RANDELLO - CHE FANNO GLI AMMINISTRATORI RAGUSANI PER LA SPIAGGIA DI RANDELLO ?

26-05-2015 10:41 -

Amministratori e Surrealisti
Mercoledì 13 maggio l´assessore ai Lavori Pubblici, Salvatore Corallo, e il dirigente del settore Pianificazione Urbanistica, Marcello Di Martino, durante la presentazione del nuovo Piano di utilizzo del demanio marittimo del Comune di Ragusa (che subentra a quello varato nel 2009) hanno rimarcato che questa amministrazione ha riservato tutela massima nell´area di Randello, evidenziando come le due concessioni previste dalla passata amministrazione siano state entrambe revocate.
Preso atto del fatto che le due concessioni sono state revocate, a questo punto, attendiamo di conoscere gli esiti della conferenza di servizi indetta dalla Forestale e la posizione ufficiale tenuta in quella sede dai rappresentanti dell´amministrazione comunale.
Giovedì 14 maggio infatti (il giorno dopo la conferenza stampa di presentazione del nuovo Pudm) l´amministrazione Comunale, molto probabilmente nella persona del dirigente del settore, è intervenuta alla conferenza di cui sopra, avente per oggetto un´ istanza presentata dalla nota multinazionale del turismo (a cui è allegata una concessione sul demanio marittimo in territorio di Randello ed un´altra autorizzazione datata 20 aprile 2015) in forza della quale, a quanto sembra di capire, si chiede di poter tranquillamente dar seguito all´attività economica-ricettiva nello spiaggione, (privatizzandone oltre 1000 mq).
Davanti a questi due fatti accaduti in rapida successione, (conferenza stampa e conferenza di servizi), siamo rimasti spiazzati, come davanti ad un´opera surrealista, e abbiamo perso l´orientamento: cosa bolle in pentola?
Cosa succederà tra qualche giorno nello spiaggione di Randello?
Quello che ci interessa capire è cosa sia stato realmente revocato (quale concessione?), quale sia la posizione tenuta dai rappresentanti dell´amministrazione comunale in sede di conferenza di servizi (prova lampante che gli appetiti su Randello sono ancora vivi e carichi di aspettative) e come si pensa di dare pieno compimento a quanto espresso in diverse occasioni pubbliche dal Sindaco e dal Consiglio Comunale in merito all´importanza di salvaguardare l´integrità di una delle spiagge più belle e suggestive della nostra terra .
Non ce ne vogliano i surrealisti, (l´arte non c´entra), ma in questa fase, con in ballo il destino di un bene comune prezioso, vogliamo chiarezza, immagini chiare, definite e nitide.

COMITATO RANDELLO LIBERA