MODICA - L'ECCELLENZA CON I DOTT. CALDARERA E FICILI: RIMANI IN SICILIA PER ESSERE BEN CURATO.

06-12-2020 12:05 -

Che le cose, anche se lentamente, cambiano anche nella nostra isola è un dato di fatto. Negli ultimi tempi importanti e sostanziali innovazioni sono state operate nella sanità iblea, tanto da rendere assolutamente superati i cosiddetti " viaggi della speranza ", quel nostro atavico atteggiamento, che ci portava a lasciare l'isola per recarci in altre regioni del paese per qualsiasi cura sanitaria: la conseguenza, ovvia, era data tanto dal fastidioso e problematico spostamento per il paziente, quanto dall'aggravio di spesa per le casse della Regione Sicilia.
Da un po' di tempo alcune amministrazioni sanitarie siciliane, grazie all'intervento di qualche manager illuminato, hanno deciso di operare nel senso di scegliere medici competenti alla guida dei vari reparti, premiando il merito e lanciando la sfida di eccellenza nei riguardi di altre regioni italiane, ormai in completo disarmo, come appare il caso della Lombardia.
Quanto detto si sta verificando, ad esempio, nell' ASP di Ragusa e segnatamente presso l'ospedale " Maggiore " di Modica, dove il manager Aliquò sta operando una vera e propria rivoluzione copernicana nei vari reparti ospedalieri. Da qualche mese, infatti, sono stati chiamati a dirigere settori nevralgici del nosocomio modicano professionisti di grande competenza e di sicuro prestigio per la nostra sanità.
Stiamo parlando di due new entry a Modica, il dott. Goffredo Caldarera, che è stato chiamato a dirigere il reparto modicano di Chirurgia generale, e la dott/ssa Sabrina Ficili, nominata alla guida di Cardiologia e dell'UTIC.
Il Dott. Caldarera, catanese, si è formato in Italia e all'estero, in Francia e in Spagna, da Catania a Milano, da Montpellier a Barcellona. Tra i primi in Italia a sperimentare la chirurgia laparoscopica, ha lavorato presso il " Garibaldi " di Catania, dove ha svolto anche le funzioni direttive a Chirurgia.
Dal primo settembre 2020, data del suo insediamento a Modica, non si contano gli interventi chirurgici, di routine o di grande perizia, eseguiti dal dott. Caldarera, che vantava già al suo attivo un migliaio di operazioni chirurgiche. Di conseguenza tutti i media locali hanno dovuto attenzionare la " rinascenza " di " Chirurgia generale " del " Maggiore", sottolineando interventi veramente all'avanguardia: è il caso di due bambini di 3 e di 4 anni, sottoposti in 24 ore a intervento per appendicite acuta ( fenomeno che, solitamente, si verifica in età più tarda ). L'operazione si è rivelata un capolavoro di chirurgia pediatrica.
L' altra new entry a Modica è rappresentata dalla dott/ssa Sabrina Ficili, sciclitana di origine, studi a Roma presso l'università del " Sacro Cuore ", con specializzazione al " Gemelli " in Cardiologia: la dott/ssa Ficili vanta una formazione tecnica in Elettrofisiologia, con corsi in Francia e in Spagna.
Dopo avere lavorato presso il " San Filippo Neri " di Roma, la dott/ssa Ficili è stata chiamata a dirigere " Cardiologia " a Modica, continuando a mantenere la docenza presso la scuola di specializzazione del " Gemelli " di Roma.
Ovviamente l'eccellente operatività di questi reparti modicani non sarebbe possibile senza l'apporto efficace di " Anestesia ", reparto guidato dal dott. Rosario Trombadore, coadiuvato dal dott. Novara.
In queste condizioni la struttura ospedaliera modicana si avvia a essere un centro di eccellenza: ne è prova il notevole afflusso di pazienti, che, da tutta la provincia e non solo, hanno deciso di affidarsi al bisturi e alle cure dei nuovi primari insediatisi al " Maggiore ".

Girolamo Piparo


Nelle foto: il reparto di Chirurgia generale presso il " Maggiore " di Modica, il dott. Goffredo Caldarera e la dott/ssa Sabrina Ficili.