01 Febbraio 2023

POZZALLO - " DIKOTOMICA " : DAL 17 APRILE MOSTRA DI STUTO E VASSALLO

Sicilia – Pozzallo, 17 aprile – 29 maggio 2021





Dikotomica

Simone Stuto – Giuseppe Vassallo

a cura di Giovanni Scucces e Mariateresa Zagone

SACCA gallery – Contenitore di sicilianità – Via Mazzini, 56 – Pozzallo (RG)






Sabato 17 aprile alla galleria SACCA di Pozzallo verrà inaugurata la mostra “Dikotomica”, bipersonale degli artisti Simone Stuto e Giuseppe Vassallo, curata da Giovanni Scucces e Mariateresa Zagone e accompagnata da un testo critico di quest'ultima (in allegato).


L'opening sarà spalmato nel corso di tutta la giornata, dalle ore 10 alle 20 (con una pausa fra le 13 e le 15). In ogni caso la galleria d'arte dispone anche di un ampio spazio esterno in cui poter sostare. Eventuali cambiamenti verranno comunicati nei giorni a ridosso dell'apertura.

Dikotomica è un progetto che ha i suoi cardini nella ricerca figurativa e nella condizione esistenziale dell'uomo. I due artisti in dialogo affrontano il tema della relazione con l'alterità, cioè con il mondo esterno e con l'estraneità, attraverso due modalità contrapposte nel rapporto fra soggetto e oggetto. Da un lato l'introspezione e lo scavo psichico rivelatori delle profondità dell'io, dall'altro la melanconia estatica ed estetica che scaturisce dall'incontro/scontro col reale. A rendere manifeste queste polarità concorrono due linguaggi differenti: da una parte la distorsione di un disegno nervoso e spezzato come quello di Stuto, dall'altra la sequenza di frames dalla controllata struttura formale che si dipanano in un'incredibile varietà di grigi in Vassallo.

Espressionistico, grafico e pittorico il primo, impressionistico foto-grafico e cinemato-grafico il secondo, entrambi però procedono seguendo un moto bidirezionale che va dall'interno all'esterno e dall'io al mondo.

Al cospetto di queste opere, scrive la Zagone, sono rintracciabili dei richiami alla tradizione visiva e alla Storia dell'Arte, da Bosh ad Hammershøi, da Bacon ad Hopper, da Pontormo a Casorati.

Simone Stuto (Caltanissetta, 1991) vive e lavora tra Biella (BI) e Racalmuto (AG). Termina gli studi nel 2016 dopo una laurea in Pittura e una specializzazione in Grafica d'Arte presso l'Accademia di Belle Arti di Palermo. Ha all'attivo già diverse collaborazioni e mostre in gallerie e spazi pubblici in Italia.

Giuseppe Vassallo (Palermo, 1990), dopo una laurea in Progettazione Allestimenti presso l'Accademia di Belle Arti di Palermo, termina gli studi nel 2018 specializzandosi in Grafica d'Arte presso la stessa istituzione. Collabora con diverse gallerie e partecipa a varie mostre in Italia e all'estero. È stato selezionato dalla giura presieduta da Philippe Daverio per la mostra finale del “Premio Mestre di Pittura 2020”. Nel 2018 ottiene una residenza d'artista, con mostra personale finale, presso l'Istituto Italiano di Cultura di Budapest.

Sarà possibile visitare la mostra fino al 29 maggio secondo i consueti orari di apertura della galleria o su appuntamento

Giovanni Scucces



Informazioni

SACCA gallery – Contenitore di sicilianità – Via Mazzini, 56 – Pozzallo (RG)

Titolo della mostra: Dikotomica

Artisti: Simone Stuto, Giuseppe Vassallo

Opening: sabato 17 aprile 2021 ore 10 - 13 / 15 - 20

Periodo: 17 aprile – 29 maggio 2021

A cura di Giovanni Scucces e Mariateresa Zagone

Apertura al pubblico: dal mar. al sab. ore 16.30 - 19.30 / mar. e gio. anche di mattina ore 10 - 13.

Lunedì e fuori orario su appuntamento.

Evento Facebook

Leggi la notizia sul sito della galleria




Contatti

web www.sacca.online

social (Facebook, Instagram, LinkedIn) sacca.online

e-mail info@sacca.online



DIKOTOMICA
Simone Stuto – Giuseppe Vassallo
SACCA gallery – Contenitore di sicilianità – Pozzallo (Sicilia)
17 aprile – 29 maggio 2021

La dicotomia è, secondo il dizionario filosofico, la derivazione logica da un concetto di due nuovi concetti che esauriscono l’estensione del primo; una bipartizione che, nel caso di questa mostra bipersonale, muove dal sempiterno rapporto esistenziale - forse anche cruccio – io/mondo e trova il proprio focus in due linguaggi opposti, in due opposte propensioni dell’anima: l’esigenza di esprimere attraverso la pittura stati d’animo e, di contro, quella di descrivere i fenomeni della visione. Simone Stuto e Giuseppe Vassallo dunque, con una profonda radicalità figurativa, non sarebbero che epigoni nonché attori di primo piano di quella dicotomia storica all’origine della rottura dell’arte contemporanea avvenuta indubitabilmente a cavallo fra ‘800 e ‘900, quel momento dirompente in cui alla mimesis e alla concezione classica della rappresentazione si sostituirono la dinamica soggetto/oggetto grazie anche all’apporto teoretico e tecnologico degli studi sull’inconscio e dell’invenzione della fotografia e della macchina da presa che portarono le arti visive alla polarità espressionismo/impressionismo.

Per Dikotomica Stuto presenta un corpus di opere fra tavole e carte dominate dall’estrinsecarsi del sentimento come fattore etico e creativo. Il suo è un linguaggio che mette al centro la condizione umana e lo scavo psichico, proiezione di contenuti interiori che rivendicano prepotentemente l’allontanamento da una qualsivoglia visione oggettiva. Stuto non rappresenta, piuttosto plasma una realtà altra in un desiderio comunicativo febbrile e pulsante. Nelle sue opere non c’è narrazione e, conseguentemente, mancano la sequenza e la profondità di campo, la prospettiva e la gerarchia (si guardi all’anacoluto spaziale di “Campestre”) e, su tutti, l’ambientazione. La linea del disegno, sempre netta e sincopata, deforma e spezza le figure; gli occhi sbarrati, le bocche serrate in ghigni spaventosi palesano il tremendo teatro del mondo interiore, una realtà archetipica e prometeica in cui tutto si contorce e che a fatica viene trattenuta, come nel caso delle due sagome panneggiate (rivisitazioni genialmente consapevoli dei ritratti eyckiani e antonelliani) i cui bottoni sembrano sul procinto di esplodere.
In questa visione onirica tutto è compresente, le immagini interiori trovano appiglio nel mito e nella reminiscenza di un immaginario collettivo occidentale profondamente identitario (da Bosh a Bacon a Pontormo) ed esasperato in un groviglio segnico.

Al contrario Vassallo, che qui presenta 8 dipinti ad olio su tela e tavola, intende la pittura (e di pittura tradizionale si parla, a partire da tecnica e supporti!) come una disciplina del pensiero. La sua è una visione pittorica certo radicata nei valori struttivi della tradizione ma, al contempo, proiettata verso strategie di rappresentazione legate alla fotografia e, ancor più, alla cinematografia. I suoi dipinti originano sempre dalla realtà che lo circonda e dalla quale è attratto compositivamente più che pateticamente. Partendo da fotografie costruisce sapientemente la scena entro la cornice utilizzando un registro sorvegliatissimo fatto di quiete e di malinconia estatica e affidandola all’equilibrio elegante di una tavolozza fatta quasi esclusivamente di grigi. Le scene rappresentate sono reali e credibili come credibile e tangibile è il paesaggio in cui sono ambientate, un paesaggio siciliano spesso di mare sulla cui sostanza liquida, velatura su velatura, la stratificazione dei grigi accorda la propria armonia. Questa visione di purezza e di equilibrio, questa pittura incentrata sulla struttura linguistica e sui suoi intrinseci valori formali ed espressivi è però costellata, a ben vedere, di elementi enigmatici che, in taluni casi, suggeriscono all’osservatore una dimensione ulteriore da portare a termine attraverso il proprio vissuto. Si tratta di dettagli come nel caso delle mani appartenenti a non si sa chi in “La natura dello specchio” o del tondo a mo’ di cammeo secessionista di “Camaheu” o ancora dei frames decentrati ed incompleti che sembrano venir fuori, enigmatici, da una pellicola di Truffaut o di Bergman.
Mariateresa Zagone





Giovanni Scucces
Notizie Flash
ISPICA - LA VIRTUS ISPICA RESISTE PER UN’ORA AL SIRACUSA, POI CEDE.
COMISO - "EDITH STEIN ": ULTIMO SEMINARIO FILOSOFICO ON LINE CON IL PROF. DI MAURO
RAGUSA - SINISTRA ITALIANA ADERISCE AD UNA AGGREGAZIONE CIVICO-PROGRESSISTA
RAGUSA - L’ASD RAGUSA CALCIO 1949 ESONERA IL TECNICO FILIPPO RACITI
PALERMO - DDL DELL'ON. DIPASQUALE SULLE DIPENDENZE PATOLOGICHE
RAGUSA - " NEI PANNI DI CAINO...": PROGETTODELLA POLIZIA DI STATO PER LE SCUOLE.
RAGUSA - ANCORA UNA SCONFITTA PER IL FUTSAL
SANTA CROCE CAMERINA - I CONSIGLIERI DI " CAMBIA VERSO " E I SERVIZI AMBIENTALI
31-01-2023 10:51 - Tecnologia
[]
Comiso, 31 gennaio 2023

Agricoltura, il sistema Lualtek approda in Lombardia e in Veneto: nuovi metodi di monitoraggio senza rete elettrica e internet
Il sistema Lualtek varca le frontiere siciliane. Il monitoraggio delle coltivazioni senza elettricità e senza rete internet, ideato da due giovani siciliani, approda in Veneto, alla Fieragricola Tech di Verona.

L’1 e il 2 febbraio, Alessio e Luca Occhipinti, ideatori dell’innovativo sistema di sensori che potrebbe rivoluzionare l’agricoltura, pres...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
30-01-2023 16:29 - Cultura & Arte
[]
Acate, 30 gennaio 2023

Un cenacolo culturale e una biblioteca: nasce ad Acate la “Fondazione Maria Giovanna Baglieri”.

Una dirigente scolastica in pensione ha donato 4000 libri ad una fondazione che porta il suo nome. La Biblioteca Mnemosine (nome tratto dalla mitologia greca) promuoverà la cultura e l’amore per la lettura.
Un cenacolo culturale nel cuore della cittadina. Ad Acate, una biblioteca privata, oggi ricca di più di 4000 volumi, diventa un presidio culturale a disposizione dei giovani ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
27-01-2023 16:53 - Istruzione e Formazione
[]
In occasione della "Giornata della Memoria 2023, l’Istituto Verga di Comiso prosegue il proprio impegno, nel pieno esercizio di una cittadinanza attiva, consapevole e democratica, affinché la "memoria storica" possa diventare un patrimonio trasmissibile di generazione in generazione.
Oggi, tutti gli alunni hanno assistito alla proiezione del Film Il viaggio di Fanny (Le Voyage de Fanny) è un film franco-belga del 2016 diretto da Lola Doillon. Il film è basato sul libro autobiografico Le journa...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
24-01-2023 17:34 - Istruzione e Formazione
[]
ANCORA UN'ECCELLENZA COMISANA PREMIATA : STEFANIA OCCHIPINTI LA NEO INGEGNERE LAUREATASI A CATANIA

“Premio America Giovani “Riconoscimento per i neolaureati di eccellenza delle università italiane”

“Fra i mille studenti eccellenti ai quali è andato il riconoscimento e che sono stati ricevuti alla Camera dei Deputati la neo ingegnere comisana Stefania Occhipinti – dichiara Maria Rita Schembari, sindaco di Comiso-. È un altro motivo d'orgoglio per me, fare un encomio pubblico ad un'altra giovane ...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
23-01-2023 18:47 - Attualità
[]
UN’ALTRA COMISANA AL FESTIVAL DI SANREMO 2023: SI TRATTA DI FLAVIA NIGITA.

“ La nostra Flavia Nigita – commenta l’assessore Manuela Pepi – è la seconda giovane comisana che, con altre 5 ragazze Siciliane, sarà presente al Festival di Sanremo. Flavia Nigita, 31 anni, studia presso ADIABASI , scuola nazionale di massaggio, e sta seguendo il percorso formativo come operatore olistico. Sarà a Sanremo dal 6 all’8 di febbraio, nel primo gruppo, assieme ad altri 20 massaggiatori. E’ un orgoglio saper...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
Categorie
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
ANGELO GIGLIO FOTOGRAFIA
31-01-2023 11:10 - Eventi
[]
Un racconto fatto di incontri di vita vissuta con questi meravigliosi strumenti.
I grandi maestri che ho avuto modo di conoscere durante questo cammino, e incontrati anche nei miei spostamenti in giro per il mondo, sono una parte importante del racconto.
Il tramite della loro cultura, soprattutto in Sud America, Africa e Medio Oriente, mi ha illuminato nel comprendere e appassionarmi alle mie dirette origini culturali, legati sopratutto ai tamburi a cornice della tradizione orale Siciliana e de...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
29-01-2023 18:37 - Cultura & Arte
[]
La Chiesa della Madonna di Loreto (dello Reto), un “fantasma” nel territorio modicano, già extra-moenia. Ovvero come la perduta memoria cittadina possa creare “mostri” storici e socio-culturali. Da qualche giorno si è aperta “la caccia” alle origini e allo stato attuale della Chiesa di Nostra Signora di Loreto, da sempre indicata orbitante nell'area di quello che comunemente è detto il quartiere “do ritu”, che toponomasticamente potrebbe aver preso proprio origine dall'insediamento del rito m...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
29-01-2023 19:09 - Attualità
[]
L'importanza di aver accanto chi hai amato sino all'ultimo rantolo…

Premetto che è sempre difficilissimo parlare del dolore, ma ho deciso di farlo per affrontare una problematica comune su cui tutti dovremmo batterci.

Poco fa ho appena letto il post della cara Alessandra Di Stefano, ove con immenso dolore condivide con tutti lo strazio per la dipartita del suo caro papà.

Leggere che è stata accanto al suo papà tramite videochiamata e non è potuta stargli accanto sino all'ultimo respiro è una c...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
17-01-2023 12:24 - Angolo dell´Arte
[]
MILANO 24 maggio: Un ricordo dello scultore Biagio Frisa.

Erano gli anni '56, '57, '58: frequentavo assiduamente a Comido (RG) la bottega dello scultore Biagio Frisa, che aveva trasformato in una bottega di ceramica non sapevo cosa, nonostante questo rimanevo catturato dai colori e dalle forme che avevo notato in una mostra al circolo " Amici dell'Arte" , dove mio padre era custode.

Frisa era un abilissimo scultore, ma soprattutto un imprenditore eccellente. Lo dico adesso con cognizione di cau...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
12-01-2023 15:02 - Angolo dell´Arte
[]

Continua senza sosta l’ascesa dei Blinding Sunrise. Nonostante il nome possa risultare sconosciuto a molti, questa band iblea (composta da cinque vittoriesi e un ragusano) sta continuando a riscuotere successi internazionali ed è famosissima in tutto il mondo. La band è composta da Mattia Giuffrida e Francesca Ereddia alle voci, Matteo Lorefice e Luca Pace alle chitarre, Onofrio Butera al basso e Valerio Macca alla batteria.

Di qualche giorno fa l’ultimo riconoscimento alla loro bravura: part...
[icona per inviare a un amico] [icona per stampare] [icona di Facebook] [icona di Twitter] [icona di WhatsApp]
DELLE COSE DI SICILIA
Utenti Online
9

Visitatore Numero
2152625

totale visite
8301887


invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy
Titolare del trattamento è "Piparo Girolamo", il sito web ecodegliblei.it è di proprietà e gestione della stessa. Il responsabile e legale rappresentante è il signor Piparo Girolamo. Recapiti e dati legali:

Via Generale Cascino, 50 - 97013 Comiso (RG)

Cod. Fiscale: PPRGLM48L19C927D

Per qualsiasi informazione o istanza è possibile inviare una email a girolamopiparo@gmail.com oppure indirizzare una comunicazione scritta all'indirizzo della sede legale sopra citata.
Informativa privacy aggiornata il 11/01/2023 00:00
torna indietro leggi Privacy Policy
 obbligatorio

cookie