VITTORIA - L´ON. AIELLO INTERVIENE SUL " LIBERTY "

05-03-2016 17:45 -

LIBERTY PATRIMONIO UNESCO.
In tutta l´Europa si assiste a un risveglio di interesse per la cultura e l´architettura Liberty, che ha mosso grossi interessi pubblici e privati per il restauro di edifici, manufatti, oggetti, espressione della meravigliosa cultura dello stile floreale e Liberty, che coinvolse anche in maniera importante l´edilizia cimiteriale dei medi centri siciliani.
La Sicilia fu coinvolta in questa grande stagione dell´arte nuova non solo con prestigiose architetture e monumenti ma anche con la significativa testimonianza di un Liberty minore molto diffuso e personalizzato all´interno di una dinamica sociale espansiva e ottimista.
Accanto alla Sicilia barocca, grandiosa e solenne, si affermo´ nei primi decenni del novecento anche una Sicilia piu´ moderna ed effervescente, ancorata alle prospettive culturali e ideali di una societa´ avanzata e progredita, che vide in alcuni grandi imprenditori e nella civilta´ del vino i testimoni del cambiamento economico, sociale e artistico della Sicilia.
Vittoria e´ una capitale siciliana di questo Liberty minore ma significativo, che e´ stata oggetto di studio appassionato di diversi intellettuali e personalita´ della cultura vittoriese.
E´ per questo che realizzeremo il giorno 8 aprile un Convegno nella Sala Avis che vedra´ la partecipazione di importanti cultori e sostenitori della cultura siciliana.
Proponiamo la nascita di un Comitato siciliano per la tutela del Liberty e per il riconoscimento dello stesso come patrimonio dell´umanita´.
Senza primogeniture, mettendo avanti il ruolo e la funzione degli Enti locali, in armonia con le grandi citta´ siciliane, in primis Palermo, ci batteremo per questo riconoscimento, per il quale possiamo impegnare le nostre energie di citta´ Liberty.
Attorno alla valorizzazione del Liberty concentreremo nei prossimi anni gli sforzi culurali e le energie di cui possiamo disporre.
Il Liberty ci appartiene. Proteggiamolo e ci restituira´ i regali magnifici della nostra civilta´ e delle nostre radici piu´ innovative.
Francesco Aiello
5 Marzo 2016