MODICA - DOPO IL FALLIMENTO DELLA PROPOSTA DI UN CONSORZIO CON NOTO, ABBATE CI RIPROVA

24-02-2015 12:21 -

Unione dei Comuni. Riparte da Modica l´ istituzione di un´area vasta ragusana e siracusana. Lunedì 2 marzo invitati a Palazzo San Domenico quattordici sindaci

Da Modica riparte la marcia per la costituzione dell´Unione dei Comuni.
Il sindaco, Ignazio Abbate, ha convocato per lunedì 2 marzo p.v. alle ore 9,30 a Palazzo San Domenico una riunione invitando quattordici sindaci, (è stata richiesta la presenza dei rispettivi segretari generali), di un´area vasta che comprende i comuni delle ex province di Ragusa e Siracusa.
"Il perdurante ritardo della Regione siciliana, afferma il sindaco, manifestatosi in tutta la sua gravità ci induce a riflettere e di conseguenza a prendere iniziative serie a tutela dei nostri cittadini e della cura degli interessi sovra comunali, lavorando per costruire l´Unione dei Comuni.
Tale forza organizzativa è stata, peraltro, con forza ribadita anche dalle legge Delrio.
L´unione dei comuni, dove è stata costituita, ha portato vantaggi e razionalizzazione organizzativa e delle funzioni, nonché risorse aggiuntive per rafforzare ulteriormente le funzioni amministrative indebolite nell´ultimo periodo da continui ed incessanti aggiustamenti regionali e nazionali".
Sono molteplici le funzioni comuni, come si legge nella lettera di invito inviata dal sindaco, che si potrebbero ipotizzare: turismo, riqualificazione e rivitalizzazione, agricoltura, agroalimentare, riqualificazione dei centri storici, agenzia europea 2014/2020, centrale unica di committenza - che va fatta entro il 31 dicembre di quest´anno.
In una successiva fase si potrebbero introdurre indirizzi nuovi come: polizia locale, attività produttive e commercio, formazione e aggiornamento del personale, comunicazione e sportello integrato, sportello unico e poi ancora servizi ambientali e coordinamento sicurezza del lavoro, protezione civile, ufficio per espropriazioni, servizio manutentivo, sistemi informatici - servizi in rete, programmazione e progettazione infrastrutture intercomunali a bacino "area vasta" dei comuni che aderiscono all´Unione.
Il sindaco ha invitato i colleghi dei seguenti comuni: Pozzallo, Ispica, Scicli, Rosolini, Avola, Canicattini Bagni, Pachino, Portopalo, Cassaro, Noto, Palazzolo Acreide, Buscemi, Buccheri e Ferla.


L´ufficio stampa