RAGUSA - PER TASCA LA GIUNTA CASSI' NON E' MANCO CAPACE DI ORGANIZZARE UNA CERIMONIA

11-06-2021 12:07 -

“Una vergogna, incapaci di organizzare anche solo le cerimonie”, lo dice Michele Tasca, Presidente di Territorio Ragusa


“Salta per non meglio precisati motivi la cerimonia annunciata per issare la Bandiera Blu 2021. Questa amministrazione non riesce nemmeno a organizzare le cerimonie per i riconoscimenti che sono dovuti all’azione di altre amministrazioni”
Sono le dichiarazioni di Michele Tasca, Presidente dell’Esecutivo di Segreteria di Territorio Ragusa, alla notizia che la cerimonia prevista per issare la Bandiera Blu 2021 è stata rimandata: “i motivi non sono stati resi noti, anche se, come prevedibile, indiscrezioni dagli uffici ci confermano una realtà di gente inadeguata a governare una città. Preferiamo anche noi, per pudore, tacere sulle motivazioni che hanno impedito il regolare svolgimento della cerimonia, siamo pieni di collaboratori, esperti, manager, uomini di cultura, ma ci perdiamo in un bicchiere d’acqua per le cose più semplici”.
La superficialità e la leggerezza sono anche mancanza di rispetto per quanti, in passato, hanno contribuito a fare di Marina di Ragusa la perla della costa meridionale della Sicilia.”
Aggiunge Tasca: “ non va dimenticato che, ancora dopo tre ann,i questa amministrazione non ha fatto nulla per meritare la Bandiera Blu, ha svolto solo un lavoro di mantenimento perché i requisiti per ottenere il riconoscimento sono frutto del lavoro delle amministrazioni del passato, in particolare quella del sindaco Dipasquale che lavorò per eliminare gli scoli fognari in diverse zone del litorale ragusano, raddoppiando la rete fognaria nei punti critici, riqualificando la zona di piazza Torre, con l’eliminazione della Camperia, e collegando il lungomare Andrea Doria con il lungomare Mediterraneo, anch’esso oggetto di interventi fino al porto, altra importante realizzazione che si deve all’impegno e all’interessamento dell’on.le Dipasquale.
Tutte realizzazioni che stanno alla base del riconoscimento, che tiene innanzitutto alla qualità delle acque di balneazione e l’attenzione e la cura per l’ambiente che non sono requisiti che si acquisiscono dall’oggi al domani.”
“Un brutto segnale – conclude Tasca – non riuscire nemmeno a organizzare le cerimonie per i riconoscimenti, unica incombenza che resta a questa amministrazione che sta arrivando alla fine del mandato senza aver apportato nulla di buono e innovativo per la frazione balneare, né in tema di vivibilità, di viabilità interna, di mobilità alternativa, di eventi e di politiche turistiche in bassa stagione”