MODICA - NEGATA LA BIBLIOTECA COMUNALE PER LA PRESENTAZIONE DI UN LIBRO DEL DOTT. CATALDI

09-07-2020 12:36 -

Ancora una volta negati il patrocinio morale e la sala Raffaele Grana Scolari
della Biblioteca Comunale di Modica dall'amministrazione Abbate al dr.
Carmelo Cataldi.
Stavolta non è “l'equidistanza”, ma il Covid19.
Ancora una volta è stata negato il patrocinio morale del Comune di Modica e l'uso
della Sala Raffaele Grana Scolari della Biblioteca di Modica al dr. Carmelo Cataldi
da parte dell'Amministrazione Abbate, per la presentazione del suo volume dal titolo:
“Il cioccolato a Modica tra storia, finzione e mito”.
Forse non tutti ricorderanno che lo scorso anno, proprio di questi tempi, era stata
negata, allo stesso studioso e ricercatore, il patrocinio morale del Comune di Modica
e l'uso della Sala Raffaele Grana Scolari per un convegno, il primo, sulla vera storia
del cioccolato a Modica.
Forse perchè l'argomento andava a cozzare con gli interessi di parte del settore
commerciale e produttivo locale e la linea politica ed economica dell'attuale
amministrazione comunale, con una scusa pretestuosa e infondata nella sostanza, e
cioè quella della equidistanza tra quello che ancora oggi non è un consorzio di tutela
del cioccolato detto di Modica, bensì solo una semplice associazione di imprese
artigiane, e le risultanze di ricerche storiche e documentarie dello studioso, che
mettevano a “nudo il re”, l'amministrazione locale, che è l'amministrazione che
rappresenta tutta la popolazione modicana e non solo una parte, decideva in tal senso.
Si parla di pretestuosità perchè il 30 dicembre scorso, nella stessa sala negata al Dr.
Cataldi, la Dr.ssa Grazia Dormiente unitamente a direttore del non consorzio di tutela
del cioccolato di Modica Antonino Scivoletto, ottenuto il patrocinio morale del
Comune di Modica, quello negato al Dr. Cataldi in precedenza, presentavano una loro
opera dal titolo “Il cioccolato IGP di Modica”.
Opera che non rimane nella storia letteraria modicana perchè non si è più saputo che
fine abbia fatto, mentre si ricorda bene cosa accadde in quell'occasione, evento per
cui erano stati preventivamente fatti intervenire i carabinieri di Modica, saputa la
presenza del Dr. Cataldi in sala quella sera!
Se allora fu una evidente, sfacciata e maldestra scusa di comodo, oggi, quella per
negare il patrocinio morale e la sala Raffaele Grana Scolari al Dr. Cataldi, che aveva
chiesto proprio per oggi pomeriggio 3 luglio, l'uso della sala per presentare la sua
sostanziosa opera scientifica sul “Cioccolato a Modica”, è stata in parte resa
plausibile per l'evidente ancora persistente emergenza Covid 19.
Ma se fosse anche plausibile questa giustificazione, anche se non lo è, perchè si
sarebbe potuto realizzare ugualmente l'evento secondo le modalità generali previste a
livello ministeriale e regionale, non è altrettanto plausibile il diniego del patrocinio
morale dell'Ente, negato “...perchè non si conosce ancora il contenuto dell'opera”!
Appare del tutto evidente quindi la strumentalità delle giustificazioni che sarebbero
state diversificate anche in tempi non di Covid19 e per cui la parola d'ordine risulta
essere, ancora una volta, a Modica, quella che si evince dall'immortale frase del
marchese del Grillo, magistralmente interpretata da Alberto Sordi e cioè: “Io sono io
e tu non sei....”!
Ovviamente il Dr. Cataldi si sta preparando per la presentazione del suo volume che
ha avuto solo così uno slittamento di una settimana.
Prossimamente saranno comunicati i tempi e i luoghi della presentazione del volume
dal titolo: “Il cioccolato a Modica tra storia, finzione e mito”.