SANTA CROCE CAMERINA- LA BOCCIATURA DELL'ASSESTAMENTO DI BILANCIO E', PER IL SINDACO, UNO SFREGIO ALLA CITTA'.

30-11-2021 16:33 -

Il Consiglio Comunale boccia l’assestamento di bilancio e la salvaguardia degli equilibri pe r l’esercizio 2021, il Sindaco Barone: “Uno sfregio alla città e non al primo cittadino, ognuno si prenda le proprie responsabilità davanti ai propri elettori. L’azione amministrativa va avanti con altri importanti progetti che saranno avviati già da domani.”


La seduta dell’ultimo consiglio comunale ha fatto registrare la bocciatura dell’assestamento generale di bilancio e la verifica della salvaguardia degli equilibri per l’esercizio 2021. Un dato di fatto che pone alcune riflessioni del Sindaco di Santa Croce Camerina, dott. Giovanni Barone.

“Ho sempre preso atto di non avere una maggioranza in seno al consiglio comunale, non è una novità. Ma al di là dei numeri ho sempre ribadito che la civica assise dovesse agire per il bene della città, pensando al bene comune. Dalla seduta dell’ultimo consiglio comunale evinco che la decisione di bocciare una delibera tecnica, un obbligo di Legge, sia un tentativo di colpire la mia azione amministrativa. Non c’è peggio che di essere accecati dalla sete di rivalsa che pensare al rilancio di Santa Croce. Mettendo a rischio importanti opere già finanziate (inserite nella delibera bocciata), che sarebbero servite soprattutto alle scuole per il rifacimento la copertura lì dove quando piove insistono le infiltrazioni d’acqua; rifacimento dei servizi igienici e il nuovo impianto di riscaldamento per permettere ai nostri bambini di stare in un luogo sicuro e confortevole. Uno "sgarbo" fatto non certamente solo al Sindaco, ma all’intera città.

Mi sento rammaricato per quanto accaduto in sede di consiglio comunale. Per il futuro appello al senso civico di tutti i consiglieri comunali, di mettere da parte la campagna elettorale e pensare alle scelte condivise. Occorre dare risposte alla gente anche prendendo decisioni che sembrano andare contro i dettami politici di parte. Santa Croce è e deve essere sempre al di sopra di ogni compromesso politico.

Mi auguro che gli uffici preposti del Comune, riescano a trovare una norma per recuperare i finanziamenti sopra citati. Ripeto, rischiamo di perdere finanziamenti ottenuti grazie alla buona amministrazione Barone e alla perizia degli uffici comunali, ora per motivi estranei al contenuto della delibera, si priva una risorsa certa dei Santacrocesi a beneficio sicuramente di altri Comuni. Complimenti consiglieri di opposizione, quella uscita fuori dalle urne e quella raccogliticcia "in corso d'opera" che ha voltato le spalle al progetto politico che li aveva visti eleggere per sostenere il sindaco Barone. Ma tant'è. Chi ha votato NO in consiglio comunale a danno degli interessi dei Santacrocesi, ripeto, facendo perdere finanziamenti, dovrà renderne conto ai propri elettori.

Comunque avrò tempo e modo di spiegare ai miei concittadini quanto accaduto, andando a bussare porta a porta e in tutti i miei futuri comizi. Quando si fa del male alla mia città non ci sono sconti per nessuno.”

Consulente di Comunicazione

Sergio Randazzo