09 Agosto 2022
Categorie

" LA CHIESA DI SANTA MARIA DELLA STELLA A MODICA E LA TOMBA DI PLACIDO CARRAFA " di Carmelo Cataldi

Lo storico e giurista Placido Carrafa, la sua tomba e la Chiesa di Santa Maria della Stella a Modica.

Ipotesi innovative sul luogo di sepoltura dello scrittore e sulla Chiesa di Santa Maria della Stella a Modica.


Recentemente si è posta l'attenzione sull'antesignano giurista e storico modicano per antonomasia Placido Carrafa, ponendolo in diretta congiunzione con il culto di Santa Maria della Stella e di una presunta chiesa dallo stesso dedicata alla particolare iconografia della Madonna.

Lasciare così in sospeso diversi interrogativi sulla persona, il culto e la probabile edificazione del luogo di culto a Santa Maria della Stella non può far altro che alimentare curiosità e ulteriori ricerche, che poi alla fine sul piano storico e sociologico presentano il conto.

Partendo dal giurista e storico occorre precisare e premettere che esisteva un forte legame tra i Carrafa e la Chiesa Collegiata di San Giorgio, legami che risalgono addirittura ad un secolo precedente, quando un beneficio prima, ad opera di tale Antonia Carrafa nel 1552, secondo il prof. Paolo Nifosì, fu fondato presso la stessa, e poi, secondo l'autore stesso, un altare, ad uso e consumo della propria famiglia, ad opera di un suo antenato: “...quae inutile nostrorum in altare Sancti Petri martyris in Majori Ecclesia edidit don Thomas Carrafa...”. Altrettanto lo furono alcune importanti figure ecclesiastiche legate funzionalmente alla Chiesa Madre: contemporaneo al Placido vi fu il Preposito della Collegiata di San Giorgio Francesco Carrafa, ma anche il Canonico della Collegiata Benedetto Carrafa, che potrebbe identificarsi anche con il figlio Claudio Benedetto Giuseppe (il nome del fratello del padre), battezzato da don Benedetto Salemi, nipote di don Vincenzo, il primo Preposito della Collegiata e suo collaboratore stretto negli ultimi anni di vita.

Dall'atto di morte dello storico modicano si desume che lo stesso in pompa magna venne sepolto nella Chiesa Madre di San Giorgio, ma senza indicarne l'esatta ubicazione della tumulazione, tanto che lo stesso Enzo Sipione se ne rammarica in quanto non è stato possibile fino ad allora poter collocare una targa che ricordasse il personaggio illustre.

Ma se la storia si fa con i documenti è pur vero che quando essi sono carenti, bisogna raggiungere, con la logica e con quello che si ha disposizione, delle ipotesi il più possibili prossime alla verità. Nel caso del giurista e storico oggi si può affermare, almeno fino a quando non verrà rinvenuto il testamento ed in esso espressa direttamente una volontà particolare sul luogo di tumulazione, che, attraverso la registrazione della sua morte, nonché la presenza della registrazione di morte del coevo Preposito Francesco Carrafa che muore nel 1788 e viene: “...tumulatum loco depositi in cappella ut dicitur della Madonna dell'Assumptione...”, esisteva con certezza un altare personale della famiglia dentro la Chiesa Madre e dedicato a San Pietro martire.

Pertanto, seppur non vi è “la pistola fumante”, ossia la prova provata, è molto indicativo che la Cappella dell'Assunzione incorporasse beneficio ed altare di San Pietro Martire, ove i Carrafa avevano titolo alla sepoltura, come attesta lo stesso storico.

Ma qual è il nesso fra Placido Carrafa, la Chiesa Madre di San Giorgio e la Madonna della Stella?

Placido Carrafa era legato a doppio filo con il territorio della città di Messina e la sua nobiltà più ricca e titolata. Sua, oltre alle " Sicaniae Descriptio et Delinatio " del 1653 e " Insitium Historicum ad Annalia Siciliae " del 1655, fu anche "La Chiave dell'Italia, Compendio Historico della Nobile ed Esemplare Città di Messina " del 1670, opera dedicata al Senato Peloritano, ma soprattutto a Don Baladassare Marquet e a don Francesco de Gregorio, entrambi Cavalieri dell'Ordine Militare ed Equestre della Stella e membri di due delle più potenti famiglie della nobiltà messinese e dell'Ordine stesso. L'Ordine Equestre e Militare della Stella aveva come sua patrona Santa Maria dell'Epifania, il cui particolare emblema era proprio una stella, ossia la cometa che condusse i Magi al cospetto del Cristo appena nato.

Questo spiegherebbe il perchè il Carrafa, tre anni prima della pubblicazione della sua opera su Messina, secondo il professore Nifosì, avrebbe: “...quale casa da benedire come sopra espressato, per la sua officiatura i coniugi destinano la rendita annua di due onze, su un capitale di quaranta onze, garantite dal loro grande palazzo della Piazza di Santa Maria degli Angeli, e di San Crispino e Crispiniano. La chiesa sarà sotto la giurisdizione della chiesa matrice di San Giorgio nella persona del preposito della chiesa matrice di san Giorgio.”.

Purtroppo la Chiesa voluta dal Placido Carrafa e coniuge alla fine non venne costruita presso l'attuale piazza di San Crispino, perchè ivi vi fu costruita proprio quella di San Crispino, presente già nel 1683 alla prima visita pastorale di Mons. Francesco Fortezza e sconsacrata e ceduta a privati intorno agli anni 20 del XX secolo, mentre tradizione vuole che la stessa fosse stata effettivamente costruita, probabilmente nei primi decenni del XVIII secolo, attigua ed alle spalle di quella che prima era denominata come la Chiesa di Santa Maria del Popolo e dopo la ricostruzione post terremoto del 1693 come quella di Santa Tersa d'Avila.

Francesco Libero Belgiorno nella sua famosa opera fa molta confusione tra le tre chiese e sulle rispettive origini, ma due cose quasi le azzecca e cioè che la Chiesa di Santa Maria della Stella si potesse trovare al civico 24 di via Rollo a Modica (e ne fa una descrizione dei resti, ma sbagliando il civico, che oggi è il 34) e che la stessa avesse una relazione storica e filologica con l'Ordine dei Cavalieri della Stella di Messina, di cui è stato spiegato prima quale era il nesso temporale e soggettivo tra il Placido Carrafa, la Città di Messina e l'Ordine dei Cavalieri della Stella.

La chiesa già non era presente nel 1820, almeno utile all'officiatura sacramentale o religiosa, perchè non elencata fra quelle esistenti sul territorio modicano nel riepilogo generale del patrimonio ecclesiastico, sia come regolare che secolare.

A completare il quadro generale, e secondo quanto direttamente affermato dal Preposito di San Giorgio Don Giovanni Stracquadanio, e questo permette di ricongiungere storicamente e filologicamente il tutto, la tela riproducente Santa Maria della Stella, presente nel Duomo di San Giorgio, fu ivi portata nel XX secolo, dalla Chiesa di Santa Teresa d'Avila, ove si trovava da tempo, ivi ricoverata dopo la dismissione della omonima chiesa che si trovava appunto in via Rollo, alle spalle della prima.

Non è chiaro come sia stato possibile costruire una chiesa con lo stesso nome di quella desiderata e voluta dal Placido Carrafa distante dal sito e dal fabbricato dallo stesso donato, ma poiché la storia è sempre un lavoro in progress si spera in futuro di rinvenire ulteriori documenti che possano ricollegare idealmente e filologicamente tutte queste sospensioni documentarie e dare un quadro effettivo e storicamente esatto.

Carmelo Cataldi




Notizie Flash
RAGUSA - IL SINDACO SUL MANCATO RICONOSCIMENTO DI " SPIGHE VERDI 2022 "
MODICA - CONTROLLO CICLOMOTORI E INQUINAMENTO ACUSTICO
RAGUSA - PER LA CGIL INACCETTABILE IL CONTRATTO AIAS
RAGUSA - CONTROLLI INTERFORZE IN CENTRO STORICO
RAGUSA - " RAGUSA AL CENTRO " E L'APERTURA DEL MUSEO ARCHEOLOGICO
NOTO - CANTINA MARILINA CONTRO I MEGA FOTOVOLTAICI
ISPICA - VERTENZA DEL PERSONALE COMUNALE: COMUNICATO DELLA CGIL.
04-08-2022 17:18 - Economia
[]
Dipasquale (PD): “Grazie ad un emendamento, saranno erogate le pensioni integrative agli ex dipendenti ASI”

Grazie ad un emendamento sostenuto dal sottoscritto, dall’on.le Cafeo e dall’on.le Foti, saranno erogate le pensioni integrative ai lavoratori ex ASI.

Una questione che si è trascinata per tutte la legislatura, una evidente ingiustizia a carico di questi lavoratori, per la quale, spesso avevamo tentato di intervenire anche come partito.

Nelle more di una soluzione del caso, i lavoratori ex...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
04-08-2022 16:50 - Politica
[]

Circolo di Scicli di " Diventerà bellissima "

Scicli, 04/08/2022

Rifiuti Urbani: Marino vince col Cittadino

I rifiuti urbani sono un problema. Ma a Scicli la stiamo gestendo decentemente. Merito di Mario Marino e anche del singolo Cittadino.

La situazione rifiuti degenera sempre più: noi vediamo solo la cima della montagna, ma sotto sotto ci sarà l’indicibile. In Estate, poi, con l’aumento della raccolta, si deborda oltre i limiti e si va dritti verso il precipizio.

Pur con timore per la nostra i...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
03-08-2022 12:39 - Economia
[]
PERFORMANCE 2019, INDENNITA’ DI RISULTATO, RIPARTIZIONE

DEL FONDO 2021: LA FP CISL COMUNICA LE NOVITA’ PER IL PERSONALE DEL COMUNE DI ISPICA DOPO IL CONFRONTO CON IL SINDACO

Le Rsu della Fp-Cisl, sotto la supervisione della segreteria generale guidata da Daniele Passanisi, hanno incontrato il sindaco di Ispica, Innocenzo Leontini. Si è trattato di un confronto di notevole spessore anche alla luce delle rilevanti problematiche sollevate dal personale negli ultimi mesi. La segreteria generale era...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
02-08-2022 11:48 - Istruzione e Formazione
[]
A scuola di Ecologia fluviale

Monitoraggi e ricerche fortemente innovativi di Ecologia Fluviale svolti in collaborazione tra l’I.I.S. “G. Ferraris” di Ragusa, ed i biologi dell’RTP “Macrostigma siciliana” (Antonino Duchi e Monica Giampiccolo) nell’ambito del progetto “Implementazione dell’incubatoio per l’allevamento, la salvaguardia e la conservazione della Trota macrostigma (Salmo cettii)” promosso dal Dipartimento Pesca della Regione Sicilia, ente attuatore il Libero Consorzio Comunale di R...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
31-07-2022 18:03 - Attualità
[]

Mercoledì 3 agosto, alle ore 17.00, prenderà avvio la seconda edizione della manifestazione “Percorsi al crepuscolo” che prevede visite guidate a cura dell’Associazione delle Guide Turistiche della Provincia di Ragusa (AGT Ragusa) presso il Parco Archeologico di Cava Ispica e il Convento della Croce a Scicli.

L’iniziativa, patrocinata dal Parco Archeologico di Camarina – Cava Ispica mira a promuovere e far conoscere ai visitatori, previo un piccolo contributo, i siti archeologici e i monumenti...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
29-07-2022 18:00 - OBITUARY
[]
Si é spento il prof. Sebastiano Dibenedetto: era nato a Monterosso Almo 76 anni fa. Laureato in Lettere, il prof. Dibenedetto aveva partecipato, sin da giovane, alla vita politica della sua città e si era distinto per impegno e competenza: aveva ricoperto a Monterosso la carica di sindaco, militando nelle fila della Democrazia Cristiana. Trasferitosi a Ragusa, con l'avvento della " II Repubblica " aveva seguito le orme di Berlusconi e aveva raggiunto in " Forza Italia " posizioni di rilievo ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
29-07-2022 12:55 - Economia
[]
Non vi sarà alcun aumento della TARI per il 2022, anzi sarà operata una riduzione per le utenze domestiche del 26%, mediamente. A comunicarlo, l’assessore alle tasse e tributi, Manuela Pepi. “Grazie al decreto ministeriale n. 50/2022 del 15 luglio 2022, possiamo alleggerire i costi della TARI ai cittadini di Comiso”.

“ E’ veramente motivo di soddisfazione potere dare questa notizia alla città – commenta l’assessore Pepi – alla quale poche settimane fa, per motivi di trasparenza e correttezza ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
Utenti Online
10

Visitatore Numero
1981376

totale visite
7692903

07-08-2022 12:22 - Eventi
[]
DONNAFUGATA FILM FESTIVAL PER UNA SERA AL PARCO ARCHEOLOGICO DI KAUCANA. GRANDE PARTECIPAZIONE TRA MASTERCLASS, FILM, DOCUMENTARI. SI RITORNA AL CASTELLO DI DONNAFUGATA PER LA CONCLUSIONE CON OSPITE PAOLA QUATTRINI.

Un numerosissimo pubblico ieri sera per il DonnaFugata Film Festival, eccezionalmente al parco archeologico di Kaucana, ospite del Kau Fest diretto da Maurizio Nicastro. Grande partecipazione per la masterclass con la costumista Daniela Ciancio alla presenza del direttore artistico...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
07-08-2022 12:08 - Eventi
[]
Sabato 6 agosto arriva la Promenade, una passeggiata musicale a Ragusa

Prosegue la prima edizione del Festival Internazionale della Chitarra “El Lanto de la Guitarra” di Ragusa.
Dopo le prime due serate all’interno dell’Atrio del Centro Commerciale Culturale il Festival Internazionale della Chitarra invade le strade della città di Ragusa, alla scoperta dei palazzi e dei cortili più affascinanti.

L’evento, con ingresso gratuito, partirà alle ore 18.00 dal Centro Commerciale Culturale, con il con...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
02-08-2022 12:44 - Eventi
[]
APPLAUSI E GRANDE SUCCESSO PER LA COMPAGNIA GODOT E “I GIGANTI DELLA MONTAGNA” DI PIRANDELLO, SPETTACOLO DELLA 12^ EDIZIONE DI PALCHI DIVERSI ESTATE 2022. SI TORNA IN SCENA NEL FINE SETTIMANA CON "L'AVARO".

RAGUSA – Lunghi applausi scroscianti per i fantastici attori della Compagnia teatrale G.o.D.o.T. e la loro rappresentazione de “I giganti della montagna” di Pirandello, spettacolo inserito nel cartellone di “Palchi Diversi Estate 2022”. Una intensa messinscena e una profonda interpretazion...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
02-08-2022 12:32 - Angolo dell´Arte
[]
(Sicilia – Ragusa) Pozzallo, 3 agosto – 3 settembre 2022

Frazioni di Infinito

Giuseppe Colombo, Giuseppe Costa, Giorgio Distefano, Marilina Marchica, Ettore Pinelli, Salvo Rivolo, Alessia Scarso, Federico Severino, Giuseppe Vassallo, Giovanni Viola, Vlady (Art)

a cura di Giovanni Scucces

Dal 3 agosto al 3 settembre 2022

vernissage mercoledì 3 agosto ore 19.30

SACCA gallery – Via Mazzini 56 – Pozzallo (Ragusa)

Che aspetto ha l’infinito? Difficile dirlo in maniera univoca. Tuttavia, prova a darne una ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
30-07-2022 12:52 - Angolo dell´Arte
[]
“Gli artisti incontrano la storia e la magia nel castello di Cefalà Diana”

16 agosto 2022

Inaugurazione

2ª Collettiva internazionale d’arte

Dopo cinque anni tornano al Castello di Cefalà Diana oltre 60 artisti provenienti da Malta, Ungheria, Russia, Danimarca, Germania, Bosnia Erzegovina ed Italia per la seconda collettiva internazionale d’arte denominata “Gli artisti incontrano la storia e la magia del Castello di Cefalà Diana” con la relativa inaugurazione prevista martedì 16 agosto alle ore 18...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
29-07-2022 11:22 - Eventi
[]

Le “Notti di BCsicilia”. Isola delle Femmine: visita guidata in notturna alla Casa Museo “Joe Di Maggio”

Nell’ambito della manifestazione “Le Notti di BCsicilia” si terrà lunedì 1 agosto 2022 alle ore 22,00 a Isola delle Femmine la visita guidata in notturna alla Casa Museo “Joe Di Maggio”. L’appuntamento è in Via Cutino, 14. Ingresso gratuito. L’iniziativa è organizzato dalla Sede di Isola delle Femmine di BCsicilia e dall’Associazione Isola Pittsburg Forever. E’ necessaria la prenotazione. T...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA
27-07-2022 15:59 - Rubrica DELLE COSE DI SICILIA Uomini e fatti senza tempo
[]
Sabbinìrica: una parola siciliana che ti faceva sentire odore di casa

Oggi riscopriamo un Saluto Antico...

Il Saluto Antico è "Sabbenerica a Vossia"; un saluto utilizzato sino agli anni '50-'60 dai Nostri Antenati Siciliani (Nonni, Bisnonni ecc.…). Questo Saluto si usava in tutti i momenti della giornata, specialmente la mattina o quando ci si incontrava per strada; esso esprimeva una forma di Benedizione.

A questo Saluto si rispondeva solitamente con: “Santu e Riccu !” (traduzione: “Che tu sia ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]

invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio

cookie