ISPICA - LA MINORANZA SULLA DEMOCRAZIA PARTECIPATA

02-12-2020 17:25 -


Democrazia Partecipata: monito all'Amministrazione comunale da parte dei consiglieri di minoranza.
Ci sono giunte parecchie segnalazioni da rappresentanti di associazioni circa l’intenzione dell’Amministrazione comunale di sovvertire le scelte scaturite da una consultazione popolare che ha visto la larga partecipazione di 2182 cittadini.
Stiamo parlando di Democrazia Partecipata, strumento legislativo che favorisce la partecipazione diretta dei cittadini alle scelte politiche ed amministrative della città. In una riunione alla presenza del Sindaco è stata palesata - a detta delle numerose associazioni presenti - la volontà di modificare l’esito delle votazioni per realizzare altri progetti che si riterrebbero maggiormente idonei rispetto ai quattro progetti vincitori sulla base di motivazioni e ragioni apparse ai più prive di reale sostanza. Se così fosse ci troveremmo di fronte ad un cambio - a partita ultimata - delle regole sancite nel regolamento e della ratio dell'istituto di Democrazia Partecipata, cambio che non può trovare giustificazione ragionevole.
Come consiglieri di minoranza, nel rappresentare le voci di dissenso che da più parti si sono levate, invitiamo l’Amministrazione comunale a non dare seguito a quello che si delinea come un vero e proprio atto di imperio.
Chiediamo di contro che l'Amministrazione comunale provveda ad interloquire con l'Assessorato alle Autonomie Locali presso il Servizio/Dipartimento di competenza per chiedere una proroga dei termini relativi alla rendicontazione ed a tutti gli altri adempimenti burocratici riguardanti i progetti da realizzare.
I Consiglieri comunali
Mary Ignaccolo
Giovanni Muraglie
Pierenzo Muraglie
Carmelo Oddo
Giuseppe Roccuzzo
Angelina Sudano