RAGUSA - CORSO DI FORMAZIONE DI MEDU E OXFAM SU TORTURE E TRATTAMENTI INUMANI A DANNO DI RICHIEDENTI ASILO.

28-11-2015 18:07 -

TORTURE, TRATTAMENTI INUMANI E TRAUMI ESTREMI NEI RICHIEDENTI ASILO:

MEDU E OXFAM ORGANIZZANO UN CORSO DI FORMAZIONE A RAGUSA

SULL´INDIVIDUAZIONE PRECOCE E L´ASSISTENZA MEDICO-PSICOLOGICA


"CONOSCERE PER RI-CONOSCERE: metodologia e strumenti per l´individuazione precoce e la presa in carico multidisciplinare dei Richiedenti Asilo sopravvissuti a tortura e trattamenti inumani e degradanti": è questo il tema del primo corso di formazione che MEDU, Medici per i Diritti Umani, organizza a Ragusa nell´ambito del progetto "ON.TO".

Organizzato con la partecipazione di OXFAM Italia, il corso si terrà il 30 novembre e il 1 dicembre nell´aula Biblioteca della Prefettura di Ragusa: è rivolto ad Operatori Sociali, Operatori Legali, Mediatori linguistico-Culturale e Psicologi, con l´obiettivo di trasmettere loro le competenze e gli strumenti per una corretta individuazione precoce delle persone che hanno subito esperienze traumatiche estreme.


MEDU, Medici per i Diritti Umani, è un´organizzazione umanitaria fondata a Roma nel 2004 su iniziativa di un gruppo di medici e volontari già impegnati in precedenza con il movimento internazionale di Médecins du Monde. Lo scopo dell´organizzazione è quello di operare per rilevare e prevenire situazioni di crisi, denunciando eventuali violazioni dei diritti umani, a cominciare dal diritto alla salute, e sviluppando nuovi approcci e nuove pratiche di salute pubblica, fondati sul rispetto della dignità umana e delle diverse culture dei popoli.


Medu opera in Sicilia attraverso il "Progetto ON.TO: Stop alla tortura dei rifugiati lungo le rotte migratorie dai paesi Sub-Sahariani al Nord Africa", che è cominciato a ottobre 2014 e si prolungherà fino a settembre 2016, grazie al sostegno della Commissione Europea e di una rete di finanziatori e partner a livello internazionale.

Tra il Cara di Mineo e i Cas, i centri di accoglienza straordinari, della provincia di Ragusa, opera un team composto da Flavia Calò, coordinatrice psicologa, Peppe Cannella, medico psichiatra, Valentina Vegna, psicologa, Angelo Kiros Abraha, mediatore linguistico-culturale,

Stefania Pagliazzo, sicologa volontaria, e Paola Ottaviano, avvocato dell´Associazione Borderline.

Il progetto è rivolto a migranti forzati sopravvissuti a tortura o trattamenti inumani e degradanti nei Paesi d´origine o lungo le rotte migratorie verso il Nord Africa e l´Italia e il team del Progetto ON.TO. si occupa di dar loro supporto medico - psicologico: finora sono state raccolte 174 testimonianze di torture subite, sono state fatte 600 visite mediche a 100 pazienti e rilasciati 80 certificati medici-psicologici a vittime di traumi estremi.


Non a caso, in questo contesto, il primo corso di formazione a Ragusa si concentra sul tema della individuazione precoce delle vulnerabilità. Diversi studi, infatti, indicano che circa il 30% dei rifugiati che raggiungono l´Europa, ha subito esperienze di tortura o traumi estremi di altra natura: "Dalla nostra esperienza pratica in questo anno - aggiungono i responsabili di ON.TO - abbiamo osservato che il 90% migranti che arrivano sulle nostre coste ha vissuto esperienze di traumi estremi lungo le rotte migratorie, soprattutto in Niger e in Libia. Attualmente si stima che il 33-75% dei sopravvissuti a traumi estremi, come la tortura o lo stupro, sviluppino, nel periodo successivo all´esperienza traumatica, un disturbo francamente psicopatologico. Ecco perché è necessario mettere in atto un efficace programma di screening che possa garantire, anche da parte di personale non specializzato, la pronta e corretta individuazione di quei richiedenti asilo che presentano un´alta probabilità di essere affetti da patologie post-traumatiche, sub-cliniche o cliniche, in particolare di tipo complesso".

MEDU-Medici per i Diritti Umani, via dei Zeno 10, 00176 ROMA

www.mediciperidirittiumani.org