20 Gennaio 2021

" UN VICERE´ DI FERRO: MARCANTONIO COLONNA E " LOS RICOS DELINQUENTES " DI FRANCESCO EREDDIA

Lo Steri, sede del Tribunale dell´Inquisizione
“Il governo di Sicilia è stato fatale a tutti i suoi Governanti, dall’anno 1490 fino al 1571. Perché, in breve spatio di tempo, si son trovati involti in pericolose difficoltà, et la maggior parte di essi ha lasciata in quel Regno sepolta in modo la reputazione, che ne ancho nelle posterità loro ha potuto risorgere mai più”.

Negli “Avvertimenti a Marco Antonio Colonna quando andò viceré in Sicilia” il messinese Scipio Di Castro elaborava acute riflessioni sulla storia della Sicilia attraverso l’avvicendarsi dei vari viceré, sulle principali istituzioni dell’isola, sul carattere dei siciliani (considerazioni, queste ultime, rimaste celebri) e sulla questione frumentaria, da cui dipendevano e i successi dei viceré e le condizioni materiali di vita della popolazione.
Destinatario delle sue riflessioni era appunto Marcantonio Colonna. Luogotenente di Giovanni d’Austria nella spedizione in Levante, il Colonna – padre della contessa di Modica Vittoria Colonna - aveva avuto un ruolo assai rilevante nella battaglia navale di Lepanto (1571), che segnò il trionfo della ‘cristianità’ contro il turco. Una vittoria rimasta da allora indelebilmente impressa nell’immaginario collettivo europeo, ma che non impedì ai turchi, appena tre anni dopo, di attaccare con 300 navi Tunisi e di riconquistarla distruggendo le fortificazioni spagnole.
Il 24 aprile 1577 Marcantonio Colonna, su nomina del re Filippo II, faceva il suo trionfale ingresso da viceré in Palermo. Il suo primo provvedimento fu di porre fine all’epidemia che infuriava ormai da due anni in Sicilia: con piglio decisamente pratico e razionalistico, affatto alieno dalle superstizioni che attribuivano il morbo a malocchi e pratiche di magia nera, e in perfetta sintonia e collaborazione con uno scienziato, il protomedico Filippo Ingrassia, puntò rigorosamente su quanti non distruggevano i panni infetti e le suppellettili, punendoli severamente al pari di quanti, medici e barbieri, non rivelavano al governo le persone sospette. In questo modo contenne e debellò la peste dilagante.
Il suo obiettivo primario nel governo dell’isola era di indebolire e spezzare lo strapotere dei nobili: appena nominato fece giustiziare quattro personaggi di alto rango e ordinò l’arresto del marchese della Favara, che fino a quel momento aveva agito nel totale disprezzo delle leggi e del potere vicereale. In questa direzione promosse e condusse una dura repressione del banditismo, perché era consapevole della connivenza fra i capi delle bande armate e i nobili: così assicurò alla giustizia e mandò alla forca immediatamente due banditi famosi, Girolamo Colloca e Rizzo di Saponara, che godevano della protezione di alcuni personaggi altolocati.
Reduce dal trionfo di Lepanto, più di altri avvertiva la gravità della minaccia barbaresca: “il mare è pieno di corsari, che fanno grandi danni nell’isola”, scriveva allarmatissimo il viceré Colonna nel giugno del 1578, mentre le navi del temibile Aluch ‘Alì (volgarizzato dai cronisti del tempo in Ulucchiali), che sembravano avere il dominio assoluto del Mediterraneo, entravano perfino nel golfo di Gela e saccheggiavano la città di Terranova deportandone come schiavi un’ottantina di persone. Qualche mese prima, in aprile, la galera Sant’Angelo, partita da Palermo, era stata catturata dai pirati barbareschi: a bordo c’era, fra gli altri, il poeta Antonio Veneziano – noto anche per la sua difesa del dialetto siciliano contro il toscano e fiero oppositore della spagnolizzazione della lingua e dei costumi isolani -, che nelle prigioni di Algeri strinse amicizia con Miguel de Cervantes.
Marcantonio Colonna promosse l’agricoltura, considerandola l’unica fonte della ricchezza del regno: per attenuare lo stato di forte indebitamento in cui versavano i nobili, infatti, sostenne e incoraggiò il processo di concessioni di terre in enfiteusi. Né mancò di redarguire con aspre lettere i tanti feudatari che concedevano le loro terre feudali a condizioni troppo esose e inique per i contadini: com’è ovvio, inasprì ulteriormente l’opposizione della classe baronale nei suoi confronti.


Come abbiamo visto, il viceré Marcantonio Colonna si era inimicato tanti nobili con la sua politica fermamente antibaronale, così che questi avevano fatto lega con il Sant’Uffizio. Verso l’Inquisizione, peraltro, il Colonna aveva sempre manifestato una grande avversione, affermando in qualche occasione che preferiva avere duecento eretici in Sicilia piuttosto che vedere alcune persone ingiustamente condannate, e ne auspicava la cessazione di ogni attività in Sicilia. Nel novembre 1577, appena qualche mese dopo essersi insediato, Marcantonio Colonna con piglio duro e polemico aveva sollecitato e ottenuto dal Tribunale dell’Inquisizione la lista di quelli che lui definiva “todos los ricos nobles y los ricos delinquentes”, cioè di tutti gli ufficiali e dei cosiddetti “familiari” del Sant’Uffizio.
Chi erano costoro? Bisogna sapere che, a parte gli Inquisitori, vi erano ben 1.712 dipendenti del Sant’Uffizio: commissari, notai, tenenti di commissari e tenenti di ricevitori sparsi in tutte le città, terre, comuni e casali della Sicilia. A questi si deve aggiungere appunto l’esercito infinito dei “familiari”. Costoro dovevano tener di vista gli eretici e denunziarli, aiutare gli sgherri dell’Inquisizione per imprigionarli, difendere e proteggere la persona degl’inquisitori stessi, e fare insomma tutto quello di cui potevano essere richiesti. In compenso godevano dell’esenzione dalla giurisdizione dei tribunali ordinari e dell’immunità fiscale. Iscrivendosi pertanto a quel Tribunale, solo da esso potevano essere giudicati e perciò costituivano una società a parte.
Si calcola che verso la fine del Cinquecento, considerando tutti i congiunti, i servi, i dipendenti, i commensali di ciascun addetto a quel Tribunale, e poi tutti i vassalli dei feudatari che erano alle dipendenze di quel foro privilegiato con un incarico qualunque, si arriva alla cifra straordinaria di 30.000 unità.
Per quanto riguarda la nostra contea, Modica aveva 20 familiari, Ragusa 15, Scicli 15, Chiaramonte 12, Monterosso 6, Giarratana 6, Comiso 6, Spaccaforno 6 e Biscari 2. Appartenevano a ogni ordine sociale, in quanto c’erano cavalieri e conti, baroni e artigiani, contadini e quanti, avendo in sospeso un conto con la giustizia che prevedeva la tortura e la pena capitale, preferivano sfuggirle e mettersi sotto la protezione di quella grande famiglia. Ché in effetti quella associazione così vasta e capillare, che attraversava tutti i ceti e godeva della esenzione da ogni tipo di contribuzione e di tassa e della più assoluta impunità, che esercitava l’usura ed esigeva un ‘pizzo’ sotto la minaccia di deferire la gente onesta al tremendo Sant’Uffizio, molto assomigliava alle ‘famiglie’ mafiose di tempi ben più recenti.


Lo spirito estremamente razionale e illuministico ante litteram di Marcantonio Colonna scatenò le reazioni degli inquisitori Diego de Haedo e Juan de Rojas, che lo denunciarono al re con un ampio e dettagliato memorandum. Qui si parlava anche di una relazione extraconiugale fra il viceré e la baronessa Eufrosina Zaragossa, moglie di Galcerano Corbera barone di Miserendino, il quale, recatosi a Malta insieme con il fratello di quello Pompeo Colonna, nel corso di una missione presso i Cavalieri gerosolimitani disposta dal viceré nel 1581, era stato trovato in una via della Valletta con il corpo crivellato di pugnalate.
In quel memorandum si lasciava intendere che il viceré fosse il mandante dell’assassinio del barone di Miserendino. Poteva trattarsi benissimo di una montatura degli inferociti inquisitori, come una montatura fu anche l’altra accusa che in quel dossier inviato al Filippo II gli si mosse: che il viceré fosse legato da stretta amicizia al temibile Aluch ‘Alì (Ulucchiali), comandante della flotta turca, e che avesse avviato con lui trattative segrete per uno scambio di prigionieri turchi e cristiani. Fatto è che l’Inquisizione riuscì a sbarazzarsi di quel fiero oppositore. Il re nel 1584 lo richiamò in Spagna, vuoi per chiedergli conto delle accuse mossegli, vuoi per rimuoverlo dall’incarico affidandogli un posto di comando in quella Invencible Armada che di lì a poco (1588) sarebbe stata sconfitta dalla flotta inglese di sir Francis Drake. Nell’estate di quello stesso anno 1584 Marcantonio Colonna moriva durante il viaggio verso la Spagna quasi alle porte di Madrid, prima di poter incontrare il sovrano.
Restò il sospetto che fosse stato avvelenato dai sicari degli inquisitori. “Un fatto rimane certo - scrisse nei primi del Novecento lo storico C.A. Garufi - in queste due accuse: […] che Marcantonio morì di mano assassina e nulla si tralasciò perché la colpa non s’attribuisse a chi reggeva l’Inquisizione in Sicilia o visitava il Regno per ordine di Filippo II. E così per parecchi secoli il più tremendo mistero ha avvolto nelle più infamanti calunie gli ultimi anni d’un vero eroe, che aveva voluto e saputo raffrenare l’opera nefanda del S. Officio a servizio della corte Spagnuola”.



FRANCESCO EREDDIA



Notizie Flash
RAGUSA - DENUNCIA DELLA CGIL: " IACP SENZA GUIDA POLITICA ".
SCICLI - NUOVI ORARI DEGLI UFFICI COMUNALI
DONNALUCATA - CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL DRAGAGGIO DEL PORTO
MODICA - DONATO TABLET A GERIATRIA DEL " MAGGIORE "
MARINA DI RAGUSA - DAL 19 GENNAIO MERCATINO IN VIA CABOTO
MODICA - BAGLIERI ( GN ): " IL COMUNE SI INTERESSA AI PROGETTI PER GIOVANI ?"
RGUSA - ARRESTATO UN MINORE PER RAPINA
COMISO/ VITTORIA - UN ARRESTO E 3 DENUNCE A OPERA DEI CARABINIERI
RAGUSA - FIRRINCIELI ( M5S ) : " RIFLETTERE SULL' APPARATO COMUNALE ".
MODICA - DISPONIBILI I BUONI PER LA MENSA SCOLASTICA
19-01-2021 19:16 - Attualità
[]
Il commiato del luogotenente Reitano

Il Commiato del luogotenente dei Carabinieri Antonio Reitano, con carica speciale, oggi a Palazzo S. Domenico ha voluto incontrare il Sindaco Ignazio Abbate, per un saluto ufficiale al termine della sua lunga e prestigiosa carriera nell'Arma dei Carabinieri. Ad accompagnarlo il Comandante della compagnia di Modica, Capitano Francesco Ferrante. Una lunga carriera durata 42 anni al servizio dell'arma di cui 12 anni presso il Comando della Stazione di Modica. ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-01-2021 17:50 - Politica
[]

Scicli, Cimitero Comunale da anni chiediamo attenzioni al Sindaco Giannone.

Esprimere parole di disappunto, sull'operato di un'amministrazione in una città allo sbando in molti settori, sembra spesso scontato, semplice!
Ma farlo su argomenti che toccano il cuore delle famiglie è davvero difficile.

Il grado di civiltà di un popolo, scriveva il Foscolo, lo si desume dal rispetto verso i morti.

L'amministrazione comunale di Scicli, ne ha proprio disprezzo, altrimenti non si spiegherebbe lo stato di...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-01-2021 12:33 - Sport
[]
PALLAMANO SERIE A2/M: UN SOLO PUNTO DI SCARTO
CONDANNA LA KEYJEY RAGUSA ALLA SCONFITTA
NELLA SFIDA CASALINGA CON IL BENEVENTO

Una partita buttata alle ortiche. Soprattutto il finale quando sembrava che i ragusani potessero operare il sorpasso decisivo. E, invece, la Keyjey Ragusa ha dovuto issare bandiera bianca proprio nelle fasi conclusive del match, perdendo un confronto di importanza cruciale per migliorare la classifica. Sabato sera, al Palaparisi di Ragusa, è finita 30-31 per il Benevento,...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-01-2021 10:57 - Attualità
[]
Importante traguardo per il gruppo Risan, che tocca i 30.000 utenti diventando il gruppo più cliccato in provincia di Ragusa. “Ho creato Risan non avendo questa aspettative dei membri, è iniziato tutto per gioco ma nel tempo gli utenti sono cresciuti a dismisura attestando la professionalità e la trasparenza di chi ci lavora”. Queste le parole del fondatore del gruppo Salvo Bracchitta che aggiunge, “ Oggi Risan, è una vera realtà provinciale e non solo e grazie a Facebook ci possono seguire i...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
16-01-2021 16:50 - Attualità
[]

AL “MAGGIORE” DI MODICA TUTTI VACCINATI GLI OPERATORI SANITARI:

756

“Un gruppo di lavoro straordinario che ha dimostrato un forte impegno per vaccinare i colleghi nel minor tempo possibile.”

Ragusa, 16 gennaio 2021 – Nel presidio ospedaliero di Modica si è completata la vaccinazione degli operatori sanitari, per un numero di 756 soggetti.

«Abbiamo vaccinato il 95% dei dipendenti degli ospedali riuniti Modica Scicli -ha dichiarato il dott. Pietro Bonomo, direttore sanitario dei PP.OO. - e...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
16-01-2021 12:04 - Economia
[]
Ragusa, lì 16 gennaio 2021
Agli Organi di Informazione
Loro Sede

Dissenso per l’atto del Comune di Comiso sul fabbisogno del personale. Dipendenti esclusi dai benefici
Disponibili ad un ulteriore confronto. Fernandez: “ La Giunta non ha tenuto conto delle nostre proposte”

Sul Piano del fabbisogno del personale adottato dalla Giunta municipale di Comiso (atto n° 252 del 29 dicembre u.s.) si registra il pieno e convinto dissenso da parte della FP CGIL di Ragusa e si invita l’Amministrazione a rivede...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-01-2021 11:55 - Politica
[]
A pochi giorni dal suo arrivo nella giunta regionale, il coordinatore provinciale di Forza Italia Ragusa, Giancarlo Cugnata, ha avuto il piacere di incontrare e confrontarsi con il neo assessore all'agricoltura Toni Scilla, nome e volto di Forza Italia. E' stato uno scambio di vedute molto interessante, con una persona fidata e di esperienza che, da imprenditore, conosce bene il settore e le sue numerose problematiche.

“Ho insistito per incontrarlo subito – afferma Cugnata - perchè credo che ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-01-2021 11:29 - Attualità
[]


Pavimentazione A18: chiusa per una notte l’uscita Paesi Etnei

Dalle ore 20:00 di sabato 16 e le ore 10:00 di domenica 17 gennaio, sarà chiuso al transito veicolare lo svincolo “Paesi Etnei”, nei pressi del piazzale della barriera di San Gregorio di Catania dell’autostrada A18 Messina-Catania, in direzione Messina. La chiusura consentirà nella notte lo svolgimento dei lavori di pavimentazione stradale, curati dall’impresa Edilap, già programmati nell’accordo quadro annuale di manutenzione....
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-01-2021 12:27 - Attualità
[]
Il Comune di Comiso attraverso il coordinamento della Fondazione San Giovanni Battista presenta due progetti di servizio civile per un totale di ventotto posti destinati a giovani disoccupati: “Pedibus percorsi di buona scuola” e “Comiso: comunità attiva per la cultura”.
Il progetto “Pedibus percorsi di buona scuola” trova nella valorizzazione del volontariato al servizio della collettività e delle emergenze educative e sociali dei minori che in essa insistono la sua finalità principale. Il gi...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-01-2021 11:54 - Politica
[]

UN VIAGGIO ASSIEME L’AMICIZIA CI LEGA
LA SICILIA E SIRACUSA CRESCONO

Quello siglato oggi, è un percorso di assieme che si certifica, che mette nero su bianco la storia di un’amicizia personale e di una stima reciproca da sempre con l’on. Vincenzo Vinciullo. La condivisione di anni di politica che abbiamo vissuto, nel centrodestra e che, per entrambi, si è mossa, si muove e continuerà a muoversi sul solco dell’idea che ha come obiettivo il Territorio, la sua centralità, la sua valorizzazione e ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-01-2021 11:17 - Attualità
[]
Tutte le disposizioni da seguire
con il territorio inserito in zona gialla, arancione o rossa
Una lettera ai sacerdoti
dell’amministratore apostolico della Diocesi
monsignor Sebastiano Roberto Asta
e del Collegio dei Consultori
«Contiamo sul vostro prudente discernimento
e sul coinvolgimento attivo delle comunità cristiane»

L’amministratore apostolico della Diocesi di Ragusa, monsignor Sebastiano Roberto Asta, ha inviato una lettera a tutti i sacerdoti della Diocesi di Ragusa. La lettera, concordata ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
7

Visitatore Numero
1581323

totale visite
5421003

[]
18-01-2021 18:09 - Cultura & Arte
[]

“REWILDING MODICA”

IL PROGETTO DI KASSANDRA ALLA BIENNALE DI VENEZIA

Due architetti siciliani hanno proposto lo studio-pilota per lanciare

un innovativo strumento di pianificazione urbana e gestione delle risorse

Un innovativo approccio alla progettazione per gestire i cambiamenti climatici nelle città storiche, applicato a un piccolo centro del Sud patrimonio dell’Unesco, è tra i casi-studio selezionati dalla Biennale di Venezia, dove il Padiglione Italia quest’anno avrà come tema proprio quel...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-01-2021 12:41 - Cultura & Arte
[]
All’interno dello spazio di narrazione “Soffiasogno”
nasce la “Farmacia Letteraria”

Un servizio di consulenza telefonica svolto da due educatrici dell’infanzia
rivolto ai genitori per consigliare i libri da poter leggere ai propri figli

In questo tempo difficile di pandemia cresce il bisogno di ascolto e vicinanza soprattutto per i bambini che non hanno ancora tutti gli strumenti cognitivi ed emotivi per affrontare in solitudine questo tempo sospeso. Cresce quindi la domanda di sostegno da pa...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
15-01-2021 11:16 - Cultura & Arte
[]
Punto Dritto, L'isola che c'e', la CGIL Sicilia e la CGIL Trapani, riaccendono i
fari della discussione pubblica con l'evento “Costruttori di Umanità”, programmato
per venerdì 15 gennaio alle 21:00 sulla piattaforma zoom. Moderato da Jana
Cardinale, si alterneranno negli interventi personaggi di primo piano e protagonisti
nello scenario delle migrazioni e della sicurezza. Siederanno a questa tavola rotonda
virtuale Alfio Foti dell’Isola che c’è; Alfio Mannino Segretario generale della CGIL
Sicilia; ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
07-01-2021 11:08 - Cultura & Arte
[]
Alla ricerca dell'Ostensorio perduto dei Conti di Modica (Henriquez Cabrera).

L'Ostensorio del SS. Corpo di Cristo per la Chiesa di San Giorgio di Modica.

Presso la Chiesa Matrice di San Giorgio di Modica esistono ben tre Ostensori del SS. Corpo di Cristo realizzati tra la fine del XVII secolo e l'inizio del XIX. Tra i tre, seppur il più ricco e bello possa sembrare quello del 1830, dorato e con una moltitudine di pietre preziose e con l'emblema dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio, donato ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
17-12-2020 18:40 - Cultura & Arte
[]
La ri-scoperta della chiesa proto-cristiana/bizantina di Sant'Alessandra a Modica.

Un briciolo di storia patria trascurata nei secoli e dimenticata dalla comunità modicana.

Devo ringraziare gli amici Maurizio Pulvirenti e Alessandro Caruso, se oggi anche io sono stato ammesso tra coloro che si sono indegnamente appropriati di una piccola fetta di storia patria modicana, riscoprendo parti di una memoria comunitaria per secoli dimenticate e travolte dalla nascita di mitologie strumentali e oggi e...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio