SCICLI - CON IL SINDACO MARINO VALIDA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

04-08-2022 16:50 -


Circolo di Scicli di " Diventerà bellissima "


Scicli, 04/08/2022


Rifiuti Urbani: Marino vince col Cittadino


I rifiuti urbani sono un problema. Ma a Scicli la stiamo gestendo decentemente. Merito di Mario Marino e anche del singolo Cittadino.

La situazione rifiuti degenera sempre più: noi vediamo solo la cima della montagna, ma sotto sotto ci sarà l’indicibile. In Estate, poi, con l’aumento della raccolta, si deborda oltre i limiti e si va dritti verso il precipizio.

Pur con timore per la nostra intera Terra, la Sicilia, con un certo piacere però dobbiamo dire che a Scicli la situazione è tenuta per adesso sotto controllo. Ci sono stati giorni di blocco, di non raccolta specie della ‘indifferenziata’. Ma il generale il porta-a-porta funziona.

E’ una cosa chiara ed evidente se si paragona Scicli a Modica: la Contea accoglie chi entra con decine e decine di metri di immondizia accatastata ed abbandonata.



Scicli si è salvata da questo tsunami di sporcizia. Per due motivi.

1) l’amministrazione è stata attenta e reattiva. Pur a pochissimi giorni dall’insediamento è riuscita a ‘metterci una pezza’. Questo per esempio è diverso da Modica dove hanno un ‘commissario’, il quale magari preso dalla ordinaria amministrazione, non riesce a gestire questa, straordinaria. E ciò depone sempre più a favore del valore della democrazia e delle elezioni come mezzo di selezione piuttosto che l’imposizione di personaggi di turno.

2) la capacità di gestione dei cittadini. Una cosa è fondamentale: fare la corretta differenziata. Il ‘differenziato” lo si raccoglie e si conferisce differenziato; l’indifferenziato ci rimane in Città.

Se i cittadini sanno fare bene, benissimo la differenziata, si smaltisce il tutto. Se invece il venerdì diventa, per gli sciclitani, il giorno in cui mettere in un sacchetto tutto ciò che hanno in casa facendo l’indifferenziata al grido di “tanto su pigghjunu u stissu”, le cose andranno sempre di male in peggio.

L’indifferenziato che nasce dalla pigrizia e dal disinteresse sociale, lo paghiamo tutti. Le discariche si riempiono di plastica, vetro, metalli che potrebbero differenziarsi. Non ci sarà allora posto per altri rifiuti, che porteranno alla chiusura delle discariche con l’immondizia che rimarrà nelle nostre Città. E già sappiamo che il trend di settembre sarà di un aumento da 70/100€ a 500€ per i costi di conferimento dei rifiuti. Sapete cosa significa: AUMENTERA’ LA TASSAZIONE, la famigerata TARI.

Certo, i criticoni da social potranno dire “Ma Musumeci, come presidente della Regione…”. Si, il nostro Presidente qualche colpa ce l’ha. Esempio non essere andato spedito per il progetto di costruzione dei termovalorizzatori che aveva pensato. Ma il suo rispetto per la Democrazia e per i ruoli ha permesso a dei parvenu e miracolati della politica di bloccare tutto e lasciare i siciliani con il fiato sospeso mettendo a rischio la salute ed anche uno dei principali settori economici: il turismo.

Speriamo sia uno dei primi progetti a cui il Presidente Musumeci darà il via nel prossimo quinquennio. Perchè il Presidente della Regione non potrà che essere lui nuovamente: alternative serie non ce ne sono e noi ci scommettiamo.

Certo, non è che tutto luccica a Scicli. In giro si vedono discariche. E bisognerebbe pulirle, poi mettere una decina di telecamere a ‘location’ ed andare l’indomani a beccare chi, da idiota, disonesto e cattivo cittadino, abbandona il tutto.

Ma dobbiamo dare atto all’amministrazione che ci sta mettendo impegno. Per ciò che abbiamo saputo, le discariche abbandonate per adesso non si possono ripulire perchè la precedenza è data alla raccolta giornaliera. Ma vedere che ogni giorno ci sono sempre più sacchi abbandonati, è proprio sconcertante: come se chi li lancia dal finestrino, non abitasse in questo territorio. Magari avrà la casa lucida e di marmo: ma non capisce che l’ambiente è anche suo e dove vive lui.

Certo, Marino & Co devono darsi una smossa ed un programma. La precedente amministrazione si è vantata di avere un ottimo tasso di raccolta differenziata. Ma era il minimo indispensabile, ciò che legge chiedeva. E con milioni e milioni di euro di budget, circa 70 operatori, 65 tra mezzi ed automezzi, era il minimo.

Ma non sono andati oltre il minimo. Isole ecologiche non se ne sono viste, aree attrezzate per il deposito di materiale, neanche. Una specie di baracca di lamiera è stata fatta passare per chissà che traguardo.

Bene, speriamo che adesso la Giunta Marino capisca la necessità di andare oltre il minimo sindacale amministrativo.

E’ anche così, suggerendo ove possibile e come possibile e rilevando anche gli approcci positivi, che #DiventeràBellissima vuole essere parte attiva dell’ “amministrare” la Città.

Segnalare ciò che non va ma essere collaborativa per il benessere di tutti noi.

#diventerabellissima - #dilloamario - #aiutiamomario - #aiutiamoscicli



Il coordinamento cittadino #DB