20 Aprile 2021
Categorie

MODICA - " ALLA RICERCA DELL'OSTENSORIO PERDUTO DEI CONTI DI MODICA " di Carmelo Cataldi

Ostensorio Juvarra XVIII sec
Alla ricerca dell'Ostensorio perduto dei Conti di Modica (Henriquez Cabrera).

L'Ostensorio del SS. Corpo di Cristo per la Chiesa di San Giorgio di Modica.


Presso la Chiesa Matrice di San Giorgio di Modica esistono ben tre Ostensori del SS. Corpo di Cristo realizzati tra la fine del XVII secolo e l'inizio del XIX. Tra i tre, seppur il più ricco e bello possa sembrare quello del 1830, dorato e con una moltitudine di pietre preziose e con l'emblema dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio, donato dalla famiglia Grimaldi (alias Caser) di Modica, il più prezioso, sotto il profilo storico e artistico, è certamente quello più antico, che sicuramente risale alla fine del Seicento, perché realizzato da Filippo Juvarra, quando ancora lavorava, giovanetto, presso il padre a Messina, e cioè prima di diventare uno degli architetti europei più famoso alla corte di Vittorio Amedeo II e del figlio Carlo Emanuele III come “primo architetto civile”.
Ma in questo articolo, si vuole riferire non di questo complesso patrimonio tradizionale comune ad ogni chiesa, attraverso cui si custodisce, per l'esposizione esterna, al popolo durante le festività religiose comandate, il Corpo di Cristo, bensì di un quarto Ostensorio, molto più antico rispetto ai predetti tre, e di cui oggi si sono perse le traccie, ma che secondo “Uomo Libero”, che ringrazio per il controllo letterale del testo dell'atto oggetto di questa scoperta, dovrebbe trovarsi ancora nel territorio della “Contea di Modica”, semisconosciuto e quindi meno apprezzato di quanto invece dovrebbe essere, laddove lo si identificasse per quello che è sostanzialmente.
Di questo ostensorio si ha traccia in un documento antico custodito nell'Archivio Capitolare della Parrocchia di San Giorgio Martire a Modica. Questo riporta la data del 3 marzo 1544; è un estratto dell'atto notarile a firma del notaio della Contea Matteo di Pietro, in cui si riportano le origini, le motivazioni e la realizzazione dell'Ostensorio del SS. Sacramento voluto dalla contessa Anna Cabrera II (1508-1565), figlia di Giannotto Cabrera e Anna Moncada, zia del più noto Vicerè di Sicilia Ugo Moncada (1466-1528) essendo stata sorella del padre Gastone.
Preliminarmente questo documento ci permette di conoscere quali equilibri famigliari e politici, ma anche religiosi ed economici, insistevano nella Contea, seppur i “Conti” ormai vivevano dal 1486 in Spagna, tra Valladolid e Medina di Rioseco, ove in parte si trovano sepolti (Anna I e Anna II sono sepolte assieme a Isabela, sorella di Anna I, nel Convento di san Francesco della città di Medina de Ríoseco).
Si viene così a sapere che in quel periodo era viva e presente ancora la madre della contessa, Anna de Moncada, che dal documento sembra facesse da tramite tra le volontà della figlia e il territorio della Contea, se questa era citata ancora in atti ufficiali e dava disposizioni in merito, realizzava e controllava quelli che erano i “desiderata” della figlia che si trovava in Spagna.
Il potere dei Conti, ma anche dei loro delegati, era effettivo, considerato che la madre della contessa poteva dare disposizioni al Castellano e Capitano di Ragusa Antonino Crispo e pretenderne l'immediata esecuzione, ma soprattutto, che in atti attinenti alle volontà della contessa, intervenivano regolarmente come testimoni: “...Don Lodovici de Herrera locum tenentis ditti Comitatus Mohac et Mag/ci Angeli de Michichenio Judicis ordinarij Magne Curie dicti Comitatus et Mag/ci Hieronymi attenzo procuratoris et Computatoris Ill/me..”. Insomma il cordone ombelicale politico ed amministrativo tra i conti in Spagna e la Contea di Modica in Sicilia era reale e costante.
La Chiesa Matrice di San Giorgio era la principale, la “Chiesa Madre”, se a questa si faceva capo per la cerimonia religiosa cittadina più importante che durava, a quanto si rileva dal documento, otto giorni e cioè quella del Corpus Domini, ma soprattutto esistevano relazioni anche di ordine “gerarchico” e sociale tra questa e le subordinate chiese e conventi, quale ad esempio quella di Santa Maria del Gesù, i cui atti sacramentali vennero poi registrati alla Chiesa Madre per secoli. Non deve dunque sembrare molto curioso che, alla fine della sua vita funzionale e religiosa, parte delle reliquie e delle statue in possesso del convento e della chiesa di Santa Maria del Gesù, tra cui quella della Madonna della Neve, furono attribuiti alla Chiesa parrocchiale di San Giorgio.
Tornando all'oggetto del documento, questo venne dunque ordinato dalla contessa Anna e si occupò della realizzazione la madre Anna Moncada. Essa sollecitò il Castellano e Capitano di Ragusa affinché lo facesse realizzare in argento da un orefice capace, orefice che Antonino Crispo non ebbe difficoltà a trovare: “... in felice civitate Panormi...”, dove tale: “... Petrum de Rizzone aurificem... custodia fecit...”.
Per realizzare tale “custodiam argenteam deoratam”, sicuramente oggetto del riconoscimento di un voto fatto probabilmente dalla contessa Anna che ne desiderava la realizzazione : “...pro sua anima ad pias causas...”, occorsero 6 rotoli e 12 once di argento (pari a Kg. 5,05 odierni), mentre non è presente nel testo il costo della manifattura e quindi quello totale dell'oggetto sacro.
Si sa invece che lo stesso, una volta portato da Palermo, venne custodito nel castello di Modica e poi consegnato ai padri guardiani del convento di Santa Maria di Gesù: “...talem custodiam argenteam deoratam bene ornatam et decoratam cum suo tabernacolo obtulit dedit et assignavit Rev/do fratri Mattheo de Busso vice guardiano dicti ven/ Monasterij et nob/ Bernardino de Giuca procuratori eiusdem Monasterij...”, che si assunsero e ne ebbero così la custodia, con tutti gli obblighi connessi al mandato voluto dalla contessa, tra cui quello di: “...cum patto et reservatione quod talis custodia argentea in solemnitate et festiv/ ss/mi Corporis Christi deberet servire pro cultu decore et ornamento dicti SS/mi Corporis Christi jn Majori Ecclesia s/ti Georgij de Terre Mohac ad effectum illud conducendi per totam terram ut solet et quod procuratores ditte Ecclesie s/ti Georgij illam possint et valeant habere et tenere in ditta Ecclesia per totam octavam ditte solemnitatis et hoc anno quolibet in perpetuum...”.
Furono però altri due frati: “Ven/ Fr/ Andrea de Cammarata et Fr/ Antonino de Noto de confratribus dicti monasterij...” a concludere gli accordi con la comunità cittadina e soprattutto con quella religiosa della Chiesa Madre di Modica e cioè : “… Mag/co Mattheo de Palazzolo u.j.d. et nobili Paulo de Ciacero procuratoribus ditte Ecclesie s/ti Georgij presentibus et stipulantibus...”, per adempiere alle disposizioni della contessa donante e cioè ogni: “... anno quolibet in perpetuum in solemnitate et festiv/ ss/mi Corporis Christi et illam tenere possent in dicta Ecclesia s/ti Georgij per totam octavam pro cultu decore et ornamento dict/ ss/mi Corporis Christi et illud conducendo per totam terram (ovviamente per tutta Modica), e all'obbligo, una volta terminata l'ottava del Corpus Domini, di : “... solet et post dittam ottavam ditta Custodia reperta et reverti debeat ad dittum Ven/ Monasterium cum tali reservatione jntelligatur data et consegnata dicto Ven/ Monasterio...”.
Al momento, da quella data, si sconosce quale fine abbia fatto il prezioso manufatto, che sicuramente sarà stato nei secoli successivi usato comunemente durante la festività del Corpus Domini dalla comunità religiosa di San Giorgio: dalla soppressione e riconversione a metà Ottocento della chiesa e del sito di Santa Maria del Gesù, risulta del tutto ignota la sua definitiva destinazione.
Come per tanti altri oggetti preziosi, sotto il profilo storico ed artistico, retaggio del passato civile e religioso della Contea, ma soprattutto dell'area egemonica cittadina, anche questo ha preso una destinazione tra la più contorta e sconosciuta, probabilmente nelle varie suddivisioni degli oggetti sacri questo sarà stato versato a qualche chiesa o convento cittadino e solo una ricerca ben orientata e scrupolosa potrà in futuro permetterne il suo ritrovamento.
Di questo me ne farò personalmente carico e punto d'onore e in futuro, in caso di esito positivo, su queste pagine se ne farà degno resoconto.


Fonte:
Archivio Capitolare Parrocchia San Giorgio martire di Modica, Miscellanea, vol. X, ff. 182-183 r./v.

Trascrizione letterale dell'atto:
Die tertio Martij tertie jnd/nis anno Millesimo quingentesimo quadragesimo quarto 1544 coram nobis pro testibus videlicet mag/ro Joanne Jacobo Jnclimona nob/ francisco crispo ven/ don Constantino de Aurifiche et alijs plurimis.
Testamur quod in nostra presentia personaliter constitutis mag/cus Antonino Crispo Capitaneus et Castellano terre Raguse veluti procurator Ill/me Donne Anne de Moncata nostre Ill/me donne Comitisse Comitatus Mohac in presentia tamen Spett/ Don Lodovici de Herrera locum tenentis ditti Comitatus Mohac et Mag/ci Angeli de Michichenio Judicis ordinarij Magne Curie dicti Comitatus et Mag/ci Hieronymi attenzo procuratoris et Computatoris Ill/me Donne Comitisse dicti Comitatus esposuit sponte quod cum olim prefata Ill/ma d/na donna Anna notum fecisse et pro sua anima ad pias causas deliberavit fieri facere quamdam custodiam argenteam deoratam in Ven/ Monasterio s/te marie de Jesu ditte Terre Mohac pro cultu tamen SS/mi Corporis Christi et mandaverit per suas litteras spett/ Mag/co Antonino Crispo suo procuratori ut talem custodiam argenteam fieri et compleri facere deberet et illam completam efferre et traddere ditto Ven/ Monasterio ad effettum predittum et mandaverit ditta Ill/ma d/na donna Anna quod talis custodia deberet tradi et offerri ditto Ven/ Monasterio
f. n. 2
cum patto et reservatione quod talis custodia argentea in solemnitate et festiv/ ss/mi Corporis Christi deberet servire pro cultu decore et ornamento dicti SS/mi Corporis Christi jn Majori Ecclesia s/ti Georgij de Terre Mohac ad effectum illud conducendi per totam terram ut solet et quod procuratores ditte Ecclesie s/ti Georgij illam possint et valeant habere et tenere in ditta Ecclesia per totam octavam ditte solemnitatis et hoc anno quolibet in perpetuum quequidem Mag/cus Antoninus Crispo procuratorio nomine et mandatio quibus et paratus et obediens ad mandata et ordinationes prefate Ill/me d/ne Donne Anne talem custodiam compleri procuravit in felice civitate Panormi et illam completam portari fecit jn Castro ditte terre Mohac ad effettum illam offerendi traddendi et consignandi ditto Ven/ Monasterio S/te Marie Jesu juxta mandatum et ordinationem de Ill/me ut supra jdeo hodie quo supra jn presentia tamen dittarum Spett/ locum tenentis et Mag/ci Judicis et dicti Mag/ci Hieronymij attensi procuratorio ut supra talem custodiam argenteam deoratam bene ornatam et decoratam cum suo tabernacolo obtulit dedit et assignavit Rev/do fratri Mattheo de Busso vice guardiano dicti ven/ Monasterij et nob/ Bernardino de Giuca
f. n. 3
procuratori eiusdem Monasterij presentibus recipientibus acceptantibus et legitime stipulantibus nomine dicti Ven/ Monasterij etiam me not/ pro eodem Ven/ Monasterio presente et stipulante cum patto tamen lege reservatione et conditione quos Jpse Reverendus Vice guardianus et nobilis procurator nomine quo supra presentibus etiam Ven/ Fr/ Andrea de Cammarata et Fr/ Antonino de Noto de confratribus dicti monasterij teneantur per solemnem stipulationem promisserunt et obligaverunt Mag/co Mattheo de Palazzolo u.j.d. et nobili Paulo de Ciacero procuratoribus ditte Ecclesie s/ti Georgij presentibus et stipulantibus nomine quo supra etiam me not/ publico pro eis et dicta Ecclesia stipulante dittam custodiam dare et consignare procuratoribus dicte Matricis Ecclesie s/ti Georgij ditte terre Mohac me not/ pro eis/ anno quolibet in perpetuum in solemnitate et festiv/ ss/mi Corporis Christi et illam tenere possent in dicta Ecclesia s/ti Georgij per totam octavam pro cultu decore et ornamento dict/ ss/mi Corporis Christi et illud conducendo per totam terram ut solet et post dittam ottavam ditta Custodia reperta et reverti debeat ad dittum Ven/ Monasterium cum tali reservatione jntelligatur data et consegnata dicto Ven/ Monasterio et non aliter nec
f. n. 4
alio modo cum patto casu quo in ditta Ecclesia s/ti Georgij prodito usu aliquid damnum illatum fuisset in ditta Custodia in tali damno teneantur procuratores preditte Ecclesie s/ti Georgij nomine quo supra excellens Mag/cus Jpse Antoninus nominibus quibus supra cautius hoc negotium gerere ad maiorem cautelam dittam custodiam in presentia dicti Spett/ Locum tenentis, et Mag/cis Judicis et Mag/ci Hieronymij attenso (Attienza, ndt) quo supra nomine ponderari facit per honeratum mag/cum Petrum de Rizzone aurificem que custodia fecit ponderis rotularum sex et untiarum duodecim argenti pro ut sunt libre sexdecim vel vigintiquatuor marche ad rationem untiarum octo per omni marcha que omnia prefati contrahentes ratha grata habere promisserunt sub hypotheca et obligatione omnium bonorum dict/ Monasterium et ditte Ecclesie Maioris s/ti Georgij cum executione facienda cum potestate variandi et quam non possint se opponere/ cum refectione omnium damnorum et expensarum litis et.... quibus juraverunt duplici juramento in forma/ unde/
Ex attis q/dam not/ Matthei de Petro


Carmelo Cataldi
Notizie Flash
SCICLI - DENUNCIA PER DISCARICA ABUSIVA
VITTORIA - UN ARRESTO PER DROGA
MODICA - SPADARO ( PD ) SULLE BOLLETTE IDRICHE
MODICA - L'OPPOSIZIONE SULLO STREAMING IN CONSIGLIO
RAGUSA - INDENNITA’ AI COLLABORATORI SPORTIVI
RAGUSA -VACCINAZIONI DA PARTE DEI MEDICI DI FAMIGLIA
RAGUSA - " TERRITORIO " SULLA ROTATORIA DI VIA DI VITTORIO
RAGUSA - M5S E PD A FAVORE DELLE CATEGORIE PRODUTTIVE
IBLA - IL COMIBLEO SUL MARCIAPIEDE DI VIA S. MARIA LA NOVA
RAGUSA - D'ASTA SULLE POSIZIONI DEL PD A PROPOSITO DI APERTURE
RAGUSA - SCONFITTA LA KEYJEY A BENEVENTO
20-04-2021 18:17 - Attualità
[]

Ritirato dal comune di Comiso l’olio donato dall’ufficio servizio 15 per il territorio di Ragusa, ex azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana. “ Un segno che mette in evidenza, in questo periodo particolare, la parte buona di ogni persona e di ogni ente pubblico”. Dichiarazioni dell’assessore ai servizi sociali, Giuseppe Alfano.

“ Quando Enti Pubblici e Istituzioni collaborano, nasce sempre qualcosa di buono – commenta l’assessore Alfano-. Abbiamo ritirato, come annunciato il 17 ap...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
20-04-2021 17:56 - Eventi
[]
Giornata dedicata alla legalità, il sistema ibleo di Confcommercio
ha seguito l’evento romano nelle sedi sezionali del territorio
“Dobbiamo fare squadra per uscire da questa devastante impasse”

Gli effetti del Covid sono stati devastanti per il mondo delle imprese. In assenza di adeguati sostegni e di un preciso piano di riaperture, rischiano la definitiva chiusura numerose aziende del settore non alimentare e dei servizi, di cui quasi la metà esclusivamente a causa della pandemia. Un problema c...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
19-04-2021 12:46 - Cronaca Locale
[]
VITTORIA: Dispersione scolastica, controlli dei carabinieri: 48 i genitori denunciati a Vittoria.

Proseguono i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ragusa nel territorio del comune di Vittoria. I Carabinieri della Compagnia Vittoria hanno svolto un’attività di controllo presso gli istituti scolatici “primari e secondari”, al fine di verificare casi di inadempienza degli obblighi scolastici che possano, in qualche modo, poi portare alla diffusione del cosiddetto fenomeno della “...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
19-04-2021 11:47 - Attualità
[]
Nuove assegnazioni di Funzionari di Polizia alla Questura di Ragusa.

Questa mattina, il Questore di Ragusa Giusi Agnello, ha dato il benvenuto a due nuovi Funzionari della Polizia di Stato, il Commissario Capo Dr. Tommaso Amato e il Vice Commissario Eva Carpintieri, di recente assegnazione alla Questura di Ragusa da parte del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.
Il Dott. Tommaso Amato andrà a dirigere la DIGOS, prendendo il posto del V. Questore della Polizia di Stato Vinzy Siracusano, trasf...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-04-2021 16:34 - Eventi
[]
MINISTERO DELLA DIFESA
Il Sottosegretario di Stato alla Difesa

Sottosegretario Pucciarelli: da 362 anni i Granatieri scrivono belle pagine di storia.

“La vostra è una storia gloriosa che risale dalle Guerre di Indipendenza fino alle più recenti missioni internazionali di pace nei moderni teatri operativi. Oggi si celebrano 362 anni di storia, di nobilissime tradizioni e di impareggiabile attaccamento ai valori militari. Auguri a tutti i Granatieri in servizio e in congedo!” - rende noto il Sotto...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-04-2021 13:05 - Attualità
[]
Festività
Il sindaco Giannone ha affidato Scicli a San Guglielmo

Ieri sera solenne messa in chiesa Madre

Una cerimonia commovente, in cui è stato ripercorso l’anno di pandemia, in cui la chiesa ha avuto un ruolo accanto all’istituzione comunale.
Il sindaco di Scicli Enzo Giannone ha affidato Scicli a San Guglielmo venerdì sera, al termine della santa messa solenne dedicata al copatrono officiata dal Vicario Foraneo di Scicli, don Ignazio la China, in chiesa Madre.
Una cerimonia intima, raccolta, ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
18-04-2021 12:22 - Tecnologia
[]
Gli orti sociali della cooperativa Proxima Ragusa per i beneficiari
dei progetti rivolti a vittime di tratta e grave sfruttamento lavorativo
si aprono a tecniche come l’acquaponica per un’agricoltura sostenibile

Consumo etico, alimentazione sana, spesa sostenibile. Sono i punti di forza degli orti sociali creati dalla cooperativa Proxima Ragusa, grazie anche al terreno concesso in comodato d’uso dal Comune, che, per i beneficiari dei progetti della stessa cooperativa, vittime di tratta e grave s...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
17-04-2021 16:58 - Attualità
[]
Sabato, 17 aprile 2021

ANTEAS RAGUSA PARTECIPA ALL’ESPERIENZA DEL CORO DIGITALE
“CON COR CONTENTO UNA PAUSA DI SPENSIERATEZZA IN ALLEGRIA
E SEMPLICITA’, IL TUTTO IN VIDEOCONFERENZA E QUINDI DISTANZIATI”

Qualcuno si presenta dicendo: “Giornata terribile oggi. Va tutto storto”. Qualcun altro di rimando afferma: “Lascia stare: per me solo problemi su problemi”. E però, dopo un’ora di Cor Contento, diventa scientificamente impossibile non ritrovare il sorriso. E’ questo il senso dell’iniziativa prom...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
17-04-2021 16:09 - Attualità
[]

Fine settimana porte aperte vaccino AstraZeneca:
Primo giorno grande affluenza di persone negli hub dell’Asp di Ragusa

Ragusa, 17 aprile 2021 - Un’organizzazione ben riuscita ha consentito alle persone che si sono recate nei tre HUB di Ragusa, Modica e Vittoria di essere sottoposte alla somministrazione del vaccino AstraZeneca senza prenotazione.
Già di prima mattina i soggetti rientranti nella fascia di età 60/79 – dalla classi 1961- fino alla classe 1942 - si sono presenti negli hub racc...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
17-04-2021 15:56 - Politica
[]
Differenziata +70%! La provincia di Ragusa sempre più vicina all’autonomia.
Si è riunita in videoconferenza la sezione della Lega Sicilia di Ragusa alla presenza del Dirigente della Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti della Provincia di Ragusa, Fabio Ferreri. Analizzata la tematica della gestione dei rifiuti in provincia di Ragusa, per l’indiscutibile ripercussione che la sua gestione comporta per i cittadini e gli inevitabili interessi economici e ambientali ch...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
17-04-2021 10:54 - Cronaca Locale
[]
Il forte vento di ieri ha causato danni a Comiso e non solo. In piazza Fonte Diana, a Comiso, si sono registrati, a causa delle violente raffiche, danneggiamenti a diversi edifici: particolarmente risultano dannegiati il Palazzo comunale e il palazzo del Banco di Sicilia. L'orologio, che svetta sulla fronte del Palazzo comunale, è stato colpito dal vento ed è andato in parte distrutto; in parte dei cornicioni del palazzo del Banco di Sicilia sono volati via. Già ieri sera erano all'opera ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
16-04-2021 12:56 - Attualità
[]
Il dott. Valentino Pepe è il nuovo Segretario Generale del Comune di Ragusa

In servizio da oggi al Comune di Ragusa il nuovo Segretario Generale dell’Ente. Con determina sindacale n. 26 del 12 aprile scorso, il sindaco Peppe Cassì ho provveduto infatti alla nomina del dott. Valentino Pepe che proviene dal Comune di Vittoria presso cui ha ricoperto lo stesso incarico di Segretario Generale.
Stamane a Palazzo di città il sindaco Cassì ha incontrato in un primo momento il nuovo Segretario G...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]




Utenti Online
6

Visitatore Numero
1613647

totale visite
5717400

[]
16-04-2021 12:09 - Cultura & Arte
[]

Esce oggi 16 aprile "Syncro” il primo singolo dell'album “Stone Wall” della band tutta iblea Ostinàti pubblicato da Isulafactory su tutte le piattaforme di streaming. L'intero album uscirà a maggio e sarà distribuito dalla Lizard Disribution di Treviso.

Un disco in cui i brani sono pensati come un viaggio nella Sicilia sud-orientale e provano a mettere in musica le sensazioni di chi si trova a percorrere i paesaggi di questa pittoresca parte del mondo.

La musica degli Ostinàti spazia dal Jazz ...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-04-2021 17:12 - Cultura & Arte
[]
TEATRO SU PRENOTAZIONE CON CONSEGNA A DOMICILIO. GLI ATTORI DELLA COMPAGNIA GODOT DI RAGUSA DIVENTANO SPECIALI RIDERS E PORTANO IL TEATRO IN GIRO PER LA CITTÀ.

RAGUSA – Teatro a domicilio? Lo porta la Compagnia G.o.D.o.T. di Ragusa, impegnata in un nuovo e particolare progetto, il Delivery G.o.D.o.T., un teatro su prenotazione, con consegna a domicilio. Gli attori iblei si trasformano così in speciali riders che, al posto del cibo a domicilio, consegnano il teatro sotto le finestre, davant...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-04-2021 11:35 - Angolo dell´Arte
[]
Sicilia – Pozzallo, 17 aprile – 29 maggio 2021

Dikotomica

Simone Stuto – Giuseppe Vassallo

a cura di Giovanni Scucces e Mariateresa Zagone

SACCA gallery – Contenitore di sicilianità – Via Mazzini, 56 – Pozzallo (RG)

Sabato 17 aprile alla galleria SACCA di Pozzallo verrà inaugurata la mostra “Dikotomica”, bipersonale degli artisti Simone Stuto e Giuseppe Vassallo, curata da Giovanni Scucces e Mariateresa Zagone e accompagnata da un testo critico di quest'ultima (in allegato).

L'opening sarà spalmato...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
14-04-2021 10:40 - Cultura & Arte
[]
Presentazione del libro “ Dice che era un bell’uomo”, oggi in diretta streaming.

“Dice che era un bell’uomo” è il racconto dell’incontro e della breve collaborazione tra Lucio Dalla e Paola Pallottino a 50 anni dall’uscita della celeberrima canzone “4 marzo 1943” che, originariamente, si sarebbe dovuta intitolare “Gesùbambino”. Ma negli anni ’70 la censura e i protocolli sociali non consentirono che questo testo, nella versione originale e integrale, venisse pubblicat...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
13-04-2021 11:31 - Cultura & Arte
[]
QUASIMODO E MODICA, LA CITTA’ IMPAREGGIABILE

In occasione dei 120 anni dalla nascita del premio Nobel Salvatore Quasimodo, l’Associazione Culturale Proserpina, che ne gestisce la casa natale, in collaborazione con l’Associazione Culturale Via, curatrice del Parco Letterario di Modica “Salvatore Quasimodo - La Terra Impareggiabile”, sono liete di invitarvi a partecipare all’incontro virtuale “Quasimodo e Modica, la Città Impareggiabile”. L’evento culturale avrà luogo il 15 aprile 2021, alle or...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
10-04-2021 16:43 - Cultura & Arte
[]
“Quattromila”, IL NUOVO SINGOLO DI BIAGIO ANDREA

Ventisei anni, una grande passione per la musica e tante cose da raccontare: questo è il ritratto che si potrebbe fare del cantautore Biagio Andrea. Il suo terzo singolo, “Quattromila”, appena uscito il 5 Aprile 2021, parla del tema della sicurezza stradale.
“Ho voluto trattare questo tema – spiega Biagio Andrea- perché ho partecipato ad un concorso di scrittura a riguardo. Ho pensato di contrapporre un tema molto serio come questo con la legger...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
09-04-2021 17:14 - Cultura & Arte
[]
Salvatore Quasimodo: “Di sicuro c'è solo che non è nato in via Posterla, 84”.

Ovvero cosa c'è dietro la fittizia indicazione dell'abitazione ove è stato costituto un museo.

E' di queste settimane la polemica nata intorno alla ipotetica vendita da parte di privati di quella che è considerata come “la casa natale di Salvatore Quasimodo” e per cui l'Assessore Regionale alla Cultura, Alberto Samonà si è speso in prima persona, sull'onda “dell'indignazione popolare” per tale normale e banale vendita...
invia ad un amico [stampa] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA

invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è l´azienda NOME, il sito web NOMESITO.IT è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor NOME e COGNOME. Recapiti e dati legali:

Via XXX,XX - 00000 CITTA PR - P. IVA 00000000000

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a INFO@NOMESITO.IT oppure indirizzare una comunicazione scritta all´indirizzo della sede legale sopra citata.
torna indietro leggi Privacy Policy  obbligatorio