012).
Paragonato al cantore medievale Jacopone da Todi e da Sciascia al cileno Pablo Neruda (con una netta superiorità, però, di Buttitta rispetto allo stesso Neruda, a parere anche di Pier Paolo Pasolini), assurse a fama internazionale con il celeberrimo «Lamentu pi la morti di Turiddu Carnivali» (dal latinista Concetto Marchesi accostato al lamento di Orlando della «Chanson de Roland»), interpretato dall´indimenticabile cantastorie Cicciu Busacca.
Tuttavia il timore liricamente espresso da Ignazio Buttitta, circa la scomparsa del dialetto, appare in un certo senso ingiustificato, se è vero che i dati di un´inchiesta Doxa, proprio in quegli stessi anni, consentivano di affermare che più della metà degli italiani (percentuale che saliva ai due terzi nel Meridione e ai tre quarti addirittura per le «classi sociali inferiori») parlava solitamente «con tutti i familiari in dialetto», mentre «fuori di casa» parlava solitamente in dialetto quasi il 30 per cento degli italiani.
A distanza di alcuni decenni da quell´inchiesta non c´è dubbio che queste percentuali sono da rivedere un po´ al ribasso, ma è altrettanto indubbio che questo doppio binario linguistico persiste ancora in misura abbastanza rilevante.
E ciò è vero al punto che gli studiosi di didattica dell´italiano asseriscono che la scuola dovrebbe impegnarsi il più possibile per assecondare questa tendenza ormai consolidata a un vero e proprio «bilinguismo sociale» generalizzato. Si dovrebbe, cioè, fare del dialetto un oggetto di studio scolastico, non però come se fosse un relitto da museo, bensì come ricerca d´ambiente: una ricerca storica, letteraria, culturale e antropologica , fatta e vista attraverso il dialetto e attraverso la vastissima produzione "popolare" da esso prodotta e veicolata da tempo immemorabile.

Il timore di Ignazio Buttitta, peraltro, era stato già manifestato un secolo prima, all´indomani dell´unità d´Italia, da studiosi («demopsicologi», come essi stessi amavano definirsi) del calibro di Pitrè, Salomone Marino, Vigo, Avolio, Serafino Amabile Guastella.
Anzi, la «demologia», vale a dire la disciplina che studia le tradizioni folcloristiche, era nata proprio con lo Stato unitario ed era stata condizionata e guidata dalla nostalgia del passato e dalla paura del presente/futuro circa il destino del dialetto siciliano. Un dialetto che fino a tutto il Quattrocento era stata la lingua usata nella nostra isola anche negli atti ufficiali di governo e che per secoli era stato considerato, dagli intellettuali di Sicilia affetti da quello che qualche studioso definisce «nazionalismo linguistico siciliano», una lingua da contrapporre a pieno titolo al toscano (cioè, l´italiano). «Un grandi affettu – aveva scritto già nel lontano Cinquecento il poeta Antonio Veneziano da Monreale nella presentazione dei suoi versi d´amore per Celia – non si basta megghiu esplicari ch´in linguaggiu maternu».
Ma già verso la fine del Settecento il dialetto siciliano si era avviato a diventare un «vernacolo» fra i tanti della penisola, cioè un linguaggio subculturale.


***


«Quel giorno io era di servizio in via Gazòmitro, la quale, dopo averla pedinata per un po´, su e giù, mi avevo posto di piantagione sotto un fanale».
A questa battuta dei «Civitoti in pretura» di Nino Martoglio il pubblico rideva fragorosamente. A questa, come alle migliaia di battute contenute nel «D´Artagnan» - giornale «serio-umoristico illustrato» diretto e quasi interamente scritto da Nino Martoglio dal 1889 al 1904 – e nelle numerose opere del prolifico autore catanese.
Il pubblico che rideva – e ride ancora oggi -, un pubblico dialettofono (o siculofono) che ha una conoscenza passiva della lingua italiana (la capisce, ma non la parla), non ride della lingua italiana ma del suo uso esageratamente scorretto. L´unità d´Italia era stata realizzata da un bel po´, ed ormai era comunemente accettata la lingua unitaria, cioè l´italiano: il dialetto poteva essere tutt´al più, come in effetti fu nelle mani geniali di Martoglio, fonte di irresistibile comicità. A Martoglio, a questo proposito, il Capuana scrisse nel 1907: «Lei è stato il primo tra noi a sfatare l´orgoglioso pregiudizio che il dialetto siciliano non sia dialetto ma lingua».


Un altro grande, Luigi Pirandello, due anni dopo, nel 1909, scriveva un articolo molto aspro sul teatro siciliano dialettale, che in quegli anni proprio con Martoglio si affermava in modo travolgente, grazie ad attori quali Giovanni Grasso, Mimì Aguglia e Angelo Musco.
Eppure, qualche anno dopo, nel 1916, Pirandello scrisse «Liolà», commedia interpretata da Angelo Musco, in manifesta contraddizione con quanto affermato alcuni anni prima. Al figlio Stefano, prigioniero in un campo tedesco, scriveva: «Liolà è venuto proprio bene. E´ stata la mia villeggiatura. Di fatti si svolge in campagna. Mi pare di averti già detto che vivrà a lungo». A «Liolà» seguirono poi altre commedie in dialetto.
Cosa spinge un poeta a usare il dialetto?
«Le motivazioni – scriveva il critico letterario Salvatore Guglielmino - che spingono un poeta a usare il dialetto, ad imboccare cioè una direzione centrifuga rispetto alla lingua nazionale, possono essere molteplici, ma c´è sempre alla base una insoddisfazione nei riguardi della lingua italiana, aristocratica e limitata nei registri espressivi».
Così, le poesie in friulano di Pier Paolo Pasolini nascevano dal bisogno di usare una lingua vergine e istintiva, capace di dar voce al fondo più autentico dell´io, per rappresentare un mondo di natura non contaminato ancora dalla storia, in una specie di regressione nell´infanzia.

Ma l´uso del dialetto può anche significare una forma di opposizione nei confronti del sistema letterario della classe egemone, dei suoi valori e dei suoi miti.
Dopo il 1860 il dialetto era stato considerato dalla pedagogia dell´epoca come deviazione e incultura, e poi il fascismo procedette all´italianizzazione linguistica della Sicilia riducendo la nostra terra all´immagine folcloristica di "Ciuri, ciuri". Così il dialetto veniva svuotato di ogni espressione che fosse controcorrente, in quanto esso era visto, come ha affermato il linguista Tullio De Mauro, «come malerba che la scuola doveva provvedere a sradicare».
La poesia di Ignazio Buttitta, in fondo, nasceva da tutto questo. Fiero oppositore del regime fascista, interprete della sofferenza dei contadini della sua terra, Buttitta apparteneva, come ebbe a definirlo in uno dei suoi «Scritti corsari» Pier Paolo Pasolini, «a quel mondo in cui si parlava il dialetto, e ora non lo si parla che con vergogna, dove si voleva la rivoluzione, e ora la si è dimenticata, dove vigeva comunque una grazia (e una violenza) da cui ora si abiura».
Anche se una conclusione così del nostro discorso rischia di far piombare il dialetto in quel "museo" nel quale, invece, non dobbiamo mai permettere che entri.



FRANCESCO EREDDIA




Notizie Flash
RAGUSA - DISTRIBUITI 4.500 TEST NASOFARINGEI
VITTORIA - CONTROLLI DELLA POLIZIA LOCALE IN PIAZZA DEL POPOLO
RAGUSA - PER CONFCOMMERCIO -8,7% DI CONSUMI AD AGOSTO
24-09-2020 11:32 - Politica
[]
Sversamento petrolio torrente Moncillè, Campo: “Politica chiarisca vicenda e fughi ogni dubbio sulle responsabilità”

“Ci sono tutta una serie di chiarimenti che si devono avere, con la massima urgenza, riguardo la potenziale contaminazione del sito ‘Area pozzo Ragusa 16’ nei pressi del torrente Moncillè, in cui sarebbero finiti oltre 1500 metri cubi di greggio, frammisto ad acqua al 25-30%. Una vicenda in cui ci sono da chiarire anche e soprattutto le responsabilità politiche, che sono sicuram...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-09-2020 11:13 - Istruzione e Formazione
[]

Ricognizione e sorveglianza: concluso a Sigonella il primo corso “Operatore Tecnico di Bordo” su P-72A

Tre nuovi operatori dell’Aeronautica Militare sono stati formati dal 86° Centro Addestramento Equipaggi del 41°Stormo Antisom

Lo scorso 7 Settembre, tre nuovi operatori dell'Aeronautica Militare hanno sostenuto e superato gli esami finali per il conseguimento della qualifica di Operatore Tecnico di Bordo (OTB) sul velivolo P-72A del 41° Stormo Antisom di Sigonella.

Tra i membri dell'equipaggio...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-09-2020 11:45 - Economia
[]


Natura Iblea di Roberto Giadone premiata alla V edizione del Welfare Index Pmi

Anche nell’edizione 2020, Natura Iblea sale sul podio del Welfare Index Pmi

L’azienda ragusana “Natura Iblea” è stata premiata oggi a Roma alla V edizione del Welfare Index Pmi, il riconoscimento di Generali che premia le piccole e medie imprese che si distinguono per la qualità del proprio welfare, in occasione della presentazione del rapporto annuale sul tema. “Natura Iblea” ha ottenuto il secondo posto nella categ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-09-2020 12:51 - Attualità
[]

Chiaramonte Gulfi, 19 settembre 2020

La nuova pavimentazione del santuario della Madonna di Gulfi donata dagli imprenditori Giovanni Damigella e Santo Cutrone. Scoperte le antiche fondamenta della chiesa

Due imprenditori impegnati nel sociale realizzano la nuova pavimentazione del santuario di Maria SS. di Gulfi, a Chiaramonte. Il pavimento è stato realizzato per adeguare liturgicamente e recuperare l’immagine architettonica che il santuario aveva perso in seguito a vari interventi eseguiti nei...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-09-2020 12:12 - Attualità
[]
Componenti del Coordinamento Nazionale Tecnici CNPSTRP
Nasce il Coordinamento Nazionale delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione Fsi-Usae: “In questo paese il nostro lavoro è poco considerato e male pagato, ma questo è il momento giusto per cambiare le cose. Diamoci da fare.” E’ l’invito del Segretario Generale.

La prima riunione del neo costituito Coordinamento Nazione (Fsi-Usae CNPSTRP) è servita a fare il punto sul particolare momento politico, professionale e contrattuale che attualmente vivono tutti i p...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
21-09-2020 12:50 - Attualità
[]
l'assessore Giuseppe Alfano
Ripartono i servizi di segretariato sociale per i non udenti, in collaborazione con l’Ente Nazionale Sordi. A darne notizia, l’assessore ai servizi sociali, Giuseppe Alfano.

“ Nessuno è solo, non è stato solo lo slogan legato all’emergenza covid – spiega Alfano – ma il principio fondante della nostra azione amministrativa, sin dall’inizio. Per questo motivo, ripartiamo con lo sportello di segretariato sociale che, negli anni, si è dimostrato notevolmente utile per l’inclusione di persone affet...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
20-09-2020 12:28 - OBITUARY
[]
Diego Planeta

Si è spento il cavaliere Diego Planeta: il cordoglio di Confagricoltura Ragusa

“Con il cavaliere Diego Planeta se ne va un pezzo importante della storia dell’agricoltura, della vitivinicoltura e dell’ortovivaismo siciliano ed italiano, un pioniere di innovazione che tanto ha dato al nostro tessuto imprenditoriale, ponendosi come modello di intraprendenza mosso dall’amore profondo per la propria terra”: questo il commento del presidente di Confagricoltura Ragusa, dott. Antonino Pirrè, subito do...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
19-09-2020 10:38 - Politica
[]
Cugnata, Ragusa e Miccichè
" Forza Italia ", dopo un periodo di assenza, torna in consiglio comunale a Comiso con il passaggio nelle file azzurre di Vittorio Ragusa, consigliere. Ragusa nel 2012 aveva aderito a " Territorio ", era stato membro dello staff dell'on. Nello Dipasquale: nella passata tornata consiliare aveva fatto parte della giunta Spataro ( di centrosinistra ) in qualità di assessore. Ora si è trasferito in " Forza Italia". Di seguito il comunicato forzista.

Forza Italia entra nel Consiglio comunale d...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-09-2020 11:17 - Politica
[]
Campo e Lorefice

Agitazione lavoratori Consorzio di Bonifica, Campo e Lorefice: “Continua un’inaccettabile situazione di sofferenza”

“Continua, purtroppo, la Via Crucis dei lavoratori del Consorzio di Bonifica n. 8 di Ragusa. Una vicenda di disorganizzazione e di superficialità che, tristemente, va trascinandosi da anni a suon di promesse. Una vertenza che torna periodicamente alla ribalta ogni qualvolta che gli impegni e gli accordi presi e sottoscritti vengono disattesi dai vari governi regionali succedutesi...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-09-2020 10:46 - Cronaca Locale
[]
CARABINIERI NAS DI RAGUSA: TRUFFA AI DANNI DELLA SANITÀ PUBBLICA -
ESEGUITA MISURA INTERDITTIVA NEI CONFRONTI DI UN MEDICO.
Nella giornata di oggi, 17 settembre 2020, il NAS Carabinieri di Ragusa ha dato esecuzione
all’Ordinanza del GIP di applicazione di una misura interdittiva emessa nei confronti di E.G.,
medico dipendente dell’ASP di Ragusa.
L’ordinanza scaturisce dall’attività di polizia giudiziaria effettuata dal citato NAS, coordinata
dal Procuratore Capo della Repubblica, dott. Fabio D’Anna...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
17-09-2020 11:12 - Politica
[]
Franco Gravina e Giulia Santodonato
Forza Italia si arricchisce di un nuovo consigliere a Santa Croce Camerina con il passaggio di Franco Gravina. Il plauso di Miccichè e Cugnata

Forza Italia si rafforza a Santa Croce Camerina. Alla fine di agosto era stata nominata vicesindaco della città Giulia Santodonato, già coordinatrice provinciale di Azzurro donna. Oggi aderisce al progetto vincente di Forza Italia proveniente da una lista civica, il consigliere comunale Franco Gravina che ha incontrato il coordinatore regionale Gianfra...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
9

Visitatore Numero
1427207

totale visite
5043147

[]
23-09-2020 12:13 - Cultura & Arte
[]

Il Museo Casa natale Salvatore Quasimodo accoglie il figlio del Nobel, Alessandro, e la pittrice Antonella Cappuccio. L’appuntamento è per sabato alle 17.30 presso la casa natale di via Posterla. Alessandro Quasimodo insieme alle componenti dell’associazione Proserpina, che gestisce il museo, darà il benvenuto alla pittrice di origine partenopea che per l’occasione donerà una delle sue opere più recenti raffigurante il Nobel per la Letteratura in un momento della sua infanzia. Si tratta di un...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-09-2020 11:37 - Cultura & Arte
[]

La Sicilianità in Kaleindoscopio: a Marina di Ragusa incontro con lo scrittore Enzo Randazzo.
Il Lions Club Ragusa Host incontra Enzo Randazzo, lo scrittore del borgo più bello d’Italia 2016.

Venerdì 18 settembre, nella splendida cornice della terrazza del “Calamanca”, Porto Turistico di Marina di Ragusa, le suggestioni letterarie di Enzo Randazzo, romanziere, regista teatrale e poeta, hanno incantato il numeroso pubblico che ha partecipato all'iniziativa promossa ed organizzata dal Club Lions ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-09-2020 11:42 - Attualità
[]
Analisi del voto

Il 68% dei si alla diminuzione dei parlamentari fa comprendere che il popolo italiano ha una voglia di cambiamento radicale.
Auspico che ciò permetterà di cambiare finalmente la legge elettorale e che vengano inserite nuovamente le preferenze.

ANALISI DEL VOTO REGIONALE:

È evidente un dato: Il Movimento cinque stelle è completamente scomparso in tutte le regioni.
La Toscana si conferma ancora una volta "rossa ": ciò significa che la maggioranza dei cittadini toscani sono fedeli...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
21-09-2020 12:37 - Eventi
[]
Si esibirà, il prossimo 25 settembre, alle ore 21, il gruppo " Tabs killer machine " per il programma " Symposium " in una notte di solidarietà. E' obbligatoria la prenotazione.
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
20-09-2020 12:15 - Cultura & Arte
[]
Da città della mafia a città della cultura: Corleone svela al mondo la sua storia millenaria

Nella prestigiosa cornice della chiesa del Carmine a Corleone è stato presentato il libro di Angelo Vintaloro “Corleone e Montagna Vecchia due Poleis della Sicilia antica”. L'evento, molto partecipato da autorità e cittadinanza, è stato garbatamente moderato dallo storico professor Giovanni Lisotta ed ha visto gli interventi, oltre a quello dell'autore, anche di Valeria Li Vigni Tusa (Soprintendente de...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-09-2020 12:02 - Angolo dell´Arte
[]


“Terra”, a Palazzo Labisi di Comiso la mostra plurisensoriale del Maestro Giovanni Pace

Sarà inaugurata sabato 19 settembre alle 18 la mostra plurisensoriale “Terra” del Maestro Giovanni Pace, pittore del puntinismo, direttore artistico per la provincia di Ragusa del Centro Culturale OmniArtEventi.

Con il patrocinio del Comune di Comiso che ha messo a disposizione i locali di Palazzo Labisi, il percorso voluto da Pace vedrà protagonisti l’ecosostenibilità e il rispetto per gli animali.

Chi visi...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-09-2020 10:54 - Cultura & Arte
[]
Il 26 settembre al via la XV stagione letteraria al Caffè Quasimodo
Incontro con Alessandro Centonze

Prenderà il via il prossimo 26 settembre a Modica, nel rispetto delle norme anti covid 19 (mascherina e distanziamento), la XV stagione dei "sabati letterari" del Caffè Quasimodo, distribuiti da settembre a maggio 2021.
Il primo appuntamento, che vedrà il saluto del sindaco di Modica, Ignazio Abbate, sarà dedicato alla presentazione del libro dello scrittore e saggista Alessandro Centonze, mag...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
17-09-2020 11:34 - Cultura & Arte
[]
Il giudice Livatino


SECONDA EDIZIONE DEL PREMIO INTERNAZIONALE DI POESIA
“ROSARIO ANGELO LIVATINO ”

Il 21 Settembre 2020 ricorre il 30° anniversario della morte del Giudice Rosario Angelo Livatino. Per l’occasione, il Poeta e Scrittore Rosario La Greca di Brolo (Messina), indice e organizza la Seconda Edizione del Premio Internazionale di Poesia “Rosario Angelo Livatino”. L’iniziativa si prefigge di rico...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio