27 Novembre 2020

«QUANNU LI PAROLI NUN FÍGGHIANU PAROLI»: LE RAGIONI DEL DIALETTO DI FRANCESCO EREDDIA

«Un populu / diventa poviru e servu, / quannu ci arrobbanu ´a lingua / adduttata di li patri: / è persu pi sempri. / Diventa poviru e servu, / quannu i paroli non fìgghianu paroli / e si mangianu tra d´iddi. / Mi n´addugnu ora, / mentri accordu ´a chitarra du dialettu / ca perdi ´na corda lu jornu».

Così negli anni Settanta lamentava l´inesorabile agonia del dialetto Ignazio Buttitta (Bagheria, 1899-1997), il più grande poeta siciliano contemporaneo, «poeta dai sette spiriti e dai sette estri», come ebbe a definirlo lo scrittore bolognese Roberto Roversi (1923-2012).
Paragonato al cantore medievale Jacopone da Todi e da Sciascia al cileno Pablo Neruda (con una netta superiorità, però, di Buttitta rispetto allo stesso Neruda, a parere anche di Pier Paolo Pasolini), assurse a fama internazionale con il celeberrimo «Lamentu pi la morti di Turiddu Carnivali» (dal latinista Concetto Marchesi accostato al lamento di Orlando della «Chanson de Roland»), interpretato dall´indimenticabile cantastorie Cicciu Busacca.
Tuttavia il timore liricamente espresso da Ignazio Buttitta, circa la scomparsa del dialetto, appare in un certo senso ingiustificato, se è vero che i dati di un´inchiesta Doxa, proprio in quegli stessi anni, consentivano di affermare che più della metà degli italiani (percentuale che saliva ai due terzi nel Meridione e ai tre quarti addirittura per le «classi sociali inferiori») parlava solitamente «con tutti i familiari in dialetto», mentre «fuori di casa» parlava solitamente in dialetto quasi il 30 per cento degli italiani.
A distanza di alcuni decenni da quell´inchiesta non c´è dubbio che queste percentuali sono da rivedere un po´ al ribasso, ma è altrettanto indubbio che questo doppio binario linguistico persiste ancora in misura abbastanza rilevante.
E ciò è vero al punto che gli studiosi di didattica dell´italiano asseriscono che la scuola dovrebbe impegnarsi il più possibile per assecondare questa tendenza ormai consolidata a un vero e proprio «bilinguismo sociale» generalizzato. Si dovrebbe, cioè, fare del dialetto un oggetto di studio scolastico, non però come se fosse un relitto da museo, bensì come ricerca d´ambiente: una ricerca storica, letteraria, culturale e antropologica , fatta e vista attraverso il dialetto e attraverso la vastissima produzione "popolare" da esso prodotta e veicolata da tempo immemorabile.

Il timore di Ignazio Buttitta, peraltro, era stato già manifestato un secolo prima, all´indomani dell´unità d´Italia, da studiosi («demopsicologi», come essi stessi amavano definirsi) del calibro di Pitrè, Salomone Marino, Vigo, Avolio, Serafino Amabile Guastella.
Anzi, la «demologia», vale a dire la disciplina che studia le tradizioni folcloristiche, era nata proprio con lo Stato unitario ed era stata condizionata e guidata dalla nostalgia del passato e dalla paura del presente/futuro circa il destino del dialetto siciliano. Un dialetto che fino a tutto il Quattrocento era stata la lingua usata nella nostra isola anche negli atti ufficiali di governo e che per secoli era stato considerato, dagli intellettuali di Sicilia affetti da quello che qualche studioso definisce «nazionalismo linguistico siciliano», una lingua da contrapporre a pieno titolo al toscano (cioè, l´italiano). «Un grandi affettu – aveva scritto già nel lontano Cinquecento il poeta Antonio Veneziano da Monreale nella presentazione dei suoi versi d´amore per Celia – non si basta megghiu esplicari ch´in linguaggiu maternu».
Ma già verso la fine del Settecento il dialetto siciliano si era avviato a diventare un «vernacolo» fra i tanti della penisola, cioè un linguaggio subculturale.


***


«Quel giorno io era di servizio in via Gazòmitro, la quale, dopo averla pedinata per un po´, su e giù, mi avevo posto di piantagione sotto un fanale».
A questa battuta dei «Civitoti in pretura» di Nino Martoglio il pubblico rideva fragorosamente. A questa, come alle migliaia di battute contenute nel «D´Artagnan» - giornale «serio-umoristico illustrato» diretto e quasi interamente scritto da Nino Martoglio dal 1889 al 1904 – e nelle numerose opere del prolifico autore catanese.
Il pubblico che rideva – e ride ancora oggi -, un pubblico dialettofono (o siculofono) che ha una conoscenza passiva della lingua italiana (la capisce, ma non la parla), non ride della lingua italiana ma del suo uso esageratamente scorretto. L´unità d´Italia era stata realizzata da un bel po´, ed ormai era comunemente accettata la lingua unitaria, cioè l´italiano: il dialetto poteva essere tutt´al più, come in effetti fu nelle mani geniali di Martoglio, fonte di irresistibile comicità. A Martoglio, a questo proposito, il Capuana scrisse nel 1907: «Lei è stato il primo tra noi a sfatare l´orgoglioso pregiudizio che il dialetto siciliano non sia dialetto ma lingua».


Un altro grande, Luigi Pirandello, due anni dopo, nel 1909, scriveva un articolo molto aspro sul teatro siciliano dialettale, che in quegli anni proprio con Martoglio si affermava in modo travolgente, grazie ad attori quali Giovanni Grasso, Mimì Aguglia e Angelo Musco.
Eppure, qualche anno dopo, nel 1916, Pirandello scrisse «Liolà», commedia interpretata da Angelo Musco, in manifesta contraddizione con quanto affermato alcuni anni prima. Al figlio Stefano, prigioniero in un campo tedesco, scriveva: «Liolà è venuto proprio bene. E´ stata la mia villeggiatura. Di fatti si svolge in campagna. Mi pare di averti già detto che vivrà a lungo». A «Liolà» seguirono poi altre commedie in dialetto.
Cosa spinge un poeta a usare il dialetto?
«Le motivazioni – scriveva il critico letterario Salvatore Guglielmino - che spingono un poeta a usare il dialetto, ad imboccare cioè una direzione centrifuga rispetto alla lingua nazionale, possono essere molteplici, ma c´è sempre alla base una insoddisfazione nei riguardi della lingua italiana, aristocratica e limitata nei registri espressivi».
Così, le poesie in friulano di Pier Paolo Pasolini nascevano dal bisogno di usare una lingua vergine e istintiva, capace di dar voce al fondo più autentico dell´io, per rappresentare un mondo di natura non contaminato ancora dalla storia, in una specie di regressione nell´infanzia.

Ma l´uso del dialetto può anche significare una forma di opposizione nei confronti del sistema letterario della classe egemone, dei suoi valori e dei suoi miti.
Dopo il 1860 il dialetto era stato considerato dalla pedagogia dell´epoca come deviazione e incultura, e poi il fascismo procedette all´italianizzazione linguistica della Sicilia riducendo la nostra terra all´immagine folcloristica di "Ciuri, ciuri". Così il dialetto veniva svuotato di ogni espressione che fosse controcorrente, in quanto esso era visto, come ha affermato il linguista Tullio De Mauro, «come malerba che la scuola doveva provvedere a sradicare».
La poesia di Ignazio Buttitta, in fondo, nasceva da tutto questo. Fiero oppositore del regime fascista, interprete della sofferenza dei contadini della sua terra, Buttitta apparteneva, come ebbe a definirlo in uno dei suoi «Scritti corsari» Pier Paolo Pasolini, «a quel mondo in cui si parlava il dialetto, e ora non lo si parla che con vergogna, dove si voleva la rivoluzione, e ora la si è dimenticata, dove vigeva comunque una grazia (e una violenza) da cui ora si abiura».
Anche se una conclusione così del nostro discorso rischia di far piombare il dialetto in quel "museo" nel quale, invece, non dobbiamo mai permettere che entri.



FRANCESCO EREDDIA




Notizie Flash
COMISO - ATTIVA DA OGGI L'EQUIPE SOCIO-PSICO-PEDAGOGICA
VITTORIA - SPACCIAVANO IN ZONA ROSSA
MODICA - CALENDARIO PAGAMENTO BUONI LIBRO
RAGUSA - DIVIETO DI AVVICINAMENTO PER ALBANESE
MODICA - IL M5S SCRIVE AL SINDACO SUL COVID
RAGUSA - RIFLESSIONI DELLA LEGA SULL'EMERGENZA SANITARIA
RAGUSA - STUPEFACENTI IN CENTRO STORICO: UN ARRESTO DEI CARABINIERI.
09-11-2020 17:09 - Economia
[]
E DOPO GLI ALLARMI LA NAVE È AFFONDATA
Lo sfascio della Direzione Provinciale di Ragusa della Agenzia delle Entrate

Lo avevamo gridato a gran voce sui giornali, alle televisioni, con i sit in di protesta davanti agli uffici della provincia di Ragusa della Agenzia delle Entrate nell’autunno 2019, se non sarebbe arrivato a breve altro personale a rafforzare gli uffici questi sarebbero andati in contro alla paralisi con conseguenze odiose oltre che per i lavoratori anche nei confronti dei cittadin...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
09-11-2020 16:35 - Attualità
[]
RISOLTO IL CASO DEL GIOVANE DISABILE CHE NON POTEVA VIAGGIARE LUNGO LA TRATTA MARINA-RAGUSA PERCHE’ INDISPONIBILE L’AUTOBUS
DOTATO DI PEDANA DI SOLLEVAMENTO. I CONSIGLIERI COMUNALI
DEL PD D’ASTA E CHIAVOLA: “TUTTO BENE QUEL CHE FINISCE BENE”

“Dopo che, nei giorni scorsi, ci eravamo occupati della vicenda del giovane trentenne disabile ragusano, Giovanni Gulino, che aveva denunciato l’impossibilità di coprire con i mezzi pubblici la tratta tra Marina e Ragusa per la mancanza di un pullman di lin...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
08-11-2020 12:36 - Politica
[]
Territorio Ragusa: troppe voci incontrollate sui positivi al Comune di Ragusa, il Sindaco deve fare chiarezza

“Da qualche giorno assistiamo alla girandola di voci incontrollate sugli esiti di tamponi positivi per dipendenti comunali o loro stretti congiunti, le indiscrezioni, vere o presunte, si moltiplicano, comunicati delle opposizioni e articoli di giornale accrescono una certa confusione sulla materia, aggiungendo ansia a quella che già pervade la cittadinanza. È ora di fare chiarezza e sg...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 17:48 - Politica
[]


Mucche al cimitero di Ragusa Ibla. Ma chi controlla il camposanto in tempo di covid se perfino gli animali sono liberi di vagare come vogliono? La denuncia del consigliere comunale Giovanni Gurrieri

RAGUSA – Un buon numero di mucche sono facilmente entrate stamani nel cimitero di Ragusa Ibla. Razze diverse ma un unico intento: far delle belle passeggiate all’interno del camposanto. Indisturbate. E’ quanto denuncia il consigliere comunale Giovanni Gurrieri raccogliendo la segnalazione di un cit...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 17:38 - Attualità
[]
mons. Cuttitta
Lettera del vescovo a tutti i sacerdoti con l’invito
ad agire con «consapevole prudenza»
Otto sacerdoti positivi al Covid-19 e quattro in isolamento
Quattro chiese chiuse in via prudenziale
per procedere alla sanificazione degli ambienti

Otto sacerdoti sono positivi al Covid-19 e altri quattro, che presentano qualche sintomo, si trovano in isolamento fiduciario in attesa dei risultati dei tamponi. In via precauzionale, per consentire la sanificazione dei locali parrocchiali, quattro chiese sono st...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-11-2020 11:10 - Attualità
[]
Ospedale Comiso

DA DOMANI TEST RAPIDI SU STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE DELLE SCUOLE SUPERIORI.

QUATTRO POSTAZIONI: RAGUSA, MODICA, VITTORIA E COMISO

DALLE ORE 9.00 ALLE 13.00

Ragusa, 6 novembre 2020 – A partire da sabato 7 novembre, così come previsto dalla circolare dell’Assessorato Regionale della Salute, l’Asp di Ragusa, con la collaborazione dei Sindaci di Ragusa, Comiso e Modica, la Commissione straordinaria di Vittoria e con i dirigenti scolastici, ha messo in moto la macchina organizzativa per eff...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
06-11-2020 12:42 - Attualità
[]
POSTE ITALIANE: LA RETE LOGISTICA PUNTO POSTE SI AMPLIA GRAZIE ALLA NUOVA SEDE KIPOINT DI VITTORIA

Nuovi servizi dedicati ai liberi professionisti e alle piccole imprese

Palermo, 6 novembre 2020 - Poste Italiane radica sempre di più la propria presenza sul territorio a servizio dei cittadini, espandendo la propria rete Kipoint, i centri multi servizi dedicati soprattutto alle piccole imprese e ai liberi professionisti.
Quella di via A. Manzoni 3/L a Vittoria è una delle 97 sedi del territorio n...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
05-11-2020 17:23 - Economia
[]


Il Ministero dell'Interno- Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali-ha trasferito nelle casse del Comune di Ispica in data 27/10/2020 un contributo pari a 45.000 euro.
Si tratta di risorse riconosciute all'ente ai sensi della legge n.160 del 27.12.2019 (legge di bilancio 2020) per la realizzazione dei lavori di efficientamento energetico di parte dell'impianto di pubblica illuminazione con apparecchiature a led.
L' intervento di sostituzione delle vecchie lampade ha avuto inizio entr...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
05-11-2020 17:01 - Istruzione e Formazione
[]
Al Verga di Comiso premiazione dei vincitori dei giochi matematici della Bocconi 2019/2020. La sobria premiazione è avvenuta nell'auditorium - nel rispetto delle norme di prevenzione sanitaria - alla presenza della Dirigente Scolastica Maria Grazia Cafiso e del presidente e del vice presidente del consiglio dei ragazzi. Ai ragazzi della categoria C2 che frequentano le superiori e che sono in DAD, i premi saranno consegnati direttamente al loro domicilio. Questi i premiati:
Categoria CE
COLUMBO ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
6

Visitatore Numero
1541645

totale visite
5254241

[]
09-11-2020 17:35 - Cultura & Arte
[]
La BlackOut Pop Band su Rai Gulp
LA BLACKOUT POP BAND SARA’ TRA I PROTAGONISTI GIOVEDI’ 12 NOVEMBRE DELLA CAMPAGNA INTERNAZIONALE #SAYHY” IN ONDA SU RAI GULP

La BlackOut Pop Band protagonista giovedì, a livello nazionale, della campagna #SayHi”, una iniziativa delle tv pubbliche europee a cui ha aderito anche la giapponese Nhk. In pratica, il 12 novembre, bambini e ragazzi di tanti Paesi del mondo si uniranno in quella che si preannuncia come la più grande danza simultanea che promuove l’amicizia, l’inclusione e la gentilezza...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
08-11-2020 12:43 - Cultura & Arte
[]
Maurilio Assenza e Beatrice Cerrino

Proseguono gli incontri promossi da Fondazione Val di Noto e Istituto Galilei Campailla Un nuovo modello di Economia illustrato da Beatrice Cerrino
Economia ed ecologia, due temi indispensabili per proteggere la nostra ‘casa’, il nostro pianeta. È stata, Beatrice Cerrino della Scuola di Economia Civile a tenere il terzo incontro del corso di formazione 'Preparare un tempo nuovo' promosso dalla Fondazione di comunità Val di Noto, insieme all’Istituto di istruzione superiore “Galil...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
04-11-2020 17:05 - Cultura & Arte
[]
Individuata l'ubicazione storica del cimitero ebraico a Modica.
Brillante scoperta storica-filologica di Teresa Spadaccino.
Foto di Maurizio Pulvirenti
Da sempre la conoscenza della presenza antica degli ebrei a Modica ha assillato molti storici e
studiosi di Storia patria modicana, quasi una ricerca catartica per quanto avvenne di drammatico
nella città il giorno dell'Assunzione del 1474 e cioè la ben nota strage dei giudei.
Molti studiosi hanno individuato nel quartiere Cartellone il quartiere de...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
16-10-2020 11:17 - Cultura & Arte
[]
Walter Siccardi, Samantha Panza e Fabrizio Di Salvo.
“Aleramici in Sicilia” il docufilm ritorna alle origini con le riprese nella terra natia degli Aleramici: il Monferrato

Siamo giunti alle ultime battute delle riprese del docufilm “Aleramici in Sicilia”. Il progetto, partito tre anni fa per testimoniare questa storia di “immigrazione al contrario”, da nord a sud, che caratterizzò la fine dell’XI secolo italiano, è giunto alle riprese finali.

Dopo aver percorso un viaggio che ha portato il produttore e direttore del...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio