COMISO - DENISE ADAMO, NEOLAUREATA, ASSUNTA PER 3 ANNI AL COMUNE

01-12-2021 11:49 -

E’ Denise Adamo la prima giovane laureata assunta per tre anni al comune di Comiso grazie ai fondi messi a disposizione dall’Agenzia per la coesione Territoriale. “ Inserire giovani laureati nelle pubbliche amministrazioni, vuol dire dare nuova linfa e formare nuove generazioni”. Dichiarazioni congiunte del sindaco, Maria Rita Schembari, e dell’assessore ai bilanci e tributi, Manuela Pepi.

“ La prima giovane laureata che da oggi, 1 dicembre 2021, stipula un contratto con il comune di Comiso, è l’avvocato Denise Adamo – spiega l’assessore Pepi – ovviamente laureata in giurisprudenza, già abilitata e vincitrice di altri concorsi a soli 28 anni. Tale assunzione che non graverà economicamente sulle casse dell’ente – ancora Manuela Pepi – si è resa possibile grazie al Programma di Azione Coesione complementare al Pon Governance e Capacità Istituzionale che, tramite concorso pubblico nazionale pubblicato nella Gazzetta ufficiale n.27 del 6 aprile 2021, ha reclutato a tempo determinato 2800 unità di personale non dirigenziale di Area III – F1 o categorie equiparate nelle pubbliche amministrazioni. Denise Adamo, giovane molto brillante, presterà il servizio presso gli uffici tasse e tributi del comune di Comiso. A lei i migliori auguri”.

“ La mia visione e la mia speranza, per quanto riguarda l’ente che rappresento in qualità di sindaco – aggiunge Maria Rita Schembari – è quella di potere dare spazio ai giovani validi e talentuosi poiché costituiscono nuova linfa e soprattutto perché hanno la possibilità di restare nella loro terra o, qualora studiassero fuori, di potervi tornare per trovare occupazione. Grazie a questa misura – ancora il sindaco – oggi si è compiuto un piccolo passo in questa direzione, con l’auspicio che in futuro siano molti di più i giovani che troveranno il loro spazio lavorativo ed occupazionale a breve distanza da casa. Anche perché – conclude il sindaco- abbiamo delle belle menti e non possiamo colpevolmente privarcene ”.

Comiso 1 dicembre 2021