28 Gennaio 2023

" L'UFFICIO DELLO STATO CIVILE DI FIACCA..." di Carmelo Cataldi

L'Ufficio dello Stato Civile di Fiacca, ovvero l'odissea spaziale in un'amministrazione comunale del Val di Noto.

La trama per un romanzo di Camilleri o un film di Ficarra e Picone.



Da buon siciliano sono sempre rimasto entusiasmato, direi affascinato, dall'arguzia letteraria venata da fine intellettualità del maestro Andrea Camilleri e di quella cinematografica di Salvo Ficarra e Valentino Picone, arguzia coniugata con una comicità fondata sul sentire comune della gente e in parte nel confronto parossistico tra cittadino e amministrazione pubblica.

Proprio qualche giorno fa avevo intenzione di scrivere la trama di un racconto estivo, leggero, anche comico, che sdrammatizzasse la routine quotidiana, anche per coloro che ancora non sono in vacanza e lavorano col caldo afoso di questa Sicilia irredimibile e immutabile.

Non la tiro per le lunghe e passo direttamente al cuore della trama, che si sviluppa in otto giornate trascorse dal nostro ipotetico attore principale tra i meandri di un sistema amministrativo colabrodo, uno dei tanti sparsi per la Sicilia e per cui ho scelto come location un Comune del Val di Noto o Mazzara, ma che abbia alla fine il nome di uno dei Comuni dei romanzi di Camilleri: Fiacca!

Il periodo è il mese di maggio di quest'anno.

Uno studioso di cose locali, lo voglio chiamare, ad esempio, Melosciascia, decide di scoprire la vera casa natale di un importante personaggio cittadino del secolo scorso, un musicista, tale Pietro Mascaglione, in quanto suppone che la presunta casa natale del musicista non lo sia effettivamente, seppur l'Ente Provinciale di Montelusa (per usare ancora un luogo camilleriano) negli anni 90 del secolo scorso l'avesse acquisito e poco tempo fa sembra avesse avuto anche intenzione di proporne la vendita con questo, a sua insaputa inesistente, quid aggiuntivo.

Per tale motivo Melosciascia ha necessità di reperire presso lo Stato Civile del Comune di Fiacca la registrazione di morte del padre tale Ciccio, ad esempio, attraverso cui si sarebbe potuto risalire al numero civico della effettiva casa natale e famigliare del musicista, di cui lo studioso conosce l'area di ubicazione, ma non il numero civico, area distante e differente da quella casa putativa ed ufficiale che è stata fatto credere e tuttora si fa credere al pubblico ed alla cittadinanza di Fiacca.

A Fiacca, come in tutto il pianeta, comunque e soprattutto grazie ad una setta religiosa giapponese, ultra informatizzata e altamente digitalizzata, si riesce facilmente ad accedere ai registri dello Stato Civile del Comune dal 1820 al 1900; questo è possibile perchè in passato grazie all'Archivio di Stato di Montelusa, sono stati preservati e digitalizzati, fatto questo che permette a Melosciascia di entrare in possesso dell'atto di nascita del musicista e di altri atti dello Stato Civile relativi ad alcuni parenti prossimi, ma non gli è possibile acquisire l'esatto numero civico dell'abitazione famigliare del musicista, perchè appunto il padre Ciccio, e dalla cui registrazione di morte è possibile acquisire il dato, muore nel 1901 e per tale motivo decide di consultare lo Stato Civile di Fiacca per ottenere l'estratto della registrazione di morte di Ciccio Mascaglione.

Per necessità di trama sintetizzo al massimo cristallizzando il succo in otto giornate.




Prima giornata. Melosciascia si reca all'Ufficio dello Stato Civile del Comune di Fiacca, dove ad una gentile e cortese ragazza, di nome Giuseppa, rappresenta la sua richiesta di accesso al registro del 1901.

Sembra che tutto vada per il verso giusto quando l'impiegata non trova il volume trentennale dei defunti e poi anche il registro annuale del 1901. La stessa incomincia a rappresentare, ed ecco che si inizia con la classica caratterizzazione dei personaggi di Camilleri, che probabilmente questi volumi sono andati perduti nel tempo a causa: a. d'incendio; b. di alluvioni; c. di guerre varie e forse anche di qualche episodio di peste bubbonica! Melosciascia insiste per la ricerca e questa gentile impiegata gli suggerisce di tornare quando vi sarà una seconda impiegata più anziana, che probabilmente conosce a menadito tutto l'archivio dello Stato Civile di Fiacca e potrà esaudire la sua richiesta.




Seconda giornata. Melosciascia, come suggerito dall'impiegata Giuseppa, ritorna all'Ufficio dello Stato Civile, ma non trova quell'impiegata di nome Giuseppa, ma un'altra, meno gentile e ostica, alla quale spiega di aver parlato qualche giorno prima con la sua collega di nome Giuseppa, e rappresenta il motivo della sua ricerca e quindi la formale richiesta.

La stessa, senza scomporsi dalla sua postura computeriale, risponde che in quell'ufficio non esiste nessuna impiegata che corrisponde al nome di Giuseppa e che mai ce ne è stata una con un nome simile. Melosciascia insiste e descrive fisicamente la sua collega nei tratti essenziali ed insisto sul nome di Giuseppa, in quanto la volta prima, mentre si trovava a parlare con la stessa, altre impiegate di altri uffici l'avevano chiamata con quel nome.

Se non fosse che si trovasse dentro lo Stato Civile del Comune di Fiacca, quello che succede di seguito a Melosciascia potrebbe sembrare una delle scene di un film comico proprio di Ficarra e Picone, ad esempio l'Ora legale!

Poichè l'impiegata insisteva nel confermare che non vi è alcuna sua collega che corrisponda a quella descritta da Melosciascia, gli fa ripetere tutto quanto ed infine, ad alta voce chiama una sua collega che si trovava incidentalmente in un'altra stanza, così: “Peppina, vieni qua e controlla cosa vuole questo signore”! E come in una scena da film comico, ecco che si presenta nel salone dei registri l'impiegata Giuseppa, alla quale a questo punto Melosciascia, esterrefatto, gli domanda quale è effettivamente il suo nome e la stessa conferma che si chiama Giuseppa!

Credo che con una trama così anche Ficarra e Picone scritturerebbero tutti i personaggi per un loro prossimo film!

Superato questo momento di imbarazzo tutte e due le impiegate si mettono alla ricerca dei documenti senza alcun risultato e entrambe ripetono il solito refrain e cioè che i registri e gli atti sono andati perduti nel tempo a causa: a. d'incendio; b. di alluvioni; c. di guerre varie! Si suggerisce dunque a Melosciascia di ritornare una terza volta per poter controllare meglio con calma il “patrimonio documentale”.




Terza giornata. Melosciascia ritorna all'Ufficio dello Stato Civile di Fiacca da cui ottiene ancora una risposta negativa sulle ricerche effettuate per il volume o i volumi in questione, però gli si suggerisce, visto che a lui interessa la residenza della famiglia di Pietro Mascaglione di andare all'Ufficio Anagrafe-Residenze che probabilmente lo avrebbero aiutato meglio nella ricerca, motivo per cui allora il ricercatore chiede all'impiegata Giuseppa/Peppina di accompagnarlo presso quegli Uffici così da illustrare meglio la vicenda ai suoi colleghi, cosa che effettivamente l'impiegata Giuseppa/Peppina espleta collaborativamente.

Ma l'impiegata dell'Ufficio Anagrafe e Residenze, dopo una ricerca a suo dire infruttuosa, riporta tutti presso l'Ufficio dello Stato Civile, dove, unitamente alle due impiegate, si dirigono tutti verso delle stanze poste di fronte, dove, in maniera oserei dire “ficariana/piconesca”, vengono custoditi volumi alla rinfusa e indecorosamente, tra registri di matrimoni, nascite e defunti!

Nel frattempo arriva quella che viene indicata come la Dirigente di tutti gli Uffici che insistono a quel piano; questa, con piglio deciso, rimprovera il personale per aver fatto accedere in quelle stanze Melosciascia e chiede che lo stesso presenti una richiesta scritta rispetto a quelle che erano i suoi interessi di studio e ricerca da inviare ad una email che lei stessa gli fa fornire dal suo personale, solo a seguito della quale avrà una risposta formale e sostanziale.




Quarta giornata. Fatta ed inviata l'email, senza aver alcuna risposta sulla ricezione della stessa, Melosciascia si reca di nuovo in quegli uffici dove alla fine si confronta con alcuni dei precedenti addetti, i quali gli riferiscono che le ricerche sono state infruttuose e che i registri interessati alle fine sono andati persi nel tempo a causa: a. d'incendio; b. di alluvioni; c. di guerre varie!




Quinta giornata. Melosciascia sconsolato desiste dalla ricerca, ma il destino “camilleriano” gli fa incontrare un personaggio che può uscire solo dalla penna del Maestro, una persona competente e arguta la quale gli riferisce che i registri che non sono presenti negli uffici predetti sono certamente presenti in un archivio sottostante a cui in passato lo stesso sembra abbia avuto anche accesso per motivi professionali. Melosciascia quindi si reca nuovamente presso quegli uffici dove ottiene come tutta risposta l'impossibilità di accedere a quegli archivi sottostanti perchè a dire di tutti inagibili. Si paventa però la possibilità di accesso solo in caso in cui il Dirigente dell'XXXIII Settore, l'arch. Paoluccio ne avrebbe permesso l'accesso tramite l'invio di suo personale addetto; Melosciascia viene quindi sollecitato ad inviare una pec allo stesso, cosa che egli effettua immediatamente.

L'arch. Paoluccio da un'immediata risposta, nonché nel pomeriggio chiama telefonicamente Melosciascia e gentilmente ascolta la sua richiesta e gli conferma, considerato che già la richiesta scritta l'avevo fatta e inviata, la sua disponibilità ad aprire quel sito, sollecitando Melosciascia ad invitare il personale degli uffici dello Stato Civile ed Anagrafe a prendere contatti diretti con lo stesso per concordare il giorno dell'apertura dei locali interessati.




Sesta Giornata. Melosciascia si reca di nuovo negli Uffici dello Stato Civile di Fiacca dove fa presente, anche alla supposta Dirigente, che avendo avuto contanti telefonici ed epistolari con l'arch. Paoluccio, questo li invitava a prendere diretti contatti con lo stesso per effettuare questa ricerca; nel frattempo l'addetta all'anagrafe effettua delle ricerche infruttuose perchè effettuate su presupposti interpretati, e qui altra scena per un film con Ficarra e Picone, erroneamente. Melosciascia dunque rimane d'accordo con queste impiegate e la presunta Dirigente di ritornare dopo due settimane circa per avere l'esito delle ricerche e dunque l'agognato indirizzo dell'abitazione vera di Pietro Mascaglione.




Settima Giornata. Dopo circa due settimane Melosciascia ritorna in quegli Uffici e va direttamente presso l'impiegata dell'Ufficio Anagrafe, la quale sembra essere quella incaricata del tutto, ma questa, alla sua richiesta sull'esito delle ricerche, afferma che dall'ufficio dell'arch. Paoluccio nessuno l'aveva chiamata e nessuno si era fatto sentire! Altra scena per Ficarra e Picone.

Davanti a tale enormità Melosciascia rappresenta le sue perplessità sull'effettivo funzionamento di quegli uffici e chiede ulteriori spiegazioni; non le ottiene e viene parcheggiato in attesa che si libera la supposta Dirigente, la quale peraltro neanche viene avvisata della sua presenza, per rappresentare le sue lagnanze. Autonomamente Melosciascia allora si presenta appena possibile davanti questa Dirigente, alla quale rappresenta tutto il suo rammarico per quanto accade e poiché la stessa si trincera sull'ipotesi che i locali sono inagibili non risulta possibile aderire alla sua legittima richiesta.

Melosciascia sempre più incredulo chiede alla stessa se gli può fornire una risposta scritta in tale senso, allo stesso modo come lui ha effettuato quella richiesta scritta dalla stessa voluta precedentemente, ma la Dirigente categoricamente si rifiuta, asserendo: “Ma lei ha mandato un'email a me? L'ha mandata al mio indirizzo?”.

Qui, nella trama mi si permetta di aggiungere questa scena che più da film di Ficarra e Picone può sembrare una capitolo di un romanzo di Kafka, con i toni dell'incredibile, del surreale e per certi aspetti se non comici, direi paradossali.

La stessa, che si disvela peraltro per non essere la Dirigente, gli suggerisce di scrivere e chiedere informazioni al destinatario dell'email (da lei già fattagli fornire) che a suo tempo Melosciascia ha inviato, e cioè la vera Dirigente dell'Area, ovvero la dr.ssa Santocono. Melosciascia a questo punto sempre più incredulo chiede invece di poterla incontrare direttamente e viene così informato che la stessa si trova dall'altra area urbana della Città, alla così detta “Inzalatasi”.

Uscito da quegli uffici Melosciascia immediatamente provvede a chiamare telefonicamente per ben otto volte l'ufficio della Dirigente dello Stato Civile di Fiacca, la dr.ssa Santocono, e solo alla nona risponde finalmente una persona, un'addetta, la quale gli riferisce che la Dirigente è impegnata e non può rispondere, ma difronte alla determinatezza di Melosciascia la stessa interpella la Dirigente che risponde al telefono immediatamente e ascoltando tutto le traversie passate da Melosciascia presso gli uffici di cui è Dirigente, gli assicura che contatterà la responsabile, che ha già individuato, e che lo richiamerà entro le 13.00.

Passate le 13.00, inutilmente, nel pomeriggio Melosciascia riesce a ricontattare la Dirigente Santocono, la quale ha avuto conferma, dell'inagibilità dei locali e per cui non è possibile effettuare la ricerca, da chi? Come sempre in un film di Ficarra e Picone....proprio da quella responsabile degli uffici dello Stato Civile!

Alla stessa Melosciascia, esausto e su tutte le furie, rappresenta che seriamente e ovviamente la Santocono deve invece sentire l'arch. Paoluccio, l'unico a poter dire effettivamente cosa fare, per cui dopo tante insistenze con la stessa si rimane che ella avrebbe preso accordi con l'arch. Paoluccio e tre giorni dopo avrebbe fatto conoscere il risultato degli accordi o della ricerca richiesta direttamente, prima telefonicamente e poi per email. In pieno spirito “Camilleriano” o da film di Ficarra e Picone, questa trama potrebbe finire con il dissolversi nel tempo di tutta la vicenda con un ennesimo nulla di fatto perchè Melosciascia ancora dopo settimane attende quella fatidica chiamata o email.

Ma ripercorrendo lo stile comico di Ficarra e Picone, terminerei con una scena uguale a quella in cui un personaggio del film l'Ora legale grida sempre: “Ora chiamo i carabinieri!”.

Infatti, Melosciascia, prende carta e penna e scrive, al Ministero dell'Interno, al Dipartimento del Ministero che si occupa degli Uffici Comunali sparsi per l'Italia, alla Prefettura di Montelusa, al Commissario, perchè ci vuole in una trama come questa un personaggio ancora “Camilleriano”, straordinario per il Comune di Fiacca, un commissariamento in Sicilia non si nega ad alcun Comune, e quindi anche all'arc. Paoluccio, narrando le sue vicissitudini e le sue aspettative, ma come in un romanzo di Camilleri, nessuno, anche se Melosciascia ha scritto con pec, ultimo ritrovato della tecnologia amministrativa digitale e nazionale, nessuno (la ripetizione è volontaria e richiama un film sulla Sicilia, un certo tipo di Sicilia, di Pietro Germi) gli risponde!

Ritengo che la trama possa essere conclusa così, e spero possa essere veramente utilizzata da qualche regista o attore comico siciliano per qualche suo lavoro, ma soprattutto spero abbia divertito un po' tutti coloro che fino a qui l'hanno letta; ma siccome in ogni trama ci deve essere un coup de theatre, non posso esimermi qui da non crearla e cioè: per quanto possa sembrare tutto questo un ottimo materiale per la trama di un romanzo o un film, vi assicuro, che aldilà del contesto e dei nomi dei personaggi appositamente travisati, i fatti sono il frutto di eventi realmente accaduti tra il mese di maggio e di giugno in un Comune di questo ameno Val di Noto, dove il confine, ancora una volta, tra teatralità e quotidianità è talmente sottile che, a volte, sembra di vivere perennemente in un film.

Carmelo Cataldi
Notizie Flash
ISPICA - IL CONSIGLIERE MONACA E LE BOLLETTE IDRICHE
RAGUSA - RIMODULATI HUB E PUNTI VACCINALI ANTI-COVID
VITTORIA - IL CONSIGLIERE PELLIGRA SUL FURTO CON SPACCATA ALLA GIOIELLERIA ZAMMITTO
RAGUSA - RIMBORSI LIBRI a.s. 20121 /2022
SANTA CROCE CAMERINA - IL SINDACO E LA MANCATA RACCOLTA DELL'UMIDO IERI
RAGUSA - " NEI PANNI DI CAINO...": PROGETTODELLA POLIZIA DI STATO PER LE SCUOLE.
VITTORIA - L'ANPI NON DIMENTICA LE VITTIME DELL'OLOCAUSTO
RAGUSA - I SINDACATI CONTRO L'INTERPELLO DELLA DIREZIONE DEL CARCERE
27-01-2023 16:53 - Istruzione e Formazione
[]
In occasione della "Giornata della Memoria 2023, l’Istituto Verga di Comiso prosegue il proprio impegno, nel pieno esercizio di una cittadinanza attiva, consapevole e democratica, affinché la "memoria storica" possa diventare un patrimonio trasmissibile di generazione in generazione.
Oggi, tutti gli alunni hanno assistito alla proiezione del Film Il viaggio di Fanny (Le Voyage de Fanny) è un film franco-belga del 2016 diretto da Lola Doillon. Il film è basato sul libro autobiografico Le journa...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
26-01-2023 17:56 - Economia
[]
Siglata al Libero Consorzio Comunale di Ragusa una convenzione per la gestione dei rifiuti a base di gesso.

Il documento è stato firmato dal Commissario straordinario Salvatore Piazza e dal sindaco di Ragusa Peppe Cassì, rappresentante di uno dei due Comuni che hanno deciso di aderire all’iniziativa. La convenzione verrà firmata in un secondo momento anche dal sindaco di Comiso, Maria Rita Schembari.

“Un altro traguardo che ci siamo intestati, con i sindaci Cassì e Schembari, per tutelare il ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-01-2023 16:03 - Attualità
[]
Ragusa, 25/01/2023

Cinque nuove assunzioni di soggetti svantaggiati per la Cooperativa sociale "Volta Pagina"

Un sogno che diventa realtà. Stamane, presso il Foro Boario di Ragusa, cinque persone in cura presso i Dipartimenti di Salute Mentale di Ragusa, Vittoria e Modica hanno firmato un contratto di lavoro con la Cooperativa sociale "Volta Pagina" di Vittoria nell’ambito del progetto imprenditoriale “Tuttiafare”. Un momento importante per la comunità, che i dirigenti della cooperativa hanno ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-01-2023 12:40 - Politica
[]
NASCE A RAGUSA LA SEZIONE DI +EUROPA, SCHEMBRI E ANDRONE RISPETTIVAMENTE COORDINATORE E SEGRETARIO. ADERISCE ANCHE L’EX VICESINDACO MASSIMO IANNUCCI

Nasce la sezione di +Europa a Ragusa, una novità per il capoluogo ibleo, dove la forza progressista sbarca con i migliori intenti e obiettivi; la sezione, forte di parecchie decine di tesserati solo in questo ultimo periodo, ed in continua crescita, risulta ad oggi un circolo numeroso rispetto alle media regionale e punta a essere il riferimento d...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
25-01-2023 12:26 - Politica
[]
Discarica abusiva di c.da Petraro. Frasca e ‘Insieme per Santa Croce' contro Cassì: “E' inadempiente e sottovaluta il rischio ambientale”

“Il sindaco Cassì? Un politico di professione. Mente sapendo di mentire”. Lo scrivono in una nota i consiglieri comunali di ‘Insieme per Santa Croce' e il segretario cittadino di Alleanza Popolare, Filippo Frasca, in riferimento alle risposte fornite dal sindaco di Ragusa sulla discarica abusiva di contrada Petraro, al confine col territorio di Santa Croce C...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-01-2023 17:34 - Istruzione e Formazione
[]
ANCORA UN'ECCELLENZA COMISANA PREMIATA : STEFANIA OCCHIPINTI LA NEO INGEGNERE LAUREATASI A CATANIA

“Premio America Giovani “Riconoscimento per i neolaureati di eccellenza delle università italiane”

“Fra i mille studenti eccellenti ai quali è andato il riconoscimento e che sono stati ricevuti alla Camera dei Deputati la neo ingegnere comisana Stefania Occhipinti – dichiara Maria Rita Schembari, sindaco di Comiso-. È un altro motivo d'orgoglio per me, fare un encomio pubblico ad un'altra giovane ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-01-2023 17:17 - Istruzione e Formazione
[]
Un momento di importante riflessione sul corretto approccio alle
problematiche ambientali, un confronto formativo per formare i
cittadini di domani e renderli protagonisti di una transizione
realmente ecologica. Si è svolto questa mattina l’incontro “Ripartiamo
dall’ambiente” promosso dal Liceo Statale “Enrico Fermi” di Ragusa.
L’attività didattica, rivolta alle terze classi dell’istituto ragusano
si inserisce nel percorso di formazione e di sensibilizzazione sui
temi ambientali avviato già lo scors...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
23-01-2023 18:47 - Attualità
[]
UN’ALTRA COMISANA AL FESTIVAL DI SANREMO 2023: SI TRATTA DI FLAVIA NIGITA.

“ La nostra Flavia Nigita – commenta l’assessore Manuela Pepi – è la seconda giovane comisana che, con altre 5 ragazze Siciliane, sarà presente al Festival di Sanremo. Flavia Nigita, 31 anni, studia presso ADIABASI , scuola nazionale di massaggio, e sta seguendo il percorso formativo come operatore olistico. Sarà a Sanremo dal 6 all’8 di febbraio, nel primo gruppo, assieme ad altri 20 massaggiatori. E’ un orgoglio saper...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
20-01-2023 12:25 - Politica
[]
Gruppo territoriale, ieri il secondo incontro a Ragusa. Si lavora per il campo progressista

Si continua a lavorare per un campo progressista in città, in vista delle prossime elezioni amministrative. Ieri il secondo incontro territoriale del Movimento 5 Stelle di Ragusa alla presenza del coordinatore regionale Nuccio Di Paola, della deputata regionale ragusana, Stefania Campo. Presenti anche l’ex sindaco di Ragusa, Federico Piccitto, diversi ex assessori della giunta pentastellata, i consiglie...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
18-01-2023 10:39 - Politica
[]
Il vice sindaco, Roberto Cassibba, passa il testimone al Consiglio Comunale. Al suo posto entra l’avvocato Giorgio Iapichella primo dei non eletti nella lista Comiso Vera. “Sarà un contributo nel segno della continuità”. Dichiarazioni del Sindaco, Maria Rita Schembari.

Roberto Cassibba, vice sindaco con delega ai lavori pubblici e servizi tecnici e tecnologici, si è dimesso dalla carica di Consigliere Comunale, come tra i punti all’ordine del giorno della seduta del civico consesso di giorno 1...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
17-01-2023 11:05 - Attualità
[]
LA COMISANA VERONICA BUSCEMA AL FESTIVAL DI SANREMO 2023

“E’ una giovane docente di estetica nel settore del make up, che farà parte del team accademia “I grandi Maestri del make up”. Veronica Buscema, è anche docente presso l’istituto paritario La Cultura di Comiso. Ancora una volta quindi, Comiso attraverso le sue eccellenze entra a pieno nel panorama nazionale e questa volta approda al Festival di Sanremo dal 7 all’11 di febbraio. Non posso che essere orgogliosa dei traguardi che molti citt...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
27-01-2023 17:29 - Cultura & Arte
[]
DOMANI ALLA CASA DI SPIRITUALITÀ DEI PADRI GESUITI DI RAGUSA LA PRESENTAZIONE DEI LIBRI “LA BUSSOLA DI ABRAMO” E “ABRAMO NELLA TEMPESTA” DEL GESUITA GIANFRANCO MATARAZZO.

RAGUSA – Libri per meditare i testi “La Bussola di Abramo” e “Abramo nella tempesta” (San Paolo Edizioni), scritti dal gesuita Gianfranco Matarazzo, verranno presentati questo sabato 28 gennaio alle ore 18.00 nella Casa di Spiritualità dei Padri Gesuiti di Ragusa (via del Sacro Cuore, 46). L'autore, con i suoi lavori, intende...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
27-01-2023 16:35 - Attualità
[]
NESSUNO IN OCCIDENTE VUOLE LA PACE IN UCRAINA

Nell’Est d’Europa ormai è quasi un anno di guerra, migliaia di ucraini costretti a lasciare le proprie case, molti ad emigrare in altri Paesi, le infrastrutture di Kiev distrutte o rese inservibili. Il freddo, il gelo attanagliano con durezza: donne, bambini, anziani e i soldati al fronte, insomma una situazione drammatica di cui non si vede l’uscita.

Penso che, in altri tempi, capi di governo responsabili, ucraini o di altri Stati, avrebbero fatt...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
23-01-2023 18:05 - Attualità
[]
Riflessioni in occasione della giornata mondiale dell’abbraccio

Ieri è stata la giornata mondiale dell'abbraccio.

L'essere umano si contraddistingue dal mondo animale, in quanto ha bisogno di affetto e di unione. L'abbraccio, fisico e virtuale, sono due forme d'affetto di cui abbiamo estremo bisogno.

Molte volte un abbraccio in silenzio vale molto di più di mille parole.

Un abbraccio può essere anche l'unione di due corpi che si amano, anche soltanto platonicamente.

Un abbraccio è la condivisio...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
19-01-2023 18:25 - Cultura & Arte
[]
Ancora un importante riconoscimento letterario per il poeta brolese Rosario La Greca

Ancora un importante riconoscimento letterario per il Poeta brolese Rosario La Greca, infatti nel Concorso Letterario Internazionale “Le parole del silenzio” di Arona (Novara), si è classificato al 1° Posto con la splendida opera “Risplendi d’incantevole bellezza”, dedicata alla cittadina di Gioiosa Marea. A quest’opera sono già stati assegnati altri numerosi e importanti riconoscimenti, sia nella versione in...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
19-01-2023 12:58 - Angolo dell´Arte
[]
GRANDE INTERESSE PER LA MOSTRA DI GIOVANNI IUDICE IN CORSO A MODICA. FINO AL 5 FEBBRAIO UN VIAGGIO EMOZIONALE IMPREZIOSITO DALLE SPECIALI VISITE GUIDATE DALL'ARTISTA SICILIANO.

MODICA – Prosegue con grande partecipazione ed interesse, ma anche con una nuova visita guidata in programma questo sabato 21 gennaio, la mostra “Iudice 1992-2022” che, ospitata all’ex convento del Carmine di Modica, è un'occasione straordinaria per ammirare oltre 60 lavori dell'artista Giovanni Iudice, opere intense c...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
17-01-2023 12:24 - Angolo dell´Arte
[]
MILANO 24 maggio: Un ricordo dello scultore Biagio Frisa.

Erano gli anni '56, '57, '58: frequentavo assiduamente a Comido (RG) la bottega dello scultore Biagio Frisa, che aveva trasformato in una bottega di ceramica non sapevo cosa, nonostante questo rimanevo catturato dai colori e dalle forme che avevo notato in una mostra al circolo " Amici dell'Arte" , dove mio padre era custode.

Frisa era un abilissimo scultore, ma soprattutto un imprenditore eccellente. Lo dico adesso con cognizione di cau...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
17-01-2023 12:15 - Eventi
[]
DOMENICA 29 GENNAIO 2023 ALLE ORE 18:30
Pagina Bianca: Giò Galante in Concerto
Kome - Stanze di vita quotidiana

Giò Galante, cantautore. Porta in giro la propria musica dal 1990. Solitamente si accompagna a musicisti di estrazione jazz. Questa sera si accompagna a Gianni Amore alla fisarmonica e Alessandro Longo al violoncello, musicisti dalla sapiente tecnica e spiccata sensibilità musicale, preziosi amici al di là del palcoscenico.
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
12-01-2023 15:02 - Angolo dell´Arte
[]

Continua senza sosta l’ascesa dei Blinding Sunrise. Nonostante il nome possa risultare sconosciuto a molti, questa band iblea (composta da cinque vittoriesi e un ragusano) sta continuando a riscuotere successi internazionali ed è famosissima in tutto il mondo. La band è composta da Mattia Giuffrida e Francesca Ereddia alle voci, Matteo Lorefice e Luca Pace alle chitarre, Onofrio Butera al basso e Valerio Macca alla batteria.

Di qualche giorno fa l’ultimo riconoscimento alla loro bravura: part...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
08-01-2023 17:17 - Angolo dell´Arte
[]
Studio Crati 22

Inaugurazione venerdì 20 gennaio 2023 ore 16,30 presso io STUDIO CRATI 22 Rende (CS.)

Salvatore Anelli

I DIPINTI NON AMANO VIVERE DA SOLI

Mostra a quattro mani di Salvatore Anelli con Bizhan Bassiri, Renata Boero, Giulio Calegari, Nicola Carrino, Bruno Ceccobelli, Luce Delhove, Giulio De Mitri, Teo De Palma, Ernesto Jannini, Giovanni Leto, Ruggero Maggi, Ghislain Mayaud, Albano Morandi.

Opere realizzate dal 2010 al 2022.

Esposizione: gennaio - marzo 2023

Si inaugura lo spazio Studi...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA
Utenti Online
9

Visitatore Numero
2149261

totale visite
8292381


invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è "Piparo Girolamo", il sito web ecodegliblei.it è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor Piparo Girolamo. Recapiti e dati legali:

Via Generale Cascino, 50 - 97013 Comiso (RG)

Cod. Fiscale: PPRGLM48L19C927D

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a girolamopiparo@gmail.com oppure indirizzare una comunicazione scritta all'indirizzo della sede legale sopra citata.
Informativa privacy aggiornata il 11/01/2023 00:00
torna indietro leggi Privacy Policy
 obbligatorio

cookie