COMISO - L' I.C. " VERGA " INCONTRA L'ARMA DEI CARABINIERI

15-04-2021 13:25 -

Comiso, 15 aprile 2021.



Martedì 12 si è svolto l’incontro con il Vice comandante della Compagnia Carabinieri di Vittoria Antonio D’Agostino, dal titolo “Educazione alla Cultura della legalità e nuovo civismo”.

Nell’ambito del progetto Legalità si è svolto l’incontro con il Vice Comandante della compagnia dei carabinieri di Vittoria il sottotenente Antonio D’Agostino. All’evento in presenza, svolto nel rigoroso rispetto della norme di prevenzione anticovid, riservato alle seconde classi della secondaria di primo grado, hanno preso parte la Dirigente scolastica, prof.ssa Maria Grazia Cafiso, il luogotenete Salvatore Incarbone e il prof. Luigi Bellassai, vicario e referente per la legalità. Obiettivo del progetto legalità è di contribuire a sviluppare nei giovani la coscienza sociale basata sul rispetto dell’altro, delle regole e delle leggi. Nel corso dell’incontro sono stati illustrati ai ragazzi l’organizzazione dell’apparato di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria italiano, in modo da consentire loro di iniziare a prendere confidenza con le istituzioni e nello specifico con il delicato ruolo di operatore sociale svolto nella quotidianità dal “Carabiniere”. Sia i ragazzi che le ragazze si sono mostrati molto interessati anche alle spiegazioni circa la struttura, i compiti dell’Arma e a come si diventa Carabiniere. Nel corso dell’incontro, anche su sollecitazione degli interventi alunni, sono stati trattati temi come il bullismo, anche nella sua “evoluzione” del cyberbullismo, quindi l’importanza del sostegno e dell’aiuto ai compagni in difficoltà e dell’uso corretto della rete, le conseguenze - fisiche e giuridiche - derivanti dall'uso di sostanze stupefacenti e dell’alcool, i pericoli derivanti dall'uso di internet e social network, l’importanza del rispetto delle norme che regolano la circolazione stradale, nonché il significato della violenza di genere. Non si è trattato di una lezione cattedratica, bensì di un incontro di sensibilizzazione che ha trovato il suo momento più significativo nel “question time” riservato agli alunni nella parte finale dell’incontro.
“Sono stata davvero lieta e onorata di ospitare nella nostra scuola il Sottotenente Antonio D’Agostino, Vice comandante della Compagnia dei Carabinieri di Vittoria e il Luogotenente Salvatore Incarbone. – Ha dichiarato la Dirigete Scolastica Prof.ssa Maria Grazia Cafiso - li ringrazio vivamente per il tempo prezioso che hanno deciso di dedicare ai nostri alunni, in quanto sono delle figure istituzionali importantissime per la nostra società, rappresentano lo Stato e rischiano, ogni giorno, la loro vita per tutelare la sicurezza di ognuno di noi, difendendo con onore il sacro principio della Legalità.
La Legalità è “insieme rispetto e pratica delle leggi”. Non solo rispetto di norme imposte dall’alto, ma pratica quotidiana di regole condivise. Se abbiamo organizzato questo incontro, è perché la scuola, cari ragazzi, è il luogo, in cui, in primis, si deve promuovere la legalità al fine di formare persone e quindi futuri cittadini che possano concorrere alla costruzione del bene comune migliorando la società in cui si vive. Ricordiamoci che la società non implica un IO ma un NOI, la società siamo NOI e siamo tenuti, in maniera responsabile, ad adempiere ai nostri doveri. Come dirigente scolastico, nonché rappresentante legale dell'istituto G.Verga di Comiso, continuerò ad assicurare sostegno a tutte le lodevoli iniziative promosse dall'Arma dei Carabinieri al fine di divulgare e di garantire, attraverso le nuove generazioni, il principio della legalità. In questo contesto mi piace ricordare Carlo Alberto dalla Chiesa, eroe della legalità ed esempio di giustizia, ucciso dalla mafia nel 1982, il cui ricordo è sempre vivo nei nostri cuori e nelle nostre coscienze, che affermò: ". Sono sicura – ha concluso la prof.ssa Maria Grazia Cafiso - che l’incontro svolto abbia lasciato il segno, un segno significativo nel percorso scolastico dei nostri alunni e auspico che potrà essere oggetto di ulteriori spunti di riflessione”.