COMISO - BOLLETTE IDRICHE: IL CONSIGLIO COMUNALE DOVREBBE SPOSTARE AL 30 SETTEMBRE IL PAGAMENTO. BOTTA E RISPOSTA TRA IL NEO ASSESSORE PEPI E L´EX ASSESSORE GAGLIO.

16-07-2018 16:32 -

L´assessore al Bilancio e alla programmazione Manuela Pepi annuncia importanti novità per quanto riguarda il pagamento delle bollette del canone idrico la cui scadenza per il pagamento del canone, prima rata e rata unica, fissata al 15 luglio dalla precedente Amministrazione, è stata ora prorogata al 30 settembre prossimo.
"I cittadini comisani si sono visti recapitare nei giorni scorsi bollette abbastanza esose relative al canone idrico che hanno causato giustificato allarme e disappunto – dichiara l´assessore Pepi -. La nuova Amministrazione Schembari vuole, con ogni misura lecita, andare incontro ai cittadini. Intanto, la proroga della scadenza con la conseguente sospensione delle sanzioni e interessi di mora che, sarebbero maturati il giorno dopo la scadenza, è una prima risposta chiara all´opinione pubblica. Il giorno ultimo per il pagamento della seconda rata e tutti i dettagli su questo importante tema saranno resi noti non appena la nuova Giunta amministrativa avrà approvato la nuova delibera ad hoc, comunque entro uno o due giorni al massimo".
Comiso, 16 luglio 2018


BEN VENGANO LE INIZIATIVE A FAVORE DEI CITTADINI MA NEL RISPETTO DELLE PREROGATIVE DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI

Leggiamo, da un comunicato ufficiale dell´Assessore al Bilancio Manuela Pepi, che la scadenza per il pagamento del canone idrico "fissata al 15 luglio dalla precedente amministrazione, è stata prorogata al 30 settembre" e che la giunta starebbe per approvare una delibera ad hoc.

Pur essendo senza alcun dubbio favorevoli ad ogni provvedimento che legittimamente possa alleviare il carico fiscale o, come pare in questo caso, posticiparlo, per noi cittadini comisani, non possiamo non far presente all´assessore che, nell´ordine:

Il consiglio comunale, e non l´amministrazione precedente, ha fissato come termine di pagamento per il canone idrico, in soluzione unica o per la prima delle due rate possibili, il 30 di giugno, con delibera n. 34 del 6 giugno ultimo scorso, e non certo il 15 luglio come affermato nel suo comunicato. Eppure avrebbe dovuto saperlo, essendo consigliere comunale, seppur distratta dal comizio elettorale al quale ha dovuto attendere invece che svolgere il ruolo istituzionale che ricopriva;

è il Consiglio Comunale, che ancora non si è ancora insediato e lo farà solo tra qualche ora, a deliberare le date di scadenza per i tributi, e non la giunta. Per cui deve avere un minimo di pazienza prima di annunciare provvedimenti che non sono di sua esclusiva competenza.

Poco male, evidentemente l´esperienza non può in questa fase coprire un inevitabile deficit di competenze così come non lo hanno ancora fatto i consulenti a suo supporto individuati in questi giorni. Ci penseremo dall´opposizione a fornirle tutto l´aiuto che, come appare in questa prima uscita, è evidentemente necessario nell´interesse della città.

Comiso, 16 luglio 2018
Il consigliere Comunale di
Articolo Uno – Lista Spiga
Gaetano Gaglio