25 Settembre 2021

" UN VICERE´ DI FERRO: MARCANTONIO COLONNA E " LOS RICOS DELINQUENTES " DI FRANCESCO EREDDIA

Lo Steri, sede del Tribunale dell´Inquisizione
“Il governo di Sicilia è stato fatale a tutti i suoi Governanti, dall’anno 1490 fino al 1571. Perché, in breve spatio di tempo, si son trovati involti in pericolose difficoltà, et la maggior parte di essi ha lasciata in quel Regno sepolta in modo la reputazione, che ne ancho nelle posterità loro ha potuto risorgere mai più”.

Negli “Avvertimenti a Marco Antonio Colonna quando andò viceré in Sicilia” il messinese Scipio Di Castro elaborava acute riflessioni sulla storia della Sicilia attraverso l’avvicendarsi dei vari viceré, sulle principali istituzioni dell’isola, sul carattere dei siciliani (considerazioni, queste ultime, rimaste celebri) e sulla questione frumentaria, da cui dipendevano e i successi dei viceré e le condizioni materiali di vita della popolazione.
Destinatario delle sue riflessioni era appunto Marcantonio Colonna. Luogotenente di Giovanni d’Austria nella spedizione in Levante, il Colonna – padre della contessa di Modica Vittoria Colonna - aveva avuto un ruolo assai rilevante nella battaglia navale di Lepanto (1571), che segnò il trionfo della ‘cristianità’ contro il turco. Una vittoria rimasta da allora indelebilmente impressa nell’immaginario collettivo europeo, ma che non impedì ai turchi, appena tre anni dopo, di attaccare con 300 navi Tunisi e di riconquistarla distruggendo le fortificazioni spagnole.
Il 24 aprile 1577 Marcantonio Colonna, su nomina del re Filippo II, faceva il suo trionfale ingresso da viceré in Palermo. Il suo primo provvedimento fu di porre fine all’epidemia che infuriava ormai da due anni in Sicilia: con piglio decisamente pratico e razionalistico, affatto alieno dalle superstizioni che attribuivano il morbo a malocchi e pratiche di magia nera, e in perfetta sintonia e collaborazione con uno scienziato, il protomedico Filippo Ingrassia, puntò rigorosamente su quanti non distruggevano i panni infetti e le suppellettili, punendoli severamente al pari di quanti, medici e barbieri, non rivelavano al governo le persone sospette. In questo modo contenne e debellò la peste dilagante.
Il suo obiettivo primario nel governo dell’isola era di indebolire e spezzare lo strapotere dei nobili: appena nominato fece giustiziare quattro personaggi di alto rango e ordinò l’arresto del marchese della Favara, che fino a quel momento aveva agito nel totale disprezzo delle leggi e del potere vicereale. In questa direzione promosse e condusse una dura repressione del banditismo, perché era consapevole della connivenza fra i capi delle bande armate e i nobili: così assicurò alla giustizia e mandò alla forca immediatamente due banditi famosi, Girolamo Colloca e Rizzo di Saponara, che godevano della protezione di alcuni personaggi altolocati.
Reduce dal trionfo di Lepanto, più di altri avvertiva la gravità della minaccia barbaresca: “il mare è pieno di corsari, che fanno grandi danni nell’isola”, scriveva allarmatissimo il viceré Colonna nel giugno del 1578, mentre le navi del temibile Aluch ‘Alì (volgarizzato dai cronisti del tempo in Ulucchiali), che sembravano avere il dominio assoluto del Mediterraneo, entravano perfino nel golfo di Gela e saccheggiavano la città di Terranova deportandone come schiavi un’ottantina di persone. Qualche mese prima, in aprile, la galera Sant’Angelo, partita da Palermo, era stata catturata dai pirati barbareschi: a bordo c’era, fra gli altri, il poeta Antonio Veneziano – noto anche per la sua difesa del dialetto siciliano contro il toscano e fiero oppositore della spagnolizzazione della lingua e dei costumi isolani -, che nelle prigioni di Algeri strinse amicizia con Miguel de Cervantes.
Marcantonio Colonna promosse l’agricoltura, considerandola l’unica fonte della ricchezza del regno: per attenuare lo stato di forte indebitamento in cui versavano i nobili, infatti, sostenne e incoraggiò il processo di concessioni di terre in enfiteusi. Né mancò di redarguire con aspre lettere i tanti feudatari che concedevano le loro terre feudali a condizioni troppo esose e inique per i contadini: com’è ovvio, inasprì ulteriormente l’opposizione della classe baronale nei suoi confronti.


Come abbiamo visto, il viceré Marcantonio Colonna si era inimicato tanti nobili con la sua politica fermamente antibaronale, così che questi avevano fatto lega con il Sant’Uffizio. Verso l’Inquisizione, peraltro, il Colonna aveva sempre manifestato una grande avversione, affermando in qualche occasione che preferiva avere duecento eretici in Sicilia piuttosto che vedere alcune persone ingiustamente condannate, e ne auspicava la cessazione di ogni attività in Sicilia. Nel novembre 1577, appena qualche mese dopo essersi insediato, Marcantonio Colonna con piglio duro e polemico aveva sollecitato e ottenuto dal Tribunale dell’Inquisizione la lista di quelli che lui definiva “todos los ricos nobles y los ricos delinquentes”, cioè di tutti gli ufficiali e dei cosiddetti “familiari” del Sant’Uffizio.
Chi erano costoro? Bisogna sapere che, a parte gli Inquisitori, vi erano ben 1.712 dipendenti del Sant’Uffizio: commissari, notai, tenenti di commissari e tenenti di ricevitori sparsi in tutte le città, terre, comuni e casali della Sicilia. A questi si deve aggiungere appunto l’esercito infinito dei “familiari”. Costoro dovevano tener di vista gli eretici e denunziarli, aiutare gli sgherri dell’Inquisizione per imprigionarli, difendere e proteggere la persona degl’inquisitori stessi, e fare insomma tutto quello di cui potevano essere richiesti. In compenso godevano dell’esenzione dalla giurisdizione dei tribunali ordinari e dell’immunità fiscale. Iscrivendosi pertanto a quel Tribunale, solo da esso potevano essere giudicati e perciò costituivano una società a parte.
Si calcola che verso la fine del Cinquecento, considerando tutti i congiunti, i servi, i dipendenti, i commensali di ciascun addetto a quel Tribunale, e poi tutti i vassalli dei feudatari che erano alle dipendenze di quel foro privilegiato con un incarico qualunque, si arriva alla cifra straordinaria di 30.000 unità.
Per quanto riguarda la nostra contea, Modica aveva 20 familiari, Ragusa 15, Scicli 15, Chiaramonte 12, Monterosso 6, Giarratana 6, Comiso 6, Spaccaforno 6 e Biscari 2. Appartenevano a ogni ordine sociale, in quanto c’erano cavalieri e conti, baroni e artigiani, contadini e quanti, avendo in sospeso un conto con la giustizia che prevedeva la tortura e la pena capitale, preferivano sfuggirle e mettersi sotto la protezione di quella grande famiglia. Ché in effetti quella associazione così vasta e capillare, che attraversava tutti i ceti e godeva della esenzione da ogni tipo di contribuzione e di tassa e della più assoluta impunità, che esercitava l’usura ed esigeva un ‘pizzo’ sotto la minaccia di deferire la gente onesta al tremendo Sant’Uffizio, molto assomigliava alle ‘famiglie’ mafiose di tempi ben più recenti.


Lo spirito estremamente razionale e illuministico ante litteram di Marcantonio Colonna scatenò le reazioni degli inquisitori Diego de Haedo e Juan de Rojas, che lo denunciarono al re con un ampio e dettagliato memorandum. Qui si parlava anche di una relazione extraconiugale fra il viceré e la baronessa Eufrosina Zaragossa, moglie di Galcerano Corbera barone di Miserendino, il quale, recatosi a Malta insieme con il fratello di quello Pompeo Colonna, nel corso di una missione presso i Cavalieri gerosolimitani disposta dal viceré nel 1581, era stato trovato in una via della Valletta con il corpo crivellato di pugnalate.
In quel memorandum si lasciava intendere che il viceré fosse il mandante dell’assassinio del barone di Miserendino. Poteva trattarsi benissimo di una montatura degli inferociti inquisitori, come una montatura fu anche l’altra accusa che in quel dossier inviato al Filippo II gli si mosse: che il viceré fosse legato da stretta amicizia al temibile Aluch ‘Alì (Ulucchiali), comandante della flotta turca, e che avesse avviato con lui trattative segrete per uno scambio di prigionieri turchi e cristiani. Fatto è che l’Inquisizione riuscì a sbarazzarsi di quel fiero oppositore. Il re nel 1584 lo richiamò in Spagna, vuoi per chiedergli conto delle accuse mossegli, vuoi per rimuoverlo dall’incarico affidandogli un posto di comando in quella Invencible Armada che di lì a poco (1588) sarebbe stata sconfitta dalla flotta inglese di sir Francis Drake. Nell’estate di quello stesso anno 1584 Marcantonio Colonna moriva durante il viaggio verso la Spagna quasi alle porte di Madrid, prima di poter incontrare il sovrano.
Restò il sospetto che fosse stato avvelenato dai sicari degli inquisitori. “Un fatto rimane certo - scrisse nei primi del Novecento lo storico C.A. Garufi - in queste due accuse: […] che Marcantonio morì di mano assassina e nulla si tralasciò perché la colpa non s’attribuisse a chi reggeva l’Inquisizione in Sicilia o visitava il Regno per ordine di Filippo II. E così per parecchi secoli il più tremendo mistero ha avvolto nelle più infamanti calunie gli ultimi anni d’un vero eroe, che aveva voluto e saputo raffrenare l’opera nefanda del S. Officio a servizio della corte Spagnuola”.



FRANCESCO EREDDIA



studies coordinated by federal techncians




ISCRIZIONI APERTE PER CORSI CON ISTRUTTORI FEDERALI
Notizie Flash
MODICA - INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE SPADARO (PD) SUI BUONI MENSA
VITTORIA - ATTIVITA' DELLA POLIZIA MUNICIPALE
SAN GIACOMO - COMMEDIA " COMPAGNI DI CLASSE " SABATO 25 SETTEMBRE
IBLA - CHIAVOLA RACCOGLIE LA DENUNCIA DI UN TURISTA SUI BAGNI CHIUSI AI GIARDINI IBLEI.
RAGUSA - FdI SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA
MODICA - FdI SI PREPARA ALLE PROSSIME AMMINISTRATIVE
ISPICA - ESEGUITO ORDINE DI ESPIAZIONE PENA DETENTIVA
SCICLI - IL GIRO DI SICILIA IL 28 PASSA DA SAMPIERI E SCICLI
MODICA - EVADE DAI DOMICILIARI E VIENE SORPRESO DAI CC
MODICA - INTERROGAZIONE DI IVANA CASTELLO SULLE MISURE DI EQUILIBRIO DI BILANCIO
24-09-2021 16:58 - Economia
[]
La Banca Agricola Popolare di Ragusa organizza una tavola rotonda all’interno della FAM

Ragusa, 24 settembre 2021

Anche la edizione numero 46 della Fiera Agroalimentare del Mediterraneo vedrà la partecipazione della Banca Agricola Popolare di Ragusa. Da decenni la popolare ragusana è partner della Camera di Commercio per il tradizionale appuntamento settembrino – quest’anno da venerdì 24 a sabato 26 - negli spazi del Foro Boario sulla provinciale Ragusa – Chiaramonte Gulfi.

In questa edizione l...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-09-2021 12:15 - Istruzione e Formazione
[]
Approvati e ripartiti i fondi per i progetti socio-educativi nelle scuole

L'Ufficio pubblica istruzione ha valutato i progetti socio-educativi presentati dalle scuole di propria competenza, Istituti comprensivi ed Istituti scolastici cittadini, approvandoli e provvedendo conseguentemente alla ripartizione dei fondi per l'anno scolastico 2021/2022.

“I progetti socio-educativi avviati dall'Amministrazione Cassì con una modalità totalmente diversa rispetto al passato, come già previsto dalla deli...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-09-2021 18:41 - Economia
[]
Federazione Regionale del Commercio, del Turismo, dei Servizi, delle Professioni e delle

P.M.I. di Sicilia

PIERO AGEN E PINO PACE ELETTI RISPETTIVAMENTE NEL COMITATO ESECUTIVO

E NELLA CONSULTA DI UNIONCAMERE NAZIONALE, CONFCOMMERCIO SICILIA

“SONO RAPPRESENTANTI DEL NOSTRO SISTEMA, FARANNO UN BUON LAVORO”

Palermo – 23 settembre 2021. Il sistema Confcommercio Sicilia si congratula con Piero Agen, presidente Confcommercio Catania, e con Pino Pace, presidente Confcommercio Trapani, per la prestigiosa ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-09-2021 17:32 - Notizie Flash
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-09-2021 12:43 - Istruzione e Formazione
[]
Benvenuti, ragazzi!

Anche quest’anno è suonata la campanella del primo giorno di scuola, che, per i ragazzi delle nostre nove prime, è anche il primo nella scuola secondaria di secondo grado.

Emozione, ansia, paura, gioia, curiosità e tanta aspettativa aleggiano nell’aria. Ragazzi timidi muovono i primi passi tra quei corridoi che li vedranno protagonisti per cinque anni della loro vita. E la grande famiglia del “Fermi” è pronta ad accoglierli tutti, uno per uno, e a guidarli in questo percors...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-09-2021 10:25 - Politica
[]
A quasi 5 anni dalle passate elezioni amministrative, " Start Scicli " ritira i suoi 3 assessori (Caterina Riccotti, che ricopriva anche la carica di vicesindaco, Viviana Pitrolo ed Antonino Alecci) dalla giunta Giannone, determinando una crisi senza precedenti nella compagine amministrativa.
Il sindaco Giannone, nel ringraziare comunque la forza politica che lo ha, fino a ieri, appoggiato, ha emanato il seguente comunicato.
"Il Sindaco ringrazia Start Scicli

La Politica deve essere unità

Il S...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-09-2021 12:44 - Politica
[]
ALL’ATTENZIONE DELLA COMUNITÀ CITTADINA DI ISPICA, IN PARTICOLARE: del Sindaco e dell’amministrazione comunale del Presidente del Consiglio e dei consiglieri comunali della Presidente della Commissione Parlamentare Affari Sociali dei Dirigenti Scolastici delle Comunità religiose delle Famiglie delle Associazioni

Da alcuni anni la comunità ispicese vive una crescente crisi che tocca, in modo profondo, la sua dimensione sociale e che, nei suoi effetti, si rende evidente in modo particolare all’...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-09-2021 12:33 - Attualità
[]
Il Consiglio Comunale approva una mozione

con la quale si riconosce la cittadinanza onoraria al “Milite Ignoto”

Il Consiglio Comunale nella seduta del 20 settembre ha approvato, alla unanimità, la mozione presentata dal capogruppo del Movimento 5 Stelle Sergio Firrincieli con la quale si è deciso di riconoscere la cittadinanza al “Milite Ignoto” aderendo anche alle iniziative del progetto “Milite Ignoto, Cittadino d’Italia” del Gruppo MOVIM, che in collaborazione con l’ANCI, intende, tra l’altr...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-09-2021 11:02 - Attualità
[]
LA SPORCIZIA A IBLA PROPRIO SOTTO LE FINESTRE DELL’ASILO G. B. MARINI

COMIBLEO NON CI STA: “UNA CIRCOSTANZA ALTAMENTE DISEDUCATIVA”

Il Comibleo, il comitato spontaneo di residenti nella città antica, ha più volte segnalato al sindaco l’anomala disparità di trattamento operata per quanto riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti a Ibla. Infatti, numerosi bidoni dei rifiuti sono stati concentrati lontano dalle attività di ristorazione in contrasto con le norme sanitarie, ambientali, Codice d...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
21-09-2021 17:49 - Attualità
[]
LE SCUOLE, ASSOCIAZIONI E CLUB IN RETE PER IL PROGETTO "QUESTIONI DI GENERE LA SCUOLA NON TRATTA" esprimono indignazione per la narrazione assolutamente stereotipata e colpevole dei femminicidi che hanno caratterizzato la cronaca di questi giorni. Una retorica inaccettabile che dimostra come sia ancora importante educare alla parità e alla differenza, per promuovere un diverso modo di costruire la relazione tra i sessi e attivare consapevolezza. Scuole, Associazioni e Club in Rete I.I.S. “G. ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
Categorie
Utenti Online
14

Visitatore Numero
1751362

totale visite
6443232

ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
24-09-2021 12:01 - Cultura & Arte
[]
ASSOCIAZIONE CULTURALE LUOGOCOMUNE

1787, ci sono Mozart e Beethoven nel concerto

del Quartetto Euterpe per “Echi in Grotta”

Sabato 25 settembre la formazione composta da quattro studenti dell'Istituto musicale Bellini di Catania, accompagnati dal flauto di Luca Berro, si esibirà nella Cava Gonfalone con un concerto dedicato ai due geni della storia della musica

Cava Gonfalone – via Risorgimento 112 (retro), Ragusa, sabato 25 settembre, h 20.30, € 10

http://www.associazioneluogocomune.it/

E' dedica...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
24-09-2021 11:14 - Cultura & Arte
[]
Domenica 3 ottobre alle ore 17.30, nell'auditorium del Centro Studi Feliciano Rossitto (Via Ettore Majorana, 5 – Ragusa), andrà in scena "Il canto della terra. Unità e parentela di tutti gli esseri viventi". Uno spettacolo di musica, canto, teatro e immagini.

Idea, testi e coordinamento: Pippo Antoci

Tecnico del suono: Davide Criscione

Scenografi: Bernard Leuchtenberger, Saro Spata

Macchinista: Carmelo Massari

-Saluto della dott.ssa Clorinda Arezzo (Assessore alla Cultura del Comune di Ragusa)

-Pro...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-09-2021 11:08 - Angolo della Memoria
[]
L’arte di Ciccio Busacca

Leggendo con interesse un ricordo della grande Rosa Balistrieri sull’Eco degli iblei, abilmente

diretto dal Prof Girolamo Piparo, ricordi vivissimi hanno procurato in me quel piacevole senso

di gioia e nostalgia che, ormai, alla nostra età è merce rara.

La mia mente è tornata a quegli anni a cavallo tra il 1950 e il 1960 nei quali ci si divertiva con poco

a volte ancora con meno. Non era l’era dei potenti mezzi multimediali. Semplicemente potrei

denominarla come l’epoca d...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-09-2021 12:02 - Cultura & Arte
[]
Una volta s'andava via Dall'Italia con la valigia di cartone, si saliva su un treno, quanti risparmi per fare i biglietti a tutta la famiglia! Oppure su una nave, e senza voltarsi indietro s'andava verso i distretti industriali della Germania, del Belgio, della Francia o addirittura verso l'America, l'Australia, un lungo viaggio in cerca di quella vita dignitosa, in cerca di quella speranza che la propria patria non aveva garantito. L'emigrazione è stata prevalentemente un fenomeno meridional...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
23-09-2021 11:28 - Cultura & Arte
[]
Si svolgerà giovedì prossimo, 30 settembre, presso " Symposium " in via Bolivia a Comiso, l'evento che comprende un aperitivo con degustazione, alle ore 19, e lo spettacolo " La notte deilunghi coltelli ", alle ore 21.
L'aperitivo è curato dallo chef comisano Ivan Iurato, mentre lo spettacolo si avvale del contributo di Gisella Burderi, Salvo Giorgio, Donata Minardo e Giovanni Peligra.
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
22-09-2021 10:36 - Cultura & Arte
[]
La politica ormai percorre una dimensione parallela a quella del cittadino comune che abita i paesi, che abita le città, che vive nelle strade, che lavora e crea ricchezza. Ascoltare oggi chi fa politica vuol dire entrare nella confusione più totale, trovarne due che sostengano, sullo stesso argomento, la stessa idea è come voler trovare un ago in un pagliaio. Il politico, se non rare volte, non gira più per la provincia come faceva un tempo, non fa comizi davanti a platea di elettori che...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
21-09-2021 13:03 - Cultura & Arte
[]
Dall'1 al 10 ottobre Ragusa diventa “Laboratorio teatrale aperto” con la prima edizione di “Ragusa dietro il Sipario. Festival dei mestieri dell'arte”

Una rassegna di talk, workshop, concerti e performance per rendere omaggio al grande scenografo inglese del Novecento Edward Gordon Craig

RAGUSA - Il Teatro Donnafugata di Ragusa, tra i più piccoli d'Europa con appena 100 posti a sedere, rende omaggio dall'1 al 10 ottobre al grande Edward Gordon Craig, l'attore e scenografo inglese, vissuto tra ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
21-09-2021 12:28 - Cultura & Arte
[]
Sarà rappresentato sabato 25 settembre, alle ore 21, il capolavoro letterario di Gesualdo Bufalino " Museo d'ombre ". L'evento si svolgerà presso il cortile della Fondazione Bufalino.
L'adattamento teatrale e la regia sono a cura di Giampaolo Romania; gli interpreti sono Giovanni Arezzo, Alessandro Romano e Anita Indigeno.
L'ingresso è gratuito: prenotazione obbligatoria e " green pass ".
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA
20-09-2021 10:34 - Rubrica DELLE COSE DI SICILIA Uomini e fatti senza tempo
[]
L’arte del teatro in Sicilia dal 2500 A.C. al 1975 D.C.
“L’Italia senza la Sicilia, non lascia nello spirito immagine alcuna. È in Sicilia che si trova la chiave di
tutto. La purezza dei contorni, la morbidezza di ogni cosa, la cedevole scambievolezza delle tinte,
l’unità armonica del cielo col mare e del mare con la terra… chi li ha visti una sola volta, li
possederà per tutta la vita”. J.W Göthe
La Sicilia, si sa, è costellata di luoghi magici, seppur nella loro semplicità. E così, passeggiando ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-09-2021 16:33 - Angolo dell´Arte
[]
Si è svolta prima a Fondi (in provincia di Latina , dal 17 luglio al 29 agosto) e poi a Schio (in provincia di Vicenza, dal 4 al 19 settembre), con ampio succcesso di pubblico, la personale dell'artista comisano Giuseppe Ciarcià, intitolata " Gocce d' arte". Pubblichiamo alcune opere dell'artista, con l'analisi critica di Giovana Cappuzzello.

" Punta secca ", tecnica mista su tela
La sera è solo un sorso di luce rubato alle tacite stelle… Una silente magia alita lieve nella piazza dai conci sq...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
[]

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari