" CATERINA E MELISSA, SORELLE PER SEMPRE ": IL F ILM RAI NEL COMMENTO DI NELE VERNUCCIO

17-09-2021 16:16 -

Una struggente storia provocata da un caso di malasanità




Ieri sera è andato in onda su rai uno il film "Sorelle per sempre", tratto da una storia vera.

Il 31 dicembre 1998 a Mazara del Vallo a distanza di 10 minuti sono nate Caterina e Melissa. In ospedale hanno compiuto uno scambio dei feti. Sino all'età di tre anni nessuno si era accorto di nulla. Il primo giorno di asilo la maestra a fine lezione ha affidato nuovamente alle rispettive mamme le bambine. La maestra, giustamente, vedendo la somiglianza con la mamma "vera " di Caterina le dice:" ecco la mamma"; la bambina risponde:" questa non è mia mamma". La mamma effettivamente si insospettisce della palese somiglianza con Caterina, per togliersi ogni minimo dubbio compara tramite analisi del sangue il suo sangue con quello di Melissa, le analisi del sangue non combaciano e lì inizia il calvario. La madre di Melissa va a casa dei genitori di Caterina, in un primo momento viene presa per pazza e viene cacciata via di casa. Tutto ciò però ha fatto insospettire anche i genitori di Caterina, anche loro fanno le analisi del sangue e il gruppo sanguigno non combacia pertanto la madre di Melissa ha avuto ragione.

Lì inizia un periodo di odio tra le due famiglie, viene interpellato il giudice del tribunale minorile per prendere una decisione. In un primo momento viene deciso di creare una sorta di famiglia allargata, nel senso che entrambe le famiglie per un periodo hanno vissuto insieme in modo da preparare psicologicamente le bambine prima del fatidico "scambio ". La madre di Caterina, che sin dal primo momento non è riuscita ad accettare la situazione, un giorno è riuscita a spiegare alle bambine questa storia sotto forma di favola, ovviamente possiamo immaginare il trauma che hanno subito le bambine. Per la vigilia di Natale avvenne per la prima volta la prova del fatidico scambio, ovviamente fu traumatico e le bambine vollero tornare con le famiglie con la quale avevano vissuto in quei tre anni.

Il tribunale nel frattempo doveva prendere obbligatoriamente una decisione definitiva, furono interpellate entrambe le famiglie, unitamente hanno deciso per lo scambio.

Lo scambio avvenne ma la madre di Caterina per riuscire a sopportare questo trauma volle cambiare città, andarono a Milano, ovviamente fu difficilissimo per entrambe le famiglie, ognuno voleva fare assomigliare la propria bambina a quella che aveva avuto sino a quel momento, fu difficilissimo non ci riuscirono. Piano piano la madre di Caterina cominciò ad accettare la situazione e volle ritornare a Mazara del Vallo, da quel momento in poi vivono "tutti insieme ".

Questa struggente storia di malasanità, in fondo ci ha fatto comprendere che non per forza nella vita bisogna avere "l'amore di sangue ", del resto è quello che accade da sempre con l'adozione.

Ho voluto usare i nomi reali ma nel film le bambine sono: Costanza è Melissa, Marinella è Caterina.

Una struggente storia che mi ha fatto pensare a tutti quei bambini che non ricevono amore, al di là che siano i genitori naturali o meno è importantissimo riceverlo!




Nele Vernucco