12 Dicembre 2019
Categorie

VITTORIA - FERMATI TRE VITTORIESI PER TENTATO OMICIDIO DI UN TUNISINO. ( video )

La Polizia di Stato sottopone a fermo di indiziato di delitto tre vittoriesi, indagati di aver tentato di uccidere a colpi di pistola un tunisino armato di fucile.

La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Vittoria – ha sottoposto a fermo di indiziato di delitto C.A. di anni 33, C.G. di anni 26 e M.A. di anni 30, per aver tentato di uccidere esplodendo più colpi di pistola, un tunisino ed aver portato illegalmente in luogo pubblico armi da sparo. Quest’ultimo era stato arrestato dalla Polizia di Stato, poche ore dopo i fatti accaduti il 21.11.2019, per la detenzione di un fucile illegalmente portato in luogo pubblico.
Il Fermo di indiziato di delitto è stato disposto dalla Procura della Repubblica di Ragusa a seguito delle ininterrotte indagini condotte dalla Polizia di Stato.

I FATTI

Alle 15.00 del 21 novembre 2019, gli operatori di Polizia del Commissariato di Vittoria e della Squadra Mobile intervenivano in Via Ipperia a Vittoria per la segnalazione di esplosione di numerosi colpi d’arma da fuoco. Chi aveva chiamato la Polizia era molto preoccupato descrivendo una sparatoria in corso.
La Volante della Polizia di Stato al momento dell’arrivo non trovava nessuno sul posto in quanto al suono della sirena si erano tutti dileguati e nessuno aveva visto nulla. Da un attento sopralluogo degli investigatori della Squadra Mobile e del Commissariato di Vittoria, unitamente alla Polizia Scientifica era possibile constatare che erano state utilizzate più armi da fuoco.
Dopo le prime indagini veniva tratto in arresto, per la detenzione di un fucile clandestino, un tunisino di 28 anni anch’esso coinvolto nella vicenda. Anche lui aveva preso parte al conflitto a fuoco, in particolar modo, lui aveva sparato con un fucile ma nel contempo era il bersaglio di altri tre soggetti.

LE INDAGINI

I poliziotti della Polizia Scientifica rilevavano sulla scena del crimine diverse tracce dell’avvenuta sparatoria; gli autori avevano lasciato per terra alcuni bossoli e parte dei proiettili avevano colpito le vicine case e auto in sosta.
Nonostante la ritrosia a parlare dei residenti della zona, gli investigatori ricostruivano la dinamica di quanto accaduto.
Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica iblea hanno permesso quella notte di individuare l’abitazione dove era stato occultato il fucile. A seguito del rinvenimento dell’arma e delle inequivocabili evidenze degli scenari criminosi, gli uomini della Polizia di Stato traevano in arresto colui che aveva portato l’arma in luogo pubblico e che la deteneva ben nascosta.
Considerata la pericolosità dei soggetti coinvolti nella vicenda (non curanti della presenza di donne e bambini presenti nei luoghi), le indagini della Polizia di Stato non hanno avuto alcuna battuta d’arresto, proseguendo notte e giorno e non si sono fermate poiché i tre odierni fermati dovevano essere assicurati alla giustizia quanto prima.
Dalla ricostruzione dei vari momenti della sparatoria, è emerso che inizialmente solo due soggetti avevano avuto una lite animata davanti casa di uno dei due. Successivamente, intervenivano gli amici e la situazione precipitava rapidamente.
Dopo insulti e spinte, i soggetti coinvolti si allontanavano dai luoghi per poi ritornare armati, chi di fucile e chi di pistola.
Alle 15.00, in pieno giorno, i 4 soggetti coinvolti davano vita ad una furibonda sparatoria che solo per pura casualità non ha determinato la morte o il grave ferimento dei partecipanti o di ignari passanti.
Quando la Polizia di Stato ha raccolto gravi indizi di colpevolezza a carico dei tre soggetti che hanno attentato alla vita del tunisino, il Pubblico Ministero presso la Procura di Ragusa ha immediatamente disposto il fermo di indiziato di delitto.
Poche ore il provvedimento restrittivo, 30 uomini della Polizia di Stato hanno circondato le abitazioni dei tre soggetti assicurandoli alla giustizia. Due dei tre soggetti avevano nelle more cambiato casa perché temevano ritorsioni da parte di soggetti vicini alla famiglia di colui che avevano tentato di uccidere.
La Squadra Mobile ed il Commissariato di Vittoria, al termine di numerose perquisizioni operate, hanno rivenuto una pistola utilizzata di sicuro per esplodere colpi d’arma da fuoco all’indirizzo del tunisino.
Al termine delle attività investigative i poliziotti hanno condotto in carcere i tre destinatari del provvedimento, assicurando alla giustizia gli indagati di un gravissimo fatto reato che solo per una pura casualità non ha generato la morte di innocenti.



video
vittoria
dq70h6ezbk8pdebk

Notizie Flash

COMISO - IL 14 DICEMBRE PRESSO IL PARCO DELL'IPPARI PROGETTO " ARIA VERDE " DI GIULIA PRESTIA E ROBERTA INCREMONA.

RAGUSA - AVVIATI DUE CANTIERI DI SERVIZIO

PALERMO - ON. DIPASQUALE: " DDL DEL PD SUL BULLISMO SCELTO COME DDL PILOTA ".

MODICA - INTERROGAZIONE DI IVANA CASTELLO SULLO SCIOPERO DEL PERSONALE IGM

RAGUSA - IL SINDACO CASSI' INVITA A NON ABBASSARE LA GUARDIA SULLA RG/CT

RAGUSA - IL 13 DICEMBRE, PRESSO IL " ROSSITTO " , " AGORA' ", SUGGERIMENTI DI DEMOCRAZIA.

MODICA - CONSIGLIO COMUNALE DEL 10 DICEMBRE

SAN GIACOMO - CHIAVOLA ( PD ) DENUNCIA L'ESCLUSIONE DELLA FRAZIONE DALLE INIZIATIVE NATALIZIE

RAGUSA - LA KEYJEY DNM RAGUSA SCONFITTA SUL CAMPO

MODICA - VOUCHER NATALIZIO ESIGIBILE PRESSO UNICREDIT

PALERMO - AL VIA L'ESAME DEL DdL SUL BULLISMO: PRIMA FIRMATARIA L'ON. STEFANIA CAMPO.

MODICA - IL PD RISPONDE AL SINDACO SUL DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO

MODICA - IL COMITATO " CENTO PASSI " TORNA SUL DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO

11-12-2019 12:00 - Sport
[]
La TT don Alibrandi Modica è campione d'inverno

nel campionato di Serie C1 nazionale

La TT don Alibrandi Modica non si ferma più. E, sabato 7 dicembre, ospitata dall’Albatros Merlino di Zafferana Etnea, ha calato la quinta vittoria consecutiva.

Oltre...
10-12-2019 16:19 - Cultura & Arte
[]
L'assessore Maria Monisteri
Palazzo San Domenico – Modica, lì 10 dicembre 2019

I sessant’anni dal Nobel per la Letteratura a Salvatore Quasimodo
L’assessore Monisteri:” Un’occasione per la lettura e lo studio di uno dei giganti del ‘900”

“Un grande onore per la città, per noi e...
09-12-2019 16:29 - Attualità
[]


L’Aeronautica Militare tra i premiati al “Premio Orione” di Messina

Un premio speciale è stato riconosciuto al Servizio di Controllo dello Spazio Aereo dell’Aeroporto di Sigonella

“Per l’instancabile e costante apporto, il notevole attaccamento al s...
08-12-2019 17:41 - Sport
[]
Sara-Pace-Ardens
L'Agriacono FreeCom ADSL Comiso corsara a Siracusa: vince 1-3 e porta a casa tre punti d'oro che valgono il quarto posto in classifica
Una grande vittoria quella delle comisane contro il Paomar Volley Siracusa al Pala Pino Corso. L'Agriacono FreeCo...
08-12-2019 12:15 - Attualità
[]
L’ATTIVITA’ DEL PRESEPISTA TRA CUORE E SACRIFICIO, ECCO
IL RACCONTO DI COME NASCE UN MANUFATTO SPECIALE E L’INVITO
A PARTECIPARE AL CONCORSO IN PROGRAMMA A CHIARAMONTE GULFI

Un’attività che ti toglie il respiro. In certi momenti è una vita che non s...

Categorie

07-12-2019 15:42 - Attualità
[]
Claudi Melchiorre, presidente di MEC e VUSSIA
MEC e VUSSIA: aeroporto perduto. Solidarietà ai lavoratori aeroportuali.

Approvazione delibera su Soaco: aeroporto perduto. Solidarietà ai lavoratori aeroportuali.

“Nella serata di ieri il consiglio comunale ha avuto l'opportunità di intervenire sul...
MENSILE FONDATO A RAGUSA NEL 1966 E RIPRESO A MODICA NEL 1976

p

20-09-2017 11:12 - Attualità
[]
p




08-12-2019 11:28 - Cultura & Arte
[]
da sx Antonella Amico, Marta Galofaro e Antonella Pagliano
“Bentornati B” di Marta Galofaro ieri, 7 dicembre, è stato presentato a Roma da Antonella Amico (scrittrice) e Antonella Pagliano (insegnante), a “Più libri più liberi” nella Sala Incontri a “La Nuvola”, a Roma. Il libro, adatto fondamentalmente...

DELLE COSE DI SICILIA

Utenti Online
8

Visitatore Numero
1294245

totale visite
3833204


invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio