01 Febbraio 2023

SILVIO ZAMPIERI: IL "PITTORE DELLA LUCE" DIPINGE I VERSI DEL GIOVANE SALVATORE QUASIMODO

Silvio Zampieri, classe 1940, veronese di nascita e milanese di adozione, dal 24 aprile al 17 giugno a Modica presso la Casa Natale di
Salvatore Quasimodo è stato protagonista della mostra tenutasi in occasione del cinquantesimo anniversario della scomparsa del celebre premio Nobel ed è proprio tale circostanza che ha propiziato il nostro incontro.
Zampieri è considerato il caposcuola del cosidetto Secondo Chiarismo, un movimento artistico di matrice lombarda ispirato allo sfumato
leonardesco e che si richiama direttamente al Chiarismo nato negli anni ´30 del XX secolo per contrapporsi al novecentismo
anticlassicista dell´epoca, quello delle avanguardie come il Futurismo che egli giudica "un movimento di guerrafondai, ma l´uomo è
abituato a consegnare alla Storia solo chi vuole innovare la società attraverso la violenza, diversamente chi vuole farlo attraverso
il Bene è destinato all´oblio".
La tecnica artistica di Zampieri è molto impegnativa, raramente policroma e dai tratti delicatissimi ed evanescenti che restituiscono
sensazioni che ci riportano alla sfera onirica e del fantastico, con una nota romantica che richiama la nostalgia per la purezza
fanciullesca; su tutti predominano i toni del bianco e quelli chiarissimi del grigio -"grigio su grigio"- quel colore nemico di
qualsiasi pittura; citando Paul Cézanne, egli ama precisare che "fino a che non si è dipinto un grigio, non si è un pittore".
Osservando le sue opere, sembra quasi che qualcuno ne abbia asportato via i colori per lasciare solo i chiaroscuri che non sono solo
la mera alternanza di luci e di ombre, ma vanno oltre l´apparenza del mondo tangibile, per sfiorare l´essenza positiva della Natura,
dell´Uomo e delle Cose che egli concepisce come un tutt´uno, alla stregua di materia vibrante nell´etere, senza soluzione di
continuità, tant´è che mi spiega che "a un certo punto non ho tollerato più neppure le cornici, non volevo che le tele avessero limiti
affinché la pittura fosse libera di espandersi all´infinito e di interagire con lo spazio circostante e ho trovato la soluzione
adottandone una fiorentina di colore grigio". In altre parole, attraverso il Chiarismo, Zampieri intende eliminare l´aspetto fisico
del colore per riprodurne soltanto l´anima che è Luce, un po´ come un Uomo che si sveste del proprio corpo mortale per restare puro
spirito.
"A me piace alleggerire il volo della sofferenza umana che è creata dalla società, non dalla Natura. Per me la sofferenza non esiste,
so che c´è ma io non vedo tutto nero, vedo sempre la Luce che è speranza, è amore, è gioia, non mi importa delle avversità, cerco
sempre di superarle: è bello se c´è il sole, ma se dovesse piovere pazienza, troverò il modo di ripararmi, è bello lo stesso, anche se
di una bellezza diversa... a Milano sono l´unico che passeggia anche sotto la neve e lo faccio perché mi piace! Ho conosciuto il
grande artista albanese Ibrahim Kodra, un cuore nobile di fanciullo, amico di Picasso, andare in giro con lui era un´esperienza
incredibile, potevi percorrere tutti i giorni la stessa strada e lui la trovava sempre diversa, perché tutto cambia: la luce, gli
intonaci, le persone e la loro essenza, è assolutamente incredibile! Mi considero religioso e ho avuto un caro amico nel teologo Don
Bernardo Antonini: a casa ho una collezione di meravigliosi crocifissi, ma li tengo coperti con lenzuolini appena ricamati che per me
stanno a significare la Resurrezione; una volta, parlandone con lui, gli dissi che non ne potevo più di Gesù morto, volevo una Via
Crucis col Cristo risorto, e lui mi rispose che era un´idea bellissima! C´è tanta sofferenza in Cristo, così come ce n´è tanta anche
in Salvatore Quasimodo...".
Il connubio tra la sua pittura e l´ars poetica del premio Nobel "è nato un po´ per caso, la mia vita è piena di casualità
incredibili"- afferma l´artista -"ho conosciuto il figlio Alessandro circa venticinque anni fa in occasione di una mia mostra milanese
dedicata a Ungaretti: «M´illumino d´immenso», per me quella poesia è tutto... Alessandro mi propose di dipingere i versi del padre
Salvatore e io accettai chiedendogli di farmi avere alcune sue poesie inedite, ma quanta sofferenza c´è in quei versi! «Trafitto da un
raggio di sole» e poi «è subito sera», la morte... mi fa pensare a una Natura che dà sì la vita, ma che ti ferisce e può anche
ucciderti: molto distante dal mio modo di intenderla, per questo motivo attraverso le mie tele ho provato a liberare Salvatore
Quasimodo da questo suo dolore. Ma non l´ho fatto subito: quelle poesie sono rimaste in evidenza sul mio tavolo da lavoro per oltre
vent´anni, erano un mio pensiero fisso; poi un bel giorno mi sono deciso e ho iniziato a dipingere scegliendo solo alcuni versi,
perchè Quasimodo è una fonte inesauribile di ispirazione, si può ricavare un quadro da ogni singola riga, avrei dovuto dipingerne
decine e decine se avessi voluto trasporre tutto su tela".
Accanto ai ritratti di Quasimodo, le opere in esposizione si rifanno ai versi tratti dalle sue poesie giovanili: «Dormite, ch´è sera,
bambini» ci riporta alla memoria di quel carro merci divenuto la casa del Poeta quando - subito dopo il terremoto del 1908 - il padre
ferroviere fu assegnato alla stazione di Messina; immancabilmente, alcune tele sono dedicate ai monumenti e ai paesaggi siciliani,
quelli della «terra impareggiabile» quasimodiana, con qualche concessione alla policromia ma sempre discreta, ovattata come quella
ispirata dal verso «una volta, sentì un odore nuovo per lei, un odore tenue di rosa». Del resto, Zampieri alla mia domanda sulla Luce
dei paesaggi siciliani, esclama subito di trovarsi molto bene qui proprio perché quella è la "sua" Luce, apprezzando nel contempo la
pulizia delle città iblee, di Modica in particolare:-"Sembra di essere in Svizzera!" mi confida compiaciuto. Alcune opere parlano dei
sentimenti quasimodiani attraverso la rappresentazione di personaggi, come la madre piangente - «pianto di madre, non si piange
invano» - e riflessivi come nel caso di «per me c´è l´ombra che è la mia luce», che non a caso è anche il verso ispiratore del tema
della mostra, in ragione del particolare significato che esso riveste nel quadro del pensiero artistico di Silvio Zampieri. Visioni
sublimi, quasi istantanee estrapolate da un sogno che ci permettono di immedesimarci nell´animo giovanile del Poeta, riuscendo
finalmente a svincolarlo dalla sofferenza che traspare dai suoi stessi versi: in fin dei conti, proprio questo è lo scopo di Silvio
Zampieri, le cui opere dopo la tappa modicana, resteranno in mostra fino al prossimo 7 settembre a Roccalumera presso il Parco
Letterario Salvatore Quasimodo.

Daniele Pavone


Notizie Flash
ISPICA - LA VIRTUS ISPICA RESISTE PER UN’ORA AL SIRACUSA, POI CEDE.
COMISO - "EDITH STEIN ": ULTIMO SEMINARIO FILOSOFICO ON LINE CON IL PROF. DI MAURO
RAGUSA - SINISTRA ITALIANA ADERISCE AD UNA AGGREGAZIONE CIVICO-PROGRESSISTA
RAGUSA - L’ASD RAGUSA CALCIO 1949 ESONERA IL TECNICO FILIPPO RACITI
PALERMO - DDL DELL'ON. DIPASQUALE SULLE DIPENDENZE PATOLOGICHE
RAGUSA - " NEI PANNI DI CAINO...": PROGETTODELLA POLIZIA DI STATO PER LE SCUOLE.
RAGUSA - ANCORA UNA SCONFITTA PER IL FUTSAL
SANTA CROCE CAMERINA - I CONSIGLIERI DI " CAMBIA VERSO " E I SERVIZI AMBIENTALI
31-01-2023 10:51 - Tecnologia
[]
Comiso, 31 gennaio 2023

Agricoltura, il sistema Lualtek approda in Lombardia e in Veneto: nuovi metodi di monitoraggio senza rete elettrica e internet
Il sistema Lualtek varca le frontiere siciliane. Il monitoraggio delle coltivazioni senza elettricità e senza rete internet, ideato da due giovani siciliani, approda in Veneto, alla Fieragricola Tech di Verona.

L’1 e il 2 febbraio, Alessio e Luca Occhipinti, ideatori dell’innovativo sistema di sensori che potrebbe rivoluzionare l’agricoltura, pres...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
30-01-2023 16:29 - Cultura & Arte
[]
Acate, 30 gennaio 2023

Un cenacolo culturale e una biblioteca: nasce ad Acate la “Fondazione Maria Giovanna Baglieri”.

Una dirigente scolastica in pensione ha donato 4000 libri ad una fondazione che porta il suo nome. La Biblioteca Mnemosine (nome tratto dalla mitologia greca) promuoverà la cultura e l’amore per la lettura.
Un cenacolo culturale nel cuore della cittadina. Ad Acate, una biblioteca privata, oggi ricca di più di 4000 volumi, diventa un presidio culturale a disposizione dei giovani ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
27-01-2023 16:53 - Istruzione e Formazione
[]
In occasione della "Giornata della Memoria 2023, l’Istituto Verga di Comiso prosegue il proprio impegno, nel pieno esercizio di una cittadinanza attiva, consapevole e democratica, affinché la "memoria storica" possa diventare un patrimonio trasmissibile di generazione in generazione.
Oggi, tutti gli alunni hanno assistito alla proiezione del Film Il viaggio di Fanny (Le Voyage de Fanny) è un film franco-belga del 2016 diretto da Lola Doillon. Il film è basato sul libro autobiografico Le journa...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-01-2023 17:34 - Istruzione e Formazione
[]
ANCORA UN'ECCELLENZA COMISANA PREMIATA : STEFANIA OCCHIPINTI LA NEO INGEGNERE LAUREATASI A CATANIA

“Premio America Giovani “Riconoscimento per i neolaureati di eccellenza delle università italiane”

“Fra i mille studenti eccellenti ai quali è andato il riconoscimento e che sono stati ricevuti alla Camera dei Deputati la neo ingegnere comisana Stefania Occhipinti – dichiara Maria Rita Schembari, sindaco di Comiso-. È un altro motivo d'orgoglio per me, fare un encomio pubblico ad un'altra giovane ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
23-01-2023 18:47 - Attualità
[]
UN’ALTRA COMISANA AL FESTIVAL DI SANREMO 2023: SI TRATTA DI FLAVIA NIGITA.

“ La nostra Flavia Nigita – commenta l’assessore Manuela Pepi – è la seconda giovane comisana che, con altre 5 ragazze Siciliane, sarà presente al Festival di Sanremo. Flavia Nigita, 31 anni, studia presso ADIABASI , scuola nazionale di massaggio, e sta seguendo il percorso formativo come operatore olistico. Sarà a Sanremo dal 6 all’8 di febbraio, nel primo gruppo, assieme ad altri 20 massaggiatori. E’ un orgoglio saper...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
Categorie
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
31-01-2023 11:10 - Eventi
[]
Un racconto fatto di incontri di vita vissuta con questi meravigliosi strumenti.
I grandi maestri che ho avuto modo di conoscere durante questo cammino, e incontrati anche nei miei spostamenti in giro per il mondo, sono una parte importante del racconto.
Il tramite della loro cultura, soprattutto in Sud America, Africa e Medio Oriente, mi ha illuminato nel comprendere e appassionarmi alle mie dirette origini culturali, legati sopratutto ai tamburi a cornice della tradizione orale Siciliana e de...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
29-01-2023 18:37 - Cultura & Arte
[]
La Chiesa della Madonna di Loreto (dello Reto), un “fantasma” nel territorio modicano, già extra-moenia. Ovvero come la perduta memoria cittadina possa creare “mostri” storici e socio-culturali. Da qualche giorno si è aperta “la caccia” alle origini e allo stato attuale della Chiesa di Nostra Signora di Loreto, da sempre indicata orbitante nell'area di quello che comunemente è detto il quartiere “do ritu”, che toponomasticamente potrebbe aver preso proprio origine dall'insediamento del rito m...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
29-01-2023 19:09 - Attualità
[]
L'importanza di aver accanto chi hai amato sino all'ultimo rantolo…

Premetto che è sempre difficilissimo parlare del dolore, ma ho deciso di farlo per affrontare una problematica comune su cui tutti dovremmo batterci.

Poco fa ho appena letto il post della cara Alessandra Di Stefano, ove con immenso dolore condivide con tutti lo strazio per la dipartita del suo caro papà.

Leggere che è stata accanto al suo papà tramite videochiamata e non è potuta stargli accanto sino all'ultimo respiro è una c...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
17-01-2023 12:24 - Angolo dell´Arte
[]
MILANO 24 maggio: Un ricordo dello scultore Biagio Frisa.

Erano gli anni '56, '57, '58: frequentavo assiduamente a Comido (RG) la bottega dello scultore Biagio Frisa, che aveva trasformato in una bottega di ceramica non sapevo cosa, nonostante questo rimanevo catturato dai colori e dalle forme che avevo notato in una mostra al circolo " Amici dell'Arte" , dove mio padre era custode.

Frisa era un abilissimo scultore, ma soprattutto un imprenditore eccellente. Lo dico adesso con cognizione di cau...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
12-01-2023 15:02 - Angolo dell´Arte
[]

Continua senza sosta l’ascesa dei Blinding Sunrise. Nonostante il nome possa risultare sconosciuto a molti, questa band iblea (composta da cinque vittoriesi e un ragusano) sta continuando a riscuotere successi internazionali ed è famosissima in tutto il mondo. La band è composta da Mattia Giuffrida e Francesca Ereddia alle voci, Matteo Lorefice e Luca Pace alle chitarre, Onofrio Butera al basso e Valerio Macca alla batteria.

Di qualche giorno fa l’ultimo riconoscimento alla loro bravura: part...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA
Utenti Online
9

Visitatore Numero
2152625

totale visite
8301887


invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è "Piparo Girolamo", il sito web ecodegliblei.it è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor Piparo Girolamo. Recapiti e dati legali:

Via Generale Cascino, 50 - 97013 Comiso (RG)

Cod. Fiscale: PPRGLM48L19C927D

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a girolamopiparo@gmail.com oppure indirizzare una comunicazione scritta all'indirizzo della sede legale sopra citata.
Informativa privacy aggiornata il 11/01/2023 00:00
torna indietro leggi Privacy Policy
 obbligatorio

cookie