MODICA - SCONTI NON AUTORIZZATI: SANZIONATI DALLA POLIZIA LOCALE 6 ESERCENTI. MULTA ANCHE AD AMBULANTI ABUSIVI.

23-12-2015 09:26 -

Sono sei gli esercenti sanzionati nelle scorse ore nel territorio di Modica dal Nucleo Operativo di Polizia Annonaria nel corso dei controlli previsti per l’avvio anticipato della campagna sconti di fine stagione senza autorizzazione. La polizia locale, a seguito dell’incontro tenutosi nei giorni scorsi tra il comandante Rosario Cannizzaro e il presidente dell’Ascom, Giorgio Moncada, ha avviato gli accertamenti a Modica Centro e nel Quartiere Sacro Cuore, rilevando ben sei esercizi commerciali che operano nel settore abbigliamento che pubblicizzavano sulle vetrine e poi attuavano all’interno gli sconti di fine stagione che, di regola, devono iniziare il prossimo tre gennaio, come previsto dalla normativa. La sanzione comminata è stata di 1291 euro ciascuno. I controlli, già annunciati nei giorni scorsi, proseguiranno anche nelle prossime ore e nel caso in cui i soggetti già diffidati non ottempereranno alle disposizioni di legge potranno incorrere ancora nelle sanzioni ed essere segnalati al sindaco, il quale ha facoltà, eventualmente, di disporre la chiusura dell’esercizio. “Giova sottolineare ancora – spiega il Comandante – che le vendite di fine stagione o saldi per il periodo invernale possono essere effettuate dal 2 gennaio al 15 marzo e che i saldi (ex Art. 115 L.R. 6/2010 Testo Unico del Commercio) sono vendite effettuate su prodotti di carattere stagionale o articoli di moda suscettibili, entro un certo periodo di tempo, di notevole deprezzamento. Il presidente dell’Ascom, qualche giorno fa aveva invitato la categoria a rispettare le regole per evitare malumori e concorrenza sleale. Noi siamo organo preposto al controllo ed agiamo a garanzia di chi rispetta le norme”
Durante gli stessi controlli il Nopa, coordinato dall´Ispettore Vincenzo Di Raimondo, ha effettuato accertanti nei confronti di alcuni ambulanti intenti nella vendita abusiva di frutta e verdura, e lo facevano a posto fisso. Tre sono stati sanzionati per 168 euro ciascuno e fatti allontanare dai luoghi dove in quel momento operavano.

L’Ufficio del Comandante