MODICA - PER L´ON. MINARDO BISOGNA ASSUMERE CON INCENTIVI ANCHE OLTRE I 35 ANNI

23-06-2015 16:24 -


On. Nino Minardo: E´ iniquo stabilire per legge limiti di età rigidi oltre i quali non è più possibile essere assunti. Interrogazione per ampliare a 35anni ed oltre l´età per l´assunzione con incentivi.

Ampliare fino a 35 anni di età la platea dei giovani che possono essere assunti con l´incentivo alle aziende e nel caso il soggetto da assumere abbia uno o più figli a carico elevare l´età al di sopra dei 35 anni.
E´ quanto l´on. Nino Minardo ha chiesto al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali in un´interrogazione dove evidenzia che è troppo stretta la platea di giovani, fissata dalla legge 99 del 9 agosto 2013, che può essere assunta fino a 29 anni mentre sarebbe opportuno ampliarla fino all´età di 35 anni ed anche oltre. Se da una parte le agevolazioni incoraggiano l´assunzione dei giovani e il loro inserimento lavorativo, sottolinea Minardo, dall´altra però, finiscono per penalizzare eccessivamente chiunque superi anche di poco quei limiti di età. Per il parlamentare nazionale ibleo a prescindere dal valore numerico del limite di età è proprio il principio generale che è sbagliato. E´ iniquo, infatti, stabilire per legge limiti di età rigidi oltre i quali non è più possibile ottenere una certa tipologia di contratto.
La norma in questione ha previsto un incentivo, in via sperimentale, per i datori di lavoro che assumono in forma stabile ( con contratto a tempo determinato) giovani tra i 18 e i 29 anni di età che rientrino in particolari condizioni. Per l´on. Minardo è indispensabile rivedere questa norma che agevola notevolmente gli imprenditori sperimentandola ad esempio per altri due anni rivedendone i criteri per l´assunzione ed in particolare:
- innalzare l´ età del soggetto assunto fino al compimento del 35esimo anno di età e nel caso, il soggetto abbia uno o più figli a carico, di elevare l´età al di sopra dei 35 anni;
- rivedere il criterio degli aventi diritto da estendere ai disoccupati e disoccupati diplomati.
Tutto ciò anche, conclude l´on. Minardo, in considerazione del fatto che oggi si entra nel mondo del lavoro sempre più tardi, molti giovani a 29 anni non hanno un bagaglio di esperienza lavorativa sufficiente o addirittura inesistente e molte persone hanno perso il loro impiego proprio in relazione alla grave crisi economico-sociale che sta attraversando il Paese. E´ fondamentale, quindi, attuare quanto detto per tutelare quella fascia lavoratori che hanno più di trent´ anni e con uno o più figli a carico; una categoria di cittadini a quanto pare "completamente dimenticata" dalle leggi vigenti.

L´addetto stampa
Pinella Rendo